Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 minuti fa S. Pietro d'Alcantara

Date rapide

Oggi: 19 ottobre

Ieri: 18 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeLa vera storia dell’aumento dell’IVA

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Rassegna Artistica: Positano tra Storia e LeggendaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

L'Editoriale

La vera storia dell’aumento dell’IVA

Scritto da (Redazione), martedì 30 ottobre 2012 17:18:48

Ultimo aggiornamento venerdì 2 novembre 2012 08:55:22

di Renato Brunetta per Il Vescovado - Con riferimento alle previsioni relative all'aumento dell'Iva, che molti attribuiscono al governo Berlusconi, il Dossier di documentazione predisposto dal servizio studi della Camera dei deputati, Dipartimento bilancio, con riferimento al progetto di Legge n. 708 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2013)", A.C. 5534-bis, fa finalmente chiarezza.

Il comma 1 dell'articolo 12 della Legge di stabilità 2013 ridetermina l' aumento dell'IVA previsto dal 1° luglio 2013. Stando a tale disposizione, le attuali aliquote del 10% e del 21% sono aumentate rispettivamente all'11% e al 22%, in luogo dell'aumento al 12% e al 23%.

Più in dettaglio, la disposizione in esame modifica i commi 1-ter e 1-quater dell'articolo 40 del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011 (governo Berlusconi), i quali disponevano la riduzione del 5% nel 2013 e del 20%,a decorrere dal 2014, dei regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale (deduzioni e detrazioni) (comma 1-ter) e la non applicazione di tale riduzione ove, entro il 30 settembre 2013, fossero stati adottati provvedimenti legislativi in materia fiscale ed assistenziale aventi ad oggetto il riordino della spesa in materia sociale tali da determinare effetti positivi (cioè riduzioni), ai fini dell'indebitamento netto, non inferiori a 4 miliardi di euro per il 2013 e a 20 miliardi di euro annui a decorrere dal 2014 (comma 1-quater).

Niente aumento dell'IVA, dunque, nei provvedimenti legislativi del governo Berlusconi, oltre quello di 1 punto percentuale, dal 20% al 21%, previsto dal D.L. 138 del 13 agosto 2011 ai fini dell'anticipo al 2013 dell'obiettivo del pareggio di bilancio.

Con l'articolo 18 del D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011 (governo Monti) il legislatore ha inteso "sterilizzare" le suddette riduzioni delle agevolazioni fiscali. Sostituendo il comma 1-ter del citato articolo 40 si prevedeva, al posto delle riduzioni percentuali delle agevolazioni fiscali, l'incremento di 2 punti percentuali delle aliquote IVA del 10% e del 21% (che sarebbero passate al 12% e al 22%) a decorrere dal 1° ottobre 2012. L'ulteriore aumento dell'IVA, dunque, spunta solo nel primo decreto Monti, il cosiddetto "salva Italia".

Da ultimo, l'articolo 21 del D.L. n. 95 del 6 luglio 2012 (Spending review) ha posticipato (comma 1) l'incremento delle aliquote IVA del 2%, disposto dal D.L. 201/2011, fissandone la decorrenza al 1° luglio 2013, in luogo del 1° ottobre 2012.

Di conseguenza, sono le norme introdotte dal governo Monti (D.L. 201/2011, come modificato dal D.L. 95/2012) che prevedono l'aumento delle aliquote IVA del 10% e del 21% rispettivamente al 12% e al 23% a partire dal 1° luglio 2013 e non, come superficialmente affermato da tanti in questi giorni, il D.L. 98/2011 del governo Berlusconi, che semplicemente prevedeva una riduzione dei regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale (deduzioni e detrazioni) in caso di non adozione, entro il 30 settembre 2012, di provvedimenti legislativi in materia fiscale e assistenziale.

Questa la ricostruzione storica dell'aumento dell'IVA, altro che eredità del governo Berlusconi.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

Le ragioni (possibili) di una vittoria, le cause (possibili) di una sconfitta

di Antonio Schiavo Sono quasi le sette di sera del quattro ottobre duemilaventuno, da circa mezz'ora le ombre stanno calando su Ravello, fra poco sarà buio. Per la lista del Sindaco uscente però è buio pesto già dall'inizio del pomeriggio. Dalle prime schede scrutinate il messaggio che il popolo della...

VERGOGNA SENZA FINE

di Antonio Schiavo "What happens?" Vaglielo a spiegare alle due turiste americane dai tratti orientali dirette ad Amalfi che quel serpentone di auto davanti a noi appena dopo Minori arrivava proprio fino alla loro mèta agognata. "Traffic", tentava di giustificarsi, in un inglese maccheronico l'autista...

Mons. Giuseppe Imperato: novant'anni sulla breccia

di Francesco Criscuolo Oggi, 22 luglio 2021, Mons. Giuseppe Imperato, esponente di punta del clero della diocesi di Amalfi - Cava de' Tirreni, compie 90 anni. È un giorno che va annoverato, secondo il costume degli antichi romani, tra i "dies fasti" e che assume una connotazione di grossa rilevanza non...

Il dissolvimento dei beni comuni tra l’indifferenza generale

di Francesco Criscuolo* Ci sono snodi di valenza istituzionale e di prassi quotidiana, la cui importanza decisiva per la vita del comprensorio della Costiera amalfitana non trova adeguato riscontro nel dibattito politico - mediatico e, di conseguenza, nell'opinione pubblica. Colpisce la scarsa attenzione,...

Abbiamo bisogno di una nuova stagione culturale a casa nostra

di Antonio Schiavo Confesso, per quanto possa valere la mia opinione, che non amo particolarmente Saviano. Non per le cose che dice o scrive, si intende, ma per il baraccone mediatico che si è creato, o gli hanno creato intorno. Sotto la furbesca regia del plurimilionario (coi soldi del canone e quindi...