Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Luigi Gonzaga

Date rapide

Oggi: 21 giugno

Ieri: 20 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Hotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi Coast Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaOmicidio di Ravello altro colpo di scena: Enza voleva sposare Vincenzo ma Giuseppe la osteggiava

“Reumatologia: Percorsi Innovativi e Medicina di Precisione”: successo per il convegno a Vietri sul Mare

Amalfi, per Alessio Civale laurea da 110 e lode in Management Strategico

Villa Rufolo dovrà trasferire 500mila euro a Fondazione Ravello

Ravello, stop ai fuochi d'artificio per feste private e matrimoni

Viaggio di nozze in Costiera Amalfitana per difensore Barcellona Sergi Roberto

"Acqua contaminata", il Ministero della Salute ritira un lotto di San Benedetto

Fantaexpo 2018: a Salerno arriva Zenya, il nuovo character del Festival

A Ravello la Festa della Musica è animata dagli studenti [PROGRAMMA]

Solstizio d'Estate, 21 giugno è giorno più lungo dell'anno

"Il Ritardo”, l'ultimo lavoro del regista sorrentino Luigi Pane

Costa d'Amalfi, sosta selvaggia lungo SS163: autisti SITA esasperati, chiesto incontro con Prefetto e Sindaci

A Cetara restringimento carreggiata da 4 mesi è imbarazzante [FOTO]

Mondiali: Brasile e Germania ancora favorite

Maturità 2018: Giorgio Bassani, dal 'Giardino'. De Gasperi e Moro per tema storico

Karate, i "passaggi di cintura" della scuola “Zen Do Kai” di Conca dei Marini

Maiori, sequestrata rampa abusiva al servizio di struttura extralberghiera [FOTO]

Ordine dei Commercialisti Salerno per la formazione dei revisori legali: 21 giugno il convegno

Mariella Cataldo nuova presidente Club Inner Wheel Costiera Amalfitana

“Festa della musica”: 21 giugno a Maiori tre concerti per celebrare il solstizio d’estate

"Premio Biagio Agnes", Sergio Mattarella riceve la giuria a Roma

Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Cronaca

Omicidio di Ravello, altro colpo di scena: Enza voleva sposare Vincenzo ma Giuseppe la osteggiava

Giani ai giudici: «Il peso dell' innocenza della Dipino graverà sul vostro giudizio»

Scritto da (admin), giovedì 15 giugno 2017 10:27:08

Ultimo aggiornamento giovedì 15 giugno 2017 13:55:11

Enza Dipino è innocente. Non è stata lei ad uccidere Patrizia Attruia. A sostenerlo con vigore, ieri, in Corte d'Assise, i difensori della donna di Ravello, Marcello Giani e Stefania Forlani, dopo la richiesta d'ergastolo da parte del Pubblico Ministero Cristina Giusti. Presente in aula l'imputata, accompagnata dalle guardie carcerarie, seduta di fianco ai suoi legali.

Nel corso della loro precisa disquisizione i due legali, alternandosi, ricostruiscono tutte le fasi del caso e del processo, viziati da grossolani errori in fase d'indagine. A partire dalla cancellazione del capitolo benzodiazepine, i tranquillanti che la Dipino avrebbe (stando alle tesi della pubblica accusa) con astuzia somministrato alla vittima per stordirla e ucciderla. Questo le sarebbe valso l'appellativo di "spietata calcolatrice". Aria fritta dopo la perizia del nuovo medico legale nominato dal Pm, l'anatomopatologo Giovanni Arcudi. E poi la questione delle mani al collo, chiarita in via definitiva dallo stesso Arcudi che aveva chiarito anche le cause della morte della Attruia, avvenuta a seguito di una violenta aggressione, con arresto cardiaco causato da un riflesso nervoso e non per strangolamento o strozzamento digitale. La colluttazione, verosimilmente con pugni e calci avvenuta nell'appartamento di Via San Cosma nella notte tra il 25 e il 26 marzo 2015, sicuramente dopo le 22 e 40, è proseguita con una compressione sulla parte anteriore del collo, fatta con un mezzo contundente, come un bastone. Qui l'esperto anatomo patologo non si era sbilanciato, in considerazione delle numerose possibilità, compresa una parte del corpo dell'aggressore, avente però superficie ruvida, quale un braccio - come sostiene la difesa - coperto da un capo di abbigliamento ruvido.

