Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. M.Maddalena di Marsiglia

Date rapide

Oggi: 22 luglio

Ieri: 21 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Ravello Festival 2018 #Ravello18 laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCultura Eventi & Spettacoli"Il valore del brand UNESCO" Amalfitano illustra l'esempio Ravello

Ravello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera Amalfitana Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Cultura, Eventi & Spettacoli

"Il valore del brand UNESCO", Amalfitano illustra l'esempio Ravello

Scritto da (Redazione), giovedì 10 novembre 2011 00:00:57

Ultimo aggiornamento venerdì 11 novembre 2011 13:47:48

Per la prima volta dalla sua costituzione (1950), la Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO, organismo di cui fa parte anche la Costa d'Amalfi, ha avvertito l'esigenza di rilevare la propria immagine percepita presso l'opinione pubblica e gli opinion makers (rappresentanti del mondo della cultura, delle istituzioni e delle aziende).

I risultati dell'indagine nazionale "Il valore del brand UNESCO" sono stati presentati oggi alle istituzioni, alla business community e alla stampa, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri a Roma, con interventi di Giovanni Puglisi, Presidente Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO e Rettore IULM, dott. Mario Abis, Presidente Abis analisi e strategie / Makno, Alain Elkann, presidente Fondazione CittàItalia, Secondo Amalfitano, direttore del complesso monumentale della Villa Rufolo di Ravello e dell'ing. Claudio Ricci, Presidente Associazione Città e Siti Patrimonio Mondiale UNESCO.

II Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Gianni Letta, che non è potuto intervenire personalmente per sopraggiunti impegni istituzionali, nel suo messaggio di saluto ha evidenziato un aspetto di particolare interesse che emerge dall'indagine e cioè la "dimensione sociale di UNESCO, cioè quello sforzo saggiamente intrapreso dall'Organizzazione diretto ad avvicinare i cittadini, le istituzioni e le imprese alle proprie iniziative. Il mio pensiero va prima di tutto alee aree del territorio nazionale così duramente colpite dalle alluvioni degli ultimi giorni. Molte delle quali sono da tempo nella lista dei siti riconosciuti come Patrimonio dell'Umanità".

Un approccio innovativo per UNESCO che sposta così l'attenzione dal suo essere organizzazione, distante dai cittadini, a brand, con una sua dimensione sociale che vive nell'immaginario collettivo, soprattutto per effetto del programma Siti Patrimonio dell'Umanità, il più conosciuto almeno in Italia, con ben 50 luoghi e città riconosciuti patrimonio mondiale, tra tutti quelli promossi dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione la Scienza e la Cultura (UNESCO).

Di rilievo l'intervento di Secondo Amalfitano, sull'esperienza di Ravello e della Costa d'Amalfi patrimonio mondiale dell'umanità. Il direttore del maggiore monumento della Città della musica ha sottolineato quanto per un territorio il riconoscimento UNESCO non sia un punto di arrivo, bensì lo stimolo a migliorare e tutelare il patrimonio storico -paesaggistico, consentendone, oltre che alla tutela, lo sviluppo, sfruttando così il brand UNESCO, vero e proprio marchio di qualità.

"Profondissime sono le motivazioni della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO. Insediatasi nuovamente due anni fa, dopo oltre tre anni di vacanza, rinnovata nei suoi membri e nei componenti del Segretariato, dopo aver dedicato il lavoro degli ultimi due anni al rilancio e al consolidamento del proprio ruolo istituzionale, oltre cha a una serie di progetti e iniziative specifici (cito, fra gli altri, la Giornata Mondiale della Filosofia di Palermo, le Giornate Mondiali della Diversità Culturale di Roma, Trieste e Palermo, le Settimane di Educazione allo Sviluppo Sostenibile, il Concerto di Biagio Antonacci per l'UNESCO al Colosseo), la Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO, in effetti, è finalmente pronta a verificare l'impatto del brand dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione la Scienza e la Cultura presso l'opinione pubblica italiana nonché - e in qualche modo conseguentemente - le proprie capacità di veicolarne le politiche, i contenuti e l'immagine nel nostro Paese", spiega il prof. Giovanni Puglisi, presidente della Commissione, nell'introduzione alla pubblicazione integrale dell'indagine.

