Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Messalina vergine

Date rapide

Oggi: 23 gennaio

Ieri: 22 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaMinori iter di esproprio terreni non conclusa: condannati ex sindaco Lembo e capo Utc Taiani

Salerno: 23 gennaio corso di aggiornamento professionale e Festa dei Giornalisti Salernitani

Tramonti: 450mila euro per restyling stadio comunale. Intitolazione a Franco Amato

Colto da infarto, 62enne in eliambulanza all'ospedale di Salerno

A “Mordi e fuggi” di Rainews l'oro giallo della Costiera Amalfitana

Da Ravello un contributo alla Fondazione Veronesi per lotta a tumore ovarico nel ricordo di Teresa

Amalfi, un concorso nelle scuole per il Giorno della Memoria: Primo Levi punto di partenza per componimenti ed opere artistiche

Fiocco rosa a Maiori: è nata Miryam Aurioso

Automobilismo, Giordano campione Formula Challenge 2017 ritira la coppa all'Autodromo di Monza [FOTO]

Maiori: scoperta costruzione abusiva tra i limoni, intervento di Vigili e Carabinieri [FOTO]

Tragedia a Cava de' Tirreni: uccide moglie dopo una lite

17enne trovato morto in casa, tragedia a Nocera Inferiore

San Francesco di Sales, Assostampa Cava-Costa d’Amalfi celebra il patrono dei giornalisti. Diretta TV su RTC Quarta Rete

Incendi in Costa d'Amalfi: sarà un'altra estate d'inferno?

Salernitana, anno nuovo e primi tre punti: affondato il Venezia

Venezia, stangata a turisti giapponesi: conto da 1100 euro per 4 bistecche e frittura di pesce

A Costieragrumi il premio dei "Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana" [FOTO]

Erasmo Amato torna a sorridere: il nuovo Doblò acquistato dopo gara di solidarietà

Maiori, minacce al fornaio nella notte: 43enne arrestato per tentata estorsione

Ravello, al Cinema-Auditorium soltanto 11 spettatori per "Il Vegetale"

Galleria d’Arte a Ravello cerca addetti vendite

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Cronaca

Minori, iter di esproprio terreni non conclusa: condannati ex sindaco Lembo e capo Utc Taiani

Scritto da (Redazione), venerdì 3 luglio 2015 10:37:13

Ultimo aggiornamento venerdì 3 luglio 2015 10:57:58

Con la sentenza numero 647/2015, depositata il 24/06/2015, la Corte dei conti - Sezione giurisdizionale per la Campania(Presidente Fiorenzo Santoro, Relatore Maria Cristina Razzano) ha accolto le tesi dell'avvocato Giovanni Maria di Lieto di Minori assolvendo l'ex assessore del Comune di Minori Angelo Fusco, respingendo la domanda proposta dalla Procura Regionale presso la Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Regione Campania, nel giudizio promosso dalla Procura Regionale con atto di citazione depositato il 17 maggio 2013. Il Fusco, nel ruolo di assessore ai Lavori Pubblici nella giunta Lembo negli anni 1990-91, era stato citato con il sindaco e il responsabile dell'Ufficio Tecnico Antonio Taiani, dalla signora Maria Consiglia Gambardella per i danni provocati dalla mancata adozione del decreto di esproprio, da parte del Comune, di un fondo agricolo di proprietà della signora Gambardella, con successiva distruzione di un limoneto. La donna chiedeva il pagamento, da parte del Comune, di 97mila euro. La Corte dei conti si è definitivamente pronunciata, condannando il sindaco e l'allora responsabile dell'Utc, al risarcimento del danno pari a 35mila per il primo, e 21mila euro per il secondo.

IL FATTO Con atto di citazione depositato il 17 maggio 2013, il Procuratore regionale della Corte dei conti conveniva in giudizio Giuseppe Lembo, Angelo Fusco, Antonio Taiani, all'epoca dei fatti rispettivamente Sindaco del Comune di Minori, assessore ai Lavori Pubblici e responsabile dell'Ufficio Tecnico Comunale, chiedendone la condanna al pagamento, in favore del Comune, della somma di 97mila euro oltre rivalutazione monetaria, interessi legali e spese di causa.

