Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 minuti fa S. Teodoro martire

Date rapide

Oggi: 20 settembre

Ieri: 19 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaTerra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniCronacaOmicidio di Ravello, chiesto ergastolo per Enza Dipino

Sulle Onde del Mediterraneo - Amalfi - Piazza Municipio - Capodanno Bizantino - Valentina Stella 27 settembreLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pelletRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Cronaca

Omicidio di Ravello, chiesto ergastolo per Enza Dipino

Scritto da (Redazione), martedì 13 giugno 2017 10:18:29

Ultimo aggiornamento mercoledì 14 giugno 2017 07:14:08

Ergastolo con isolamento diurno: è quanto chiesto dal Pubblico Ministero Cristina Giusti per Enza Dipino, accusata di concorso in omicidio volontario, con Giuseppe Lima, della morte di Patrizia Attruia avvenuta a Ravello nel marzo 2015, il cui corpo venne ritrovato in una cassapanca.

Una richiesta forte - la massima pena - su un'accusa ancora debole. Ieri mattina, presso la Corte d'Assise del Tribunale Salerno, in un'ora e mezza di relazione, davanti al presidente Massimo Palumbo, la Giusti ha motivato la sua richiesta, ripercorrendo tutte le tappe del caso, dal giorno del ritrovamento del cadavere alla modifica del capo di imputazione in seguito alla nuova perizia del medico legale e anatomo patologo Giovanni Arcudi.

Al Pubblico Ministero non hanno convinto le dichiarazioni rese dalla Dipino - presente ieri in aula - la sera del ritrovamento del cadavere, il 27 marzo 2015, in cui si autoaccusava dell'omicidio per strangolamento e le successive rese in carcere, il 13 aprile 2015, con «una serie di bugie infinite». «Quando lei si è accorta che (Lima ndr) l'aveva lasciata in galera ha cominciato a cambiare versione» ha detto la Giusti, prima avrebbe dichiarato che Patrizia sarebbe morta la mattina del 26 marzo, dopo aver fatto colazione. Poi che sarebbe stata uccisa la sera del 25, dopo il suo rientro. Secondo le successive dichiarazioni della Dipino, Patrizia quella sera l'avrebbe scoperta in intimità col suo Giuseppe cominciando a inveire contro di lei. Poi sarebbe stato l'uomo, che viveva in casa con le due donne, a riempirla di botte. In un primo tempo la Dipino dice di non aver assistito all'aggressione, perché scappata in cucina, per poi cambiare ancora la sua versione. Il pm legge alcune dichiarazioni rese dalla Dipino alla quarta versione dei fatti: «Non l'ha vista nella cassa, lo sa lui (il Lima ndr) mi sono stancata, non posso dirlo perchè mi mena, lei (la Atruia ndr) ha cominciato a menare me, le ho messo le mani alla gola e lei è caduta, poi lui si è alzata dal letto e le ha dato un pugno in fronte». «Per quale motivo una donna si autoaccusa di omicidio? Per paura? - si chiede la Giusti - non racconta mai la verità, non racconta mai bene i fatti. Per quale motivo non abbiamo mai una dinamica ma sempre elementi di disturbo? Una volta la mattina, un'altra la sera, lei partecipa, poi no, una volta in cucina poi nel corridoio, prima dice che l'ha messa lei, poi Lima nella cassapanca. L'imputazione è concorso: io non levo Lima ma nemmeno la Dipino. Le dichiarazioni sono contrastanti tra di loro ma gli elementi certi sono la presenza del dna entrambi di entrambi sotto le unghia della vittima».

Sono stati i tanti silenzi della donna di Ravello, su domande specifiche, a insospettire ulteriormente la Giusti convinta che la verità sia nella prima dichiarazione, quando ammette: «Io l'ho strangolata». «C'è un movente (quello passionale ndr), tutta una serie di elementi che convergono in questa direzione che smentiscono le sue dichiarazioni che non la rendono credibile. C'è un concorso tra lei e Lima Giuseppe e dopo che l'hanno uccisa si sono messi d'accordo con la versione».

Ma cosa è successo di preciso quella notte tra il 25 e il 26 marzo nell'appartamento di Via San Cosma? La causa della morte, secondo il professor Arcudi, non era avvenuta né per strangolamento, né strozzamento digitale ma a seguito di una violenta aggressione, con arresto cardiaco causato da un riflesso nervoso. La colluttazione, verosimilmente con pugni e calci, è proseguita con una compressione sulla parte anteriore del collo, fatta con un mezzo contundente, come un bastone. Qui l'esperto anatomo patologo non si era sbilanciato, in considerazione delle numerose possibilità, compresa una parte del corpo dell'aggressore, avente però superficie ruvida, quale un braccio - come sostiene la difesa - coperto da un capo di abbigliamento ruvido.

