Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Giovanni della Croce

Date rapide

Oggi: 23 novembre

Ieri: 22 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaMielePiù on line black Friday black week con sconti fino al 50%Lauro & Company, Amalfi, Ravello, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOSTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeIl dovere di impedire il sopravvento dell'oblio

La dolcezza del Natale a portata di Click con i Panettoni e le specialità natalizie di Sal De RisoPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMielePiù i professionisti del riscaldamento e della climatizzazione, la scelta infinitaFrai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoPellet a euro 5,00 fino al 30 novembre 2019D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i capolavori di dolcezza e genuinità artigianale del Maestro Pasticciere Sal De Riso

L'Editoriale

Il dovere di impedire il sopravvento dell'oblio

Scritto da (Redazione), sabato 21 ottobre 2017 08:32:01

Ultimo aggiornamento sabato 21 ottobre 2017 08:35:10

di Francesco Criscuolo*

Viviamo in una società che, in ragione di una confusione babelica e di una proliferazione di parole spesso svuotate di senso, pone grossi ostacoli alla ricerca della verità e alimenta la tentazione, sempre più diffusa, di dare un colpo di spugna su tutto il passato, senza lasciarne tracce e in attesa di un futuro che non si sa dove possa condurre.

Le conseguenze dell'appiattimento sul "qui e ora" e dell'assunzione del presente come criterio dominante di vita si riverberano su un mondo quasi sospeso per aria, senza ideali e senza speranza, perché il ricordare, nel senso letterale di riportare al cuore, è un pilastro fondamentale del vivere, anzi, come ammonisce l'illustre filologo Giorgio Pasquali, "ricordare è vivere".

Nessuno può, dunque, sottrarsi al compito di custodire la memoria, perché la storia lascia segni durevoli e incancellabili, che conferiscono una connotazione specifica a ogni persona e danno un'identità naturale a famiglie, popoli, nazioni.

Se ne è mostrato ben convinto il mai abbastanza compianto Costantino Amatruda, storico funzionario del Comune di Minori, che intraprese con tenacia e determinazione,fin dagli anni '50 del secolo scorso, una faticosa ricerca, interrotta per la sua morte prematura e ripresa con altrettanta passione dalla figlia Chiara, docente di latino e greco presso il Liceo Classico di Udine, e dal fratello Salvatore, per porsisulle orme dei resti mortali del padre Alfonso Salvatore, rimasto ucciso dal fuoco amico nel corso di un bombardamento alleato nel febbraio del 1945.

Il loro impegno infaticabile è stato premiato, dopo più di settanta anni, da un esito positivo, in quanto le spoglie del caro congiunto, reperite nel cimitero militare di Amburgo sono state restituite al paese natale e alla famiglia, che ne ha, così, impedito la consegna definitiva all'oblio, salvando dalla dispersione un uomo degno di onore e un capitolo di storia, cui la sua tragica vicenda è emblematicamente legata.

L'urna contenente le ossa di Alfonso Amatruda è rimasta, per un mese, esposta alla visita e alla preghieradei minoresi nella cripta della Basilica di S. Trofimena, quasi a sacralizzarne, come moderno tabernacolo di martirio, la figura accanto a quella della venerata Patrona dei minoresi e a sancirne la realtà, sia pur su versanti diversi, di vittime della crudeltà e della spietatezza degli uomini.

Presso la stessa Basilica, domenica 22 ottobre p.v., in suffragio della sua anima sarà celebrato un solenne rito funebre, che assume, alla stregua delle onoranze tributate nellepoleisdell'antica Grecia ai caduti in guerra e a chiunque avesse immolato la vita per la patria, il valore di una liturgia collettiva atta a cementare, in nome di un sublimante ideale civico ed etico - religioso, i legami che tengono unita una comunità.

È un intero popolo, infatti, che si sente convocato, con la forza compulsiva di una spontanea ecclesia, attorno a un uomo, che, sulla scia dei martiri di Cefalonia e nelle fasi finali di una guerra avviata a un compimento diverso da quello prefigurato da chi nel 1939 l'aveva voluta come sbocco inevitabile del regime totalitario nazifascista, offrì l'estremo sacrificio di sé.

