Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Apollinare

Date rapide

Oggi: 23 luglio

Ieri: 22 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Ravello Festival 2018 #Ravello18 laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCultura Eventi & SpettacoliAl Belvedere di Villa Rufolo l'Orchestra del San Carlo suona Wagner. Concerto in diretta streaming

Il rapporto Regan-Gorbaciov durante Guerra Fredda nella tesi di laurea di Angela Citarella, originaria di Minori

200 anni fa la soppressione del Vescovado di Ravello: 31 luglio giornata di studi [PROGRAMMA]

Ravello, 23-25 luglio limitazioni notturne a traffico per tinteggiatura tunnel grande

Adrienne Bailon se la gode a Positano: sole e relax per l'ex Cheetah Girl

Torna la pioggia, lunedì 23 luglio allerta Gialla in Campania

Rami Malek e Lucy Boynton: vacanza in Costiera per gli attori del biopic sui Queen

Nove giorni dopo la maturità trova il posto fisso: Alfonso di Ravello assunto in Enel

Ernest Hemingway e Amalfi, partendo da “Addio alle Armi”

Il medico e l’empatia con il paziente, convegno a Ravello nel nome di San Pantaleone

Ravello, Soprintendenza blocca lavori rampa Auditorium. Disagi viabilità continuano

A Ravello è lotta ai procacciatori di clienti per negozi e ristoranti. Sindaco: «Ne va della buona reputazione del paese»

Vacanze in Costiera per Michael Jordan: leggenda Nba a cena a Positano

Paul McCartney in Costiera: l'ex Beatles ospite sullo yacht del produttore David Geffen

La bacchetta di Jérémie Rhorer al Ravello Festival con "Le Cercle de l'Harmonie", nel segno di Mozart

22 luglio, Atrani festeggia la Maddalena: fuochi alle 23,45 [PROGRAMMA]

Il Sarchiapone atranese

Il basilico e le sue proprietà antinfiammatorie e antibatteriche

Operazione antidroga a Vietri: 23enne con cocaina e bilancini in casa, arrestato

Maiori, 24 luglio sospensione erogazione idrica

Vietri sul Mare, sindaco Benincasa resta sospeso

Ravello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera Amalfitana Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Cultura, Eventi & Spettacoli

Al Belvedere di Villa Rufolo l'Orchestra del San Carlo suona Wagner. Concerto in diretta streaming

Scritto da (Redazione), venerdì 12 luglio 2013 14:19:07

Ultimo aggiornamento venerdì 12 luglio 2013 23:28:16

Sabato 13 luglio sarà il giorno del concerto dedicato al nume tutelare della "Città della Musica".

A salire sul palco del Belvedere di Villa Rufolo (ore 20) sarannol'Orchestra e il Coro del Teatro di San Carlo diretti per l'occasione da Hartmut Haenchen.

Dopo l'esibizione dello scorso marzo dedicata a Giuseppe Verdi, la formazione del massimo napoletano, ritorna nella perla della Costiera Amalfitana per l'omaggio a Richard Wagner nell'anno del bicentenario dalla nascita. Il programmamonografico della serata propone brani sinfonici e pagine corali dai titoli d'opera più celebri, chenel loro insieme ripercorrono i tratti, le sfumature, le evoluzioni e le invenzioni, nei diversi periodi creativi, della scrittura di uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi.

Con Orchestra e il Coro del Lirico di Napoli preparato da Salvatore Caputo, Haenchen aprirà il concerto con l'"Entrata degli ospiti" dal "Tannhäuser" e con il "Preludio al III atto" e la "Marcia nunziale" di "Lohengrin".A seguire, uno dei "pilastri" della musica moderna: "Preludio e morte" da "Tristano e Isotta". Seguono la celeberrima Cavalcata delle Valchirie e "Morte di Sigfrido e Finale" da "Il Crepuscolo degli Dei", l'opera che chiude la tetralogia de "L'Anello del Nibelungo".

Il concerto termina con due estratti, "Preludio e Corale", "Coro Finale Wach auf", dall'unica opera non tragica del genio di Lipsia, "I Maestri Cantori di Norimberga", nella quale trionfano toni di intensa solarità.

