Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Calogero eremita

Date rapide

Oggi: 18 giugno

Ieri: 17 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Hotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi Coast Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCultura Eventi & SpettacoliA Villa Rufolo "Tra forma e spazio" mostra di Giuliana Balice

Ravello, al sito archeologico della Trinità tornano le lezioni di Yoga al tramonto

Abbandono rifiuti, a Maiori telecamere mobili e nascoste a sorprendere i trasgressori

Ravello Concert Society, gli appuntamenti infrasettimanali con quartetto d'archi e pianoforte

Prima il sole poi l’improvviso acquazzone: fuga dalle spiagge della Costa d'Amalfi, caos e disagi

Depurazione Vietri, interviene Michele Benincasa (PD): «Se condotta si rompe chi paga i danni?»

Il richiamo della natura: i bambini della Costiera Amalfitana che imparano le costellazioni e i nomi degli insetti al campo scuola di Acarbio

Ad Atrani il Premio Rossellini di ...incostieraamalfitana.it a Roberto Lombardi

Vacanze in Costiera per la modella Gabriella Lenzi, ex fiamma di Neymar

Campania: tutti NEET?

Laura Benanti: per l'attrice di "Supergirl" vacanza al largo di Positano

Controlli dei Carabinieri tra Erchie e Positano per contrasto a guida in stato di ebbrezza

Costiera: dove il turismo si fa bene

Aeroporto Salerno-Costa d'Amalfi, storia di un decollo mai avvenuto

Asl Salerno: direttore generale Giordano trasferito a Napoli, per Sindaco di Positano «grande perdita»

Ad Amalfi un workshop di dizione e comunicazione

800 metri di nuovo asfalto sulla Sp 2 Maiori-Tramonti [FOTO]

All'Auditorium di Ravello il Music Art Food dei Giovani di Confindustria Salerno

La ciliegia e le sue proprietà antinfiammatorie

ASD Polisportiva Tramonti, al via le iscrizioni per il 1° torneo di calcio a 8

Conca dei Marini, revocato divieto di balneazione

Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Cultura, Eventi & Spettacoli

A Villa Rufolo "Tra forma e spazio", mostra di Giuliana Balice

Scritto da (Redazione), lunedì 2 maggio 2011 09:57:10

Ultimo aggiornamento martedì 3 maggio 2011 11:11:55

"Tra forma e spazio" è il nome della mostra antologica (1961 - 2010) della pittrice Giuliana Balice che giovedì 5 maggio, alle 12, sarà inaugurata nelle sale del Museo di Villa Rufolo a Ravello. L'evento, curato da Fabrizio Parachini e promossa dall'art promoter Bruno Mansi in collaborazione con la Fondazione Ravello, pone l'attenzione su tutte le opere rigorosamente non oggettive che nascono da un progetto e da una riflessione dell'artista. Un progetto che è a sua volta sempre un'opera compiuta in sé per la chiarezza del tracciato grafico e del costrutto e si sviluppa, con sembianze sempre diverse, come risposta, o soluzione formale, alla riflessione ininterrotta condotta sui termini possibili di una relazione, cruciale nella scultura, tra spazio, luce e oggetto.

"Se è vero - annota il critico Fabrizio Parachini - , come è stato più volte sottolineato e per ultimo sintetizzato da Massimo Bignardi in un centrato titolo, che quello di 'costruire lo spazio all'immaginario' è sempre stato il programma dell'artista, penso si possa anche affermare che, per raggiungere tale obbiettivo, abbia indagato con rigore la luce e i suoi comportamenti nei riguardi delle forme tridimensionali, pensando la scultura come l'intermediario necessario, fisicamente e socialmente indispensabile, alla sperimentazione produttiva di tale rapporto". Titoli e tecnica delle prime opere sono emblematici. I Bagliori geometrici sono stati realizzati a partire dal 1961 utilizzando carboncino su carta, ovvero il mezzo che meglio riesce a cogliere e rendere il contrasto radicale chiaro-scuro restituendone l'essenza primaria.

Segni ampi e sfumati o stretti e marcati, nei vari aspetti che il nero riesce ad assumere, si intrecciano o si sovrappongono alla stregua di improvvise apparizioni, come indicato verbalmente, configurandosi già, nonostante la bi-dimensione, come una lettura dello spazio per piani visivi frontali posti in successione alla ricerca di una profondità da definire geometricamente.

Una ricerca, questa, che l'artista ha ampliato nelle tempere su tela coeve in cui l'uso di una pasta cromatica spessa nei toni dei marroni ingrigiti, anziché della traccia velata del carbone, è risultato utile per individuare nella materia un ulteriore spessore da correlare all'idea di volume costruito mediante stratificazioni di superfici. Ancora di più rimandano alla luce e alle sue relazioni titoli e opere successive come le Silhouette che fanno la loro comparsa negli anni ottanta insieme ad alcuni Interventi sull'ambiente e bassorilievi.

