Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Teodoro martire

Date rapide

Oggi: 20 settembre

Ieri: 19 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaConnectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzateGambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel ForniturePansa a Casa tua, le specialità dolciarie della Pasticceria Pansa di Amalfi direttamente a casa tuaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniEconomia & TurismoTurismo Religioso in Costa d’Amalfi: la Basilica di Santa Trofimena a Minori

LIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaMielePiù Eco Buonus 65%Terra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi

Economia & Turismo

Turismo Religioso in Costa d’Amalfi: la Basilica di Santa Trofimena a Minori

Scritto da (ilvescovado), sabato 5 novembre 2016 11:45:27

Ultimo aggiornamento sabato 5 novembre 2016 11:46:52

Di Giuseppe Liuccio

Giovedì pomeriggio mi accingevo a scrivere l'articolo sul turismo religioso a Minori, quando mi arrivarono le prime notizie della "tromba d'aria" che devastava il territorio. Tempo pochi minuti ed ebbi la percezione esatta della dimensione del cataclisma, di cui mi arrivavano le immagini in diretta postate dai bravi colleghi della Costa, a cominciare dall'ottimo Emiliano Amato, direttore di questo giornale. E mi riaffiorarono alla mente i precedenti di altre tragedie antiche e recenti e temetti il peggio. Ma in serata la notizia consolante tanto attesa: la situazione si stava normalizzando. Tirai un sospiro di sollievo. E mi placai, dopo essermi accertato che, a parte la spettacolare inondazione di piazze e strade e gli immancabili danni alle attività economiche, che la gente, tutta la gente, stava bene.

E feci le riflessioni di sempre, sull'equilibrio tanto precario quanto bello sul piano paesaggistico, tra terra e mare, montagna e costa e di come il culto dei santi, che era il tema dell'articolo che mi accingevo a scrivere, abbia risentito nei secoli e risenta di questa connotazione terra/mare che ha fatto degli uomini della Costiera dei contadini/pescatori, contadini di mare e marinai di montagna, come ho scritto più volte nel corso dei decenni. Ed i pericoli da cui chiedere protezione ai Santi vengono, in egual misura, dal mare e dalla terra. Il primo, quando si imbufalisce, può tentare assalti devastanti alle case adagiate pigramente nelle cale o appese, colorate, su rocce a strapiombo e, calmo, ha facilitato, nel corso della storia, approdi a predoni famelici di bottini e violenze. La seconda, se gonfia di pioggia, può spaccare muri di contenimento e trascinare nei corsi d'acqua limacciosi alberi e detriti a tumultuoso scivolo di morte verso la costa. E il caso ha voluto che la tragedia ambientale di questo incipiente autunno capitasse proprio alla vigilia della festa della Protettrice, Santa Trofimena.

Uno sforzo di fantasia e d'amore e mi sono rivista la città del cuore, la mia Minori, di cui mi sento figlio e "cittadino", oltretutto ufficializzato in una cerimonia solenne nello scorso agosto! E così, per miracolo d'amore, appunto, l'ho attraversata a passi lenti quella delizia di strada che spacca in due il paese e che ostenta con garbato pudore festosità di negozi, signorilità di ritrovi, alberghi di gusto e ristoranti di delizie gastronomiche. Ed ho riscoperto atmosfere d'altri tempi e calda ospitalità d'altre stagioni stampata sul viso segnato dagli anni di amici affettuosi e contagiosamente sorridenti. E mi sono incantato, ancora una volta, a quei budelli di vicoli, ferite ardite nel costrutto delle case alla conquista ariosa dei giardini dei limoneti e dei vigneti, che sorridono ubertosi alla scalata della montagna di Maiori, da un lato, e delle colline di Ravello, dall'altro. Ed ho ripercorso fotogrammi di memoria a ritroso della storia nell'eleganza di campanili a dominio di chiese raccolte a solitaria conquista di cielo.

È proprio bella Minori nei colori sfumati del tramonto, che accende le ultime iridescenze al corso del fiume, le cui acque riecheggiano, gorgogliando, storia e storie raccolte alle radici del Chiunzi e, via via, ai displuvi di Sambuco e Torello di Ravello! Ma queste erano galoppate di fantasia d'amore, appunto. Ho avuto una fitta al cuore. Ma i Minoresi, ho pensato subito, sono gente attiva e fattiva e in brevissimo tempo, forse già domani per la festa della loro Santa renderanno bella ed accogliente la loro città. Ed io, insieme a tutti i miei concittadini continueremo ad incantarci ai terrazzamenti, che nello splendore del sole, testimonieranno secoli di lavoro paziente a costruire macere da ingegneria sapiente, a piantare pali diritti come fusi a sostegno di vigneti generosi e di limoni ad ombreggiar coltivi fecondi di ortaggi. Ed il pensiero correrà ancora una volta al francese Jean Jacques Bouchard, che già nel 1632 annotava nel suo taccuino di viaggio qualità e grandezza dei limoni di Minori o di quel papa che ne ricevette uno in dono "più grosso che la più grossa zucca" e dichiarò "benedetta la terra che lo produce".

