Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Marco evangelista

Date rapide

Oggi: 25 aprile

Ieri: 24 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Hotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi Coast Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana bob & mary's al cinema dell'Auditorium di Ravello Tre Manifesti al Cinema dell'Auditorium Oscar Niemeyer di Ravello Il filo nascosto, a Ravello è di scena il grande Cinema Puoi baciare lo sposo a Ravello

Tu sei qui: SezioniCronacaEnza Dipino tornerà a Ravello: sconterà pena ai domiciliari

Pogerola: cane denutrito e legato a una catena, interviene l’ENPA

Shooting in Costiera Amalfitana per Francesca Monte, ex talent di The Voice e X-Factor

Amalfi, sequestrato un parcheggio abusivo

Minori, su gestione rifiuti vicesindaco Bonito replica a Mormile

Ravello, Giovanni Esposito è Apicella nel film di Sorrentino dedicato a Berlusconi

"New Directions Costa d'Amalfi" su podio a Concorso Regionale Msp Danza Campania

Ravello: processo Lima rinviato a 14 maggio, per Enza Di Pino ricorso in Cassazione

Vietri sul Mare: cittadini chiedono al Comune videosorveglianza nel rione Palazzine

24 aprile 1184 a.C., i greci entrarono a Troia all'interno del cavallo

Positano Bandiera Verde 2018, soddisfazione del Sindaco De Lucia: «Nostre spiagge a misura di bambino»

Pattinaggio, Veronica Civale di Scala conquista l’oro a Meeting Primavera di Viterbo

Minori, gestione ciclo rifiuti a Miramare Service. Mormile: «Amministratore unico accusato di bancarotta»

I bambini che hanno meno giocattoli sono più felici: lo svela una ricerca dell'Università di Toledo

Alberto Angela a Sorrento: 24 aprile aneddoti e curiosità su "Meraviglie. La penisola dei tesori"

Spiagge a misura di bambino, Positano unica Bandiera Verde in Costiera

Tramonti: 25 aprile Pro Loco organizza escursione all’eremo di Santa Caterina

Centro Antiviolenza Costa d’Amalfi: da Minori, Tramonti e Scala le donne che chiedono aiuto

“VinArte”: dal 28 aprile alla kermesse di Salerno anche “Cantine Apicella” e “MadeinCoast”

Vietri sul Mare: venerdì 27 nel libro “Le stanze dell’Eremita” il ricordo del compianto artista Sergio Vecchio

Sorrento e il suo impianto murario difensivo in una mostra fotografica

Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Divin Baguette, finalmente in Costiera Amalfitana il locale che mancava. A Maiori il panino è d'autore Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Cronaca

Non fu lei a uccidere Patrizia Attruia

Enza Dipino tornerà a Ravello: sconterà pena ai domiciliari

Scritto da (Redazione), lunedì 16 aprile 2018 15:48:05

Ultimo aggiornamento venerdì 20 aprile 2018 08:50:01

Con provvedimento depositato pochi minuti fa presso la cancelleria della Corte d'Assise di Appello di Salerno, presieduta da Francesco Verdoliva, è stata disposta la custodia cautelare domiciliare per Vincenza Dipino, inizialmente unica accusata dell'omicidio di Patrizia Attruia avvenuto a Ravello il 25 marzo del 2015.

Accolta la richiesta formulata dai legali Marcello Giani e Stefania Forlani a ulteriore conferma della recente sentenza della Corte d'Assise di Appello che ha ritenuto la minima partecipazione al fatto da parte della Dipino la quale dovrà scontare i rimanenti sei anni di reclusione presso la propria abitazione. Ebbene Enza potrà tornare nell'appartamento al civico 4 di Via San Cosma - posto ancora sotto sequestro - dopo tre anni trascorsi a Fuorni. A convincere i giudici anche la condotta ineccepibile in carcere della donna, come d'altra parte nella sa vita.

«Manifestiamo ancora una volta soddisfazione - dichiarano gli avvocati Giani e Forlani - per un provvedimento atteso da tempo che fa seguito alla radicale modifica del capo d'imputazione originariamente contestato dal PM e dalla sentenza della Corte d'Assise e di Appello che ha ritenuto la minima partecipazione al fatto da parte della Dipino».

Il 12 marzo scorso la sentenza della Corte di Assise di Appello (presidente Francesco Verdoliva, a latere e relatore il dottor Francesco Siano, procura generale dottoressa Antonella Giannelli) che condannava la donna di Ravello a 9 anni di reclusione con la concessione delle attenuanti generiche (nel massimo) e la minima partecipazione al fatto con Lima. Esclusi la preterintenzione e i futili motivi. In buona sostanza, in appello, grazie soprattutto al lavoro instancabile dei legali Marcello Giani e Stefania Forlani, i giudici hanno riconosciuto la minima partecipazione al fatto. A uccidere Patrizia non fu lei.