Le prime sono tempere o inchiostri su carta il cui riferimento nominale a quel genere o stile di pittura che molta fortuna ha avuto nell'arte occidentale tra fine ottocento e inizi novecento, probabilmente su influsso giapponese, non lascia dubbi sulla volontà dell'artista di impiegare ogni strumento utile per dare alla forma una delineazione che sia prodotto di una studiata relazione con il contesto con cui si confronta. E sono sempre proiezioni, ma nello spazio fisico reale, gli interventi sull'ambiente Wall drawing (1981), Bianco convesso (1983) o Diafano Apollineo (1990): proiezioni in negativo, si faccia attenzione, perché quelli tracciati sui muri, e prima sulla carta, sono le ombre perimetrali, ancora una volta le silhouette e non le figure piene, delle forme ipotizzate per dare vita a un luogo tutto da inventare.

Queste idee grafiche, progetti a tutti gli effetti, si dimostrano poi capaci di generare sculture come Delfica e Costruzione lineare, rispettivamente del 1990 e 1997, nelle quali la forma è costruita da una specie di telaio che profila i limiti del volume che, a questo punto, è come se venisse soltanto evocato e reso totalmente attraversabile dalla luce e dallo sguardo che ne diventano quindi parte integrante. Lo stesso sguardo a cui è stata data la possibilità di penetrare le figure può essere il soggetto implicato nel coglierne gli sviluppi plastici.

E l'idea di modularità è un altro tema caro all'artista individuabile in molte sculture, e oggetti, realizzati soprattutto tra gli anni sessanta e settanta. Nike (1967-72) e Torre anomala (1972), per esempio, sono strutture piuttosto articolate dalla superficie in un certo senso sfaccettata, costruite assemblando elementi semplici e ben identificabili già formalmente compiuti.

In questi casi è proprio la reiterazione di qualcosa precedentemente conosciuto singolarmente che crea soggetti plastici nuovi la cui identità trascende quella delle proprie parti costitutive: quello che sulla carta si configurava come un continuum grafico di mutazioni lineari diventa, nella tridimensione, qualcosa che potenzialmente può accrescersi all'infinito sempre uguale e sempre diverso, con tutto ciò che la cosa implica fattualmente e idealmente.

Le sculture di Giuliana Balice, in qualunque momento del suo lungo percorso creativo siano state realizzate, sono sempre volumi puri e essenziali lontani da qualsiasi rimando figurativo e definiti da linee soprattutto rette, o curve dagli ampi raggi e dal tracciato inequivocabile. Descrittivi di una condizione formale statica o dinamica, di un'operazione analitica o processuale intrapresa oppure attinti a figure mitologiche il loro principio di assegnazione è costantemente analogico: come dire idea per idea e immagine evocativa per forma.