La Giusti sostiene che la vittima possa essere stata percossa con due diversi mezzi contundenti e con una certa forza, quindi da due persone. «Lo hanno fatto insieme dopo le 22,40 del 25 marzo», «la Dipino la picchia insieme a lui, lesioni con diversa energia ci etica e diversi mezzi contundenti».

Prima di essere deposto nella cassapanca il cadavere sarebbe rimasto a terra per 12 ore. "Stai zitta se no ti faccio fare la fine di quell'altra" avrebbe detto Giuseppe Lima pensando al da farsi, con Enza che telefona a un suo conoscente, Vincenzo Della Pietra, di Maiori, chiedendogli se avesse a disposizione un furgone per potervi caricare una cassapanca e portarla a Salerno.

«Quando (la Dipino ndr) ha avuto la possibilità di dire le cose non lo ha fatto secondo un modo lineare - spiega in aula la Giusti - Perché non lo ha fatto? C'è solo un motivo: perchè le mani al collo gliele ha messe lei». E traccia il profilo psicologico della presunta omcida: «Non è una persona succube, sulla scena del delitto è parte attiva. Lei c'era, entrambe avevano un movente: la gelosia. Nelle intercettazioni ambientali lei spesso ride, facendo gesti di mani intorno al collo, mai mostrato compassione per la morte (della Attruia ndr)».

Per quanto riguarda la posizione del Lima, per la Giusti si sarebbe creato un alibi falso, lo stesso che continua a portare avanti dal carcere.Per lui si attende ancora l'avviso di conclusione delle indagini preliminari: era accusato inizialmente solo di occultamento di cadavere e favoreggiamento personale.

Per la Dipino chiesta la massima pena. E' uscita in lacrime dall'aula, accompagnata dalla polizia penitenziaria.

Domani, mercoledì 14 giugno, sarà il turno della difesa con gli avvocati Marcello Giani e Stefania Forlani pronti a controbattere. E non si escludono ulteriori colpi di scena.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Amalfi, Consiglio di Stato "salva" il tassista: sospeso stop della licenza

Con decreto pubblicato in data odierna il Consiglio di Stato (sezione quinta) blocca gli effetti del provvedimento di sospensione, per dieci giorni, della licenza al tassista accusato di aver aggredito, il 5 agosto scorso, due turisti in Piazza Flavio Gioia. La penalità, della durata di dieci giorni,...

Incidente tra Maiori e Minori, auto contro balaustra [FOTO]

Incidente sulla Strada Statale 163 Amalfitana al confine tra i comuni di Maiori e Minori. Un'auto, un'Alfa Romeo GT, è finita contro la balaustra di delimitazione della Strada, all'altezza del molo foraneo del porto. La causa dell'incidente sarebbe da ricondurre, con ogni probabilità, ad un improvviso...

Lotta a spaccio e consumo stupefacenti in Costiera: continua l’azione dei Carabinieri

Proseguono i controlli del territorio da parte dei Carabinieri della Compagnia di Amalfi, specie nel contrasto al fenomeno di spaccio e consumo delle sostanze stupefacenti. Nello scorso finesettimana i Militari della Stazione di Maiori hanno sorpreso alcuni giovani, tra i 20 e i 25 anni, dell'hinterland...

Cassazione assolve Benincasa che torna sindaco di Vietri sul Mare

I giudici della Corte di Cassazione hanno annullato la sentenza di condanna inflitta in appello (lo scorso mese di gennaio) al primo cittadino di Vietri sul Mare, Franco Benincasa, nell'ambito del processo sul crollo del costone roccioso dell'Hotel Baia nel maggio del 2009. Per effetto della loro decisione,...

Ad Amalfi è lotta ai procacciatori di clienti per negozi del centro. Sanzione a un recidivo

Ad Amalfi è lotta ai procacciatori di clienti per gli esercizi commerciali del centro storico. Ieri pomeriggio gli agenti della Polizia Locale agli ordini del comandante Agnese Martingano hanno elevato una sanzione nei confronti di un uomo intento ad adescare clienti per una gelateria del centro. Ad...