La vicenda, emersa a seguito della trasmissione alla Procura regionale della deliberazione del Comune di Minori numero 20 del 7/6/2007 di riconoscimento di debito fuori bilancio derivante dall'ordinanza della Corte d'Appello di Salerno del 10/04/2007, ha ad oggetto il presunto danno erariale derivante al Comune dalla esecuzione della sentenza della Corte d'Appello di Salerno n. 35/09 del 13/01/2009 con la quale il Comune di Minori è stato condannato al pagamento in favore della Sig.ra Maria Consiglia Gambardella della somma di 97.459,22, euro costituita da 47.212,21 euro per indennità di occupazione illegittima (€ 25.895,00) dal 09/04/1992 al 16/10/1992 + interessi dal 16/10/92 al 31/07/2007; da € 44.247,87 per distruzione limoneto (€ 37.662,88) + interessi; da € 6.000,00 per spese di giudizio. Somme dovute a titolo di risarcimento del danno per mancata adozione del decreto di esproprio da parte del Comune nel termine di scadenza dell'occupazione legittima, accompagnata dalla irreversibile trasformazione del fondo di proprietà della Sig.ra Gambardella (rectius, per distruzione limoneto), oltre a risarcimento del danno per occupazione illegittima successiva alla scadenza del termine di occupazione legittima (procedimento espropriativo iniziato con delibera C. C. del Comune di Minori n. 204 del 29/10/87, di approvazione piano insediamenti produttivi ex art. 28 L. 219/81).

Alla sentenza seguiva deliberazione di C. C. del Comune di Minori n. 3 del 08/02/2010 di riconoscimento di debito fuori bilancio e determina liquidativa - Sez. Contenzioso - n. 95 del 03/03/2010.

Secondo l'avvocato Giovanni Maria di Lieto, nel merito, non può derivare alcuna responsabilità amministrativa né sotto il profilo del dolo, né sotto il profilo della colpa grave da atti o comportamenti imputabili al Sig. Fusco.

E' noto che la colpa grave consiste nella macroscopica e inescusabile negligenza ed imprudenza nell'espletamento delle mansioni e/o nell'adempimento dei propri doveri istituzionali, cioè in un atteggiamento di estrema superficialità, trascuratezza o scriteriato nella cura dei beni e interessi pubblici, ovvero in un comportamento caratterizzato da un grado di diligenza, prudenza, perizia, razionalità e correttezza decisamente inferiore allo standard minimo professionale e tale da rendere prevedibile o probabile il concreto verificarsi di un evento dannoso. Circostanza che assolutamente non si verifica nel caso di specie.

A superare le contestazioni della Procura, il convenuto con deduzioni del 09/01/2013 osservava: "l'esponente fa presente di non aver partecipato ad alcuno dei provvedimenti summenzionati avendo ricevuto la nomina di assessore al ramo soltanto in data 11/06/1990, e quindi in epoca successiva alla formulazione dei provvedimenti stessi. Né inoltre può addebitarsi alcuna responsabilità all'esponente per la mancata definizione della procedura ablativa (termine del 09/04/1992) in quanto l'esponente si dimetteva dall'incarico in data 04/07/1991, né ricopriva alcun incarico di amministratore sia all'epoca della presunta illegittima occupazione, decorrente dal 09/04/1992 che della domanda giudiziale della Sig.ra Gambardella Maria Consiglia, notificata in data 15/10/1992".

La Procura non ha ritenuto sufficienti - a superare le contestazioni - le deduzioni presentate. Si legge nell'atto di citazione, depositato il 17 maggio 2013: "quanto alla circostanza di essersi dimesso dalla carica il 4/7/1991, a parte il rilievo che comunque risponde dell'omissione durante il periodo di vigenza dell'esercizio delle funzioni, non risulta che le dimissioni siano state accettate né che la delega sia stata conferita ad altro componente della G. M. o che la stessa sia stata assorbita dal Capo dell'amministrazione (v. nota segretario comunale 1/10/2012, n. 7903)".

