Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Domenico di Guzman

Date rapide

Oggi: 8 agosto

Ieri: 7 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Gambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureRavello Festival 2020Terra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickPansa a Casa tua, le specialità dolciarie della Pasticceria Pansa di Amalfi direttamente a casa tuaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniDall'Italia e dal MondoRenzi ‘Mattarella’ tutti: Berlusconi davvero fuori dai giochi?

Supermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Pasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Dall'Italia e dal Mondo

Politica, Italia, politiche nazionali

Renzi ‘Mattarella’ tutti: Berlusconi davvero fuori dai giochi?

Oggi Sergio Mattarella potrebbe essere il nuovo Presidente della Repubblica: se questa ipotesi si concretizzasse, Renzi ne uscirebbe ancora una volta vincitore

Scritto da (admin), venerdì 30 gennaio 2015 14:38:32

Ultimo aggiornamento venerdì 11 gennaio 2019 18:38:06

Matteo Renzi è un personaggio che va osservato e criticato come ogni leader che si rispetti. Ha idee sui temi del lavoro e della giustizia molto simili a quelle di Silvio Berlusconi con cui, non a caso, è da oltre un anno in "profonda sintonia". Ora, nell'elezione del Presidente della Repubblica, con la candidatura di Sergio Mattarella, il Premier pare voler prendere le distanze dall'ex Cavaliere, almeno da un punto di vista politico. E non è un caso che B. minacci la fine del "Patto del Nazareno" non volendo condividere il metodo usato dal segretario Dem per scegliere il nuovo inquilino del Colle. Renzi ha una spregiudicatezza e un'intelligenza politica fuori dal normale: chi scrive non è un suo ammiratore* ma non può non prenderne atto. Se domattina Mattarella dovesse essere il nuovo Capo dello Stato, con ogni probabilità l'ex boy scout si sarebbe preso definitivamente l'Italia, compattando il PD e disperdendo le forze interne ed esterne che gli sono ostili.

Proviamo a fare ordine. Uno dei presupposti affinchè il Partito Democratico restasse unito era ed è l'elezione di un Presidente non scelto da Berlusconi: alla quarta votazione servirebbero 505 voti su 1009 disponibili e l'asse che unisce PD, SEL, fuori usciti M5S e altri "cani sciolti" vari si aggira intorno ai 580 voti. Suffragi che non sono abbastanza per evitare a priori il pericolo dell'imboscata ma che garantiscono un certo margine. Chi potrebbe, all'interno del PD, pensare di tradire Renzi nel segreto dell'urna? In realtà i Bersani, i Letta, i D'Alema, i Civati (persino Civati!) ne avrebbero di motivi per sabotare il segretario: se non altro perché nel giro di un anno si è preso partito e governo, salutando Letta con uno #staisereno. Molte truppe cammellate bersaniane, però, hanno già subito la metamorfosi renziana: gran parte degli eletti in Parlamento, seppur entrati con il beneplacito dell'ex leader del centrosinistra, gli hanno di fatto voltato le spalle. Che siano stati folgorati sulla via di Rignano sull'Arno o si siano mostrati quali beceri opportunisti, in questa sede, ha poco conto. I potenziali "dissidenti", quindi, sarebbero relativamente pochi e comunque non avrebbero modo di organizzarsi. Se facessero una manovra sabotatrice potrebbe fallire e Mattarella si troverebbe ugualmente eletto: ci sarebbe quanto meno da fare i conti, poi, ex post. Per questo è probabile che si adeguino, così da dimostrare all'elettorato "malpancista" del PD che Berlusconi non comanda più. Quel che resta di SEL, la cui consistenza numerica è limitata, ha espresso la volontà di votare qualsiasi candidato che non sia scelto dal leader di Forza Italia e gli ex M5S rischiano paradossalmente di diventare determinanti per la tenuta dell'esecutivo nei prossimi anni: ricordate lo "scouting" che voleva fare Bersani nel 2013?

Capitolo Berlusconi. L'ex Premier, come da tradizione, diventa conciliatore e governista nei momenti di difficoltà. La sua carriera politica è in fase calante da tempo, e se è durata così tanto è soprattutto per "merito" del centrosinistra. La sua ira è soprattutto legata all'orgoglio: non poter essere più sul tavolo a dare le carte è piuttosto difficile da digerire per una personalità egocentrica come la sua. Berlusconi, come è noto, è "sceso in campo" per un motivo ben preciso: tutelare i propri interessi e salvare le proprie aziende. Un obiettivo, questo, ottenuto in pieno e che probabilmente rientra anche nella trattativa del Nazareno. Non è un caso, infatti, che il cerchio magico dei Confalonieri e dei Gianni Letta gli graviti intorno, suggerendogli di ingoiare il rospo e andare avanti. Nell'ipotesi in cui decidesse di ribaltare il tavolo delle Riforme avrebbe soltanto da perderci: Forza Italia ha percentuali ridicole nei sondaggi rispetto al passato e dovrà consegnarsi a Salvini (il cui consenso potrebbe ancora crescere) per sopravvivere. Chi dovrebbe poi far cadere il governo: Alfano? Sebbene pare che B. gli abbia promesso la leadership del centrodestra, il Ministro dell'Interno sa benissimo che Nuovo Centrodestra esiste fin quando esiste questo governo. Perché far crollare tutto? Qualche alfaniano, poi, insieme ai dissidenti di Forza Italia guidati da Raffaele Fitto, potrebbe pensare di appoggiare la linea renziana e portare altra acqua al mulino di Mattarella.