Profondo conoscitore del repertorio di Wagner, Hartmut Haenchen è un personaggio di primissimo piano nella vita musicale internazionale, diventato uno dei più grandi direttori wagneriani del nostro tempo, come lo ha definito proprio la critica tedesca. "Al tempo della mia gioventù nella DDR - spiega il maestro ripercorrendo la sua esperienza- Wagner era, per ragioni ideologiche, in gran parte tabù. Si può dire che l'ho studiato illegalmente. Ho dovuto introdurre illegalmente nel Paese addirittura le mie partiture.

Al tempo di Wagner - sottolinea rispondendo auna domanda sull'accostamento di Wagner con il nazi-fascismo - non c'era l'Impero tedesco. I critici devono considerare che negli anni ‘30 lo stile di interpretazione delle composizioni di Wagner cambiò profondamente e tutto divenne essenzialmente più lento e ampolloso, cosa che condusse al fraintendimento al tempo di Hitler. Wagner è stato probabilmente tra i primi grandi artisti ad avere una visione di Europa unita. Il suo antisemitismo - conclude - è un altro capitolo e non si può nascondere che Wagner aveva una personalità molto problematica e complessa".

Il concertoè realizzato in collaborazione con l'Istituto Banco di Napoli - Fondazione e grazie alla collaborazione tra Fondazione Ravello e u-sophia, piattaforma internazionale di live-streaming, per la prima volta, sarà possibile ascoltarlo collegandosi al sito www.u-sophia.com.

www.ravellofestival.com. Per info e prenotazioni 089.858422, boxoffice@ravellofestival.com.

PROGRAMMA

Sabato 13 luglio, ore 20.00

Belvedere di Villa Rufolo

Concerto Wagneriano

Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo

Direttore Hartmut Haenchen

Maestro del coro Salvatore Caputo

Richard Wagner (1813 - 1883)

Tannhäuser | Entrata degli ospiti

Lohengrin | Preludio III atto e Marcia nunziale

Tristan und Isolde | Preludio e Morte di Isotta

Die Walküre | Cavalcata delle Valchirie

Götterdämmerung (Il crepuscolo degli dei) | Morte di Sigfrido e Finale

Die Meistersinger von Nürnberg (I maestri cantori di Norimberga) |Preludio e corale | Coro e Finale "Wach auf"

Nel bicentenario della nascita di Richard Wagner

Posto unico € 50

BIOGRAFIE

Hartmut Haenchen - Direttore

"Hartmut Haenchen è senza dubbio uno dei grandi direttori wagneriani del nostro tempo" (Opernwelt).

Hartmut Haenchen occupa un primissimo posto nella vita musicale internazionale. Cresciuto nella ex Germania dell'Est, ha consolidato le sue esperienze musicali non soltanto con le orchestre della DDR ma, malgrado le severe restrizioni del regime, anche con celebri orchestre occidentali, compresa l'orchestra dei Berliner Philharmoniker e del Concertgebouw.

Abbandonato il suo paese natale Hartmut Haenchen si stabilisce in Olanda dove diventa direttore musicale della Netherlands Philharmonic Orchestra e della Netherlands Opera.

Nei tredici anni di questo incarico dirige una grande quantità di partiture di Strauss, Mozart, Wagner,Verdi, Puccini, Èajkovskij, Gluck, Haendel, Berg, Reimann Šostakoviè e Mussorgskji; grande successo ottiene un Ring per la regia di Pierre Audi (disponibile anche su CD e DVD), che verrà ripreso nel 2012/14 per celebrare il bicentenario di Wagner.

Altre produzioni, sempre ad Amsterdam, includono Die Soldaten, Tannhäuser, Capriccio, e una nuova produzione di Fliegender Holländer, uscita recentemente in DVD con ottime critiche.

