Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Pietro d'Alcantara

Date rapide

Oggi: 19 ottobre

Ieri: 18 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

A Scala è tutto pronto per la Festa dedicata alla Castagna, Costiera Amalfitana, Sagre, Gusto GiustoGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniCronacaConcordia: trovato un altro cadavere, 6 morti accertati

La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pellet euro 4,30 per 15KGRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Cronaca

Concordia: trovato un altro cadavere, 6 morti accertati

Scritto da (Redazione), lunedì 16 gennaio 2012 09:30:07

Ultimo aggiornamento lunedì 16 gennaio 2012 19:26:13

(ANSA) I vigili del fuoco, che hanno lavorato tutta la notte alla ricerca dei dispersi della Concordia, hanno ritrovato, a bordo della nave, il cadavere di un uomo. Si tratta della sesta vittima accertata del naufragio. Il corpo era nel secondo ponte, in una parte non invasa dall'acqua. Aveva il giubbotto salvagente ed era un passeggero.

Altri tre morti, e fanno sei. A 48 ore dal naufragio, dalla pancia della Costa Concordia piegata a 90 gradi davanti all'isola del Giglio, riemergono i primi tre cadaveri, che si vanno ad aggiungere ai tre recuperati in acqua la sera di venerdi'. Un bilancio destinato probabilmente a salire ancora, visto che i numeri ufficiali parlano di 16 dispersi. E riemerge anche la scatola nera, da cui stanno arrivando le prime conferme a quello che tutti, al Giglio, hanno visto: la Concordia era a soli 150 metri dalla costa, un punto dove non avrebbe mai dovuto essere; l'allarme e' stato dato un'ora dopo l'impatto con lo scoglio. Perche'? Da parte sua Costa Crociere si e' difesa sottolineando che il comandante aveva superato tutte le verifiche di idoneita' e che l'equipaggio era addestrato alla gestione delle emergenze. Il ritrovamento dei due corpi e' avvenuto nel pomeriggio di una giornata che era iniziata in tutt'altra maniera: i Saf dei vigili del fuoco avevano infatti ritrovato vivi nella notte una coppia di coreani in viaggio di nozze, Hye Jim Jeong e Kideok Han: erano rimasti chiusi nella loro cabina, non avendo sentito l'allarme.

''Avevamo paura di morire di fame e di freddo, temevamo che nessuno ci sentisse'' hanno raccontato. In salvo anche Marrico Giampetroni, il commissario capo della nave, quello che molti gia' chiamano eroe: la sera del disastro ha aiutato moltissima gente a raggiungere le scialuppe per mettersi in salvo. Poi e' tornato nel salone ristorante per vedere se c'era qualcun altro ed e' scivolato, rompendosi la gamba. ''Ho sempre sperato nella salvezza'' ha detto ai pompieri quando l'hanno raggiunto e portato via dall'incubo. Con il passare delle ore, pero', i vivi hanno lasciato spazio ai morti. E la perlustrazione delle zone della nave completamente sommerse, iniziata oggi, ha dato le risposte che si temevano: non tutti ce l'hanno fatta a mettersi in salvo e qualcuno - quanti ancora non si sa - e' rimasto intrappolato a venti metri di profondita'. Due sfortunati li hanno trovati i sub della Guardia Costiera. Stavano perlustrando la zona di poppa della murata di dritta: in quello che era il terzo ponte, nei pressi del punto di raccolta indicato con la lettera 'A', c'erano i cadaveri di due uomini anziani. Entrambi avevano il giubbotto salvagente, segno inequivocabile che non hanno fatto in tempo a raggiungere le zone piu' sicure della nave, per mettersi in salvo. Identificarli e' stato quasi facile: lo spagnolo Guillermo Gual, 69 anni, aveva i documenti in tasca; Giovanni Masia, 86 anni, invece, aveva al collo una piastrina con le sue generalita'. Giovanni era in crociera con la moglie Giuseppina. Il figlio Claudio, cassintegrato della Ilva, aveva deciso di accompagnarli nel loro 'primo' viaggio fuori dalla Sardegna dopo il viaggio di nozze. A casa son tornati lui, sua moglie e i suoi figli, una nipotina, Giuseppina. Giovanni no. Ed e' molto probabile che non sia l'unico. Mancano all'appello ancora 16 persone. Se siano sfuggiti ai conteggi, come i due giapponesi rintracciati ieri a Roma, e' quello che tutti sperano, ma piu' passano le ore e piu' sono quelli che temono che siano intrappolati la' sotto. Tra loro dovrebbe esserci William Arlotti e sua figlia di 5 anni, partiti da Rimini, due coppie di francesi, due americani, una peruviana.

E due donne siciliane, Maria Grazia Trecanico e Luisa Virzi': risulterebbero conteggiate tra quelli salvati dopo il naufragio, ma di loro non c'e' traccia. Ritrovarli, vivi o morti, e' sempre piu' una corsa contro il tempo: mercoledi' le condizioni del tempo peggioreranno e questo potrebbe creare problemi seri. Non solo, infatti, sara' piu' difficile muoversi attorno e dentro la nave, ma il mare mosso potrebbe spostare la Concordia e farla scivolare verso un punto di non ritorno. A 30 metri dalla poppa c'e' infatti uno scalino di roccia al termine del quale il fondale raggiunge i 70 metri. La nave potrebbe dunque finire interamente sommersa. Non e' una corsa, invece, quella della procura di Grosseto, che vuole avere ben chiaro cosa e' accaduto.

