Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Emilia vergine

Date rapide

Oggi: 17 febbraio

Ieri: 16 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaScurati su La Stampa: «Fiamme a Positano, un crimine contro l’umanità» /FOTO

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Cronaca

Scurati su La Stampa: «Fiamme a Positano, un crimine contro l’umanità» /FOTO

Scritto da (Redazione), mercoledì 29 agosto 2012 13:39:39

Ultimo aggiornamento sabato 1 settembre 2012 09:43:58

di Antonio Scurati, La Stampa - Positano, assediata dalle fiamme, appartiene alla Costiera Amalfitana. La Costiera Amalfitana è, secondo l'Unesco, patrimonio dell'umanità (appartiene, cioè, all'umanità).

Chi ha appiccato l'incendio ai boschi soprastanti Positano ha, dunque, commesso un crimine contro l'umanità.

Il sillogismo è perfetto. Il delitto è bestiale. La misura è colma.

Sto, dunque, con questo sillogismo perfetto proponendo di riformare il codice penale in modo da classificare l'incendio doloso di pregiati patrimoni naturalistici e paesaggistici come crimine contro l'umanità? Sì, lo sto proponendo e, mentre lo propongo, mi costerno e mi vergogno. Sono, infatti, perfettamente consapevole di quali delitti immensi e atroci, immensi e atroci nella loro specificità incomparabile, siano quelli inclusi nella delicatissima fattispecie giuridica dei «crimini contro l'umanità» e so anche quale lungo, tortuoso, terribile itinerario storico e giuridico sia stato percorso per giungere alla definizione di tale reato.

Eppure in me, in tanti di noi, c'è qualcosa che urla vendetta contro questo radioso cielo di un azzurro nitore settembrino, contro questa icona dell'antica, civilissima, ineguagliabile bellezza mediterranea, contro questo splendore solcato dai rotori degli elicotteri antincendio.

Quella civiltà nata proprio in questa culla prescrive che al crimine si opponga la giustizia non la vendetta, impone che le pene siano giuste non esemplari - lo so, tutto questo io lo so - eppure sento che è nostro preciso dovere, di noi uomini e donne che in questo preciso istante calcano questa terra in fiamme sotto questo cielo scosso, dare ascolto e, soprattutto, dare seguito a quella voce che in noi urla vendetta per ottenere giustizia.

Mi perdoneranno i lettori de «La Stampa» questi toni accorati, mi perdoneranno, se possono, forse anche certi spropositi ma il fatto è che io in questo momento sono qui. Mentre scrivo sono qui. Sono nella foto, la foto che ritrae l'antico borgo marinaro di Positano circondato dalle fiamme in cui incenerisce la sua bellezza che già diede luce (ben altra luce) al mondo. Sono qui e ho nelle narici l'odore che mandano i boschi di castagni, di ontani e i coltivi di limoni, vite e ulivi arsi dalle fiamme. Sono stato qui tutto agosto e quel puzzo di bruciato l'ho avuto nelle narici per settimane.

E, più ancora, sono qui da tutta una vita, una vita baciata dalla fortuna di aver avuto in questa terra il paradiso della mia infanzia. Quel puzzo di roghi in tempo di pace l'ho avuto nelle narici fin da bambino, estate dopo estate, anno dopo anno, scandito sul calendario della mia esistenza di uomo con la cadenza infallibile del fatalismo sacrilego: prima viene la festa del Santo e poi, immancabilmente, l'incendio dei boschi. E non ci sono più parole per dire il dolore non perché il dolore sia muto ma perché le abbiamo già spese tutte (io stesso su questo stesso giornale provai in un'altra estate a raccontare il dolore causato dagli incendi sopra Ravello, l'altra perla della «Divina Costiera»).

E non c'è nemmeno più bisogno di analizzare le cause, indagare le dinamiche alla ricerca dei colpevoli (le conosciamo già tutte, spesso le persone del luogo conoscono perfino le identità dei piromani e sanno anche che in molti casi sono interessi economici miserevoli a mandare letteralmente in fumo beni inestimabili). Ora è tempo di agire. Dobbiamo riscuoterci da questo incubo di atavismo feroce e sottosviluppo.

Qualcuno ha scritto che l'unico delitto imperdonabile è quello contro la speranza. Verissimo. Mi permetterei di aggiungere alla lista degli imperdonabili anche il delitto contro la bellezza. Non è sempre vero, ma in casi come questo le due cose vanno insieme. Siamo italiani, siamo meridionali (d'Italia o d'Europa), siamo mediterranei (giù nel Golfo di Salerno come su in Langa). Una certa idea di bellezza, scolpita nel tempo e coltivata dalle generazioni, è quasi tutto ciò che abbiamo.