Hartmut Haenchen, particolarmente noto ed apprezzato per le sue interpretazioni di Richard Strauss, Wagner e Mahler, collabora con orchestre di tutto il mondo: Stockholm Philharmonic, Oslo Philharmonic, Montreal Symphony Orchestra, Japan Philharmonic, Kioi Sinfonietta, Tonhalle di Zurigo, Gewandhaus Orchester Leipzig, Sächsische Staatskapelle Dresden, WDR Köln, Orchestre Philharmonique de Radio France, Orchestre National de France e l'Orchestre de Paris. Progetti recenti includono un ciclo Mahler con l'Orchestre du Théâtre Royal de la Monnaie, un ciclo Strauss con la Royal Stockholm Philharmonic; seguiranno impegni alla Dallas Symphony Orchestra, all'Orchestre National du Capitole de Toulouse e alla Yomiuri Nippon Symphony Orchestra.

Numerose e importanti le sue presenze nei maggiori teatri d'opera: recentemente a Londra / Covent Garden per Salome (2010), a Parigi / Opéra National per Salome (2006), Capriccio (2007), una nuova produzione di Parsifal (2008), Lady Macbeth di Mtsenk (2009) che gli è valsa il Grand Prix de la Critique e Wozzeck per l'inaugurazione della stagione 2009/10.

A Tokyo per Wozzeck, a Toulouse per Elektra, a Bruxelles / La Monnaie per una nuova produzione di Parsifal, cui è andato un'altro Prix de l'Europe 2010.

Altri impegni lo vedranno dirigere Der fliegende Holländer alla Scala, Tannhäuser e Daphne a Toulouse, nuove produzioni di Boris Godunov e Lohengrin al Teatro Real di Madrid, e di Parsifal alla Royal Opera di Copenhagen.

Harmut Haenchen ha realizzato oltre 120 registrazioni con diverse orchestre per le etichette Berlin Classics, Capriccio, Naxos, PentaTone, Philips, Sony Classical, Vanguard e ICA Classic, inclusa una discografia completa con la Carl Philipp Emanuel Bach Chamber Orchestra.

Recentemente è stato attribuito il Diapason d'oro al DVD pubblicato dalla ICA Classic con la VI Sinfonia di Mahler.

Oltre all'attività direttoriale, Hartmut Haenchen è autore di vari testi musicali, tra cui fondamentali contributi saggistici su Wagner e Mahler.

Nell'ottobre 2008 gli è stata conferita la Croce Federale al Merito della Repubblica tedesca, in riconoscimento del suo eccezionale contributo alla musica e alle arti.

Orchestra del Teatro di San Carlo

Non sappiamo chi fossero i musicisti chiamati ad eseguire, il 4 novembre del 1737,Achille in Scirodi Domenico Sarro, prima opera rappresentata al San Carlo. Sappiamo, però, che da quel giorno la musica in Teatro, più forte di guerre e di incendi, non si è mai fermata, e che un'Orchestra è sempre stata in pedana o in buca a dare forma ad emozioni e suggestioni dal sapore forte.

L'Orchestra del San Carlo ha avuto l'onore, nell'Ottocento, di essere destinataria di opere scritte da Rossini, Bellini, Donizetti e Verdi. Quest'ultimo, in particolare, nel periodo in cui fu a Napoli per montare la partitura di "Aida", volle dedicare alle prime parti dell'Orchestra del San Carlo il suo unico Quartetto d'archi, il cui manoscritto è tuttora custodito presso il Conservatorio di San Pietro a Majella.

Una vera e propria familiarità con il repertorio sinfonico l'Orchestra l'acquisirà soprattutto nel Novecento. Ma già il 18 aprile del 1884, il giovane Giuseppe Martucci saliva sul podio per dirigere l'ensemble sancarliano in un programma corposo, con musiche di Weber, Saint-Saëns e Wagner. Non si contano i nomi di grandi direttori propostisi alla guida del complesso napoletano: da Toscanini (nel 1909) a Victor de Sabata (1928), per non dire dei compositori Pizzetti e Mascagni. Una data da non dimenticare, poi è quella dell'8 gennaio 1934, giorno in cui Richard Strauss regala al pubblico e all'ensemble del Teatro un concerto interamente formato da musiche proprie. A cavallo del secondo conflitto mondiale e nel decennio che segue, Napoli ed il San Carlo accolgono in Teatro molte altre bacchette di lusso: Gui, Serafin, Santini, Gavazzeni fra gli italiani e Böhm, Fricsay, Scherchen, Cluytens, Knappertsbusch, Mitropoulos per quanto riguarda gli stranieri. Nell'ottobre del 1958, poi, è Igor Stravinsky a guidare l'ensemble napoletano.Gli anni Sessanta vedono avvicendarsi sul podio, invece, due giovanissimi emergenti: Claudio Abbado, che fa il suo esordio nel 1963, e Riccardo Muti nel 1967.

