Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 16 ore fa S. Saturnino martire

Date rapide

Oggi: 29 novembre

Ieri: 28 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaAuguri di Buon Natale dalla Pasticceria Pansa. Acquista on line i panettoni artigianali www.pasticceriapansa.itMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeePasticceria Gambardella Augura a tutti Buon Natale e Buone Feste. Acquista on line il Panettone artigianale firmato Pasticceria Gambardella, dal 1963 sinonimo di eccellente qualità Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, Vini

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeLa Sovranità limitata

Il Black Friday di MielePiù: la scelta infinitaSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line il Panettone Campione del Mondo. Sal De Riso Costa d'Amalfi augura a tutti i lettori de Il Vescovado un buon NataleLauro & Company Black Friday: al via una settimana di sconto del 20% su tutto il catalogo

L'Editoriale

La Sovranità limitata

Scritto da (ranews), lunedì 28 maggio 2018 15:19:37

Ultimo aggiornamento lunedì 28 maggio 2018 15:19:37

Di Antonio Schiavo

Non ho mai votato, né lo farò, per la Lega. È troppo vivo ancora il ricordo delle offese, della trita e becera propaganda contro il Sud "zavorra d'Italia", le cartine geografiche con la nostra nazione tagliata a metà a sud di Firenze, i meridionali fannulloni buoni solo a cibarsi - a scrocco - delle uova di una prosperosa gallina padana (né più né meno di quello che oggi fanno i giornali tedeschi con tutti noi).

Altrettanto dicasi per il Movimento 5 Stelle, non tanto per le imbarazzanti prove di governo amministrativo in città grandi e piccole, per le epurazioni decretate via web, quanto perché eterodiretto da un attore in disarmo multimilionario che, all'improvviso si è scoperto santone e per la cuspide della loro piramide organizzativa in mano a guru più o meno oscuri della Rete.

Non si può però tacere e non indignarsi di fronte a quanto successo ieri con un Presidente della Repubblica, la cui funzione nel tempo era stata bellamente ridotta quasi a quella di autorevole maestro di cerimonie che, improvvisamente, si erge a paladino della nostra Costituzione. O, meglio, di quello che adesso torna comodo non tanto a lui quanto a chi ha un terrore folle del promesso cambiamento, abbarbicato com'è alle poltrone foderate dalla stoffa del potere per il potere. A quelli anche avvezzi a rimanere supini al cospetto delle tecnocrazie e degli interessi finanziari di Bruxelles o di Strasburgo o, peggio, delle tentacolari agenzie di rating.

Il Capo dello Stato boccia senza appello un governo già formato solo perché nella lista dei ministri compariva il nome di un economista che si era permesso di esprimere considerazioni critiche contro la sudditanza nazionale ai trattati di una Unione Europea a trazione franco-tedesca.

E aveva avuto l'ardire di prospettare legittimamente una revisione degli stessi perché non ci penalizzassero oltremodo.

Governo mandato a monte, quindi, per un'opinione di un ministro in pectore?

«Era una mia prerogativa», ha asserito Mattarella.

È vero, la Costituzione lo prevede, mi chiedo e se lo chiedono i milioni di italiani che hanno votato Lega, 5 Stelle e non solo, ma le stesse prerogative perché non sono state richiamate da tutti gli inquilini del Quirinale quando a ministri e sottosegretari sono stati nominati indagati, incompetenti, personaggi accusati dei peggiori reati, servi dei poteri forti che hanno fatto strame di questo nostro disgraziato Paese?

«L'ho fatto per tutelare i risparmiatori!» è stata l'altra pietosa bugia.

Ha dimenticato, Mattarella, che altri ministri o altri Presidenti del Consiglio hanno messo, indisturbati, le mani nelle nostre tasche?

Ricordate il prelievo forzoso, di notte come fanno i mariuoli, del 6 per mille da tutti i conti correnti e libretti di risparmio all'epoca, se non sbaglio, del governo Amato? Le tasse sulla casa, bene primario realizzato - questo sì - con i sacrifici e i risparmi nostri e dei nostri genitori?

I clienti ridotti sul lastrico e portati alla disperazione dalle banche governate dai papà (anzi dai babbi) e dagli amici degli amici di coloro che stanziavano a palazzo Chigi?

Non erano risparmiatori anche quelli?

Si sono girati tutti dall'altra parte i "buoni governanti" al pari degli odierni Robin Hood, fottendosene (mi si scusi il francesismo) dei drammi causati ad intere famiglie, dei soldi polverizzati in investimenti spazzatura propinati a clienti spesso ignari!

In questi giorni tutti si sono sentiti in diritto di parlare (o straparlare) della necessità di osservare e difendere la Costituzione della Repubblica Italiana.

Il cui articolo 1, se non erro, prevede che la sovranità appartenga al popolo. A quello che lavora, che risparmia, che va, non si sa ancora per quanto, a votare. Che avrebbe il sacrosanto diritto di vedersi rappresentato da quelli che ha scelto nella cabina elettorale anche quando non sono i preferiti da chi tiene da decenni i fili delle nostre sorti.

A pensarci bene, secondo lorsignori, c'è una altro comma non scritto, ma subdolamente e costantemente applicato nella Costituzione materiale, che recita più o meno così: «La sovranità appartiene al popolo che la esercita solo se non disturba il manovratore».

O, a pensar male, era già tutto previsto e pianificato se, come pare l'uomo della provvidenza, Carlo Cottarelli, incaricato solo stamattina, stasera potrebbe risalire al Colle con la lista dei ministri già bell'e confezionata.

Solo un caso?

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

Le ragioni (possibili) di una vittoria, le cause (possibili) di una sconfitta

di Antonio Schiavo Sono quasi le sette di sera del quattro ottobre duemilaventuno, da circa mezz'ora le ombre stanno calando su Ravello, fra poco sarà buio. Per la lista del Sindaco uscente però è buio pesto già dall'inizio del pomeriggio. Dalle prime schede scrutinate il messaggio che il popolo della...

VERGOGNA SENZA FINE

di Antonio Schiavo "What happens?" Vaglielo a spiegare alle due turiste americane dai tratti orientali dirette ad Amalfi che quel serpentone di auto davanti a noi appena dopo Minori arrivava proprio fino alla loro mèta agognata. "Traffic", tentava di giustificarsi, in un inglese maccheronico l'autista...

Mons. Giuseppe Imperato: novant'anni sulla breccia

di Francesco Criscuolo Oggi, 22 luglio 2021, Mons. Giuseppe Imperato, esponente di punta del clero della diocesi di Amalfi - Cava de' Tirreni, compie 90 anni. È un giorno che va annoverato, secondo il costume degli antichi romani, tra i "dies fasti" e che assume una connotazione di grossa rilevanza non...

Il dissolvimento dei beni comuni tra l’indifferenza generale

di Francesco Criscuolo* Ci sono snodi di valenza istituzionale e di prassi quotidiana, la cui importanza decisiva per la vita del comprensorio della Costiera amalfitana non trova adeguato riscontro nel dibattito politico - mediatico e, di conseguenza, nell'opinione pubblica. Colpisce la scarsa attenzione,...

Abbiamo bisogno di una nuova stagione culturale a casa nostra

di Antonio Schiavo Confesso, per quanto possa valere la mia opinione, che non amo particolarmente Saviano. Non per le cose che dice o scrive, si intende, ma per il baraccone mediatico che si è creato, o gli hanno creato intorno. Sotto la furbesca regia del plurimilionario (coi soldi del canone e quindi...