Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Agnese vergine

Date rapide

Oggi: 21 gennaio

Ieri: 20 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiVilla Maestrale, sul mare della Costa d'Amalfi a Ravello Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoA Cesare quel ch’è di Cesare

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Lettere al Vescovado

A Cesare quel ch’è di Cesare

Scritto da (Redazione), martedì 25 settembre 2018 13:00:39

Ultimo aggiornamento martedì 25 settembre 2018 13:21:46

di Salvatore Sorrentino*

Mi piace sempre dare a Cesare quel ch'è di Cesare.

I "Giardini di Monsignore", per primo, li ha voluti Di Martino.

Credo che corresse l'anno 2007, per caso ci trovavamo assieme, al Tennis, e ragionavamo sull'opportunità o meno di continuare a utilizzare il campo e le ormai storiche "mattonelle", come luogo dove tenere spettacoli per il pubblico.

Oggi, abbandonando, giorno dopo giorno, la nostra dolce lingua del sì, diciamo location, parola inglese che, detto fra noi, indica una posizione, non un luogo o un posto. Scusate la divagazione.

Ci si chiedeva se fosse più utile tenere il pubblico sulle "mattonelle" e gli attori nel campo, ma ne godevano solo gli spettatori della prima fila, oppure il pubblico nel campo e gli attori sullo spiazzo, ma quelli di dietro non erano visibili.

Di Martino si girò verso il campanile, mi condusse sulla Via Wagner e, spalle al tennis, mi disse: "Io ho un sogno: vedo, su quella piazzola, laggiù, un piccolo anfiteatro, sulla falsariga di quelli che Greci e Romani hanno realizzato un po' dappertutto, a cominciare dalla nostra regione".

E io pensavo ai tanti, a noi vicini: Santa Maria Capua Vetere, Pozzuoli, Benevento, Pompei, Paestum, Velia, Ercolano.

In vero, rimasi alquanto perplesso, al momento. Poi, ogni qualvolta sono salito dalla Piazza Vescovado (io la chiamo sempre così) per andare a casa, mi sono sempre soffermato di fronte all'ingresso del tennis, mettendomi anch'io spalle ad esso. E ho immaginato, ho progettato, nella mia mente, il "piccolo anfiteatro".

Col tempo, mi sono accorto che veramente l'idea di Di Martino si concretizzava: cominciano i lavori, con le proverbiali sospensioni, e le riprese: ma del piccolo anfiteatro vedevo mai niente. Non ho mai visto niente.

Ho immaginato, allora, che l'opera era inserita così bene nell'ambiente che si nascondeva all'occhio del passante; e ho aspettato; aspettato; e, venuto il giorno dell'inaugurazione, entro, dall'ingresso storico, di fronte al Palazzo dell'Episcopio, avanzo, cerco ... e il "piccolo anfiteatro", non lo trovo.

A dire il vero, lì per lì, sono rimasto un po' deluso; poi, man mano che scendevo e trovavo quell'ambente, così tipicamente "ravellese", mi sono ricreduto. E m'è tornato in mente il passo del Boccaccio, che poi è stato pure, per l'occasione, recitato, laddove dice:
«Credesi che la marina da Reggio a Gaeta sia quasi la più dilettevole parte d'ltalia; nella quale assai presso a Salerno è una costa sopra 'l mare riguardante, la quale gli abitanti chiamano la costa d'Amalfi, piena di picciole città, di giardini e di fontane, e d'uomini ricchi e procaccianti in atto di mercatantia sì come alcuni altri. Tra le quali città dette n'è una chiamata Ravello, nella quale ... ... ...».

Caro Sindaco, il tuo "sogno" è diventato realtà. Oggi Ravello si è dotata di un altro "gioiellino", che va ad aggiungersi ai già numerosi gioielli, che ci hanno regalati nostri antenati, lontani, nel tempo, ma pure recenti.

Facciamone un buon uso. Soprattutto corretto e frequente. Non l'abbandoniamo, come spesso accade per opere simili, anche molto costose, in tante parti della nostra bella Italia.

Però, prima di chiudere, ... io so.

Sì, io so che un altro tuo "impegno", non sogno stavolta, il quale ti deriva dal tuo amore per la natura, è un'opera pubblica, anzi due, simili, uguali, che ti stanno molto a cuore. Penso spesso che tu sei stato mio "allievo" in Palla a Volo, ma pure, almeno un pochino, in politica amministrativa e hai ereditato, o condiviso, il mio amore per l'agricoltura, specie quella dei diseredati, dei più poveri, di quelli che, con enormi sacrifici, tentano di perpetuare il nostro paesaggio, il nostro ambiente. E il nostro Sfusato Amalfitano.

Ebbene, fa' che anche quest'altro sogno diventi realtà.

*già sindaco di Ravello

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

«Il mio nipotino salvato a Castiglione», lettera di ringraziamento ai medici del Costa d’Amalfi

Egregio Direttore, caro Emiliano, ti invio questa lettera, che cortesemente ti chiedo di pubblicare, per rendere una testimonianza che mi tocca molto da vicino e che è l'ennesima prova di quanto il Presidio Ospedaliero di Castiglione sia fondamentale per l'intera comunità della costiera e per i tanti...

Io, ristoratore itinerante in Costiera: burocrazia e indisponibilità dei Comuni mi fanno chiudere

Ci scrive Alfonso Ferrara, titolare di Beechic, realtà di ristorazione itinerante della Costiera Amalfitana tanto apprezzata sul territorio, comunicandoci la volontà di cessare l'attività. La fine di quel sogno condiviso col suo socio. Nella lettera trasmessa alla nostra redazione per la pubblica diffusione,...

Ravello, attacco alla libertà di stampa: solidarietà al direttore Emiliano Amato

Caro Direttore, mio caro Emiliano, come collega molto più anziano, come età ed esercizio professionale, ti esprimo tutta la mia solidarietà per l'irruenza verbale del Sindaco di Ravello, che in seduta pubblica del consiglio comunale della città ha addirittura cercato di farti espellere dall'aula, criticando...

Anche il Sindaco mi ha telefonato...

di Salvatore Sorrentino* Vouloir c'est pouvoir: quand on veut, on peut. È sempre possibile riuscire a fare qualcosa quando la si vuole veramente. Come da me richiesto nel mio precedente articolo sulla possibilità che l'Associazione La Ribalta possa essere destinataria dell'uso di locali di Villa Rufolo...

Dice ’o serpe: damme addó vuo’, ma nun me da’ ’n capa

di Salvatore Sorrentino* Caro Direttore, ti sarò molto grato se vorrai pubblicare questi pochi righi, riguardanti il mio ultimo articolo che ti ho inviato e che tu, gentile e disponibile come sempre, hai pubblicato. Te ne ringrazio. «Dice 'o serpe: damme addó vuo', ma nun me da' 'n capa». Sono stato...