Ultima nota per il Movimento 5 Stelle. In ossequio alle solite abitudini, sono state effettuate le votazioni online per la scelta dei candidati da esprimere: una linea nobile rispetto a quella dei partiti che garantisce maggiore trasparenza. Certo è che tutti, elettori compresi, paiono essere convinti della scarsa possibilità di incidere su questa elezione: non è un caso, infatti, che immediatamente dopo il nome di Ferdinando Imposimato, da tempo vicino al M5S, sia arrivato quello di Romano Prodi e, poco più indietro, quello di Pierluigi Bersani. Una parte degli attivisti, infatti, ha pensato che l'unica carta da giocare potesse essere quella di provare a far saltare il PD. E Renzi, che si sta dimostrando molto più scaltro di Bersani, l'ha capito in anticipo proponendo un nome come quello di Mattarella su cui nessuno dei suoi può porre veti. Il M5S, però, potrebbe tornare in corsa nel caso il quadro esposto venisse clamorosamente accantonato.

Le elezioni del Capo dello Stato generalmente riservano tante sorprese, quindi tutto il ragionamento di adesso è soggetto ad essere seccamente smentito. I detrattori di Matteo Renzi si godrebbero lo "spettacolo" e troverebbero una qualche ragione per provare a soffiargli la poltrona da Premier nel medio periodo. In caso contrario, con un Presidente della Repubblica apparentemente "innocuo" da un punto di vista mediatico, il vento in poppa dei primi timidi segnali di ripresa dell'economia ed una strategia da Prima Repubblica ma efficace, l'ex rottamatore avrebbe ancora una volta la strada spianata davanti a sé.

 

* PS: una dovuta precisazione. Chi scrive ha l'obbligo morale di far conoscere il suo pensiero politico, senza ipocrisia. Ciò, infatti, aiuta i lettori ad orientarsi: la storia del "giornalista terzo e imparziale" è la più grande illusione generalmente venduta dai media allineati.

 

(Fonte foto)

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Dall'Italia e dal Mondo

Bonus per chi paga con la carta. Ecco il decreto agosto per spingere i consumi

Un bonus sugli acquisti, concentrato sui settori che stentano a ripartire. Il governo punta a stanziare con il prossimo decreto di agosto almeno due miliardi - ma c'è un pressing per portare la dote a 3 - per spingere i consumi e dare un pò di ossigeno alle attività più colpite, come bar e ristoranti....

«Niente più quarantena per chi viene dall'Algeria», l'annuncio del Ministro Speranza

«Ho firmato l'ordinanza che conferma la misura della quarantena di 14 giorni per chi è stato in Romania e Bulgaria, come già previsto per tutti i Paesi extra Ue ed extra Schengen». Sono le parole, affidate ai social, del Ministro della Salute, Roberto Speranza. «Nella stessa ordinanza - continua Speranza...

Facebook: per il famoso social network difficoltà nel condividere i link

Dal primo pomeriggio di mercoledì 29 luglio, gli utenti di Facebook devono far fronte a numerosi problemi nella condivisione di link. I problemi del noto social network riguardano la creazione delle anteprime dei link, con titoli o foto mancanti. Ci auguriamo che in giornata possa risolversi la faccenda...

Azamara punta sulle crociere in Europa: nel 2021 tappe anche in Costa d'Amalfi

Il settore delle crociere è stato uno dei più colpiti dall'emergenza Covid-19. Decine di ammiraglie all'ancora, migliaia di licenziamenti, vendita o rottamazione delle navi più vecchie e meno efficienti, cancellazione di tutte le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria. Il blocco totale dell'industria...

Proroga emergenza al 15 ottobre, Conte: «Decisione inevitabile»

La notizia era nell'aria da tempo, ma ieri è arrivata l'ufficialità. Il Senato ha approvato la mozione della maggioranza che proroga lo stato di emergenza fino al 15 ottobre con 157 sì, 125 contrari e 3 astenuti. «La proroga - afferma il premier Conte in Senato - è inevitabile e legittima, il virus continua...