Il primo rilevante dato è la straordinaria diffusione della conoscenza di base di UNESCO, nota al 98% del campione, cui corrisponde un elevato indice di reputazione vicino all'eccellenza, pari a 76 punti (oltre 70 è considerata area di eccellenza in valori compresi tra 0 e 100). L'Organizzazione, infatti, riscuote un livello di fiducia del 69%, è ritenuta efficace al 75% e l'80% degli intervistati considera importante la sua mission.

A tale notorietà, maggiore presso l'opinione pubblica che sembra legare la positività del giudizio all'autorevolezza delle Nazioni Unite, non sembra però corrispondere una reale e approfondita conoscenza della missione, dei compiti, delle attività e dei risultati di UNESCO. Scavando in profondità emerge una forte identificazione dell'Organizzazione con l'ambito culturale, in particolare con la tutela dei beni culturali (77%) e naturalistici (68%); con la promozione e tutela delle culture locali (64%). Meno diffusa è la conoscenza di promozione e innovazione culturale (50%), di promozione dello sviluppo sostenibile (39%) e di tutela delle biodiversità (39%).

In sintesi, 2/3 del campione riconoscono nella tutela dei beni culturali e naturalistici i principali ambiti operativi di UNESCO, mentre il 40% dichiara di essere a conoscenza delle finalità di promozione della cultura, dello sviluppo sostenibile, dello scambio e sviluppo culturale.

Il divario di conoscenza tra ambiti operativi e filosofia di intervento (tutela vs. promozione) non è correlato al livello di importanza che gli intervistati attribuiscono alle attività alla base della mission UNESCO, ritenute importanti in egual misura (oltre il 75% del campione).

La reale mission di UNESCO, infatti, è la costruzione della pace, perseguibile con la realizzazione di programmi volti a sensibilizzare e informare la società civile (giovani in particolare), le istituzioni e gli enti interessati nei settori della ricerca, dell'educazione e della cultura. "Un obiettivo che solo un'importante apertura multidisciplinare, che spazi dalla valorizzazione della biodiversità a quella della diversità culturale, dalla promozione dell'alfabetizzazione a quella della più raffinata ricerca di base, dalla difesa dei monumenti a quella della libertà di stampa, potrà permetterci di raggiungere", sottolinea il prof. Giovanni Puglisi.

Il riconoscimento dell'importanza delle attività e la fiducia accordata, costituiscono la solida piattaforma sulla quale, nel tempo, UNESCO ha costruito un alto profilo d'immagine presso l'opinione pubblica. Tra i connotati salienti, che ne caratterizzano la fisionomia, spiccano l'internazionalità, l'istituzionalità, il prestigio e l'autorevolezza. L'Organizzazione è cioè percepita come competente e garanzia di qualità. Neutro, invece, il giudizio/valutazione su efficienza ed efficacia.

Uno degli aspetti inediti, indagati nella ricerca, è la trasferibilità del brand UNESCO, ovvero la capacità di proiettare su altri soggetti e iniziative i propri valori e, di conseguenza, di orientare positivamente i comportamenti. Il 75% del campione ritiene che il marchio UNESCO sia importante nella promozione di attività, il 52% lo considera garanzia di qualità, il 40% elemento di eccellenza. UNESCO porta valore aggiunto nella tutela dei beni culturali (88%), nella promozione di beni naturalistici (86%) e in quella dei monumenti (84%). Gli intervistati si dichiarano favorevoli all'inclusione nelle attività proprie di UNESCO di manifestazioni culturali associate all'intrattenimento. Un esempio recente, in tal senso, è il "Concerto per l'UNESCO" di Biagio Antonacci - svoltosi all'Anfiteatro Flavio la scorsa estate e confluito nel primo album live dell'artista (dvd e cd), uscito proprio in questi giorni -, operazione attraverso la quale si stanno raccogliendo fondi da destinare a borse di studio per giovani archeologi provenienti dai paesi in stato di guerra.
Anche gli opinion maker confermano questo approccio e come la rilevanza del brand UNESCO sia principalmente riscontrabile nell'ambito della tutela e della promozione dei beni culturali, soprattutto materiali, in termini reputazionali-simbolici (marchio di qualità, sigillo di prestigio). Meno evidente il valore economico perché indiretto. Esso si può ottenere grazie a politiche capaci di stimolare più visitatori e determinare finanziamenti per lo svilupp. Gli opinion maker individuano due grandi ambiti operativi. Il primo, riguarda larelazione tra UNESCO, istituzioni, territori ed enti culturali per lavorare su progetti culturali (attività di formazione, progetti di arte pubblica, ecc.). Il secondo, riguarda la relazione tra UNESCO e aziende per intraprendere operazioni di co-marketing volte, per esempio, alla promozione congiunta dell'immagine delle imprese partner e dei rispettivi brand; alla cooperazione nella creazione di offerta, nell'acquisizione di nuovi target, nella ottimizzazione dei canali commerciali e delle risorse economiche.

