Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 33 minuti fa S. Teodoro martire

Date rapide

Oggi: 20 settembre

Ieri: 19 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaConnectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzateGambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel ForniturePansa a Casa tua, le specialità dolciarie della Pasticceria Pansa di Amalfi direttamente a casa tuaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniEconomia & TurismoTurismo religioso in Costa d’Amalfi: frammenti di flash-back alla moviola dei ricordi tra chiese e conventi di Atrani

LIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaMielePiù Eco Buonus 65%Terra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi

Economia & Turismo

Turismo religioso in Costa d’Amalfi: frammenti di flash-back alla moviola dei ricordi tra chiese e conventi di Atrani

Scritto da (ilvescovado), sabato 3 dicembre 2016 12:54:43

Ultimo aggiornamento sabato 3 dicembre 2016 12:54:43

di Giuseppe Liuccio

È un meriggio dolce di un autunno tiepido come solo la Costa d'Amalfi sa regalare a poche settimane dall'inverno. Sono sulla spianata del viadotto di Atrani e mi attardo all'incanto di case a sbalzo che sagomano le montagne. Un frammento di flash-back e la moviola dei ricordi mi materializza volti e voci di un periodo bello di vita di stagioni lontane. E dentro mi riecheggia calda ed affabulante la voce del Maestro ed Amico Alfonso Gatto: «verde di casa rosa Atrani bianca/ città di un tempo e d'ogni giorno è colta/ dalla sorpresa d'essere/...nel tenere per saldo e per nitore/ terrazze a sghembo, cupole di chiese». La risacca che sfrangia ricami ai frangiflutti concilia i ricordi. E nell'atelier-romitaggio a fuga d'archi di loggiato mi sembra di (ri)vedere esile e curva d'anni e di malinconia la figura di Domenico De Vanna, pittore non grandissimo, ma dignitoso nella figurazione di paesi e marine, case e giardini, montagne a cornice di mare chiese e campanili a conquista di cielo.

E sono venuto qui oggi proprio per una tappa alla scoperta delle tante occasioni di Turismo Religioso tra chiese e conventi di uno dei borghi più belli d'Italia, uno scrigno di tesori tutti da scoprire e gustare in questo straordinario museo all'aperto. I documenti storici testimoniano che ad Atrani era fiorente la vita religiosa e che la cittadina disponeva di ben trecento luoghi di culto tra chiese e cappelle private. E alle pendici orientali del Monte Aureo, su di un parallelepipedo di roccia squilla, per arditezza di costrutto e nitore di facciata, la chiesa di Santa Maria del Bando, a memoria di condanne a morte gridate sulle ali del vento ai rei in trepida attesa e di rari miracoli di grazie accordate. Fu edificata nel X secolo. In seguito a restauri eseguiti tra il XII ed il XIII secolo, presenta motivi decorativi tipici di quell'epoca. La chiesa è ad una sola navata e dispone di una piccola sagrestia. Il pavimento messo in opera nel XIX secolo è in maioliche quadrate a motivi geometrici e proviene dalla Collegiata di Santa Maria Maddalena. La chiesa è così chiamata perché, come tramanda una leggenda, la Vergine concesse la grazia ad un uomo, ingiustamente condannato all'impiccagione. L'episodio è testimoniato anche da un pregevole affresco quattrocentesco che sormonta l'altare, dove sono raffigurati la Madonna col Bambino e, sul lato sinistro, un uomo in procinto di essere impiccato, appunto. Secondo un'altra versione, invece, da quell'alta rupe, grazie ad un'acustica particolare, venivano comunicati al popolo i nomi degli eletti alle cariche del ducato. All' interno dell'edificio è conservata un'urna cineraria di marmo bianco, risalente agli anni della dinastia Giulio-Claudia, appartenuta ad un liberto di Claudio o di Nerone. Al di sotto e poco distante dalla torre dello ziro troviamo la Grotta dei Santi, una piccola cavità naturale, che si apre su di un limoneto. Le pareti sono decorate da affreschi in stile bizantino, risalgono al XII secolo e raffigurano i quattro Evangelisti. La grotta è quello che rimane del Monastero benedettino maschile dei SS. Quirico e Giuditta, fondato nel 986 dall'Arcivescovo Leone I.