Intanto i complessi del Teatro si fanno apprezzare anche fuori dai confini nazionali, grazie ad una serie di prestigiose tournée: il San Carlo è il primo teatro italiano a recarsi all'estero, dopo la seconda guerra mondiale. Succede in occasione della trasferta al Covent Garden di Londra, nel 1946. Nel 1951, poi, è ospite del Festival di Strasburgo e prende parte, all'Opéra di Parigi, alle celebrazioni per i cinquant'anni dalla morte di Verdi. Dopo il Festival delle Nazioni a Parigi, nel 1956, e quello prestigioso di Edimburgo, nel 1963, il San Carlo si lancia in un lungo tour brasiliano, nel 1969. È a Budapest nel 1973, a Dortmund nel 1981, a Wiesbaden nel 1983, 1985 e 1987; infine, conFlaminiodi Pergolesi, negli Stati Uniti, a Charleston e New York. Negli anni Ottanta, in cui si rivedono Muti e Gavazzeni, l'Orchestra trova in Daniel Oren un punto di riferimento assiduo, specie in ambito teatrale. Nella decade successiva, inaugurata dalla collaborazione intensa con Salvatore Accardo, si assiste ad un deciso rilancio dell'attività sinfonica, testimoniato dalle collaborazioni del gruppo con direttori illustri: per tutti citeremo Giuseppe Sinopoli (che dirige unaMessa da Requiemverdiana nel 1998) e Lorin Maazel, sul podio nel dicembre 1999 per una Nona di Beethoven molto applaudita.

Sulla scia di queste prestigiose gratificazioni, l'Orchestra del San Carlo - rinnovata e ringiovanita in molte parti - ritrova al proprio fianco altre bacchette famose, come quelle di Georges Prêtre, Rafael Frühbeck de Burgos, Mstislav Rostropovic, Gary Bertini, Djansug Khakidze, Jeffrey Tate ed approfondisce il grande ed impegnativo repertorio mahleriano e bruckneriano, fino ad allora meno frequentato, tuffandosi poi con maggiore convinzione nel Novecento musicale, sotto la guida - tra gli altri - di Gustav Kuhn, dello stesso Bertini e di Gabriele Ferro. Con Ferro, nel settembre 2001, i complessi sancarliani hanno portato il dittico stravinskianoPerséphone-Oedipus Rexnell'antico teatro di Epidauro, in Grecia, esibendo un cast di lusso, con Gérard Depardieu e Isabella Rossellini. Nel giugno 2005 è stata protagonista, nelle città giapponesi di Tokyo e Kyoto, di due opere verdianeLuisa MillereIl Trovatoree nel 2005 è stata a Pisa, con leCantate per San Gennaro(revisione musicale di Roberto De Simone), ospite del Festival Internazionale di Musica Sacra "Anima Mundi". Nell'ottobre 2007 una tournée al Teatro alla Scala di Milano ha permesso all'Orchestra di esibirsi con due recite deIl Socrate Immaginariodi Giovanni Paisiello (direttore M° Antonino Fogliani - regia Roberto De Simone) e in un concerto sinfonico diretto da George Pehlivanian. L'Orchestra ha contribuito in modo significativo alla doppia conquista del prestigioso Premio "Abbiati", assegnato dalla critica musicale italiana nel 2002 aKönigskinder(« ...Jeffrey Tate - si legge nella motivazione - ha conseguito dall'Orchestra disciplina cameristica e slanci romantici ») e, nel 2004, aElektra.

