Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 43 minuti fa S. Costanzo martire

Date rapide

Oggi: 12 dicembre

Ieri: 11 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniCultura Eventi & Spettacoli"Terre d’amore: Cilento e Costiera" a San Valentino presentazione del libro del professore Liuccio ad Amalfi

Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Cultura, Eventi & Spettacoli

"Terre d’amore: Cilento e Costiera", a San Valentino presentazione del libro del professore Liuccio ad Amalfi

Scritto da (Redazione), domenica 10 febbraio 2013 17:56:55

Ultimo aggiornamento sabato 6 aprile 2013 09:57:26

Sarà presentato ad Amalfi giovedì 14 febbraio, nel giorno di San Valentino, l'ultimo lavoro del professore Giuseppe Liuccio "Terre d'Amore: Cilento e Costa d' Amalfi" (Delta 3 Edizioni). Una raccolta di "lettere postume" indirizzate a personaggi del mito e della storia di Amalfi e del Cilento, che da sempre costituiscono punto di riferimento d'amore e di cultura come fonte di ricerca e di ispirazione per l'autore.

Alle 17,30, presso il Salone Morelli, ci saranno amici ed estimatori del docente, giornalista e scrittore, cilentano di nascita e amalfitano d'adozione, che già hanno garantito la loro presenza.

Ai saluti dell' assessore provinciale alla cultura, Matteo Bottone, del sindaco di Amalfi Alfonso Del Pizzo della professoressa Ermelinda Di Lieto del Centro di Storia e Cultura Amalfitana seguiranno gli interventi di Francesco D'Episcopo dell'Università Federico II di Napoli, del poeta Giuseppe Iuliano, del giornalista Marcello Napoli, e dello scrittore e critico d'arte Paolo Saggese. Le letture di alcuni brani tratti dal libro saranno a cura degli attori Fabio Criscuolo e Vincenzo Oddo, mentre la serata sarà moderata dal direttore responsabile del vescovado.it Emiliano Amato.

Liuccio non fa lo storico, come ama ripetere stesso. Il suo mestiere è quello del giornalista/narratore/romanziere/poeta. E un'opera di narrativa nello stile coinvolgente della prosa poetica, colorata e quasi cinematografica è questo suo libro che porta il lettore alla scoperta di personaggi di Amalfi e della sua costa. E ci appassioniamo, così, alle vicende mitologiche della ninfa Amalfi o a quelle nebulose della personalità controversa di Flavio Gioia. E riscopriamo dogi e vescovi, cardinali e storici, cavalieri e mercanti, spesso dimenticati o poco conosciuti e che pure hanno lasciato tracce indelebili nella storia della città ancora ben visibili in chiese a conventi, in palazzi gentilizi e in ospedali, come interventi urbanistici che hanno cambiato la struttura ed il volto della città.

Ma Liuccio riscopre ed esalta anche personaggi più vicini a noi: poeti e musicisti, pittori ed imprenditori, amministratori pubblici ed uomini di cultura, la cui presenza è ancora testimoniata da monumenti, lapidi e toponomastica. Liuccio li evoca, li chiama in vita e passeggia con loro per piazze e vicoli del Centro Storico, per le celle degli antichi conventi, per le scale, le stanze e i giardini degli alberghi prestigiosi, tra i manufatti cadenti della protoindustria in quell'enclave di grande storia che è la Valle dei Mulini.

La stessa cosa fa per la sua terra di nascita, il Cilento, dove incontra e dialoga con le ninfe sirene Licosa e Camerota, con il nocchiero di Enea Palinuro che lamenta la sua morte nelle grotte viola, ma anche con personaggi della storia che si sono speso per il riscatto del territorio: Spartaco e Pisacane, Il canonico De Luca e Costabile Carducci. Ma c'è posta anche per i filosofi, Parmenide e Vico, il cui Pensiero alita ancora nella conca di Elea come sulle colline luminose di Perdifumo e Vatolla nel Cilento Antico.

«Il mio - spiega Liuccio - è un viaggio d'amore e di cultura attraverso i miei territori dell'anima. E sono onorato ed orgoglioso che a questi mio ultimo lavoro sia stato riconosciuto un premio prestigioso intitolato ad un Grande meridonale e meridionalista, un Uomo del Sud, della verde Irpinia che ha onorato l'Italia nell'Euripa e nel mondo».

E "Terre d'amore: Cilento e Costa d'Amalfi" ha già ottenuto un importante riconoscimento: il premio Francesco De Sanctis 2012.

