Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 45 minuti fa Conv. di S. Paolo apost.

Date rapide

Oggi: 25 gennaio

Ieri: 24 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, pitture e porte per interni, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOS, BOEROSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaLa pasticceria Pansa augura a tutti i nostri lettori felice Natale, visita il portale dedicato allo shopping on lineLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeLa Costiera abbandonata che frana...e che muore

Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NatalePalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

L'Editoriale

storia e storie, Costiera Amalfitana

La Costiera abbandonata che frana...e che muore

i problemi atavici che affliggono il nostro territorio

Scritto da (admin), sabato 25 gennaio 2014 00:21:20

Ultimo aggiornamento giovedì 17 gennaio 2019 17:46:01

«Semplici e un po' banali, io direi quasi prevedibili e sempre uguali»: così nel 1998 Mina in "Acqua e Sale" descriveva il rapporto degli uomini con l'amore, una relazione sostanzialmente identica a quella che il territorio sembra avere con i suoi problemi cronici che si manifestano con precisione chirurgica nei vari momenti dell'anno. In inverno le montagne vengono giù e bloccano le strade, in estate le solite code chilometriche intasano il traffico nei roventi pomeriggi della bella stagione.

Si fa fatica ormai a tenere una contabilità delle frane che stanno falcidiando la Costiera Amalfitana in questi giorni: Conca prima con i disagi a tutti noti, poi Tramonti con la chiusura della Sp2, senza dimenticare altri eventi minori nelle dimensioni ma uguali nella sostanza.

La soluzione il più delle volte arriva in ritardo, dopo l'impasse burocratico e lo scaricabarile delle competenze. Ed è pur sempre un tampone, una toppa applicata qua e là per chiudere i buchi evitando che la stiva si allaghi e la nave coli a picco.

Tocca al comune, all'Anas, alla provincia, alla regione, alla comunità montana...forse ai caschi blu dell'Onu oppure, magari, ce la si prende con il mancato monitoraggio, dallo spazio, degli astronauti della Nasa. Un policentrismo decisionale e operativo che rende inefficiente e inadeguata (o forse inesistente) l'attività di prevenzione che dovrebbe stare a monte di tutto ciò.

E' un problema nazionale, non si può addossare la colpa solo alle istituzioni locali. Ragionamento in larga parte vero: lo dimostra il fatto che basta una perturbazione che attraversa l'Italia per leggere dei soliti disastri sparsi da nord a sud del Paese. Non si può però prescindere da una valutazione oggettiva sulla latitanza, nel dibattito pubblico, di discussioni che coinvolgano tutto il comprensorio indirizzate verso una pianificazione risolutiva dei problemi che sono, per riprendere la canzone, «quasi prevedibili e sempre uguali».

Forse è anche colpa di noi cittadini che deleghiamo in bianco, conferendo ad altri il mandato di approcciarsi con un castello burocratico che non funziona più nemmeno nell'ordinaria amministrazione. Senza chiedere spiegazioni, senza domandarci perché è diventato così complesso, quando c'è un'esigenza, capire a chi rivolgersi e cosa chiedergli.

Abbiamo delegato a tal punto che lo stato ha iniziato a fare welfare clientelare sulla nostra pelle: si pensi, tanto per fare qualche esempio, alle 28 mila guardie forestali che "lavorano" in Sicilia o ai 20 mila addetti all'Asl di Salerno, 10 volte in più che a Verona, sic! (qualcuno cerchi di spiegarlo al giornalista tedesco Udo Gumpel che, stupito dalle abitudini nostrane, ogni volta lo ricorda basito nei talk show in cui lo invitano); niente contro le persone, nonostante la freddezza dei numeri: ciò che si giudica è il risultato finale scadente. Proprio per questo, però, ogni qual volta c'è davvero da intervenire, la motivazione che viene fuori è che non ci sono i soldi, nonostante le tasse che si pagano sono sempre più alte, spesso insostenibili.

Per quanto tempo ancora dovremo continuare a spalare fango e pietre, a fermarci a semafori apposti talvolta per mesi, a percorrere stradine alternative secondarie e a lamentarci senza nemmeno più sapere per colpa di chi o a causa di cosa? Il tempo della delega è finito, occorre rimboccarsi le maniche e agire, riprendendosi lo status di cittadini attivi, andando oltre un immobilismo istituzionale pericoloso e lesivo.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

Fondazione Ravello: cronaca di un finale annunciato

di Antonio Schiavo I pifferai di montagna andarono per suonare e tornarono suonati. E' incredibile! Tutte le strategie ideate e confezionate tra i tavolini dei bar e i viottoli verso la Villa hanno prodotto un risultato esaltante: Ravello e i ravellesi praticamente estromessi dalla Fondazione che porta...

SIAMO TUTTI COLPEVOLI!

di Antonio Schiavo Qualcuno ha detto che noi non abbiamo ricevuto la nostra terra in eredità dai genitori ma solo in prestito dai nostri figli. La domanda è: "Se, tutti i prestiti vanno restituiti (e con gli interessi), cosa renderemo alle nuove generazioni se continuiamo a dilapidare il patrimonio che...

Tutelare la Costiera Amalfitana è tutelare l’Italia

di Andrea Pellegrino* Dicembre 2019, a pochi giorni dal 2020. Siamo in Costiera Amalfitana, uno dei luoghi più noti del mondo e nel pieno delle vacanze di Natale. Lo scenario è assurdo: ancora una volta uno smottamento piega il territorio dell’Unesco, spezzando in due l’unica arteria di collegamento...

Ravello sotto un diluvio

di Umberto Belpedio Il cielo e il panorama della costiera amalfitana sono avvolti in una cappa di tristezza per la scomparsa di due elette signore, entrambe appartenenti a note e apprezzate famiglie che, tra Conca dei Marini e Positano, sono il vanto dell'industria del sole, dell'accoglienza e del turismo....

Un eroe moderno

di Antonio Schiavo Non importa il colore della pelle, non importa il Paese di provenienza, non importa che qualche avvoltoio si è fiondato sul caso per le proprie speculazioni politiche, non importa che il solito buonista in servizio permanente effettivo ci abbia inondato con la consueta litania roussoiana...