La mostra rimarrà aperta dal 5 al 31 maggio.
Orari: tutti i giorni 11- 13/15- 18

Giuliana Balice nasce a Napoli nel 1931, dove si diploma in Pittura nel 1953 presso l'Accademia di Belle Arti. Le sue riflessioni si volgono alle istanze estetiche della contemporaneità e si indirizzano verso il Costruttivismo russo e da De Stijl alla Konkrete Kunst. Negli anni Cinquanta inizia l'attività espositiva e, nel 1958, stabilitasi a Milano, entra in contatto con l'ambiente artistico della città. Raccoglie le sue opere sotto il titolo Bagliori geometrici. La mostra personale al Festival dei Due Mondi a Spoleto, a cura di Domenico Cara e la partecipazione al Premio internazionale Joan Miró a Barcellona, sono del 1966. Si apre il ricco capitolo delle Costruzioni immaginarie, opere tridimensionali monocrome, con minimi scarti di piani in aggetto: progetti costruttivi, solidi, razionali. Queste opere vengono esposte in due mostre personali nel 1969: a Firenze alla Galleria Il Fiore, a cura di Italo Tomassoni, e a Torino allo Studio di Informazione Estetica, a cura di Gillo Dorfles. Segue un periodo di studio e di esperienze su materiali diversi: legno, ferro, acciaio, metacrilato utilizzati in progettazioni e opere prodotte come esempi di ripetibilità seriale. Di questi anni è il fattivo rapporto con la rivista Domus di Milano e con l'omonimo Centro di via Manzoni, dove nel 1971 viene presentata una sua mostra personale, vi realizza tra l'altro, un Intervento sull'ambiente di ampie dimensioni; nel 1972 costruisce a Torino per decisione di Gio Ponti, in occasione di Eurodomus 4 , Nike, quattro metri di modulo, intervento in uno spazio aperto. Nei successivi capitoli: L'idea, il progetto, l'opera compiuta e Interventi sull'ambiente, domina la volontà di ampliare la visione dall'oggetto centrale allo spazio circostante, come si verifica in Bianco convesso, importante e significativo intervento, realizzato al Nuovo Spazio Metropolitano nel 1983 a Milano. Nel 1983 Alberto Sartoris scrive un saggio monografico: Splendore geometrico nell'arte di Giuliana Balice, presentato da Gillo Dorfles e Vittorio Fagone alla Galleria Stendhal di Milano, durante una sua mostra personale, in presenza dell'Autore. Fin dall'inizio degli anni Novanta, si intensifica il rapporto di collaborazione con Zita Vismara e la sua Galleria milanese, che durerà fino al 2005, anno della sua scomparsa, che porterà alla realizzazione di mostre personali, nel 1990 e 1991 e di varie mostre collettive, tra cui: nel 1995 a Francoforte, Art Frankfurt; nel 1996 a Bologna, Artefiera; nel 2004, a Lugano, Mecart 04; nel 2005 a Milano, 40 anni. Nel 1999 partecipa alla XIII Quadriennale - Proiezioni 2000 a Roma, con opere del periodo Equilibrio instabile. Nel 2002 è presente alla mostra Italien-Positionen der Konkreten Kunst al Forum Konkrete Kunst-Peterskirche museum, a cura di Alberto Veca, a Erfurt in Germania. Nel 2003 l'Editrice Napoli c'è pubblica un saggio monografico di Massimo Bignardi che analizza quaranta anni di lavoro: Giuliana Balice - Costruire lo spazio all'immaginario. È presente al Collegio Cairoli dell'Università degli studi di Pavia, in tre mostre progettate da Marco Fraccaro, a cura di Fabrizio Parachini, nel 2007: Il colore dello spirito; L'Arte in collegio - il gioco del domino; nel 2008: 80 Artisti riflettono (su) la luce. Nel 2008 espone presso l'Istituto Italiano di Cultura a Stoccolma: Exibition of Engravings of Ravello a cura di A. Patrizia Fiorillo. Nel 2009 è invitata alla esposizione internazionale: 1919 / 2009 - 90 anni del Bauhaus al Forum Konkrete Kunst-Peterskirche museum, a cura di Heidi Bierwisch a Erfurt in Germania. Opere dell'artista figurano in collezioni e musei italiani e stranieri. www.giulianabalice.it

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cultura, Eventi & Spettacoli

Ravello, al sito archeologico della Trinità tornano le lezioni di Yoga al tramonto

Torna a Ravello "Yoga at sunset" al sito archeologico del Monastero della Santissima Trinità. Si tratta di una lezione di yoga sui ruderi medievali, in programma per tre giovedì: 21 e 28 giugno e 5 agosto dalle 18.30 alle 19.30 luglio dalle 19 e 30 alle 20 e 30 a cura dei maestri Miriam Fasano e Antonietta...

Ravello Concert Society, gli appuntamenti infrasettimanali con quartetto d'archi e pianoforte

Nell'ambito del cartellone della Ravello Concert Society, lunedì 18 giugno, nel complesso monumentale dell'Annunziata di Ravello, l'Hadimova String Quartet si esibisce in un concerto di grande spessore per il quale si annuncia ancora una volta il tutto esaurito. Il primo tempo è interamente dedicato...

Ad Atrani il Premio Rossellini di ...incostieraamalfitana.it a Roberto Lombardi

La dodicesima edizione di ..incostieraamalfitana.itFesta del Libro in Mediterraneo prosegue gli appuntamenti con i "Salotti letterari" con gli autori in concorso per il Premio costadamalfilibri, maiolica realizzata dal maestro ceramista vietrese Nicola Campanile, e le due sezioni "GialloNoir" e "Antologie",...

All'Auditorium di Ravello il Music Art Food dei Giovani di Confindustria Salerno

Il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Salerno, in collaborazione con i Giovani Imprenditori ANICAV, presenta la prima "summer edition" del Music Art Food, in programma venerdì 22 giugno prossimo all'auditorium "Oscar Niemeyer" di Ravello. Quest'anno il contributo andrà al progetto "Comunità...

La Scuola di Danza “Il Balletto” di Salerno spegne venti candeline con uno spettacolo memorabile

La scuola di danza "Il Balletto" di Salerno, diretta da Federica Ferri celebra i suoi primi venti anni di attività: nei giorni scorsi al Teatro Augusteo si è svolto il saggio spettacolo di fine anno con tutte le allieve e diversi artisti ospiti. La serata si è aperta con l'overture affidata all'orchestra...