Di seguito, in anteprima, un assaggio di lettura con la lettera postuma alla Ninfa Amalfi oggi città bella e forte di sito e gente, che apre la Sezione Amalfitana del libro.

Cara Amalfi,

in principio fosti ninfa, tanto bella di grazia e di sorriso da ferire di dolcezza il cuore del rude Ercole, che, innamorato alla follia, dimentico della sua vita di giramondo spavaldo a caccia di pericolose "fatiche", ti fu marito/amante mite tenero e devoto. Alla tua morte girò in lungo e in largo per tutto l'universo a caccia di una sepoltura adeguata e degna della tua sfolgorante bellezza.. Trovatala, ne fece il tuo eterno mausoleo decorandolo con gli alberi dei frutti pastosi ,profumati e squillanti di sole, che aveva rubato nel Giardino delle Esperidi, dopo avere ucciso il guardiano/serpente. La tua storia trasmigrata nella sacralità del mito l'ha immortalata in eleganti distici in latino Pontano, poeta, colto sempre, delicato e sensibile spesso.

I nostri Antichi Padri non furono da meno e ti figurarono come "una donna bella, vestitariccamente di broccato, assettata ad una seggia, con un leone in grembo et una palla,seu mondo,significando Amalfi essere bella e forte di sito e gente"

Mia cara ninfa materializzata in città con tutto il fascino del tuo mistero e lo splendore della tua bellezza,.in te si avverte una cifra impalpabile, ma vera; ed è la luce.Luce è il mare, luce il cielo ed il vento che insieme veleggiano tra le case. Luce a primavera nell'arabesco colorato delle colline, luce in estate nella sospensione assorta e smemore del giorno, luce in autunno nelle malinconie assopite delle foglie ramate, luce anche in inverno quando altrove si fa "agra e migrante e qui si ferma, si incide nelle insenature e vi si riposa come in un nido" C'è luce anche nei vicoli che s'imbutano nel ventre delle case e che preannunziano chiarori ad esplosione di solarità nei giardini segreti. Qui luce e sole hanno gusto quasi tattile e carnalità di sapori. Il sole è carico di vita come un frutto, i bambini lo succhiano al rosa corallino e al viola perlaceo delle ciliegie, lo spaccano alla polpa succosa delle albicocche, lo mordono nelle pesche gialle, lo spiccano al taglio dei denti, lo sbucciano a fuga di aromi nella compattezza delle arance e dei limoni, lo sbavano nel fuoco delle angurie e dei melloni gialli a mezzaluna..Il sole è quasi adagiato e si diverte a cavalcioni delle onde ed il mare, a sua volta, lo riverbera e lo rifrange sulla pelle, che, anche a distanza, cattura profumi di iodio e sale e lievita emozioni.D'altronde,qui c'è una magica "reciproca metamorfosi tra terra ed acqua" che fa del grappolo di case di Vagliendola un cespo di corallo riemerso e degli scogli intagliati e levigati dal vento e dall'onda pinnacoli gotici a trafiggere il cielo. Tu, mia cara ninfa/città a scivolo sull'acqua, sei un libro pietrificato lungo la costa, le cui pagine spigolose nascondono ed insieme disvelano anse e cale, che sono letti d'amore nella gloria del sole o nel fuoco della luna.E qui più che altrove "Il mare è il Lucifero dell'azzurro. Il cielo caduto per volere essere la luce", tanto per dirla con il grande Federico Garcia Lorca..E case campagne ed orti si rincorrono tra salite a perdita d'occhio e discese ad abbracci di mare con soste a virgola di incroci e pause da svenimento estatico da slarghi precipiti. E cantano epopea di lavoro ed inni alla bellezza in una con la brezza, che, carica di profumi,rotola dalla montagna, pettina gli orti delle colline fino a gorgogliare giù con la risacca,che lenta ingravida le grotte-.Sono chilometri di Paradiso le vie zigzaganti, aorte che pompano vita e lavoro al tuo corpo steso in armonica bellezza da Lone, a Pogerola,a Vettica e a Tovere, nido di rondini sospeso lassù tra falesie di monti e cupole di cielo.E tu, ninfa/città di grazia e d'armonia, continui a regalare frutti pastosi, memore del dono del Giardino delle Esperidi nei tanti ettari coltivati a limoneti e a vigneti, che straripano dai terrazzamenti fino ad invadere il centro storico lungo il Chiarito a Valle dei Mulini o sui dorsali accecanti di sole di Madonna del Rosario e Capodicroce.

