Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 35 minuti fa S. Valeriano vescovo

Date rapide

Oggi: 27 novembre

Ieri: 26 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Natale Adesso! Prenota adesso il tuo panettone artigianale firmato Pansa, dal 1830 patrimonio della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeConnectivia Back To School, l'offerta dedicata alle famiglie e agli studentiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaIl Panettone artigianale della Pasticceria Gambardella, da oggi a portata di click. Gambardella, Minori, Costiera AmalfitanaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniEconomia & TurismoTurismo religioso in Costa d’Amalfi: la chiesa parrocchiale di San Pietro e le altre di Cetara

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i panettoni artigianali realizzati dal Maestro Pasticcere Sal De Riso. Da oggi a portata di Click

Economia & Turismo

Turismo religioso in Costa d’Amalfi: la chiesa parrocchiale di San Pietro e le altre di Cetara

Scritto da (Redazione), domenica 11 dicembre 2016 10:31:56

Ultimo aggiornamento domenica 11 dicembre 2016 15:47:48

Di Giuseppe Liuccio

La mia tappa del Turismo Religioso di questa settimana è Cetara. Di questo bellissimo e caratteristico borgo mi sono occupato altre volte. Ma vale la pena riparlarne. La vocazione è scritta nel nome, il ruolo storico nella posizione geografica, il futuro nell'armonia del paesaggio, con l'equilibrato dosaggio tra montagna, collina e mare. "Cetaria" chiamavano la tonnara i Romani. E di tonnare Cetara conserva testimonianze e memoria nelle minuscole insenature di mare con il carico di alici e tonni rientra nel porto la flottiglia dalla pesca di altura. E saperi e sapori di delizie di pescato al matrimonio di intingoli fumanti alitano tra le volte di refettori di vecchi conventi, che conobbero macerazioni da digiuni di monaci santi ed oggi, invece, registrano esplosioni di gioie conviviali di comitive goderecce. E raffinatezze nella genuina semplicità si riscoprono ed apprezzano in sublimi paste alla colatura di alici e in gustose varianti di tonno nella prismaticità del menu di mare in un buco di ristorantino, di assoluta eccellenza, al riparo di brevi porticati, o in quelli rintanati in case che ti accolgono con il sorridente smalto delle ceramiche verde o viola. E profumi di mare fuoriescono dalle piccole aziende delle salagioni. E pescatore è il Santo Protettore, quel Pietro che esercitò il mestiere nel Lago di Tiberiade ed oggi veglia sulla vita e sul lavoro di quanti, partendo dal piccolo porto, rubano la ricchezza ai fondali sulle rotte pescose del Mediterraneo, con il cuore alla famiglia e l'occhio acceso alla visione colorata della cupola maiolicata della Chiesa Madre.

Per la posizione geografica Cetara, più di Vietri, è da sempre limite di demarcazione tra Salerno, Cava e l'entroterra dell'Agro, da un lato, e la Costa d'Amalfi, dall'altro. E, pertanto, per quanti provenienti da Salerno, da Cava o dall'Agro Nocerino dovessero scegliere Cetara per una gita fuori porta in Costiera ma anche per praticare il precetto della Messa domenicale nella bella Chiesa Parrocchiale di S. Pietro Apostolo diamo qui di seguito qualche notizia utile alla visita. Fu edificata alla fine del IX secolo d.C. quando i normanni salernitani debellarono la comunità di saraceni insediatasi a Cetara e costruirono l'edificio sacro per testimoniare la superiorità della cristianità sui musulmani sconfitti. È ad unica navata ed ha subìto con il passare dei secoli numerosi cambiamenti. Gli unici elementi originali oggi si possono riscontrare nel campanile che presenta una base romanica e una sopraelevazione a forma ottagonale con cuspide. All'interno della chiesa sono da segnalare l'antico organo da poco ristrutturato, e una lapide bilingue (in latino e arabo) che commemora Grandenetto d'Aulisio, il cetarese protagonista della liberazione del principe Federico d'Aragona fatto prigioniero dai baroni di Salerno nel 1484.

Ma sono da ricordare anche altre chiese: il complesso monumentale francescano edificato alla fine del XIV secolo è formato dalla Chiesa di S. Francesco, dal chiostro (ora coperto e adibito a ristorante) e dalla sede della Confraternita. Nella chiesa, ad unica navata, sono presenti, sulla volta, numerosi affreschi; di particolare pregio nell'abside una "Deposizione" del pittore cetarese Marco Benincasa e, sulla navata, una raffigurazione di Suor Orsola Benincasa, la venerabile cetarese fondatrice dell'ordine delle Suore Teatine dell'Immacolata Concezione e che dà il nome ad un noto Istituto Universitario napoletano.