Vero è invece - secondo il difensore - che il convenuto Angelo Fusco ha presentato le dimissioni dalla carica di Assessore ai LL.PP. in data 04/07/1991 e che rispetto alle dimissioni vi è stata presa d'atto da parte del C. C. del Comune di Minori con delibera n. 55 del 15/07/1991.

Pertanto, alcuna responsabilità da parte del convenuto Angelo Fusco può profilarsi con riferimento al danno da occupazione illegittima (successiva alla data del 9/4/1992, di scadenza del termine di occupazione legittima) o comunque al danno conseguente alla mancata restituzione dell'area alla scadenza del termine di occupazione legittima (9/4/1992).

E' provato che il convenuto Fusco si è dimesso in data 04/07/1991 e vi è stata presa d'atto delle dimissioni da parte del C. C. con delibera n. 55 del 15/07/1991; se fosse stato in carica nel periodo che mancava alla scadenza naturale del mandato (3/5/1995), il Sig. Fusco avrebbe potuto anche adoperarsi (ammesso che avesse l'obbligo di farlo) perché, entro la scadenza del termine della occupazione legittima (9/4/1992), fosse emesso il decreto di esproprio o comunque fossero compiuti gli atti della procedura espropriativa (da parte del Sindaco o del Responsabile Utc, l'Assessore ai LL.PP. non avendo alcuna competenza ad adottare alcun atto del procedimento, né alcun atto avendo adottato nel caso di specie, come già osservato nelle deduzioni alla Procura del 09/01/2013). E anche perché fosse restituito il fondo alla proprietaria alla scadenza del termine della occupazione legittima.

Si legge nella sentenza in commento n. 647/2015: "Dalla ricostruzione della vicenda, non può che ritenersi accertata anche la corresponsabilità dei singoli convenuti. Non v'è dubbio, infatti, che, dalla data di immissione in possesso (in data 9/04/90) fino alla data di scadenza del termine per l'ultimazione dell'espropriazione, gli organi tecnici e quelli politici avrebbero dovuto e potuto, rispettivamente, predisporre ed emanare i necessari atti di perfezionamento dell'iter espropriativo, impedendo il maturare del danno poi lamentato e risarcito ai privati.

Al contrario dopo l'immissione in possesso è mancato qualsiasi impulso al successivo e connaturale sviluppo della procedura intrapresa, da parte dei soggetti all'uopo preposti e oggi evocati in giudizio".

"Partendo dalla posizione del Sindaco p. t. (Lembo Giuseppe dal 28/5/90 al 3/5/95) deve essere stigmatizzata la sua condotta omissiva, visto che egli, insediatosi immediatamente dopo la sospensione dei lavori (avvenuta in data 19/5/90) non ha mai provveduto né a rimuovere la causa della sospensione, consentendo prosecuzione e l'ultimazione delle opere, né ad emanare il dovuto provvedimento conclusivo (decreto di esproprio)".

"Non può considerarsi esente da ogni responsabilità nemmeno il Responsabile dell'Ufficio Tecnico.

La Corte dei Conti (sez. III giurisdizionale centrale d'appello, sentenza 13/12/2011 n° 858) ha ricordato che "Il dirigente del servizio espropri è responsabile quando non organizza il suo ufficio in modo da poter far fronte a situazioni potenzialmente generatrici di danni per le finanze del comune, specie in relazione ai procedimenti di espropriazione più complessi ed onerosi per l'amministrazione". Gli obblighi di servizio si possono considerare espletati soltanto a fronte di un'attività specifica di sollecitazione e intervento attizio da parte del Dirigente o funzionario delegato, che ha a sua disposizione tutto il know-how indispensabile alla corretta gestione della procedura espropriativa".