Mia cara città/ninfa, ancora poche ore e comincia la frenetica vigilia d'addio al 2011.L'anno che muore si vena di malinconia e quello che nasce ha rari spazi di entusiasmo.Il futuro è a luce intermittente come le palline colorate degli alberi, addobbati con parsimonia consigliata dalla crisi.Ma la tradizione vuole gli auguri allegri e festosi. Ed auguri siano, scoppiettanti come i fuochi d'artificio. frizzanti come una spumeggiante coppa di champagne.Che tu possa corservarti sempre seducente, nonostante i tanti, troppi, attentati alla tua bellezza. Che gli amministratori curino le tue ferite ridando splendore ed armonia ad ogni parte del tuo corpo, a cominciare dalle articolazioni anchilosate e intorpidite delle periferie per finire alla luminosità del tuo volto del centro storico spesso involgarito da trascuratezza nell'arredo urbano e dalla mancanza di cura nei particolari. Che tutti (amministratori, operatori turistici e la più vasta società civile) ritrovino ed esaltino l'etica della responsabilità, smettano i panni di Ercole rude, spavaldo ed un pò arruffone ed indossino quelli del marito/amante sensibile, delicato, tenero, ferito di dolcezza d'amore e ti rendano sempre più accogliente e seducente come si addice ad una regina, come ti figurarono gli Antichi Padri "riccamente vestita di broccato, bella e forte di sito e gente". Che tutti sappiano raccogliere dal ricco scrigno dei tuoi tesori la tua eredità più preziosa: LA CULTURA

Quanto a me, mi auguro che sia sempre più fecondato dall'uragano delle emozioni che mi hai sempre dato e dallo stato di grazia di tradurle nella carnalità delle parole che si fanno poesia, che, per dirla con il grande Adonis, è sempre "luce di parole e parole di luce", come ho cercato di renderti in un momento di felicità espressiva nella sonorità contagiosa del nostro dialetto.."Amalfi è nu quadro/pittato c'ammore/'nfunnenno 'o penniello/ cu mille culure./Amalfi è poesia/scippata d'o core/è musica doce/sunata d' 'o mare/Amalfi è n'addore/purtato d' 'o viento/ca passa cantanno/ pe' mmiez'e limune./Amalfi è nu suonno/sunnato scetato/c'o sole int'a ll'uochhie/guardanno 'ncantato"

Con l'amore di sempre.

Tuo

Giuseppe Liuccio

g.liuccio@alice.It

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cultura, Eventi & Spettacoli

Scrittrice messicana Valeria Luiselli ospite e Scala Incontra New York

Sabato 16 dicembre alle 11 e 30, nell'aula consiliare del municipio di Scala, la scrittrice di origine messicana Valeria Luiselli sarà ospite della rassegna "Words in Journey - parole in viaggio" ideata e diretta dallo scrittore napoletano Angelo Cannavacciuolo nell'ambito dell'edizione 2017 di "Scala...

"In Nome della Madre" in scena il 22 dicembre negli Arsenali di Amalfi

"In Nome della Madre" è il titolo dell'opera teatralizzata, tratta dall'omonimo romanzo breve dell'autore napoletano Erri De Luca, riadattato Alfonso Minutolo, che sarà portata in scena il prossimo 22 dicembre negli Arsenali di Amalfi dall'associazione culturale Kaleidos nel corso delle festività natalizie....

Costa d'Amalfi, al via le attività natalizie della Croce Rossa

Prende il via oggi, domenica 10 dicembre, il ricco programma di eventi natalizi promosso dal comitato di Croce Rossa Italiana per la Costiera Amalfitana. Oggi a Positano, presso l'asilo Luigi Rossi, la tombolata per gli anziani. Si prosegue domenica 17 dicembre, sempre a Positano, con il Pranzo di Natale....

Ravello, stasera il Gran Galà della Musica: ecco i 14 finalisti

Sono quattordici i concorrenti finalisti del Gran Galà della Musica di Ravello che stasera, dalle 18, all'auditorium "Oscar Niemeyer" chiude la tre giorni di selezione del nono Concorso Internazionale di Canto Lirico - Ravello Città della Musica. Settanta i partecipanti, giovani talenti provenienti da...

A Tramonti "Il Mosto che diventa vino"

A Tramonti, nella meravigliosa cornice della Cappella Rupestre, domenica 10 dicembre dalle 10.30 si svolgerà la dodicesima edizione de "Il Mosto che diventa vino". L'Associazione Gete, nata nell'omonima frazione di Tramonti dall'impegno di ventisei soci - coltivatori e appassionati - promuove anche quest'anno...