Faccio poche rampe di scale e mi trovo in quel gioiello di piazzetta che consente piacevoli conversari fino a notte fonda, all'aperto nei mesi primaverili/estivi e sotto i minuscoli accoglienti porticati. È da incanto la scalinata alla conquista del neoclassico di San Salvatore de Birecto, proscenio naturale per eventi di grande respiro e di grosso spessore culturale: recital di poesie, pièces teatrali, sfilate di moda, concerti di musica. L'orologio, sormontato dal campaniletto a vela, batte le ore della grande storia: e dalla cancellata del pronao fuoriescono, per incanto, dignitari e clero, cavalieri e mercanti a precedere, nel fasto dei costumi, il duca di Amalfi in festa per la fresca investitura. Un corteo che si replica per fiction per le celebrazioni della Regata Storica e del Capodanno Bizantino. Va dato atto alla Sovrintendenza che circa due anni fa ha restituito questo gioiello di chiesa al culto e alla cultura. I lavori di restauro, scrupolosi e di grande rigore professionale, hanno portato alla luce elementi che risalgono al XIII secolo. Gli archi intrecciati della parete di fronte all'altare richiamano quelli di Villa Rufolo a Ravello. Da incanto le ceramiche del pavimento; da visibilio di godimento estatico i bassorilievi. Non cessano di stupire le volte ariose della navata laterale a sinistra, come di quella centrale. E come non sperdersi nell'incantamento smemore di fronte ai riccioli del rosone dell'urna cineraria e al gioco e fuga degli archi e volte. Se Atrani è, come è riconosciuto ed ampiamente motivato da storici di tutto il mondo, un museo all'aperto in quel groviglio di chiese, conventi e palazzi lungo la strada che dal mare si imbuta nella Valle del Dragone, la Chiesa di San Salvatore ne è il cuore più vivo e palpitante. Qui si può praticare più che altrove il precetto della messa domenicale e, nello stesso tempo, registrare forti ed intense emozioni di fronte a spettacoli di grande bellezza e di incomparabili opere d'arte. Qui più che mai non cessa mai di sorprendere questa nostra costa, miniera inesauribile di cultura. Dobbiamo solo convincerci, ed operare di conseguenza, che quella della cultura è la strada da percorrere senza esitazioni, perplessità e sbandamenti e fino in fondo per la promozione di una offerta del turismo di qualità.

Faccio, intanto, un salto alla Collegiata della Maddalena, ma la trovo chiusa e rinvio la visita. M'incanto, comunque, allo spettacolo di Villa Cimbrone che minaccia il volo nell'abisso con tutto il suo carico di arte e di natura ed, incombe, balconata ardita, sullo spiazzo della Chiesa Madre, che con la facciata rococò ed il caratteristico campanile con la cupola maiolicata tende la mano a Capo Luna ed insieme chiudono il breve arco lunato della caratteristica baia. E, così, lo spettacolo di Atrani mi regala un pieno di ricordi/frammenti di flash back alla moviola della vita, mentre la voce di Gatto passa lieve a carezza di vento: «Nelle arcate profonde del viadotto/ il mare verde inabissato annera./ In alto i vetri del tramonto, sotto/ questo parlare franco ch'è già sera». E mi convinco sempre più che Atrani è il posto storicamente deputato ad avere, più di ogni altro in Costa d'Amalfi, la Casa Della Cultura, un altro tassello che va nella direzione giusta ad aprire porte di futuro. E provo una profonda ammirazione con un pizzico di sana invidia per il Sindaco De Rosa, pregandolo ed esortandolo con umiltà di farne un laboratorio di spessore e di livello internazionale, come storia prestigiosa e bellezza incomparabile consente, consiglia ed impone, senza mai cedere alla tentazione, qualunque sia e da qualunque parte venga la pressione, di dare l'assenso ad eventi che non rispondano all'eccellenza del luogo. Mi riprometto di proporre un'idea/progetto in privato al sindaco e, subito dopo, renderla pubblica insieme.

 

liucciogiuseppe@gmail.com

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Economia & Turismo

Costa d'Amalfi, la stagione coraggiosa al tempo del Covid "salvata" dal turismo di prossimità. L'esempio dell'hotel Miramalfi

La stagione turistica ancora in corso è cominciata con grosse perplessità e incertezze a causa dell'emergenza sanitaria da Covid-19. Gli alberghi della Costa d'Amalfi hanno riaperto tra la seconda metà di giugno e gli inizi di luglio non senza difficoltà ma soprattutto incognite, sapendo di non poter...

Nasce la Carta di Sorrento: ambiente e cultura per il rilancio della capitale del turismo

Sarà la novità assoluta della venticinquesima edizione del Premio "Penisola Sorrentina". E' la "Carta di Sorrento", il manifesto del Premio dedicato a turismo, ambiente e cultura nell'anno del Green New Deal, con cui Sorrento punta a diventare capitale italiana di una riflessione che a fine ottobre,...

Il dolce autunno in Costiera Amalfitana al Monastero Santa Rosa Hotel&Spa di Conca dei Marini

La fine dell'estate e l'inizio dell'autunno sono momenti particolari, e di assoluto fascino, per godersi in tutta tranquillità l'incanto della Costiera Amalfitana. Passato l'affollamento estivo, il clima si fa più dolce e le giornate più terse. A questo magico periodo dell'anno è improntata l'ospitalità...

Decreto agosto, ecco tutte le misure per il turismo

Dai contributi per le attività commerciali nelle città d'arte allo stop all'Imu per strutture ricettive, cinema e teatri, al sostegno ai lavoratori dipendenti, precari e stagionali: è un "intervento imponente", da oltre 3 miliardi, quello varato nel Dl Agosto a sostegno di cultura e turismo, due settori...

Sentiero delle Formichelle: da Tramonti a Minori un percorso inedito tra natura, storie e gusto [VIDEO]

Sebbene sia ancora poco conosciuto, si registrano già molte richieste per percorrere il Sentiero delle Formichelle, un percorso naturalistico che si snoda tra i terrazzamenti panoramici e le storiche mulattiere della Costiera Amalfitana e si collega al già famoso Sentiero dei Limoni che collega Maiori...