"Del danno rispondono, in definitiva, sia il Sindaco (sig. Lembo Giuseppe) sia il Responsabile U.T.C. (sig. Taiani Antonio). Il non aver portato a termine l'iter espropriativo ha eziologicamente determinato - ex artt. 40 e 41 c.p. - il fatto dannoso, costituito dall'illecita occupazione del fondo privato e distruzione della piantagione, esponendo l'Ente locale alla relativa richiesta risarcitoria, maggiorata dei relativi interessi".

"Parzialmente diversa è la posizione dell'Assessore ai lavori Pubblici (sig. Fusco Angelo), per il quale, pur potendosi rilevare l'omissione di compiti specifici del ramo al quale era preposto, non appare ravvisabile la colpa grave. La difesa del convenuto ha, infatti, dedotto e provato che la nomina sarebbe riferibile alla data dell'11.06.1990 e le dimissioni sarebbero state rassegnate in data 4.07.1991, con presa d'atto del consiglio comunale il 15.07.1991 (delibera n. 55). In relazione a tale arco temporale, va rilevato che, effettivamente, il danno maturato a seguito della distruzione del limoneto risale ad epoca anteriore alla nomina ad Assessore e la mancata emanazione del decreto di esproprio ad epoca successiva alle sue dimissioni. Sicché pur essendo possibile che egli, nell'unico anno di tempo in cui ha rivestito l'incarico di Assessore LL.PP. avrebbe dovuto e potuto adoperarsi per la prosecuzione delle attività espropriative, tale condotta non appare attinta da grave negligenza, in relazione alla prevedibilità dell'evento dannoso che si sarebbe verificato a distanza di anni".

La Corte dei conti Sezione Giurisdizionale per la Campania, così definitivamente pronunciando, rigetta la domanda nei confronti del sig. Angelo Fusco e condanna i convenuti Giuseppe Lembo e Antonio Taiani, ciascuno nelle rispettive qualità, al risarcimento del danno pari a € 35.084,00 il primo, ed € 21.051,00, il secondo, compresa la rivalutazione.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Colto da infarto, 62enne in eliambulanza all'ospedale di Salerno

Trasferimento in eliambulanza all'ospedale di Salerno per un 62enne di Positano giunto stamani al Costa d'Amalfi con forti dolori toracici. Grazie all'ecografia cardiaca, il cardiologo di turno ha accertato che un infarto era in corso nonostante l'elettrocardiogramma non mostrasse ancora i segni tipici...

Maiori: scoperta costruzione abusiva tra i limoni, intervento di Vigili e Carabinieri [FOTO]

Nell'ambito dei servizi di polizia ambientale e controllo del territorio, gli agenti della Polizia Locale del Comune di Maiori, coordinati dal comandante Giuseppe Rivello, con i Carabinieri della locale stazione, diretti dal maresciallo Giuseppe Loria, hanno posto a sequestro un manufatto abusivo nel...

Tragedia a Cava de' Tirreni: uccide moglie dopo una lite

Tragedia familiare stamani a Cava de' Tirreni. Un uomo ha accoltellato e ferito a morte la moglie. Il dramma si è consumato intorno alle 9, nell'abitazione della località Sant'Anna, dove la coppia viveva insieme a tre figli. La moglie, Nunzia Maiorano, di 41anni, è morta. Il marito, Salvatore Siani,...

Maiori, minacce al fornaio nella notte: 43enne arrestato per tentata estorsione

I Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile di Amalfi, la scorsa notte, hanno tratto in arresto per tentata estorsione P. P., classe 1974 di Maiori, già noto alle Forze dell'Ordine. Intorno all'una una richiesta di intervento al 112 da parte di un panettiere del centro di Maiori, che stava subendo violente...

Truffe, il monito dei Carabinieri agli anziani: «Diffidare da richieste di danaro contante»

La truffa consumata ieri a Maiori è la settima sventata dai Carabinieri della Compagnia di Amalfi i quali sono riusciti ad intercettare ed arrestare o denunciarne gli autori. E' senza dubbio l'ennesima prova di attenzione, da parte degli uomini dell'Arma, alla sicurezza del territorio. Quest'ultimo caso...