Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Agnese vergine

Date rapide

Oggi: 21 gennaio

Ieri: 20 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniCronacaEnza Dipino tornerà a Ravello: sconterà pena ai domiciliari

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Cronaca

Non fu lei a uccidere Patrizia Attruia

Enza Dipino tornerà a Ravello: sconterà pena ai domiciliari

Scritto da (Redazione), lunedì 16 aprile 2018 15:48:05

Ultimo aggiornamento giovedì 10 gennaio 2019 13:25:01

Con provvedimento depositato pochi minuti fa presso la cancelleria della Corte d'Assise di Appello di Salerno, presieduta da Francesco Verdoliva, è stata disposta la custodia cautelare domiciliare per Vincenza Dipino, inizialmente unica accusata dell'omicidio di Patrizia Attruia avvenuto a Ravello il 25 marzo del 2015.

Accolta la richiesta formulata dai legali Marcello Giani e Stefania Forlani a ulteriore conferma della recente sentenza della Corte d'Assise di Appello che ha ritenuto la minima partecipazione al fatto da parte della Dipino la quale dovrà scontare i rimanenti sei anni di reclusione presso la propria abitazione. Ebbene Enza potrà tornare nell'appartamento al civico 4 di Via San Cosma - posto ancora sotto sequestro - dopo tre anni trascorsi a Fuorni. A convincere i giudici anche la condotta ineccepibile in carcere della donna, come d'altra parte nella sa vita.

«Manifestiamo ancora una volta soddisfazione - dichiarano gli avvocati Giani e Forlani - per un provvedimento atteso da tempo che fa seguito alla radicale modifica del capo d'imputazione originariamente contestato dal PM e dalla sentenza della Corte d'Assise e di Appello che ha ritenuto la minima partecipazione al fatto da parte della Dipino».

Il 12 marzo scorso la sentenza della Corte di Assise di Appello (presidente Francesco Verdoliva, a latere e relatore il dottor Francesco Siano, procura generale dottoressa Antonella Giannelli) che condannava la donna di Ravello a 9 anni di reclusione con la concessione delle attenuanti generiche (nel massimo) e la minima partecipazione al fatto con Lima. Esclusi la preterintenzione e i futili motivi. In buona sostanza, in appello, grazie soprattutto al lavoro instancabile dei legali Marcello Giani e Stefania Forlani, i giudici hanno riconosciuto la minima partecipazione al fatto. A uccidere Patrizia non fu lei.

E alla fine è stata accolta la tesi supportata da questo giornale sin dal primo momento, cioè che da sola Enza Dipino non avrebbe potuto uccidere la sua "antagonista". A condannare da subito la povera Enza, purtroppo, le sue stesse dichiarazioni rese la sera del 27 marzo quando si autoaccusò del delitto, per poi ritrattare, qualche settimana dopo, in un interrogatorio effettuato in carcere, nel quale riconobbe di essere stata costretta dal Lima ad autoaccusarsi sotto minaccia. Altro che corpo ritrovato per caso dopo due giorni all'interno della cassapanca! Quel tempo fu necessario al Lima per esercitare terrorismo psicologico sulla povera Enza - tipica sindrome di Stoccolma - . Patrizia venne uccisa nella serata del 25 marzo al suo ritorno dal bar sotto casa. Aveva sorpreso il suo compagno, Peppe, a letto con Enza (i tre vivevano nella stessa abitazione da diversi mesi) e ne scaturì un momento di follia che portò a una violenta colluttazione e alla successiva morte della scafatese. Ma non per mano della Dipino. Non fu lei a sferrare il colpo mortale alla sua antagonista in amore. Per il Lima, che inizialmente fu soltanto accusato di occultamento di cadavere rimanendo in libertà per quasi due anni, il concorso in omicidio prima e ora l'accusa, pesantissima, di aver assassinato la sua donna.

Per lui il 24 aprile prossimo l'udienza di discussione nell'ambito del processo che si celebra con richiesta di rito abbreviato dinanzi al Giudice per l'udienza preliminare Maria Zambrano. Il Pubblico Ministero ne aveva richiesto trent'anni di reclusione. Con la sentenza odierna si chiude, per il momento, un capitolo importante del processo che rende giustizia, almeno in parte, alla povera Enza Dipino che ha avuto l'unica colpa di aver ospitato in casa propria, all'inizio dell'inverno 2014, quella coppia di amici che viveva di stenti in una baracca poco distante. Definita una "spietata e cinica calcolatrice" (si leggeva nelle carte processuali) quando in realtà è ed è stata soltanto un'ingenua, figlia adottiva vissuta per gran parte della sua vita con la sola madre tra i cani e la terra, in un'abitazione fatiscente. Una donna che a cinquant'anni non possedeva una significativa cultura e non conosceva ancora il mondo (non sapeva cosa fosse un cubetto di ghiaccio sic!).

Soddisfatti i legali Forlani e Giani (sostenuto dai figli Alessandro e Adriana e dalla dottoressa Luciana Caiola) al termine di un processo molto duro in cui la loro cliente era stata inizialmente accusata di omicidio volontario premeditato dopo aver somministrato alla vittima tranquillanti per ucciderla senza difficoltà. Impianti accusatori annientati nelle due fasi del giudizio. Dall'ergastolo a 23 anni, poi a 16 e ora a nove: queste le pene chieste per Enza. Tre anni li ha già scontati. L'importante era tornare a casa.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Covid, buone notizie da Ravello: ci sono 21 guariti, anche Sindaco e Parroco. Molti tamponi da ripetere

Buone notizie da Ravello che stasera accoglie con compiacimento la notizia della guarigione di ben 21 cittadini risultati positivi al coronavirus. Sono infatti in via di comunicazione i risultati dei 70 tamponi molecolari eseguiti questa mattina al garage dell'auditorium. Tra i negativizzati, dopo tre...

Frode fiscale sull'asse Salerno-Brescia: ai domiciliari imprenditore originario di Ravello

L'inchiesta della Procura di Brescia che ha portato all'arresto di 24 persone e all'iscrizione nel registro degli indagati di 104 persone per evasione fiscale, passa anche per il Salernitano e, precisamente, per Ravello e Prignano Cilento. A darne notizia è il quotidiano "Il Mattino" oggi in edicola....

Tecnico partecipa a riunione al Comune di Scala e risulta positivo: chiusi gli Uffici Comunali

Un tecnico, dopo aver partecipato, lo scorso 14 gennaio, ad una riunione al Comune di Scala, è risultato positivo al Covid-19. In via precauzionale, a partire da oggi, gli Uffici Comunale resteranno chiusi al pubblico per sanificazione degli ambienti. L'uomo non risiede a Scala. Alla riunione hanno partecipato...

Non si ferma all’alt dei Carabinieri: denunciato 29enne di Tramonti

Nella giornata di ieri (martedì 19 gennaio) i Carabinieri della Compagnia di Amalfi nella giornata di ieri hanno denunciato un 29enne di Tramonti, già noto agli uffici di polizia per numerosi precedenti penali, per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Il deferimento...

Incendio a Fuore: fiamme nei pressi del depuratore

Un incendio si è sviluppato all'imbrunire a Furore. In fiamme macchia mediterranea della località "Portella", nei pressi del Depuratore. L'allarme è scattato intorno alle 17.00. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri Forestali e Vigili del Fuoco del distaccamento di Maiori che hanno circoscritto le...