Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Paola vedova

Date rapide

Oggi: 26 gennaio

Ieri: 25 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniEconomia & TurismoTurismo religioso in Costa d’Amalfi: le chiese di Maiori tra cultura arte e fede

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Economia & Turismo

Turismo religioso in Costa d’Amalfi: le chiese di Maiori tra cultura arte e fede

Scritto da (ilvescovado), sabato 29 ottobre 2016 16:23:21

Ultimo aggiornamento sabato 29 ottobre 2016 16:24:00

Di Giuseppe Liuccio

Ho scritto molto nel corso degli anni su Maiori e spesso ho sottolineato che la città dispone di belle testimonianze di storia e di arte da evidenziare ed esaltare per promuovere il turismo culturale sui mercati nazionali ed internazionali, anche perché in questo settore dispone di risorse per gareggiare e in qualche caso anche superare le più blasonate Ravello, Amalfi e Positano. Basterebbe lo scrigno dei tesori delle sue chiese per poter competere da pari a pari, puntando sul turismo religioso soprattutto nel periodo di bassa stagione. Basti pensare ai tanti che da Napoli e da Salerno puntano sulla Costa di Amalfi per un weekend di relax e di emozioni di bellezza con il solo pretesto di una scampagnata fuori porta, che consenta, però, di rispettare e praticare il precetto della messa domenicale in una bella chiesa. E a Maiori le chiese belle non mancano.

Va certamente in questa direzione la Collegiata di Santa Maria a Mare con l'incanto di quella statua di pregevole fattura, in cedro del Libano del XII secolo, di stile ellenistico, del ricchissimo soffitto a cassettoni dorato, della Madonna con Bambino e dei putti in legno dorato di epoca cinquecentesca e di scuola spagnola, della preziosa collezione delle antifonie in pergamena del ‘500 e del monumentale organo polifonico costruito dal celebre Zeno Fedeli di Foligno. È la Chiesa Madre di Maiori, che domina il centro abitato con le iridescenze della cupola maiolicata, è il simbolo della storia religiosa e non solo di Maiori, con quel gioiello di statua della Vergine che i Maioresi raccolsero in mare con parte del carico che una nave, reduce da Costantinopoli, fu costretta a gettare in acqua per sfuggire ad un violento temporale. E la Madonna "che viene dal mare" accende i ricordi di storia e di fede ai cittadini il 15 agosto di ogni anno, quando la processione inonda di luci e fuochi pirotecnici lo specchio d'acqua della rada paciosa. La pratica della messa domenicale in questa bellissima e panoramicissima Collegiata offrirebbe anche un emozionante viaggio nell'arte e nella storia.

Lungo il Corso Reginna l'edicola di Santa Maria delle Catene è memoria dei ceppi dei prigionieri miracolosamente scampati alle incursioni del corsaro Barbarossa. Risale al XVI sec, e venne innalzata alla Madonna dagli stessi superstiti, che erano destinati a diventare schiavi a Costantinopoli. È poi testimonianza di fede e di ringraziamento dei sopravvissuti alla terribile pestilenza del 1656 la chiesetta di San Rocco, che sul paliotto dell'altare conserva l'antico stemma cittadino.

Nella frazione di San Pietro si respirano atmosfere d'altri tempi con quel borgo disteso nella verde conca assolata con colline che s'incurvano e agrumeti e vigneti che s'inarcano a cupole di cielo ed il carrubo che respira flebile a carezze di vento gravide di mare. La minuscola piazza è un salotto raccolto con la facciata della bella chiesa a far da quinta. E dalle nebbie del passato fa capolino il dio Vertumno soppiantato dall'Apostolo Pietro pescatore e degli Etruschi cacciati dai Romani.

Santa Maria delle Grazie veglia sul fiume che scorre sonnolento a gabbia di muraglioni a memoria di quel tragico ottobre del 1954, quando si gonfiò delle piene di Chiunzi e di Tramonti e travolse case e strade in una delle più tragiche alluvioni di Salerno e della Costa d'Amalfi. Oggi lambisce lieve e inoffensivo le fondamenta di un antico opificio. La basilica trinavale è del VI secolo e anche se ha registrato rifacimenti e ristrutturazioni nel corso dei secoli, vanta intatta nella sua bellezza "La Crocifissione" della scuola del Sabatini.