E alla fine è stata accolta la tesi supportata da questo giornale sin dal primo momento, cioè che da sola Enza Dipino non avrebbe potuto uccidere la sua "antagonista". A condannare da subito la povera Enza, purtroppo, le sue stesse dichiarazioni rese la sera del 27 marzo quando si autoaccusò del delitto, per poi ritrattare, qualche settimana dopo, in un interrogatorio effettuato in carcere, nel quale riconobbe di essere stata costretta dal Lima ad autoaccusarsi sotto minaccia. Altro che corpo ritrovato per caso dopo due giorni all'interno della cassapanca! Quel tempo fu necessario al Lima per esercitare terrorismo psicologico sulla povera Enza - tipica sindrome di Stoccolma - . Patrizia venne uccisa nella serata del 25 marzo al suo ritorno dal bar sotto casa. Aveva sorpreso il suo compagno, Peppe, a letto con Enza (i tre vivevano nella stessa abitazione da diversi mesi) e ne scaturì un momento di follia che portò a una violenta colluttazione e alla successiva morte della scafatese. Ma non per mano della Dipino. Non fu lei a sferrare il colpo mortale alla sua antagonista in amore. Per il Lima, che inizialmente fu soltanto accusato di occultamento di cadavere rimanendo in libertà per quasi due anni, il concorso in omicidio prima e ora l'accusa, pesantissima, di aver assassinato la sua donna.

Per lui il 24 aprile prossimo l'udienza di discussione nell'ambito del processo che si celebra con richiesta di rito abbreviato dinanzi al Giudice per l'udienza preliminare Maria Zambrano. Il Pubblico Ministero ne aveva richiesto trent'anni di reclusione. Con la sentenza odierna si chiude, per il momento, un capitolo importante del processo che rende giustizia, almeno in parte, alla povera Enza Dipino che ha avuto l'unica colpa di aver ospitato in casa propria, all'inizio dell'inverno 2014, quella coppia di amici che viveva di stenti in una baracca poco distante. Definita una "spietata e cinica calcolatrice" (si leggeva nelle carte processuali) quando in realtà è ed è stata soltanto un'ingenua, figlia adottiva vissuta per gran parte della sua vita con la sola madre tra i cani e la terra, in un'abitazione fatiscente. Una donna che a cinquant'anni non possedeva una significativa cultura e non conosceva ancora il mondo (non sapeva cosa fosse un cubetto di ghiaccio sic!).

Soddisfatti i legali Forlani e Giani (sostenuto dai figli Alessandro e Adriana e dalla dottoressa Luciana Caiola) al termine di un processo molto duro in cui la loro cliente era stata inizialmente accusata di omicidio volontario premeditato dopo aver somministrato alla vittima tranquillanti per ucciderla senza difficoltà. Impianti accusatori annientati nelle due fasi del giudizio. Dall'ergastolo a 23 anni, poi a 16 e ora a nove: queste le pene chieste per Enza. Tre anni li ha già scontati. L'importante era tornare a casa.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Pogerola: cane denutrito e legato a una catena, interviene l’ENPA

Intervento dell'Ente Nazionale Protezione Animali a Pogerola, frazione di Amalfi, per verificare le condizioni di un cane, che - a detta di alcune segnalazioni - si trovava in condizioni poco consone. L'ENPA di Salerno, insieme ai Carabinieri, alla Polizia municipale e all'Asl locale, ha appurato che...

Amalfi, sequestrato un parcheggio abusivo

Questa mattina gli agenti della Polizia Locale di Amalfi hanno sottoposto a sequestro un parcheggio privato a piazzale Dei Protontini, all'interno del Porto turistico. Si tratta di un'area di pertinenza di un albergo chiuso da diversi anni che i proprietari hanno affidato ad un'agenzia di servizi turistici...

Ravello: processo Lima rinviato a 14 maggio, per Enza Di Pino ricorso in Cassazione

È stata rinviata a lunedì 14 maggio prossimo l'udienza di discussione nell'ambito del processo - con richiesta di rito abbreviato - a carico di Giuseppe Lima per l'omicidio di Patrizia Attruia, avvenuto a Ravello nel marzo del 2015. Per l'uomo originario di Ravello, in carcere dal gennaio dello scorso...

Centro Antiviolenza Costa d’Amalfi: da Minori, Tramonti e Scala le donne che chiedono aiuto

Il Centro Antiviolenza di Minori (CAV), realizzato dal Piano di Zona Ambito S2 nell'ambito del progetto "Donne in rete contro la violenza", con sede a Minori, gestito dall'associazione CIF (Centro Italiano Femminile) rende noti i risultati svolti. A due anni dall'avvio emerge un interessante resoconto...

Dimentica pentola sul fuoco, anziano rischia di soffocare per le esalazioni. Lo salvano le commesse

RAVELLO - Sono state le commesse dei negozi di via San Francesco, sulla via per Villa Cimbrone, ad accorgersi, intorno alle 14 e 20, che dalla finestra della cucina fuoriusciva del fumo nero. Domenica che poteva finire in tragedia per un anziano di Ravello addormentatosi dopo aver dimenticato un pentolino...