Al di là della suggestione evocativa, viene in rilievo una comunione di intenti, che rappresenta idealmente la sintesi e la testimonianza di tante lacrime che sono state versate, di tante sofferenze che sono state sopportate, di tante grida che hanno lacerato il cielo nel corso di operazioni belliche, che videro alleate nazioni prima contrapposte al prezzo più che disumano di 50 milioni di morti negli stati europei.

Il senso delle innumeri vite spezzate non può essere espresso da nessuna stele, nessun monumento, nessuna targa commemorativa, perché solo la carne di orfani e vedove ne porta le cicatrici.

Alfonso, come ogni padre umile e lavoratore, ha avuto ed ha un'importanza cruciale per i figli e per lo stuolo di nipoti, che ne scandiscono oggi la lezione di libertà e di dignità, nel solco di una mai sopita volontà di riaverlo con sé e al culmine di un ricordo pieno di emozione. Salvatore, unico figlio superstite, e i suoi fratelli hanno sperimentato il peso del distacco dal padre, hanno provato la singolare durezza della sua assenza e hanno anche potuto imparare che un padre muore, ma non si perde. Egli vive finché c'è vita e passione in coloro che ha contribuito a generare con la sua umanità e con l'autenticità dei piccoli e grandi gesti paterni che ha saputo compiere.

Nel 1987, Simone Weil, presidente del parlamento europeo, scoprendo una lapide in onore di alcuni caduti sul lavoro, ebbe a dire: "L'umanità deve potersi ricordare i grandi testimoni della storia, ma anche gli umili, i piccoli, persino le inezie di tutti coloro che, giorno dopo giorno, provano a vivere i valori che forse non hanno appreso, ma che la vita, il cuore, l'intelligenza hanno fatto loro scoprire".

I cittadini minoresi potranno, allora, dedicare la loro attenzione a un uomo che non può essere relegato tra coloro che ingiustamente vengono considerati da una certa sprezzante vulgata inutili o "invisibili", proprio perché le sue azioni si iscrivono totalmente nella vita quotidiana e assurgono a ordinarie e tenaci scelte di bene. Essi, sentendosi, come ha scritto U. Eco a proposito dei facili clamori odierni, "fieri nel riscoprirsi figli di una città senza retorica e senza miti", si stringeranno attorno ai familiari, nel pacato e fermo riconoscimento che gli uomini generosi di sé sono come stoppini che bruciano da ambo i lati, con una luce che rifulge oltre l'arco della loro vita terrena.

*già preside del Liceo "Ercolano Marini" di Amalfi

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

Ravello sotto un diluvio

di Umberto Belpedio Il cielo e il panorama della costiera amalfitana sono avvolti in una cappa di tristezza per la scomparsa di due elette signore, entrambe appartenenti a note e apprezzate famiglie che, tra Conca dei Marini e Positano, sono il vanto dell'industria del sole, dell'accoglienza e del turismo....

Un eroe moderno

di Antonio Schiavo Non importa il colore della pelle, non importa il Paese di provenienza, non importa che qualche avvoltoio si è fiondato sul caso per le proprie speculazioni politiche, non importa che il solito buonista in servizio permanente effettivo ci abbia inondato con la consueta litania roussoiana...

La calma apparente di Ravello: qui anche Wagner è sotto esame

di Umberto Belpedio Richard Wagner, partendo da Amalfi a dorso di un mulo, per salire fino a Ravello, oggi difficilmente scoprirebbe "il giardino incantato di Kinglsor". Sarebbe difficile a quel genio della musica districarsi nel dedalo di lamiere roventi al bivio di Castiglione, dove tra bisonti e auto...

Le notti della vergogna

di Antonio Schiavo Chissà quando a Cupertino realizzeranno una APP che consenta di percepire odori e sapori. Facevo questo ragionamento domenica scorsa: era un bel po’ che non capitavo a Ravello di questi tempi. Piazza Vescovado odorava di buono, di pulito; i tigli riempivano l’aria di un profumo delicato...

Positano piange il suo "Re"

di Umberto Belpedio Stava ora a Nuova York, ora a Londra o Parigi o in capo al mondo per allestire un'opera teatrale o per dirigere uno dei suoi tanti film, tra una "prima" alla Scala, all'Arena di Verona dove tra pochi giorni ritornava di nuovo, Franco Zeffirelli riusciva a trovare comunque il tempo...