Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Mario martire

Date rapide

Oggi: 19 gennaio

Ieri: 18 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeIl dovere di impedire il sopravvento dell'oblio

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

L'Editoriale

Il dovere di impedire il sopravvento dell'oblio

Scritto da (Redazione), sabato 21 ottobre 2017 08:32:01

Ultimo aggiornamento sabato 21 ottobre 2017 08:35:10

di Francesco Criscuolo*

Viviamo in una società che, in ragione di una confusione babelica e di una proliferazione di parole spesso svuotate di senso, pone grossi ostacoli alla ricerca della verità e alimenta la tentazione, sempre più diffusa, di dare un colpo di spugna su tutto il passato, senza lasciarne tracce e in attesa di un futuro che non si sa dove possa condurre.

Le conseguenze dell'appiattimento sul "qui e ora" e dell'assunzione del presente come criterio dominante di vita si riverberano su un mondo quasi sospeso per aria, senza ideali e senza speranza, perché il ricordare, nel senso letterale di riportare al cuore, è un pilastro fondamentale del vivere, anzi, come ammonisce l'illustre filologo Giorgio Pasquali, "ricordare è vivere".

Nessuno può, dunque, sottrarsi al compito di custodire la memoria, perché la storia lascia segni durevoli e incancellabili, che conferiscono una connotazione specifica a ogni persona e danno un'identità naturale a famiglie, popoli, nazioni.

Se ne è mostrato ben convinto il mai abbastanza compianto Costantino Amatruda, storico funzionario del Comune di Minori, che intraprese con tenacia e determinazione,fin dagli anni '50 del secolo scorso, una faticosa ricerca, interrotta per la sua morte prematura e ripresa con altrettanta passione dalla figlia Chiara, docente di latino e greco presso il Liceo Classico di Udine, e dal fratello Salvatore, per porsisulle orme dei resti mortali del padre Alfonso Salvatore, rimasto ucciso dal fuoco amico nel corso di un bombardamento alleato nel febbraio del 1945.

Il loro impegno infaticabile è stato premiato, dopo più di settanta anni, da un esito positivo, in quanto le spoglie del caro congiunto, reperite nel cimitero militare di Amburgo sono state restituite al paese natale e alla famiglia, che ne ha, così, impedito la consegna definitiva all'oblio, salvando dalla dispersione un uomo degno di onore e un capitolo di storia, cui la sua tragica vicenda è emblematicamente legata.

L'urna contenente le ossa di Alfonso Amatruda è rimasta, per un mese, esposta alla visita e alla preghieradei minoresi nella cripta della Basilica di S. Trofimena, quasi a sacralizzarne, come moderno tabernacolo di martirio, la figura accanto a quella della venerata Patrona dei minoresi e a sancirne la realtà, sia pur su versanti diversi, di vittime della crudeltà e della spietatezza degli uomini.

Presso la stessa Basilica, domenica 22 ottobre p.v., in suffragio della sua anima sarà celebrato un solenne rito funebre, che assume, alla stregua delle onoranze tributate nellepoleisdell'antica Grecia ai caduti in guerra e a chiunque avesse immolato la vita per la patria, il valore di una liturgia collettiva atta a cementare, in nome di un sublimante ideale civico ed etico - religioso, i legami che tengono unita una comunità.

È un intero popolo, infatti, che si sente convocato, con la forza compulsiva di una spontanea ecclesia, attorno a un uomo, che, sulla scia dei martiri di Cefalonia e nelle fasi finali di una guerra avviata a un compimento diverso da quello prefigurato da chi nel 1939 l'aveva voluta come sbocco inevitabile del regime totalitario nazifascista, offrì l'estremo sacrificio di sé.

Al di là della suggestione evocativa, viene in rilievo una comunione di intenti, che rappresenta idealmente la sintesi e la testimonianza di tante lacrime che sono state versate, di tante sofferenze che sono state sopportate, di tante grida che hanno lacerato il cielo nel corso di operazioni belliche, che videro alleate nazioni prima contrapposte al prezzo più che disumano di 50 milioni di morti negli stati europei.