Direttore Musicale: Nicola Luisotti

Segretario Artistico: Francesco Andolfi

Coro del Teatro di San Carlo

La storia del Coro fonda le sue radici nell'Ottocento, periodo di intensa e raffinata attività. Le prime notizie relative ad un ensemble vocale stabile del Teatro di San Carlo risalgono agli anni Venti del secolo scorso, a quando, cioè, il Maestro Giuseppe Papa, reduce dai successi ottenuti alla Scala, a Madrid ed al Colon di Buenos Aires, decide di stabilirsi nuovamente a Napoli, già tappa d'inizio della sua carriera, organizzando in pochissimo tempo un complesso corale di ottime qualità.

Bisognerà però attendere la stagione 1951-1952 perché il Coro diventi un elemento di riferimento abituale per la vita del Teatro, contribuendo regolarmente al prestigio delle stagioni d'opera e tenendo viva, così, una tradizione particolarmente sentita a Napoli. Pur senza fornire nomi e dettagli, infatti, già le cronache dell'Ottocento riferiscono di un'attività corale, in Teatro, raffinata ed intensa. Nel 1820, ad esempio, al pubblico napoletano viene presentato l'oratorio Die Schöpfung di Haydn, mentre nel 1893 è il turno de "La damnation de Faust", titoli, l'uno e l'altro, ritornati di recente al centro degli interessi dell'ensemble. Due musicisti, in particolare, hanno scandito la storia del complesso sancarliano negli ultimi cinquant'anni.

Parliamo di Michele Lauro e di Giacomo Maggiore: il primo Maestro del Coro per oltre vent'anni a partire dal 1951, l'altro alla testa del gruppo per un periodo di tempo quasi identico, fino al 1994. Prima ancora, però, frequenti - anche se non stabili - erano stati i rapporti del complesso con Roberto Benaglio, prestigioso didatta molto attivo alla Scala ed alla Staatsoper di Vienna.

In anni recenti si sono succeduti: José Luis Basso, Andrea Giorgi, Martino Faggiani, Francesco Pareti, Luigi Petrozziello e Fausto Regis. Dal dicembre 2001 al maggio 2004, Maestro del Coro è stato Ciro Visco, dopo di lui Carmelo Columbro fino all'ottobre del 2005, mese in cui è subentrato Marco Ozbic. Attuale Direttore del Coro è Salvatore Caputo

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cultura, Eventi & Spettacoli

200 anni fa la soppressione del Vescovado di Ravello: 31 luglio giornata di studi [PROGRAMMA]

Il 16 febbraio del 1818, a Terracina, Pio VII, rappresentato dal cardinale Ercole Consalvi, e Ferdinando I re delle Due Sicilie, rappresentato da Don Luigi de Medici, «per riparare i disordini che nelle materie ecclesiastiche si sono introdotti nel regno», determinarono di «stabilire una nuova convenzione»,...

Il medico e l’empatia con il paziente, convegno a Ravello nel nome di San Pantaleone

"Etica assistenziale ed etica gestionale" è il tema del Convegno che l'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Salerno, in collaborazione con l'Università degli Studi di Salerno, l'Azienda Ospedaliera Universitaria "San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona", l'Asl di Salerno,...

La bacchetta di Jérémie Rhorer al Ravello Festival con "Le Cercle de l'Harmonie", nel segno di Mozart

Domenica 22 luglio (ore 20) terzo appuntamento con la grande musica della 66esima edizione del Ravello Festival. In cartellone un altro appuntamento imperdibile con una delle bacchette più interessanti del panorama internazionale, Jérémie Rhorer. Il direttore artistico della sezione musica, Alessio Vlad,...

Amalfi Coast Music & Arts Festival: a Maiori concerti stasera e domani

Fine settimana all'insegna del pianoforte nella bellissima chiesa, in stile barocco, di San Domenico, a Maiori. Venerdì 20 e sabato 21 luglio per il 23° Amalfi Coast Music & Arts Festival sono attesi altri giovani talentuosi pianisti, di tante nazionalità diverse, per la sezione "Young artist concert...

Cetara, 22 luglio cerimonia di consegna dei Premi costadamalfilibri 2018

Sarà un momento di raccoglimento e di riflessione per i più dei 300 bambini, scappati dalla fame e dalle guerre, morti nel Mediterraneo, ad aprire il 22 luglio nella Piazza San Francesco di Cetara la serata finale della XII edizione di..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, con l'intervento...