Nella comparazione con le altre organizzazioni internazionali, il dato sulla conoscenza di UNESCO (98%) è in linea con quello delle Nazioni Unite, di altre agenzie dell'ONU (Unicef 99%, FAO 99%) e delle principali organizzazioni non governative (Croce Rossa 99%, Medici Senza Frontiere 99%, WWF 99%), anche se relativamente a queste ultime c'è una conoscenza più marcata della mission e delle attività poste in essere. Per contro, la notorietà di UNESCO risulta nettamente superiore a Fondazioni che operano a livello nazionale nell'ambito della cultura (FAI 88%, Italia Nostra 61%).

Pur collocandosi su valori elevati, i livelli di fiducia e i giudizi sull'operato di UNESCO presentano un differenziale rispetto a quelli di altre agenzie dell'ONU e delle principali agenzie non governative. Questo è da mettere in relazione con: a) una maggiore rilevanza attribuita alle questioni di assistenza umanitaria rispetto alle issue di tutela artistico/culturale relative alla mission di UNESCO; b) una minore presenza mediatica in quanto UNESCO fa meno notizia (è meno attraente per i media) ed ha una minore attività di comunicazione mediatica (sponsorizzazioni, testimonial, ecc.).

A soffermarsi sulla comunicazione UNESCO sono soprattutto gli opinion maker che la vorrebbero più interattiva e relazionale, attenta alle potenzialità delle nuove tecnologie in particolare del Web 2.0, maggiormente legata a iniziative concrete. La comunicazione appare infatti molto istituzionale, alimentando un senso di vaghezza e genericità degli obiettivi e di scarsa efficacia delle azioni, che nuoce all'effettiva capacità di coinvolgere e sensibilizzare il pubblico sui temi dell'educazione, della scienza e dello sviluppo.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cultura, Eventi & Spettacoli

La bacchetta di Jérémie Rhorer al Ravello Festival con "Le Cercle de l'Harmonie", nel segno di Mozart

Domenica 22 luglio (ore 20) terzo appuntamento con la grande musica della 66esima edizione del Ravello Festival. In cartellone un altro appuntamento imperdibile con una delle bacchette più interessanti del panorama internazionale, Jérémie Rhorer. Il direttore artistico della sezione musica, Alessio Vlad,...

Amalfi Coast Music & Arts Festival: a Maiori concerti stasera e domani

Fine settimana all'insegna del pianoforte nella bellissima chiesa, in stile barocco, di San Domenico, a Maiori. Venerdì 20 e sabato 21 luglio per il 23° Amalfi Coast Music & Arts Festival sono attesi altri giovani talentuosi pianisti, di tante nazionalità diverse, per la sezione "Young artist concert...

Cetara, 22 luglio cerimonia di consegna dei Premi costadamalfilibri 2018

Sarà un momento di raccoglimento e di riflessione per i più dei 300 bambini, scappati dalla fame e dalle guerre, morti nel Mediterraneo, ad aprire il 22 luglio nella Piazza San Francesco di Cetara la serata finale della XII edizione di..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, con l'intervento...

Scala, 23 luglio "Open Day" al Micronido

Open day, lunedì 23 luglio al Micronido di Scala. All'appuntamento, con inizio alle 10, promosso dal Comune di Scala. interverranno il sindaco Luigi Mansi, il vice Ivana Bottone, assessore alle Politiche sociali e il rappresentanti dell'Ufficio di Piano Ambito S2, Claudio Romano, presidente Cooperativa...

Notte del jazz Ecm: al Ravello Festival doppio set con Theo Bleckmann, Stefano Battaglia e Michele Rabbia

Tra gli eventi più attesi del Ravello Festival 2018 c'è sicuramente "An evening with ECM", la serata dedicata ad una delle etichette discografiche che maggiormente hanno inciso sul modo di ascoltare e concepire la musica. La serata di sabato 21 luglio (ore 21) sul Belvedere di Villa Rufolo sarà articolata...