«E' una richiesta che pesa come un macigno - ha esordito la Forlani -. Il pm insiste sull'utilizzo delle mani davanti a questa evidenza obiettiva e logica riproponendo l'elemento delle mani. Vedo riproposti gli stessi temi filo conduttore dell'indagine (fallita), come l'argomento benzodiazepine». Secondo la difesa sarebbero state le dichiarazioni di Giuseppe Lima, rese alle 15 e 30 del 27 marzo 2015, poco dopo il ritrovamento del cadavere, a «orientare gli inquirenti che aderiscono atipicamente alle indicazioni di Lima, nonostante sia poco affidabile e che con grande facilità si abbandona a comportamenti aggressivi. E' innegabile che in questa vicenda Enza Dipino abbia subito ed è anche vittima». E spiega: «Lima Giuseppe interviene su Patrizia Attruia che ha sorpreso i due a fare l'amore. Questo ha scatenato la gelosia. Ma la gelosia è di Patrizia non di Enza che insieme a Patrizia ha subito violenza da Giuseppe. «Lima è stato escluso dall'arresto per le sue dichiarazioni alle 15 e 30 (del 27 marzo ndr)». Altro errore, tecnico, evidenziato.

Ciò che si ribadisce con forza in aula è che la richiesta di ergastolo non ha preso in considerazione i dati di Arcudi ma le sole dichiarazioni della Dipino, le prime, rese nella caserma di Ravello dalle 19,30, ancora succube delle minacce del Lima "Ti faccio fare la stessa fine". Ancora oggi (Enza Dipino ndr) vive uno stato di ansia e paura. Ma lui non può farle più nulla. Nel verbale de 13 aprile lei (la Dipino ndr) si preoccupa che Lima potrebbe venire a saperlo che lei aveva dichiarato di aver fatto l'amore. Non si può dire che siano state le mani della Dipino ad ammazzare Attruia con colpo mortale per strangolamento, argomento asfaltato da Arcudi, il rilievo su cui si è fondata tutta l'indagine. Enza Dipino non ha assistito al colpo definitivo, ha sentito il botto. dalla cucina o dal corridoio, e poi il silenzio. La Dipino parla del colpo alla fronte che c'è stato e lo dimostra l'esame esterno perciò la Dipino risponde non sapendo cosa sia successo. Ancora oggi si chiede: ma come è morta Patrizia? lei si ferma al colpo alla fronte». Inoltre il mezzo contundente utilizzato per finire la vittima può essere uno soltanto (l'accusa sostiene che ne fossero due utilizzati da due persone diverse probabilmente contemporaneamente), usato con modalità diverse. La Forlani ricorda che il Lima abbia praticato arti marziali e che una donna non sarebbe capace di colpire con la forza utilizzata per finire la Attruia. Secondo la difesa questa è la tesi che più aderisce ai dati forniti dal professor Arcudi. «In carcere c'è una persona innocente» ribadisce la Forlani.

GLI ALTRI ERRORI Le tracce di dna sotto le unghie della vittima (di Lima e Dipino) non possono provare l'aggressione» per il legale non sono valido elemento probatorio, perché potrebbero derivare anche dalla condivisione dello stesso paio di forbicette per manicure.

Poi il turno dell'avvocato Marcello Giani che si rivolge con forza alla corte: «Il peso della sua innocenza (della Dipino nda) graverà sul vostro giudizio».

«La Dipino non è responsabile dei fatti, non ha partecipato al compimento dell'omicidio e chiedo l'assoluzione per non aver compiuto il fatto. I futili motivi di gelosia non esistono, ma il condizionamento psicologico e lo stato di soggezione psicologica sì. L'anello del Lima di forma rettangolare sulla fronte della vittima è un timbro e anche sul cricoide (cartilagine principale della laringe ndr) e il colpo di karate è il corpo contundente praticato dal Lima» sostiene un impetuoso Giani alla presenza di tutti i professionisti operanti presso il suo studio, che hanno lavorato con meticolosità a questo processo.