Da segnalare anche la Chiesa della Madonna di Costantinopoli edificata, dal 1868 al 1870, nella parte alta del paese. L'edificio fu danneggiato dalla tragica alluvione del 1910 e fu parzialmente ricostruito nel 1921. La Torre, che nei giorni di sole accende bagliori alle vetrate, rievoca assalti saraceni, bottino di pirati, difese di vicerè angioini ed aragonesi e, naturalmente, miracoli di santi e di madonne. E, se presti orecchio con la mente alla storia, la risacca ricanta lenta, alle radici del porto, i traffici di frutta e di derrate sulle "saette" ardite degli abati della Trinità della Cava, che su Cetara imposero il governo delle anime, ma esercitarono anche il controllo dei commerci. Erano pescatori i tanti cetaresi, che, con il cuore lacerato dalla separazione e malato di nostalgia per la costa natia, trovarono approdi fortunati e crearono fondachi su quella nordafricana. Che belle le processioni con lo stendardo rosso della congrega, le cotte bianche dei chierichetti ed il piviale damascato del canonico officiante! Che festa di colori le tele di Nicoletti Manfredi! Che suggestione gli acquerelli delicati di Paolo Signorino con l'allegra festa delle marine al sole! Che tenerezza struggente i notturni di Mario Carotenuto ad accendere occhi alle finestre delle case in gara a reggere le arditezze! Che emozione lo spettacolo dei fuochi nella notte di San Pietro all'incendio del mare e della costa! Sono ricordi che riaffiorano anche nei tanti che tornano a Cetara anche se solo per praticare il precetto della Messa domenicale.

Per un pranzo in un ristorante di buon livello, c'è solo l'imbarazzo della scelta. Per la passeggiata digestiva si consiglia il porto arioso e frizzante di profumi di iodio e sale. È un bel colpo d'occhio l'ardito costrutto delle case impegnate nell'estroso arabesco di rocce e coltivi, sulle colline a sorriso di agrumeti. Quella strada che s'inabissa nella umbratilità della vallata, ad imbuto, ti scopre una Cetara pudica e segreta, poco frequentata ma non priva di grazia. Ad avere voglia e vocazione alle escursioni, la scalata alla montagna riserva emozioni da profumi ed afrori anche in autunno che galoppa verso l'inverno mite della costa. Il sentiero che s'inerpica tra l'intrico della macchia mediterranea figlia prodigi di panorami man mano che sale su fino alla sorgente del Cetus, che, fedele al nome, caracolla tra lecci, roverelle, corbezzoli e carrubi fino ad inabissarsi nel carsismo sotterraneo delle case e correre speditamente all'abbraccio del mare.

Bel contenitore di storia, natura ed economia quello di Cetara che vanta appendici prestigiose a Nemours in Algeria, una bella pagina tutta da raccontare non fosse altro che per accendere orgoglio di identità e di appartenenza in quanti respirano profumi di iodio e sale, soprattutto quando il libeccio schiaffeggia la Torre e rovescia cascate di garofani bianchi sui frangiflutti.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Economia & Turismo

Al Palazzo Avino di Ravello il Premio Industria Felix - L’Italia che compete [VIDEO]

Sono 122 le società con sede legale in Italia che si sono distinte per performance gestionali, affidabilità finanziaria e talvolta per sostenibilità. Queste imprese sono state scelte in 18 settori strategici e sono state insignite dell'Alta onorificenza di bilancio del Premio Industria Felix - L'Italia...

Coldiretti e Dieta Mediterranea: scatta il bonus per salvare made in Italy

Scatta il bonus di filiera per menu 100% Made in Italy nei ristoranti duramente colpiti dall'emergenza Covid a 10 anni esatti dal riconoscimento UNESCO della dieta mediterranea come patrimonio immateriale dell'umanità. Lo rende noto la Coldiretti nel sottolineare che sarà possibile presentare le domande...

Turismo, italiani scelgono la vacanza di prossimità. Positano e Amalfi regine dell’estate 2020

I piani di viaggio sono cambiati drasticamente nel 2020, a causa dell'emergenza Covid. Si è puntato a esplorare luoghi più vicini a casa. Approfondendo i modelli di viaggio di questa estate, Booking.com ha calcolato che la distanza media percorsa dagli italiani (giugno - agosto) è diminuita del 60% rispetto...

Vito Cinque nel Consiglio Generale di Confindustria Salerno. Unico rappresentante della Costa d'Amalfi

Si è svolta ieri pomeriggio l'assemblea ordinaria dei soci di Confindustria Salerno per le elezionidegli organi statutati. Le votazioni per il rinnovo dei 24 componenti il Consiglio Generale, dei sei probiviri e dei tre revisori dei conti secondo la procedura straordinaria per l'emergenza sanitaria da...

Costa d'Amalfi, la stagione coraggiosa al tempo del Covid "salvata" dal turismo di prossimità. L'esempio dell'hotel Miramalfi

La stagione turistica ancora in corso è cominciata con grosse perplessità e incertezze a causa dell'emergenza sanitaria da Covid-19. Gli alberghi della Costa d'Amalfi hanno riaperto tra la seconda metà di giugno e gli inizi di luglio non senza difficoltà ma soprattutto incognite, sapendo di non poter...