Proprio per questo motivo sta a noi, noi creatori di quell'idea di bellezza che coincide con un'idea di civiltà, noi spregiatori e traditori di quella stessa bellezza, creare ora una forma giuridica e civica che combatta il crimine contro la bellezza. Alziamoci in piedi, per Dio, e inventiamoci qualcosa.

Lo dobbiamo a noi stessi e ai nostri figli. L'umanità cui la Costiera Amalfitana appartiene è la comunità composta da tutti gli uomini di ogni epoca: dai morti, dai vivi e perfino dai non ancora nati. Quest'ultimo gruppo, non dimentichiamolo, è quello di gran lunga più numeroso (lo affermo senza tema di smentita non perché sia necessariamente vero ma perché se smettiamo di crederlo ci poniamo, a mio modo di vedere, fuori dall'umanità).

Ieri ero a Ravello. Ho portato mia figlia a conoscere Villa Cimbrone, uno dei posti più belli del mondo (e affermo anche questo senza tema di smentita). Perfino a tre anni la bambina sembrava cogliere tutto il sottile fascino di quel capolavoro di civilizzazione che è Villa Cimbrone. Ne era rapita. Poi, d'un tratto, è corsa verso di me in lacrime. «Babbo, ho paura». Sopra di noi volava, basso come una maledizione, un elicottero della Protezione civile.
Uno scenario di guerra. E che gente siamo noi che, nati, cresciuti e riprodotti in tempo di pace, ci rassegniamo a crescere i nostri figli in scenari di guerra!?

«Ho ancora nel naso l'odore che mandava il grasso bruciato sulla canna della mitragliatrice arroventata». Più o meno con queste parole - cito a memoria - iniziava «Il sergente nella neve», il memorabile racconto che Rigoni Stern ci diede di uno dei più terribili inverni vissuti in divisa da alpino nel secolo scorso dalla nostra gente in tempo di guerra. Non posso tollerare l'idea che in futuro mia figlia, rievocando le estati della sua infanzia vissute in tempo di pace, debba dire di avere ancora nel naso l'odore che mandano i castagni e i limoni bruciati da piromani in costume da bagno sulle falesie a picco sul mare sopra Positano.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

NCC abusivo multato in aeroporto. E' dipendente di Bed and Breakfast a Positano

Nell'ambito delle operazioni di contrasto all'abusivismo a Napoli, la Polizia Municipale Unità Operativa Aeroporto ha proceduto al controllo di circa 200 veicoli tra taxi e N.C.C. (noleggio con conducente). E' stato sorpreso ad esercitare abusivamente l'attività di noleggio con conducente, senza le prescritte...

Tramonti, operai al lavoro per aprire strada in sicurezza [FOTO-VIDEO]

Sono al lavoro gli operai del Comune di Tramonti con quelli dell'impresa "Cardine" per ottemperare alle direttive imposte dalla Provincia di Salerno al fine di garantire la celere apertura della Strada Provinciale 2 Tramonti-Maiori. A Pucara sono in via di installazione l'impianto semaforico e le barriere...

A Ravello aumento incontrollato di questuanti e venditori ambulanti. Don Angelo chiede maggiore vigilanza

A Ravello oramai non si contano più i questuanti e i veditori ambulanti in azione nel centro cittadino. A lanciare l'allarme il parroco del Duomo di Ravello Don Angelo Mansi. «Vengono al Duomo uomini e donne a chiedere soldi o a vendere merce cinese, calzini, lampadine, ecc. spacciandosi per ex detenuti,...

Ravello: Sindaco e Amministrazione criticati sul web, incarico legale per difendere immagine del Comune

Un decreto di "Incarico legale per provvedimenti a tutela dell'immagine del Comune di Ravello". È quanto deliberato dalla Giunta comunale (numero 152 del 19 dicembre 2018 SCARICABILE IN BASSO) formata dal sindaco Salvatore Di Martino, dal vice Salvatore Di Palma e dell'assessore Natalia Pinto. «L'Amministrazione...

Amalfi, proseguono i lavori alla condotta idrica. Traffico a senso alternato

Proseguono ad Amalfi il lavori di sostituzione della condotta idrica principale. Gli operai dell'Ausino sono al lavoro sulla Statale 163 Amalfitana, sfruttando questo periodo di bassa stagione, per le operazioni di scavo e installazione delle nuove tubature a sostituzione delle vecchie, logorate dal...