Il senso delle innumeri vite spezzate non può essere espresso da nessuna stele, nessun monumento, nessuna targa commemorativa, perché solo la carne di orfani e vedove ne porta le cicatrici.

Alfonso, come ogni padre umile e lavoratore, ha avuto ed ha un'importanza cruciale per i figli e per lo stuolo di nipoti, che ne scandiscono oggi la lezione di libertà e di dignità, nel solco di una mai sopita volontà di riaverlo con sé e al culmine di un ricordo pieno di emozione. Salvatore, unico figlio superstite, e i suoi fratelli hanno sperimentato il peso del distacco dal padre, hanno provato la singolare durezza della sua assenza e hanno anche potuto imparare che un padre muore, ma non si perde. Egli vive finché c'è vita e passione in coloro che ha contribuito a generare con la sua umanità e con l'autenticità dei piccoli e grandi gesti paterni che ha saputo compiere.

Nel 1987, Simone Weil, presidente del parlamento europeo, scoprendo una lapide in onore di alcuni caduti sul lavoro, ebbe a dire: "L'umanità deve potersi ricordare i grandi testimoni della storia, ma anche gli umili, i piccoli, persino le inezie di tutti coloro che, giorno dopo giorno, provano a vivere i valori che forse non hanno appreso, ma che la vita, il cuore, l'intelligenza hanno fatto loro scoprire".

I cittadini minoresi potranno, allora, dedicare la loro attenzione a un uomo che non può essere relegato tra coloro che ingiustamente vengono considerati da una certa sprezzante vulgata inutili o "invisibili", proprio perché le sue azioni si iscrivono totalmente nella vita quotidiana e assurgono a ordinarie e tenaci scelte di bene. Essi, sentendosi, come ha scritto U. Eco a proposito dei facili clamori odierni, "fieri nel riscoprirsi figli di una città senza retorica e senza miti", si stringeranno attorno ai familiari, nel pacato e fermo riconoscimento che gli uomini generosi di sé sono come stoppini che bruciano da ambo i lati, con una luce che rifulge oltre l'arco della loro vita terrena.

*già preside del Liceo "Ercolano Marini" di Amalfi

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

Violenza di genere: quanto ancora c’è da fare anche in Costiera Amalfitana

di Maria Citro Non si può ancora aspettare una giornata internazionale contro la violenza sulle donne per parlare di come affrontare il problema, la situazione è più grave di quello che si constata quotidianamente con l'ascolto del numero di femminicidi, perché il problema ha radici molto più profonde...

Tredici anni di informazione per la Costa d'Amalfi

di Emiliano Amato Oggi abbiamo fatto tredici. Una vincita che equivale al prezioso ciclo, compiuto e dinamico, percorso da Il Vescovado, il quotidiano online della Costa d'Amalfi, nei suoi primi tredici anni di vita. Era la sera del 17 novembre 2007 quando veniva pubblicato il primo articolo su una piattaforma...

Esplosione contagi, la Costiera Amalfitana (stavolta) non fa eccezione

di Antonio Schiavo Campania Sicura? Una certezza, un assioma, una speranza o una pia illusione? O, piuttosto, solo uno slogan su cui costruirsi una bella campagna elettorale? Si dirà: "Tutta Italia, il mondo intero sta affrontando la tragedia di una seconda fase dell'epidemia di Coronavirus, quindi non...

Amalfi, la posizione della Preside "no-mask" che crea disappunto e disorientamento

di Emiliano Amato Ha suscitato clamore e generato dibattiti social la posizione assunta dalla dirigente scolastica dell'Istituto di Istruzione superiore "Marini-Gioia" di Amalfi, Solange Sabine Sonia Hutter, che ha preso parte ieri pomeriggio, con i "no-mask", alla ‘Marcia della liberazione' a Roma....

E tu, Scala...

di Padre Enzo Fortunato Parafrasando l'evangelista Matteo vorremmo iniziare dicendo: E tu Scala non sei il più piccolo comune dell'intera costiera amalfitana? Da te nascerà... Prendiamo in prestito una delle frasi bibliche più suggestive per dire come il Signore opera grandi cose partendo dai piccoli....