È, e sarà ancora, un viaggio che contagerà di stupore quanti dovessero scegliere la deliziosa cittadina anche per una scampagnata fuori porta magari semplicemente per adempiere al precetto della messa domenicale in questo autunno che riserva ancora giornale tiepide e luminose di sole. Troverà ancora, nonostante tutto, panorami d'incanto che rievocano belle pagine di storia e, soprattutto, menu di specialità di enogastronomia. Minori è conosciuta ed apprezzata in Italia e nel mondo come "città del gusto", è città della pasta a mano e vanta in questo settore autentici "giacimenti gastronomici", come gli "ndunderi" se conditi con i sublimi intingoli del ricettario delle massaie del luogo. E proprio gli "'ndunderi" rievocano la festa della Patrona, Santa Trofimena, che ricorre due volte all'anno con tanto di fastosa e festosa processione, a luglio e a novembre. Quella del 5 novembre è una occasione "ghiotta", in tutti sensi per indigeni e turisti per trascorre un weekend festoso e fastoso con ‘ndunderi a volontà sulle tavole apparecchiate. E, a tal proposito, cito un gustoso aneddoto del mio compianto amico, lo storico gastronomo Ezio Falcone. «Nella ricorrenza di del 13 luglio, quando la processione si effettua di pomeriggio, molti cittadini seguivano il rito con impeccabile camicia bianca inamidata, ma schizzata di ragù, quasi a dimostrare di aver onorato la santa anche a tavola consumando un abbondante piatto di ‘ndunderi».

Santa Trofimena dorme il sonno dei santi e dei giusti nella bella cripta del maestoso duomo, dopo avventurose peripezie per altre chiese della Campania (Benevento, ma non solo) dovute a capricci di regnanti, e porta alla ribalta la prestigiosa storia religiosa di Minori, che fu diocesi e vantò vescovi santi e colti ed ebbe chiese ricche di tesori d'arte e famiglie gentilizie che ne curavano per fede e per prestigio di casta, altari e culto. Molte di queste sono ancora operanti: la chiesa dell'Arciconfraternita del Santissimo Sacramento, la Chiesa di Santa Lucia, quella di Santa Maria delle grazie, quella di San Michele Arcangelo a Torre, di San Gennaro a Villamena, alcune delle quali sono anche parrocchie. Tutte, come soprattutto la Basilica di Santa Trofimena, sono contenitori prestigiosi di opere d'arte e rievocano straordinarie pagine di storia religiosa della comunità. Ma di queste avrò modo di occuparmi in una prossima tappa del mio viaggio attraverso il turismo religioso in Costa d'Amalfi. Chiudo la tappa di oggi con rinnovata fiducia nella incomparabile ed impagabile fattività dei miei concittadini, che nei momenti di difficoltà sanno dare il meglio di sé, sotto la guida infaticabile di sindaco, Andrea Reale, e di amministratori tutti, di maggioranza e di minoranza, affratellati da unità di intenti per amore della loro cittadina, e con un omaggio devoto in poesia alla città e alla sua Protettrice, Santa Trofimena, la cui urna con le Sacre Spoglie, abbandonata in mare da una nave colpita dalla tempesta, fu ritrovata da lavandaie sulla battigia, secondo una pia leggenda che popola da secoli l'immaginario dei fedeli.

 

LA VERGINE DI PATTI

E m'è compagno il mare nella notte

che alluna allo stupore dei Lattari

Voce presta a discinte lavandaie

a sbatacchiare stracci di bucato

con parlottio di voci e nenie dolci

che cantano d'amore e di fatica

L'onda carezza l'urna nella rena

sigillo della Vergine di Patti

ammarata da nave alla deriva

miracolo di fede ad esaltare

E nella chiesa a gloria di campane

popolo in festa che reclama grazie!

(tratta da MINORI IN POESIA di Giuseppe Liuccio - di imminente pubblicazione)

 

liucciogiuseppe@gmail.com

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Economia & Turismo

Costa d'Amalfi, la stagione coraggiosa al tempo del Covid "salvata" dal turismo di prossimità. L'esempio dell'hotel Miramalfi

La stagione turistica ancora in corso è cominciata con grosse perplessità e incertezze a causa dell'emergenza sanitaria da Covid-19. Gli alberghi della Costa d'Amalfi hanno riaperto tra la seconda metà di giugno e gli inizi di luglio non senza difficoltà ma soprattutto incognite, sapendo di non poter...

Nasce la Carta di Sorrento: ambiente e cultura per il rilancio della capitale del turismo

Sarà la novità assoluta della venticinquesima edizione del Premio "Penisola Sorrentina". E' la "Carta di Sorrento", il manifesto del Premio dedicato a turismo, ambiente e cultura nell'anno del Green New Deal, con cui Sorrento punta a diventare capitale italiana di una riflessione che a fine ottobre,...

Il dolce autunno in Costiera Amalfitana al Monastero Santa Rosa Hotel&Spa di Conca dei Marini

La fine dell'estate e l'inizio dell'autunno sono momenti particolari, e di assoluto fascino, per godersi in tutta tranquillità l'incanto della Costiera Amalfitana. Passato l'affollamento estivo, il clima si fa più dolce e le giornate più terse. A questo magico periodo dell'anno è improntata l'ospitalità...

Decreto agosto, ecco tutte le misure per il turismo

Dai contributi per le attività commerciali nelle città d'arte allo stop all'Imu per strutture ricettive, cinema e teatri, al sostegno ai lavoratori dipendenti, precari e stagionali: è un "intervento imponente", da oltre 3 miliardi, quello varato nel Dl Agosto a sostegno di cultura e turismo, due settori...

Sentiero delle Formichelle: da Tramonti a Minori un percorso inedito tra natura, storie e gusto [VIDEO]

Sebbene sia ancora poco conosciuto, si registrano già molte richieste per percorrere il Sentiero delle Formichelle, un percorso naturalistico che si snoda tra i terrazzamenti panoramici e le storiche mulattiere della Costiera Amalfitana e si collega al già famoso Sentiero dei Limoni che collega Maiori...