Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 17 minuti fa S. Damiano Martire

Date rapide

Oggi: 26 settembre

Ieri: 25 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Hotel Panorama Maiori - Roof Terrace - Ristorante vista mare - Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Ceramiche Casola Positano - Fratelli Casola nuova Factory a Ravello e Scala - Casola Ravello - Casola Scala Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeDisastro ambientale al Vesuvio: un’impotenza figlia dell’insipienza

Campania: via libera a legge contro il fumo, ecco i divieti

Ravello, turisti spagnoli ubriachi fradici soccorsi in piazza Vescovado. Dopo cure reagiscono ai sanitari [FOTO]

CostieraArte fa tappa a Spoleto: dal 22 al 25 settembre si è svolto il Meeting Art in The City

Maiori, un ascensore per la Collegiata: proposta di Don Vincenzo Taiani attende risposte dal Sindaco

Per Simone Abate di Tramonti laurea in Ingegneria informatica

Cortometraggi: al regista amalfitano Gianni Volpe Targa Leone d’Oro 2017

Lorenzo Live 2018: a maggio Jovanotti al PalaSele di Eboli, unica tappa in Campania

20 anni fa il terremoto di Assisi. Il terrore nella Basilica raccontato da Padre Enzo Fortunato [VIDEO]

Salerno: detenuto evade da carcere di Fuorni

Editoria: ad Assisi giornalisti firmano manifesto contro muri mediatici [VIDEO]

Cava-Costa d'Amalfi: al via presentazione domande per trasporto scolastico alunni con disabilità  

Ospedale Costa d'Amalfi "salvo", la diffidenza di "Noi Con Salvini"

Fondazione Ravello: 1° ottobre il CdI, consiglieri chiedono lumi su Capitale Cultura e ruolo di Amalfitano

Piano di Zona S2: I gruppi genitori del Programma 'P.I.P.P.I.' in scuole di Cava de’Tirreni, Conca dei Marini e nel Duomo di Ravello

Ravello, perdita a condotta idrica in Via Trinità: centro storico senz'acqua [VIDEO]

Ravello, uffici Auditorium per 100 euro al giorno a produzione “Gore”: l’interrogazione di Vuilleumier

“Racconti & Maree” a Praiano, 28 settembre tra giallo, noir e thriller

Testimonianze letterarie tardoantiche e altomedievali sul culto dei santi Cosma e Damiano

L'attività fisica salva la vita prevenendo un decesso su dodici

Ravello, un nuovo fonte battesimale per il Santuario dei Santi Cosma e Damiano [FOTO]

Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

L'Editoriale

Disastro ambientale al Vesuvio: un’impotenza figlia dell’insipienza

Scritto da (Redazione), venerdì 14 luglio 2017 09:50:21

Ultimo aggiornamento venerdì 14 luglio 2017 11:11:12

È un grande privilegio per la nostra testata ospitare oggi, in esclusiva, l'editoriale del professor Ugo Leone, già presidente dell'Ente Parco Nazionale del Vesuvio.
Questo prestigioso contributo giornalistico testimonia ancora una volta e ancor oggi la grande passione e l'impegno civile dell'autore, docente di Politica dell'Ambiente presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Napoli che, negli anni, ha speso le sue migliori energie per la salvaguardia e la tutela di un bene prezioso e oggi così barbaramente oltraggiato come il nostro Vesuvio.
Sì, "nostro", perché fa parte di un patrimonio naturale comune che avremmo voluto tramandare intatto ai nostri figli.


