Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Caterina vergine e martire

Date rapide

Oggi: 25 novembre

Ieri: 24 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniCronacaDemolizione stabilimenti ad Amalfi Marina Grande: «Abbiamo tutte le carte in regola» /LEGGI MEMORIA

"Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa”, gli antichi detti amalfitani legati alla festa patronale

Amalfi festeggia Sant’Andrea, nel manifesto di De Luca tutti i simboli di fede e tradizione

“Vita da Chef”, al Sensi di Amalfi cena a quattro mani Tormolino - De Vivo

Roberto Pontecorvo a “Uno Mattina”, a Franco Di Mare racconta il progetto di Praiano che ha colpito Obama [VIDEO]

"I suoni del Natale": sabato 25 a Minori la prima rassegna di zampogne

Arte: a Sorrento torna la rassegna "Diversabilarte"

Amalfi: 1° dicembre presentazione del volume di Marco Merlini sul monastero “anomalo” del Monte Athos

Pompei: dai nuovi scavi in corso affiora un deposito di anfore intatte

Ambiente: due progetti sui rifiuti per gli studenti di Sorrento

Maiori: opposizione chiede Consiglio comunale su depuratore e regolamento entrate

Gusto: all'Excelsior di Sorrento cena a quattro mani "stravagante" Montefusco-Gualtieri

Amalfi: annunciate tariffe ascensore cimitero, polemiche tra i residenti

Amalfi: cassonetti in fiamme a Lone, residenti evitano il peggio [FOTO]

Tibia e perone rotti durante partita di calcetto, risarcimento da 40mila euro per giovane della Costa d'Amalfi

Gelate del periodo 5-25 gennaio 2017: incontro divulgativo per compilazione domande di aiuto

Giuseppe Longo direttore del Ruggi d'Aragona, l’appello dei Sindaci della Costa d’Amalfi: «Potenziare Ospedale Ravello»

“Fiumi d’oro”: successo all'Unisa per l’incontro sulle Mafie con il Procuratore Nicola Gratteri e Antonio Nicaso

"Violenza e Codice Rosa": sabato 25 a Sorrento un convegno sulla parità di genere

Amalfi: venerdì 24 in biblioteca le stratificazioni dell'ambiente naturale e costruito della Costiera nel libro di Maria Russo

Atrani: sabato 25 alla Casa della Cultura Antonio Sinagra, il compositore che ha scritto per le Stelle

Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Cronaca

Demolizione stabilimenti ad Amalfi, Marina Grande: «Abbiamo tutte le carte in regola» /LEGGI MEMORIA

Scritto da (Redazione), martedì 1 luglio 2014 17:57:18

Ultimo aggiornamento martedì 1 luglio 2014 18:36:02

Gianpaolo Esposito, che gestisce lo stabilimento balneare e il ristorante "Marina Grande" di Amalfi, è stato il primo a sottoporre all'attenzione mediatica i provvedimenti di demolizione emessi dal Comune di Amalfi nei confronti delle quattro strutture insistenti sull'arenile.

Esposito è amareggiato ma al tempo stesso tranquillo, sicuro di avere tutte le carte in regola (concessioni e autorizzazioni su tutte) che nei prossimi giorni, attraverso il proprio tecnico di fiducia, l'ingegnere Sergio Di Martino, inoltrerà nuovamente al Settore Edilizia Pubblica e Privata del Comune di Amalfi, corredate da una memoria (che per gli amanti dell'approfondimento si riporta di seguito ricordando che si tratta di una perizia di parte ma che pur sempre richiama atti pubblici e regolamenti di legge) e tutte le relazioni tecniche a sua disposizione.

Nella fattispecie il Marina Grande è costituito da uno stabilimento balneare con ristorante, cucina, bar e servizi ubicato sulla spiaggia "Marina Grande" del Comune di Amalfi.

La struttura è riportata in catasto fabbricati di Salerno al foglio n.9 con particelle n.656 e 657 ed è costituita da un primo livello con accesso dal lungomare di Amalfi attraverso una scala con struttura in ferro e gradini in legno e da un livello ad esso sottostante.

