Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 ore fa S. Viviana vergine

Date rapide

Oggi: 17 dicembre

Ieri: 16 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniCronacaOmicidio di Ravello altro colpo di scena: Enza voleva sposare Vincenzo ma Giuseppe la osteggiava

Il Costa d'Amalfi torna alla vittoria: battuto il Sant'Agnello

«Stemma comunale usato per attacco politico» Vuilleumier ammonisce sindaco Di Martino e difende sua amministrazione

Maiori, beautycenter Bellessere si rifà il look: domenica 17 la riapertura

Da Facchinetti a Fogli, svelati i big di Sanremo 2018

Vento forte: a Pontone colonnina si stacca da campanile della chiesa, paura tra i residenti [FOTO]

Mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

Gli rubarono il Doblò: anche dalla Costiera colletta per restituire il sorriso ad Erasmo Amato

“Il sogno di Walt Disney” al Maiori Music Festival Christmas

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

Premio letterario Ravello Tales 2017 alla scrittrice inglese Lara Phillips

Ritirava e poi rivendeva i biglietti non obliterati, nei guai autista della Sita

Amalfi, Grand Hotel Convento seleziona 13 figure professionali per stagione 2018

Maiori, su bollette acqua Gatto replica a Del Pizzo: «Strutture non avevano nemmeno il contatore, oggi pagano»

Piano di Zona S2: nessun termine di scadenza per domanda Reddito Inclusione 

Sorrento Civica, sabato 16 dicembre riconoscimenti per 12 cittadini benemeriti

Ravello, la politica che fa gli auguri di Natale: già frecciate tra Di Martino e Vuilleumier

La Cina sbarca a Napoli e in Costiera Amalfitana

L'Antica Cartiera Amalfitana e la storia straordinaria di Carlo De Iuliis, un imprenditore lungimirante

Cilento, matrimoni al setaccio della Finanza: sposi giustifichino spese

Scala, ecco il programma degli eventi natalizi

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Cronaca

Omicidio di Ravello, altro colpo di scena: Enza voleva sposare Vincenzo ma Giuseppe la osteggiava

Giani ai giudici: «Il peso dell' innocenza della Dipino graverà sul vostro giudizio»

Scritto da (admin), giovedì 15 giugno 2017 10:27:08

Ultimo aggiornamento giovedì 15 giugno 2017 13:55:11

Enza Dipino è innocente. Non è stata lei ad uccidere Patrizia Attruia. A sostenerlo con vigore, ieri, in Corte d'Assise, i difensori della donna di Ravello, Marcello Giani e Stefania Forlani, dopo la richiesta d'ergastolo da parte del Pubblico Ministero Cristina Giusti. Presente in aula l'imputata, accompagnata dalle guardie carcerarie, seduta di fianco ai suoi legali.

Nel corso della loro precisa disquisizione i due legali, alternandosi, ricostruiscono tutte le fasi del caso e del processo, viziati da grossolani errori in fase d'indagine. A partire dalla cancellazione del capitolo benzodiazepine, i tranquillanti che la Dipino avrebbe (stando alle tesi della pubblica accusa) con astuzia somministrato alla vittima per stordirla e ucciderla. Questo le sarebbe valso l'appellativo di "spietata calcolatrice". Aria fritta dopo la perizia del nuovo medico legale nominato dal Pm, l'anatomopatologo Giovanni Arcudi. E poi la questione delle mani al collo, chiarita in via definitiva dallo stesso Arcudi che aveva chiarito anche le cause della morte della Attruia, avvenuta a seguito di una violenta aggressione, con arresto cardiaco causato da un riflesso nervoso e non per strangolamento o strozzamento digitale. La colluttazione, verosimilmente con pugni e calci avvenuta nell'appartamento di Via San Cosma nella notte tra il 25 e il 26 marzo 2015, sicuramente dopo le 22 e 40, è proseguita con una compressione sulla parte anteriore del collo, fatta con un mezzo contundente, come un bastone. Qui l'esperto anatomo patologo non si era sbilanciato, in considerazione delle numerose possibilità, compresa una parte del corpo dell'aggressore, avente però superficie ruvida, quale un braccio - come sostiene la difesa - coperto da un capo di abbigliamento ruvido.

