Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 13 minuti fa S. Tecla vergine martire

Date rapide

Oggi: 23 settembre

Ieri: 22 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Santarosa Pastry Cup 2019

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaRavello, Enza Di Pino è stata scarcerata. E' tornata "a casa"

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Cronaca

Ravello, Enza Di Pino è stata scarcerata. E' tornata "a casa"

Scritto da (Redazione), venerdì 20 aprile 2018 08:40:49

Ultimo aggiornamento venerdì 20 aprile 2018 11:15:00

È stata scarcerata nel pomeriggio di ieri Enza Di Pino, dopo tre anni e ventitré giorni trascorsi presso la casa circondariale di Fuorni per l'omicidio di Patrizia Attruia di cui inizialmente era stata individuata esecutrice unica. Alle 20 e 50 il cellulare della Polizia penitenziaria l'ha accompagnata presso l'abitazione dell'anziano zio Salvatore Gallo, in via Casanova - poco distante da San Cosma - disponibile ad accoglierla per consentirle di proseguire il regime degli arresti domiciliari per altri sei anni. Così come ordinato dalla Corte d'Assise d'Appello di Salerno in conseguenza della sentenza che riduceva drasticamente l'entità della pena originariamente formulata dalla pubblica accusa con richiesta a trent'anni di reclusione poi combinata in primo grado a 23 e in appello a 9 anni.

Non era il caso di farla ritornare nella "casa degli orrori" di via San Cosma, rimasta sotto sequestro per tre anni, ma neanche idonea per qestioni "ambientali".

L'importante è che da stamani Enza, alla soglia dei dei 53 anni, possa tornare a sentirsi "a casa" dopo tre anni d'inferno da quel maledetto 25 marzo 2015. Che torni ad amare un cane, un gatto, che si occupi delle faccende di casa e torni a sentirsi utile per l'anziano zio che con i cugini, stimati professionisti in Costa d'Amalfi, non le hanno mani fatto mancare sostegno morale in questi difficili anni.

«Esprimo grandissima soddisfazione per i risultati nel tempo faticosamente ottenuti e attendono di sottoporre l'inter d'indagine alla Corte di cassazione per l'analisi di tutte le fasi processuali e le motivazioni delle sentenze» ha dichiarato l'avvocato Marcello Giani, con la collega Stefania Forlani legali della Di Pino.

«Soddisfazione nel constatare che avevamo da sempre avuto ragione su tutto. Possiamo affermare che per noi difensori la strada è stata tutta in salita. Ringraziamo quanti, come le testate locali, come Il Vescovado, hanno sempre creduto nell'innocenza della Signora Vincenza Di Pino come i Signori Gallo, cugini dell'imputata, che neanche per un frammento di secondo hanno fatto mancare alla cugina il loro affetto e la loro solidarietà» ha chiosato Giani.

Il 12 marzo scorso la sentenza della Corte di Assise di Appello (presidente Francesco Verdoliva, a latere e relatore il dottor Francesco Siano, procura generale dottoressa Antonella Giannelli) che condannava la donna di Ravello a 9 anni di reclusione con la concessione delle attenuanti generiche (nel massimo) e la minima partecipazione al fatto con Lima. Esclusi la preterintenzione e i futili motivi. In buona sostanza, in appello, grazie soprattutto al lavoro instancabile dei legali Marcello Giani e Stefania Forlani, i giudici hanno riconosciuto la minima partecipazione al fatto. A uccidere Patrizia non fu lei.