Il primo livello è occupato da una cucina, da una sala ristorante, da quattro locali servizi e da ulteriori locali per dispensa e ripostiglio, tutti coperti da lamiere termicamente isolate e chiusi da infissi in alluminio elettrocolorato e vetri dai quali si accede ad un terrazzo a livello con affaccio sui lati sud ed est. Il livello sottostante è costituito da una serie di pilastri circolari a sostegno del livello soprastante e da una vasca di raccolta acque parzialmente interrata e con impianto di sollevamento, oltre che da una pedana in cemento dove possono trovare eventuale appoggio strutture mobili e temporanee di supporto all'attività balneare.

Più in particolare l'oggetto di consulenza è rappresentato dalla verifica della legittimità edilizia, amministrativa ed urbanistica dello stabilimento balneare ora descritto.

GLI STRUMENTI URBANISTICI ED I VINCOLI:

L'area, sulla base del Programma di Fabbricazione con annesso Regolamento Edilizio vigente nel Comune di Amalfi approvato con Decreto Regionale n.11 del 12 gennaio 1979 (non ancora adeguato al Piano Urbanistico Territoriale) è classificata come "Zona H - Sistemazione porto e lungomare". La stessa appartiene alle aree classificate di "notevole interesse pubblico" con Decreto Ministeriale del 1955 e ricade tra le zone a vincolo paesaggistico-ambientale ai sensi del Decreto Legislativo n.42 del 22 gennaio 2004 "Codice dei beni culturali e paesaggistici". Essa appartiene anche alla zona territoriale 2 "Tutela degli insediamenti antichi accentrati" del Piano Urbanistico Territoriale della Penisola Sorrentino-Amalfitana di cui alla Legge Regionale n.35 del 27 giugno 1987. Da ultimo è classificata a rischio sismico come da Delibera di Giunta Regionale Campania n.5447 del 07 novembre 2002.

LA PRINCIPALE CRONOLIOGIA DEGLI ATTI:

1. In data 15 aprile 1983, su domanda acquisita il 17 febbraio e dopo il parere favorevole della Giunta Comunale espresso con Delibera n.75 del 26 febbraio 1983, il Sindaco del Comune di Amalfi concedeva ad Esposito Arturo il Nulla Osta n.1038 per la sostituzione - allo stabilimento balneare già "Flavio Gioia" - di 12 palafitte in legno con altrettanti elementi in calcestruzzo

2. Il 14 marzo 1987, visto il parere favorevole della Commissione Edilizia Integrata espresso il 18 febbraio col n.78/1 e l'Autorizzazione Paesaggistica n.381 in pari data, il Sindaco concedeva a Esposito Arturo il Nulla Osta n.119 per la ristrutturazione dello stabilimento "Flavio Gioia" come da grafici presentati;

3. Il 09 aprile 1987 l'Amministrazione Comunale di Amalfi rilasciava l'autorizzazione n.399 per la ristrutturazione della scala di accesso allo stabilimento balneare;

4. Il 20 agosto 1987 il Sindaco del Comune di Amalfi trasmetteva alla Soprintendenza la documentazione relativa al rilascio delle concessioni inerenti gli stabilimenti balneari e, dopo specifica richiesta dell'Ente di tutela del 27 novembre 1987, con nota n.6897 del 07 dicembre, faceva pervenire anche i relativi decreti sindacali;

5. Con il n.774/88 il Ministero della Marina Mercantile, allegando anche i grafici dei progetti già approvati dall'Amministrazione Comunale insieme alla relativa Relazione Tecnica, concedeva ad Esposito Arturo la Concessione Demaniale Marittima per occupare parte della spiaggia "Marina Grande" con lo stabilimento balneare con annesso bar e ristorante;

6. Il 10 febbraio 1988 il Ministro per i Beni Culturali ed Ambientali, con proprio Decreto e dopo aver riscontrato la documentazione ad esso pervenuta dalla Soprintendenza di Salerno in data 14 dicembre 1987, annullava l'Autorizzazione Paesaggistica n.381 del 18 febbraio 1987;

7. Il 26 aprile 1988 l'Amministrazione di Amalfi concedeva ad Esposito Arturo la Licenza Sanitaria n.148/88 per l'esercizio, presso i locali in consulenza, dell'attività di ristorante, pizzeria e bar;