«E' una richiesta che pesa come un macigno - ha esordito la Forlani -. Il pm insiste sull'utilizzo delle mani davanti a questa evidenza obiettiva e logica riproponendo l'elemento delle mani. Vedo riproposti gli stessi temi filo conduttore dell'indagine (fallita), come l'argomento benzodiazepine». Secondo la difesa sarebbero state le dichiarazioni di Giuseppe Lima, rese alle 15 e 30 del 27 marzo 2015, poco dopo il ritrovamento del cadavere, a «orientare gli inquirenti che aderiscono atipicamente alle indicazioni di Lima, nonostante sia poco affidabile e che con grande facilità si abbandona a comportamenti aggressivi. E' innegabile che in questa vicenda Enza Dipino abbia subito ed è anche vittima». E spiega: «Lima Giuseppe interviene su Patrizia Attruia che ha sorpreso i due a fare l'amore. Questo ha scatenato la gelosia. Ma la gelosia è di Patrizia non di Enza che insieme a Patrizia ha subito violenza da Giuseppe. «Lima è stato escluso dall'arresto per le sue dichiarazioni alle 15 e 30 (del 27 marzo ndr)». Altro errore, tecnico, evidenziato.

Ciò che si ribadisce con forza in aula è che la richiesta di ergastolo non ha preso in considerazione i dati di Arcudi ma le sole dichiarazioni della Dipino, le prime, rese nella caserma di Ravello dalle 19,30, ancora succube delle minacce del Lima "Ti faccio fare la stessa fine". Ancora oggi (Enza Dipino ndr) vive uno stato di ansia e paura. Ma lui non può farle più nulla. Nel verbale de 13 aprile lei (la Dipino ndr) si preoccupa che Lima potrebbe venire a saperlo che lei aveva dichiarato di aver fatto l'amore. Non si può dire che siano state le mani della Dipino ad ammazzare Attruia con colpo mortale per strangolamento, argomento asfaltato da Arcudi, il rilievo su cui si è fondata tutta l'indagine. Enza Dipino non ha assistito al colpo definitivo, ha sentito il botto. dalla cucina o dal corridoio, e poi il silenzio. La Dipino parla del colpo alla fronte che c'è stato e lo dimostra l'esame esterno perciò la Dipino risponde non sapendo cosa sia successo. Ancora oggi si chiede: ma come è morta Patrizia? lei si ferma al colpo alla fronte». Inoltre il mezzo contundente utilizzato per finire la vittima può essere uno soltanto (l'accusa sostiene che ne fossero due utilizzati da due persone diverse probabilmente contemporaneamente), usato con modalità diverse. La Forlani ricorda che il Lima abbia praticato arti marziali e che una donna non sarebbe capace di colpire con la forza utilizzata per finire la Attruia. Secondo la difesa questa è la tesi che più aderisce ai dati forniti dal professor Arcudi. «In carcere c'è una persona innocente» ribadisce la Forlani.

GLI ALTRI ERRORI Le tracce di dna sotto le unghie della vittima (di Lima e Dipino) non possono provare l'aggressione» per il legale non sono valido elemento probatorio, perché potrebbero derivare anche dalla condivisione dello stesso paio di forbicette per manicure.

Poi il turno dell'avvocato Marcello Giani che si rivolge con forza alla corte: «Il peso della sua innocenza (della Dipino nda) graverà sul vostro giudizio».

«La Dipino non è responsabile dei fatti, non ha partecipato al compimento dell'omicidio e chiedo l'assoluzione per non aver compiuto il fatto. I futili motivi di gelosia non esistono, ma il condizionamento psicologico e lo stato di soggezione psicologica sì. L'anello del Lima di forma rettangolare sulla fronte della vittima è un timbro e anche sul cricoide (cartilagine principale della laringe ndr) e il colpo di karate è il corpo contundente praticato dal Lima» sostiene un impetuoso Giani alla presenza di tutti i professionisti operanti presso il suo studio, che hanno lavorato con meticolosità a questo processo.