___________________________________

di Ugo Leone*
Mettiamo da parte i mutamenti climatici, l'aumento delle temperature, la siccità, la desertizzazione avanzante e parliamo di incendi. Perché queste che ho appena elencato non sono le cause, ma le condizioni agevolanti le azioni di criminali che per motivi che vanno dal godimento dei piromani agli interessi speculativi della malavita, ogni anno, soprattutto d'estate e soprattutto nel Mezzogiono, danno fuoco a migliaia di ettari di bosco, macchia, vegetazione distruggendone per anni la presenza sul territorio.
Questa estate 2017, certamente agevolati dalle per loro favorevoli condizioni naturali, questi criminali hanno agito in modo particolarmente devastante in Sicilia e in Campania. In Campania ancor più nella provincia di Napoli dove ha sede il Parco nazionale del Vesuvio all'interno del quale sono andato distrutti centinaia di bosco e vegetazione protetta.
Personalmente ho presieduto questo parco per oltre dieci anni in due occasioni (1995-96 e 2008-2016) e mai mi è capitato di assistere ad uno spettacolo così raccapricciante. Tanto che guardandolo da casa mia mi veniva di dire che dal 1944 (anno dell'ultima eruzione) non si era mai vista una cosa così.
Ma, naturalmente, non è solo lo spettacolo che fa effetto, ma i suoi protagonisti e le sue vittime. E il dolore per le vittime si sovrappone alla rabbia per la impossibilità -che in realtà è l'incapacità - di opporsi al disastro-
Fortunatamente non vi sono stati morti e feriti, ma le vittime sono comunque in gran numero. Perché sono quelli come me che scrivo, come coloro che mi leggono e, ancor più, quanti soffrono la distruzione di una natura che dovrebbe mantenersi incontaminata - anche perché protetta da un Parco- e viene distrutta in tutte le sue caratteristiche vegetali e animali.
A ciò, dicevo, si aggiunge la rabbia per l'impotenza. Ma, in realtà è anche un'impotenza figlia dell'insipienza. Perché disastri come questo e come del resto l'intera categoria dei disastri naturali, conoscendoli si possono prevenire.
La prevenzione è l'unica possibile difesa dagli incendi che, come mi ha a suo tempo insegnato il benemerito Corpo Forestale dello Stato (ora inglobato in altri "benemeriti"), gli incendi non si spengono, ma si prevengono. E la prevenzione avviene con il presidio del territorio tramite l'avvistamento e la manutenzione. Naturalmente è impensabile che tutto il territorio a rischio venga così presidiato, ma se si intervenisse da aprile ad ottobre con azioni di pulizia e sistemazione del sottobosco e con squadre di avvistamento degli eventuali incendi si avrebbe il tempo necessario per intervenire a spegnere e non solo a circoscrivere le aree bruciate.
Chi dovrebbe fare tutto questo? Certamente la potenziale manodopera non manca. Come esistono gli stagionali occupati in agricoltura per raccogliere frutta e ortaggi, altrettanti stagionati per il periodo necessario, a seconda delle aree esposte, potrebbero essere utilizzati per questo compito. Chi potrebbero essere questi stagionali? Penso agli LSU (Lavoratori Socialmente Utili) e ai tanti immigrati che non chiedono di meglio che essere impegnati in lavori di pubblica utilità i cui costi sarebbero considerevolmente inferiori a quelli che si affrontano per spegnere gli incendi (canadair, elicotteri eccetera) e per l'incommensurabile patrimonio naturale irrimediabilmente perduto.

*docente di Politica dell'Ambiente presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Napoli, già Presidente dell'Ente Parco Nazionale del Vesuvio

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in L'Editoriale

La Costiera Amalfitana violentata dalle fiamme: disegno criminale e inadeguatezza degli interventi

di Donato Bella Durante la lunga sequenza di incendi boschivi che stiamo subendo da alcune settimane, due cose colpiscono in modo particolare. La prima è il sincronismo con cui tali roghi si scatenano, che rende difficile credere che non ci sia dietro un disegno criminale: com'è possibile che decine...

Accendere per spegnere 2: le truppe di terra

di Donato Bella Nell'articolo precedente, si è parlato della flotta aerea utilizzata nel contrasto degli incendi boschivi e delle contraddizioni presenti nella sua gestione. Gli incendi, però, si combattono anche con le truppe di terra. Qui, due situazioni meritano attenzione: una recente, determinata...

La grande impresa di Minori

di Francesco Criscuolo* Il panorama di luci ed ombre, che attualmente offre l'asset collettivo minorese, non dissimile da quello degli altri piccoli centri della costiera amalfitana, fornisce gli spunti per proporre, pur in presenza della calura agostana e del connesso clima vacanziero, una modesta quanto...

L'interesse ad accendere per spegnere. Antincendio boschivo: cambiare sistema, basta coi privati

di Donato Bella Non sappiamo ancora se nel 2017 sarà battuto il record dei 100.000 ettari di bosco bruciati nel 2007, ma la tendenza lascia pensare che ci si andrà vicino. È opinione comune, ed è ragionevole pensarlo, che dietro al fenomeno degli incendi boschivi ci sia la mano dell'uomo, e che gran...

Ravello-Costa d’Amalfi Capitale della Cultura: aggiungi un posto al ...tavolo

di Antonio Schiavo Questo giornale e chi scrive stanno seguendo con estrema attenzione, interesse e partecipazione, l'iter propedeutico alla presentazione del dossier di candidatura di Ravello e della Costiera a capitale italiana della Cultura 2020. La premessa è d'obbligo per evitare malintesi su alcune...