8. Il 02 giugno 1988 l'Avvocato Antonio Brancaccio depositava, presso il Tribunale Amministrativo Regionale di Salerno, il ricorso per l'annullamento - tra l'altro - del Decreto Ministeriale già allegato col n.16 e, in data 09 giugno, lo stesso T.A.R. per la Campania ne accoglieva la domanda incidentale di sospensione;

9. Il 14 dicembre 1988 il Ministero per i Beni Culturali ed Ambientali, considerata la tardiva emanazione del Decreto di Annullamento dell'Autorizzazione Paesaggistica del 09 aprile 1987, ne annullava l'annullamento con proprio ulteriore Decreto;

10. In data 24 marzo 1989 il Sindaco di Amalfi rilasciava ad Esposito Arturo l'autorizzazione n.2114 per una variante - pressocchè esclusivamente interna - alla precedente Concessione n.119 del 14 marzo 1987 già allegata con il n.10;

11. Il 18 aprile 1989 veniva attestata dal Sindaco l'esecuzione dei lavori in conformità alle autorizzazioni n.119/87 e n.2114/89;

12. In data 12 novembre 1991, l'Avvocato Antonio Brancaccio - nelle more del pronunciamento del T.A.R. nel merito sul ricorso del 02 giugno 1988 già oggetto di sospensiva come da atto già allegato col n.19 - produceva una propria ulteriore memoria tesa ad ulteriormente sottolineare l'irregolare comportamento della Soprintendenza BB.AA. circa il rispetto dei termini previsti in materia ambientale e paesaggistica;

13. Il 21 novembre 1991 la sezione di Salerno del Tribunale Amministrativo Regionale della Campania emetteva la Sentenza n.187 con la quale annullava definitivamente il Decreto Ministeriale del 10 febbraio 1988 già allegato col n.16 con il quale veniva illegittimamente annullata l'Autorizzazione Paesaggistica n.381 del 18 febbraio 1987;

14. Il 26 luglio 1995 l'Amministrazione di Amalfi rilasciava alla società "Marina Grande" la licenza n.447 per la gestione dello stabilimento balneare;

15. In data 09 agosto 2001 il Responsabile dell'U.T.C. ed il Sindaco di Amalfi rilasciavano ad Esposito Arturo il Certificato di Abitabilità n.700/UTC;

16. Il 03 luglio 2002 il Responsabile dell'Ufficio Tecnico Comunale concedeva alla società "Marina Grande" l'occupazione dell'area demaniale fino al 31 dicembre 2007;

17. In data 10 luglio 2007, a seguito di sopralluogo del 27 aprile, il Funzionario Responsabile dell'Ufficio Abusivismo della Soprintendenza, evidenziava difformità sostanziali dello stabilimento balneare rispetto ai titoli autorizzativi urbanistici e paesaggistici emessi;

18. Il 19 marzo 2008, dopo che il Responsabile dell'UTC in data 12 febbraio comunicava l'avvio del procedimento repressivo verso le opere ritenute abusive, l'Avvocato Leopoldo Fiorentino inoltrava al T.A.R. Campania di Salerno il ricorso verso l'annullamento della stessa nota;

19. In data 21 luglio 2008 il Responsabile dell'Ufficio Tecnico del Comune di Amalfi, emetteva il provvedimento n.85 attraverso il quale ordinava la rimozione delle opere illegittime ed il ripristino delle stato dei luoghi e, contro tale provvedimento, l'Avvocato Sorrentino proponeva al T.A.R. Campania - in data 31 luglio - Motivi Aggiunti verso l'annullamento anche di quest'ultima ordinanza;

20. Il 15 ottobre 2008, vista la sospensiva concessa dal Tribunale Amministrativo e nelle more della conclusione del provvedimento repressivo, il Responsabile del Demanio del Comune di Amalfi rilasciava la Concessione n.15 per l'occupazione di aree demaniali valida a tutto il 31 dicembre 2013;

21. Il 15 marzo 2012, pronunciandosi definitivamente nel merito del ricorso già allegato col n.21, la sezione di Salerno del Tribunale Amministrativo regionale della Campania, annullava l'Ordinanza n.85 del 21 luglio 2008 facendo salvi eventuali ulteriori provvedimenti dell'Amministrazione;

22. Il 25 settembre 2013 Esposito Vincenzo, nella qualità di Legale Rappresentante della "Marina Grande di Esposito A. & C. s.n.c." inoltrava all'Ufficio del Demanio Marittimo la richiesta di proroga, a tutto il 31 dicembre 2020, della precedente Concessione n.15/2008.