La gelosia è l'aggravante che dovrebbe accomunare Dipino e Lima, ma secondo la difesa la Dipino non era gelosa di Lima. Quest'ultimo avrebbe addirittura ostacolato il rapporto con Vincenzo della Pietra di Maiori, conosciuto all'ospedale di Cava de' Tirreni agli inizi del 2014, durante il ricovero della madre che sarebbe deceduta a febbraio di quello stesso anno. Da subito Della Pietra, cuoco di professione, si dimostra gentile, le compra i biglietti del pullman, un paio di stivali. Poi va a casa di Enza per cucinare, regalandole delle pentole. Il 14 febbraio 2015, nel giorno di San Valentino, Enza doveva incontrarsi con Vincenzo per sugellare la loro relazione ma, stando a quanto dichiarato da Giani, il Lima, da sempre possessivo e violento anche con la sua ex moglie quando era al Nord, non avrebbe gradito, malmenando Enza tanto da procurarle un occhio livido, costringendola a declinare quell'invito.

Altro colpo di scena, quindi, nel processo: Enza non amava Giuseppe ma sarebbe stata costretta a subire la sua influenza. Al centro della discussione i rapporti tra Patrizia ed Enza che condividevano la sudditanza a Lima che le teneva in scacco. «Litigavano spesso, si, ma a Ravello si vedevano insieme, dal dottore, a fare la spesa, a Messa. Enza si era fatta carico di Patrizia affidandola al suo medico di base». Inoltre è merso che Enza avrebbe voluto cresimarsi per potersi sposare con Vincenzo. Ne aveva parlato con don Raffaele Ferrigno, il parroco del Santuario di San Cosma, e voleva come testimone proprio Patrizia. Anche questi elementi non convincono che possa essere stata proprio lei ad ammazzare.

Fissata per domani l'udienza finale di discussione: previste repliche e riunione in camera di consiglio per la corte (presidente Massimo Palumbo) chiamata a sentenziare in questo primo grado di giudizio.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Vento forte: a Pontone colonnina si stacca da campanile della chiesa, paura tra i residenti [FOTO]

Il forte vento che sta sferzando la Costiera Amalfitana in queste ore ha provocato i primi danni. A Pontone, dalla torre campanaria della chiesetta di San Giovanni, poco dopo le 20 e 30 dalla bifora più alta si è staccata una colonnina in marmo che è precipitata, da un'altezza di 15 metri circa, sulla...

Ritirava e poi rivendeva i biglietti non obliterati, nei guai autista della Sita

Nei guai un autista 50enne della Sita accusato di ritirare e poi rivendere i biglietti non obliterati. A darne notizia Il Mattino ieri ed il sito Zerottonove. L'uomo, che esercitava il mestiere da oltre 18 anni, si adoperava nel ritiro dei biglietti non appena i passeggeri salivano a bordo del veicolo....

Ravello, troppi gatti randagi: si intervenga con sterilizzazione

Oramai quella del randagismo felino, a Ravello, è una problematica la cui risoluzione è improcrastinabile. Sono troppi i gatti per strada, piccole colonie che imperversano nel centro storico, con tutti i fastidi, specie di natura igienica, connessi alla loro presenza. E se da Via Roma e San Giovanni...

Cetara: frontale tra due auto sull'Amalfitana, traffico in tilt [FOTO]

Un incidente tra due auto è avvenuto intorno alle 14 e 30 sulla Statale 163 Amalfitana, nel comune di Cetara. Con tutta probabilità l'impatto è stato provocato a causa della perdita del controllo dell'auto da parte di uno dei conducenti, finita contro l'altra auto proveniente dalla direzione opposta....

Faceva prostituire la fidanzata minorenne di Tramonti, ancora una stangata per l'uomo

Assolto dall'accusa di lesioni personali, ma confermata la condanna per sfruttamento della prostituzione minorile. Sconto in Appello per l'uomo di origini sarde che faceva prostituire la fidanzata di Tramonti, all'epoca dei fatti appena sedicenne. I giudici della Corte di Appello di Salerno gli hanno...