Vecite è una frazione di campagna a gelosa custodia di tradizioni secolari e di antichi sapori in cui la fa da regina la "melanzana al cioccolato". Un pugno di case gioca a girotondo sul fiume e scala la collina fin lassù ai boschi del Demanio. In cima, luminosa nella gloria del sole, la chiesetta di S. Martino, vescovo, che conserva la statua settecentesca del santo ed un piccolo dipinto in metallo raffigurante la Madonna del Carmine.

Ponteprimario è l'ultima frazione della città ed anticipa il verde dei coltivi dei pianori di Tramonti. Sulle ali del vento che sibila dalle gole del Chiunzi corre l'eco della rappresaglia di Silla contro chi gli si oppose durante le Guerre Sociali. Qui sono le radici dell'anima più antica di Maiori, "il principio" della sua storia. E alla Madonna del Principio è dedicata la piccola chiesa del VII secolo, che conserva una statua lignea opera di un pastore del XIII secolo, andata perduta e poi miracolosamente ritrovata da un contadino intento ai lavori dei campi. Il mare è lontano, anche se nei giorni di libeccio vi arriva l'acre dello iodio. Qui, per lo più, si respira aria di campagna e con la tramontana vi riecheggia l'eco dei campanacci delle mandrie alla pastura. È questa una tappa d'obbligo, ricca di fascino e di suggestioni emotive, seguendo il percorso del fiume dal mare ai monti, dalla foce alla sorgente, da proporre ai residenti e, soprattutto, ai turisti; uno dei tanti modi di per scoprire Maiori, la sua storia, le sue tradizioni, i suoi paesaggi.

Un percorso da suggerire anche ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado perché insegnino agli studenti il modo più emozionante, divertente ed efficace insieme, per conoscere la loro città, esaltandone sul campo la toponomastica, perché i ragazzi d'oggi, futuri cittadini di domani impegnati nelle attività economiche del turismo e del ricco e variegato indotto siano in grado, più di quanto non lo siano stati i padri, di improvvisarsi guide esperte alla scoperta del territorio per i turisti, che, sempre più numerosi, nel futuro a breve e a lungo termine, visiteranno Maiori e tutta la Costa d'Amalfi. È un augurio ed una speranza. Anche per questo deve essere un impegno di promozione degli amministratori della città nel segno della CULTURA, che è e resta l'unica garanzia di sviluppo fecondo. Ed il Turismo Religioso è un segmento da non trascurare per qualificare destagionalizzare e diversificare l'offerta.

 

liucciogiuseppe@gmail.com

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Economia & Turismo

Vito Cinque vice presidente di Confindustria Salerno, la soddisfazione del gruppo turismo

Nel proseguimento dell'iter che porterà il prossimo 25 febbraio all'elezione del presidente di Confindustria Salerno per il quadriennio 2021-2025, il consiglio generale dell'associazione degli industriali all'unanimità ha votato la squadra dei vicepresidenti proposta dal presidente designato, Antonio...

Turismo, sindaci Costa d'Amalfi in riunione con assessore regionale Casucci

Si è svolto questa mattina, in modalità telematica, un incontro organizzato dall'Assessore alla Semplificazione amministrativa e al Turismo della Regione Campania, Felice Casucci, con i sindaci dei comuni della Costa d'Amalfi, una delle zone maggiormente colpite da un punto di vista economico dalla diffusione...

Viaggi: per i lettori di Condè Nast Traveler 7 alberghi della Costiera Amalfitana tra i migliori d'Italia

Condè Nast Traveler, il prestigioso magazine americano specializzato nel settore delle vacanze di lusso, ha stilato la classifica dei Readers’ Choice Awards. Per la 33esima edizione, il premio assume una veste ancor più rilevante: per la prima volta i lettori hanno scelto senza aver potuto viaggiare...

Incasso senza pensieri, prenotazioni alberghiere online più sicure e trasparenti: da Nexi e Federalberghi nuovo servizio per gli hotel

Federalberghi, organizzazione maggiormente rappresentativa degli imprenditori turistico ricettivi, e Nexi, la PayTech leader nei pagamenti digitali nel nostro Paese, hanno collaborato alla realizzazione di "Incasso senza pensieri", un nuovo servizio che migliora la qualità e la sicurezza delle transazioni...

Palumbo si dimette da presidente Consorzio "Ravello Sense". «Motivi personali»

«Motivi strettamente personali non mi permettono di dedicare al nostro Consorzio l'attenzione e l'impegno dimostrati in passato. Mi dispiace che questo accada proprio nel momento in cui il settore turistico è in grande difficoltà ed il nostro sodalizio deve far valere la sua voce come associazione di...