La gelosia è l'aggravante che dovrebbe accomunare Dipino e Lima, ma secondo la difesa la Dipino non era gelosa di Lima. Quest'ultimo avrebbe addirittura ostacolato il rapporto con Vincenzo della Pietra di Maiori, conosciuto all'ospedale di Cava de' Tirreni agli inizi del 2014, durante il ricovero della madre che sarebbe deceduta a febbraio di quello stesso anno. Da subito Della Pietra, cuoco di professione, si dimostra gentile, le compra i biglietti del pullman, un paio di stivali. Poi va a casa di Enza per cucinare, regalandole delle pentole. Il 14 febbraio 2015, nel giorno di San Valentino, Enza doveva incontrarsi con Vincenzo per sugellare la loro relazione ma, stando a quanto dichiarato da Giani, il Lima, da sempre possessivo e violento anche con la sua ex moglie quando era al Nord, non avrebbe gradito, malmenando Enza tanto da procurarle un occhio livido, costringendola a declinare quell'invito.

Altro colpo di scena, quindi, nel processo: Enza non amava Giuseppe ma sarebbe stata costretta a subire la sua influenza. Al centro della discussione i rapporti tra Patrizia ed Enza che condividevano la sudditanza a Lima che le teneva in scacco. «Litigavano spesso, si, ma a Ravello si vedevano insieme, dal dottore, a fare la spesa, a Messa. Enza si era fatta carico di Patrizia affidandola al suo medico di base». Inoltre è merso che Enza avrebbe voluto cresimarsi per potersi sposare con Vincenzo. Ne aveva parlato con don Raffaele Ferrigno, il parroco del Santuario di San Cosma, e voleva come testimone proprio Patrizia. Anche questi elementi non convincono che possa essere stata proprio lei ad ammazzare.

Fissata per domani l'udienza finale di discussione: previste repliche e riunione in camera di consiglio per la corte (presidente Massimo Palumbo) chiamata a sentenziare in questo primo grado di giudizio.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Costa d'Amalfi, sosta selvaggia lungo SS163: autisti SITA esasperati, chiesto incontro con Prefetto e Sindaci

COSTA D'AMALFI - Sono esasperati gli autisti Sita costretti a manovre in assenza di sicurezza sulla Strada Statale 163 Amalfitana a causa della sosta selvaggia lungo la strada nei diversi comuni costieri. Le sigle sindacali Fit Cisl e Uil Trasporti, in una nota indirizzata al Prefetto di Salerno, Conferenza...

A Cetara restringimento carreggiata da 4 mesi è imbarazzante [FOTO]

Quando la temporaneità diventa perenne. Sono oramai quattro mesi che sulla Strada Statale 163 Amalfitana, al chilometro 45,750, nel comune di Cetara, persiste un restringimento della carreggiata che crea disagi alla circolazione. L'evento franoso del 19 febbraio scorso, quando dal costone roccioso prospiciente...

Maiori, sequestrata rampa abusiva al servizio di struttura extralberghiera [FOTO]

(ANTEPRIMA) Nella mattinata di ieri, martedì 19 giugno, gli uomini della Guardia di Finanza della Sezione Operativa Navale di Salerno hanno sottoposto a sequestro una rampa interpoderale realizzata abusivamente, scoperta all'interno di una proprietà in località Badia, nel comune di Maiori. Si tratta...

Maiori, operazione "Free Holiday": scoperte 5 strutture extralberghiere abusive

(ANTEPRIMA) A Maiori è lotta alle strutture extralberghiere abusive. Controlli a tappeto, in questi giorni, da parte degli agenti della Polizia Locale per bed and breakfast, case vacanza e affittacamere di tutto il comune costiero. Ogni anno, complice anche l'incremento dell'appeal della Costa d'Amalfi,...

Amalfi: sottrasse danaro all'anziana che assisteva, operatrice sociale a processo

(ANTEPRIMA) Avrebbe sottratto somme di danaro all'anziana che assisteva e per questa ragione la dipendente di una cooperativa sociale della Costa d'Amalfi sarà processata. Questa mattina il giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Salerno, dottor Vincenzo Pellegrino, ha disposto il rinvio per...