LA LEGITTIMITA' URBANISTICA, EDILIZIA ED AMMINISTRATIVA

Prima di entrare nel merito del presente paragrafo, con riferimento al principale oggetto di consulenza è da evidenziare come, mentre la conformità urbanistica di un manufatto tratti la verifica della legittimità della costruzione nei confronti degli strumenti e delle Leggi in materia urbanistica vigenti all'epoca del rilascio dei titoli autorizzativi, la conformità edilizia riguardi il controllo della corrispondenza tra quanto realizzato e quanto oggetto degli atti di assenso rilasciati e la conformità amministrativa si riferisca alla legittimità dei titoli nei confronti delle legislazioni urbanistiche e vincolistiche vigenti all'epoca del loro rilascio.

Fermo quanto sopra ed entrando nel merito di quanto ci occupa, è da sottolineare come - per quanto scritto al paragrafo precedente - l'attuale conformazione dello stabilimento balneare "Marina Grande" derivi amministrativamente dal Nulla Osta Sindacale n.1038 rilasciato il 15 aprile 1983 (su conforme parere della Giunta Comunale) per la sostituzione di palafitte ad un preesistente stabilimento, dal Nulla Osta n.119 del 14 marzo 1987 che, sulla base dei grafici delle strutture preesistenti e delle nuove strutture, consentiva la ristrutturazione dello stabilimento dando ad esso la conformazione simile all'attuale, dall'Autorizzazione Sindacale n.399 del 09 aprile 1987 per la modifica della scala di accesso e - infine - dall'Autorizzazione Sindacale n.2114 del 24 marzo 1989, per opere interne e paesaggisticamente ininfluenti, in variante al Nulla Osta n.119 di cui si è sopra detto.

I titoli, relativi ad una struttura balneare a carattere permanente e non stagionale, venivano accompagnati - per quanto necessario - dall'Autorizzazione Paesaggistica n.381 del 12 febbraio 1987 la cui necessità era dettata dai vincoli paesaggistico-ambientali esistenti sull'area.

La stessa Autorizzazione, intempestivamente ed immotivatamente annullata dal Ministero Per i Beni Culturali ed Ambientali, ritrovava la propria assoluta e definitiva validità Nella Sentenza del T.A.R. Campania n.187/1992 che annullava a sua volta - nel merito - il provvedimento ministeriale.

Da quanto sopra emerge - a testimonianza della legittimità amministrativa ed urbanistica degli interventi eseguiti - come gli atti di cui si è ora scritto siano stati legittimamente assentiti in presenza di tutte le autorizzazioni ed i pareri ad essi propedeutici (Autorizzazioni Paesaggistiche, pareri di Commissione e Delibere di Giunta) e come gli stessi - tutti precedenti all'entrata in vigore del Piano Urbanistico Territoriale (giugno 1987 con gli atti principali rilasciati fino all'aprile 1987) - siano stati emessi in vigenza delle norme del Programma di Fabbricazione, norme che, per l'area in consulenza, prevedevano un elevato Indice di Fabbricabilità Territoriale, pari a 3,00 metri cubi edificabili per metro quadrato di superficie occupata.

Per quanto, poi, inerente la legittimità edilizia delle costruzioni, oltre al riscontro della documentazione fotografica attuale con i grafici allegati ai provvedimenti amministrativi rilasciati, la stessa è certamente provata dalla Dichiarazione Sindacale di Conformità del 18 aprile 1989, dal Certificato di Abitabilità n.700/01 e, per i provvedimenti amministrativi, dall'Autorizzazione Sanitaria n.148/88 e dalla Licenza di Apertura e Gestione dello Stabilimento n.447/95, oltre che alle pratiche di occupazione demaniale già presenti in atti.