E alla fine è stata accolta la tesi supportata da questo giornale sin dal primo momento, cioè che da sola Enza Dipino non avrebbe potuto uccidere la sua "antagonista". A condannare da subito la povera Enza, purtroppo, le sue stesse dichiarazioni rese la sera del 27 marzo quando si autoaccusò del delitto, per poi ritrattare, qualche settimana dopo, in un interrogatorio effettuato in carcere, nel quale riconobbe di essere stata costretta dal convivente Giuseppe Lima, il compagno della Attruia, ad autoaccusarsi sotto minaccia. Altro che corpo ritrovato per caso dopo due giorni all'interno della cassapanca! Quel tempo fu necessario al Lima per esercitare terrorismo psicologico sulla povera Enza - tipica sindrome di Stoccolma - . Patrizia venne uccisa nella serata del 25 marzo al suo ritorno dal bar sotto casa. Aveva sorpreso il suo compagno, Peppe, a letto con Enza (i tre vivevano nella stessa abitazione da diversi mesi) e ne scaturì un momento di follia che portò a una violenta colluttazione e alla successiva morte della scafatese. Ma non per mano della Dipino. Non fu lei a sferrare il colpo mortale alla sua antagonista in amore. Per il Lima, che inizialmente fu soltanto accusato di occultamento di cadavere rimanendo in libertà per quasi due anni, il concorso in omicidio prima e ora l'accusa, pesantissima, di aver assassinato la sua donna.

Per lui il 24 aprile prossimo l'udienza di discussione nell'ambito del processo che si celebra con richiesta di rito abbreviato dinanzi al Giudice per l'udienza preliminare Maria Zambrano. Il Pubblico Ministero ne aveva richiesto trent'anni di reclusione. Con la sentenza odierna si chiude, per il momento, un capitolo importante del processo che rende giustizia, almeno in parte, alla povera Enza Dipino che ha avuto l'unica colpa di aver ospitato in casa propria, all'inizio dell'inverno 2014, quella coppia di amici che viveva di stenti in una baracca poco distante. Definita una "spietata e cinica calcolatrice" (si leggeva nelle carte processuali) quando in realtà è ed è stata soltanto un'ingenua, figlia adottiva vissuta per gran parte della sua vita con la sola madre tra i cani e la terra, in un'abitazione fatiscente. Una donna che a cinquant'anni non possedeva una significativa cultura e non conosceva ancora il mondo (non sapeva cosa fosse un cubetto di ghiaccio, sic!).

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Guida in stato di ebbrezza: denunciato un 24enne in Costiera

Durante l'ultimo fine settimana d'estate i Carabinieri della Compagnia di Amalfi hanno effettuato un ampio servizio di monitoraggio della circolazione stradale mediante l'esecuzione di posti di controllo, perquisizioni e controlli con l'etilometro. Accertato che sono sempre i più giovani che prestano...

Valico di Chiunzi: nei valloni la discarica di Eternit prolifera. Allarme salute non importa a nessuno [FOTO]

Continuano le segnalazioni di abbandono di componenti in Eternit per le strade o nei valloni della Costiera Amalfitana. Le foto che ci giungono dai nostri lettori riguardano ancora quella discarica denunciata dalle pagine di questo giornale il 6 aprile 2017 e il 27 aprile dello scorso anno, poco dopo...

Tramonti, Carabinieri scoprono nuova coltivazione di cannabis [FOTO]

A Tramonti scoperta una nuova piantagione di cannabis indica. I Carabinieri della Stazione di Tramonti, coordinati dal comandante Giorgio Covato e supportati dal 7° Elinucleo di Pontecagnano-Faiano, dopo alcuni giorni di incessante attività d'indagine sono riusciti ad individuare la coltivazione illegale...

Piromani ancora in azione a Maiori: si sfrutta il vento per distruggere la Costiera [FOTO]

Torna a colpire in Costiera Amalfitana la mano criminale dei piromani. Intorno alle 20 e 30 un incendio di è sviluppato sulle colline di Maiori. Complice il vento insistente di questa sera, il rogo, dalla località "Scalese", a circa 300 metri d'altezza dal livello del mare, si sta propagando a vista...

A Vietri sul Mare arrestato pregiudiato straniero evaso

di Antonio Di Giovanni Brillante operazione dei Carabinieri di Vietri sul Mare, al comando del luogotenente Antonio Fogliame. Nella serata di ieri (19 settembre), i militari dell'Arma hanno tratto in arresto il cittadino rumeno, R.A., classe 1983, pregiudicato, già sottoposto alla misura cautelare degli...