In ultimo lo scrivente consulente ritiene opportuno - per una chiara ed obiettiva lettura delle contestazioni mosse dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio con la Relazione Tecnica già allegata col n.31 - rilevare come, oltre all'annullamento della stessa Relazione operato con Sentenza definitiva del T.A.R. Campania del 15 marzo 2012, la Relazione :

1. Abbia ignorato (in quanto, forse, non a conoscenza) l'intervenuta Sentenza Definitiva del T.A.R. Campania del 21 novembre 1991 con la quale lo stesso Tribunale Amministrativo aveva restituito piena validità, anche paesaggistica, ai provvedimenti di assenso emessi dal Comune di Amalfi (Il Nulla Osta n.1038/83, l'Autorizzazione n.381/1987 ed il Nulla Osta n.119/87);

2. Non abbia considerato come la variante n.2114/89 fosse relativa ad opere interne senza modifiche prospettiche tali da richiedere un nuovo pronunciamento in termini di rispetto dei vincoli;

3. Non abbia tenuto conto di come tutti i principali provvedimenti autorizzativi emessi, essendo precedenti all'entrata in vigore del Piano Urbanistico Territoriale, non abbiano dovuto (né potuto) tenere in alcun conto le norme di salvaguardia dettate dall'articolo n.5 dello stesso P.U.T., approvato in epoca successiva;

4. Non abbia considerato come la struttura portante verticale ed il soprastante stabilimento, regolarmente assentite con concessioni legittimamente rilasciate, non abbiano carattere stagionale e non debbano essere - in quanto tali - periodicamente smontate;

5. Non abbia rilevato la natura precaria dei depositi, del manufatto, delle cinque cabine in plastica e dei due locali segnalati al livello inferiore (oggi tutti rimossi) e la natura di opere funzionali impiantistiche della vasca d'acqua interrata con autoclave e della piccola pedana in calcestruzzo, opere non costituenti né superficie utile né volume;

6. Non abbia verificato come la chiusura perimetrale dell'immobile al livello superiore sia stata legittimamente assentita (N.O. n.119/87) con serramenti in alluminio elettrocolorato e vetri e non in legno e come, con lo stesso provvedimento, sia stata anche autorizzata la nuova copertura;

7. Non abbia riscontrato come la validità quinquennale dei provvedimenti paesaggistici non è certamente riferita a strutture preesistenti e regolarmente assentite con concessione e senza decadenza temporale.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Amalfi: cassonetti in fiamme a Lone, residenti evitano il peggio [FOTO]

Un brutto scherzo avrebbe potuto causare gravi danni ad Amalfi. Stanotte, intorno alle 3, è stato appiccato il fuoco tra i cassonetti della carta siti in prossimità delle scale che collegano la parte alta con la parte bassa di Lone, in via Papa Leone X. In pochi minuti le fiamme si sono levate al cielo,...

Tibia e perone rotti durante partita di calcetto, risarcimento da 40mila euro per giovane della Costa d'Amalfi

Tibia a perone rotti a diciotto anni durante una partita di calcetto. Il Tribunale di Salerno ha riconosciuto un risarcimento di 40mila a un giovane della Costa d'Amalfi che ne 2012 subì il grave infortunio presso una struttura sportiva del comprensorio costiero. Accertate, anche grazie alle testimonianze...

Maiori: trovato con una pistola scacciacani in auto, denunciato 27enne napoletano

La scorsa notte, i Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Amalfi, agli ordini del maresciallo Matteo Cecini e coordinati dal capitano Roberto Martina, durante un posto di controllo sulla via Nuova Chiunzi di Maiori, al termine dei festeggiamenti della Santa Patrona, hanno fermato e...

Porto d'armi scaduto, sequestrata pistola a 70enne di Tramonti

Questa mattina, nel corso dei periodici controlli ai detentori di armi e munizioni, i Carabinieri della stazione di Tramonti, agli ordini del maresciallo Giorgio Covato e sotto la guida del capitano Roberto Martina, hanno i Carabinieri di Tramonti hanno denunciato N.F., 70enne residente, che deteneva...

Tramonti, 38enne alla guida senza patente e sotto effetto di stupefacenti. In auto una siringa

Nella scorsa notte, durante il servizio di pattugliamento notturno al Valico di Chiunzi, i militari della stazione di Tramonti agli ordini del maresciallo Giorgio Covato e sotto la guida del capitano Roberto Martina hanno fermato una donna V.M. 38enne residente a Casoria, nubile, banconista, trovata...