Al centro degli accertamenti c'e' sempre il comandante Francesco Schettino, ora smentito anche dai dati della scatola nera. Ma non solo: l'uomo avrebbe dato l'allarme un'ora dopo l'impatto e quando gli uomini della Guardia Costiera, nelle concitate fasi del soccorso, gli avrebbero detto di risalire sulla nave, lui si sarebbe rifiutato. L'indagine dovra' poi chiarire se e' vero, come sostengono tutti al Giglio, che quella di fare l' 'inchino' all'isola suonando le sirene e' un'usanza che tutti i comandanti, e dunque anche Schettino, rispettano. Tanto che il sindaco ad agosto, scrisse una mail di ringraziamento ad un vecchio comandante della Costa, che era passato vicino all'isola. Mail imbarazzante e quantomeno fuoriluogo, pensando alle vittime della Concordia, ormai piegata su un fianco.
I vigili del fuoco, che hanno lavorato tutta la notte alla ricerca dei dispersi della Concordia, hanno ritrovato, a bordo della nave, il cadavere di un uomo. Si tratta della sesta vittima accertata del naufragio. Il corpo era nel secondo ponte, in una parte non invasa dall'acqua. Aveva il giubbotto salvagente ed era un passeggero.

Altri tre morti, e fanno sei. A 48 ore dal naufragio, dalla pancia della Costa Concordia piegata a 90 gradi davanti all'isola del Giglio, riemergono i primi tre cadaveri, che si vanno ad aggiungere ai tre recuperati in acqua la sera di venerdi'. Un bilancio destinato probabilmente a salire ancora, visto che i numeri ufficiali parlano di 16 dispersi. E riemerge anche la scatola nera, da cui stanno arrivando le prime conferme a quello che tutti, al Giglio, hanno visto: la Concordia era a soli 150 metri dalla costa, un punto dove non avrebbe mai dovuto essere; l'allarme e' stato dato un'ora dopo l'impatto con lo scoglio. Perche'? Da parte sua Costa Crociere si e' difesa sottolineando che il comandante aveva superato tutte le verifiche di idoneita' e che l'equipaggio era addestrato alla gestione delle emergenze. Il ritrovamento dei due corpi e' avvenuto nel pomeriggio di una giornata che era iniziata in tutt'altra maniera: i Saf dei vigili del fuoco avevano infatti ritrovato vivi nella notte una coppia di coreani in viaggio di nozze, Hye Jim Jeong e Kideok Han: erano rimasti chiusi nella loro cabina, non avendo sentito l'allarme.

''Avevamo paura di morire di fame e di freddo, temevamo che nessuno ci sentisse'' hanno raccontato. In salvo anche Marrico Giampetroni, il commissario capo della nave, quello che molti gia' chiamano eroe: la sera del disastro ha aiutato moltissima gente a raggiungere le scialuppe per mettersi in salvo. Poi e' tornato nel salone ristorante per vedere se c'era qualcun altro ed e' scivolato, rompendosi la gamba. ''Ho sempre sperato nella salvezza'' ha detto ai pompieri quando l'hanno raggiunto e portato via dall'incubo. Con il passare delle ore, pero', i vivi hanno lasciato spazio ai morti. E la perlustrazione delle zone della nave completamente sommerse, iniziata oggi, ha dato le risposte che si temevano: non tutti ce l'hanno fatta a mettersi in salvo e qualcuno - quanti ancora non si sa - e' rimasto intrappolato a venti metri di profondita'. Due sfortunati li hanno trovati i sub della Guardia Costiera. Stavano perlustrando la zona di poppa della murata di dritta: in quello che era il terzo ponte, nei pressi del punto di raccolta indicato con la lettera 'A', c'erano i cadaveri di due uomini anziani. Entrambi avevano il giubbotto salvagente, segno inequivocabile che non hanno fatto in tempo a raggiungere le zone piu' sicure della nave, per mettersi in salvo. Identificarli e' stato quasi facile: lo spagnolo Guillermo Gual, 69 anni, aveva i documenti in tasca; Giovanni Masia, 86 anni, invece, aveva al collo una piastrina con le sue generalita'. Giovanni era in crociera con la moglie Giuseppina. Il figlio Claudio, cassintegrato della Ilva, aveva deciso di accompagnarli nel loro 'primo' viaggio fuori dalla Sardegna dopo il viaggio di nozze. A casa son tornati lui, sua moglie e i suoi figli, una nipotina, Giuseppina. Giovanni no. Ed e' molto probabile che non sia l'unico. Mancano all'appello ancora 16 persone. Se siano sfuggiti ai conteggi, come i due giapponesi rintracciati ieri a Roma, e' quello che tutti sperano, ma piu' passano le ore e piu' sono quelli che temono che siano intrappolati la' sotto. Tra loro dovrebbe esserci William Arlotti e sua figlia di 5 anni, partiti da Rimini, due coppie di francesi, due americani, una peruviana.

E due donne siciliane, Maria Grazia Trecanico e Luisa Virzi': risulterebbero conteggiate tra quelli salvati dopo il naufragio, ma di loro non c'e' traccia. Ritrovarli, vivi o morti, e' sempre piu' una corsa contro il tempo: mercoledi' le condizioni del tempo peggioreranno e questo potrebbe creare problemi seri. Non solo, infatti, sara' piu' difficile muoversi attorno e dentro la nave, ma il mare mosso potrebbe spostare la Concordia e farla scivolare verso un punto di non ritorno. A 30 metri dalla poppa c'e' infatti uno scalino di roccia al termine del quale il fondale raggiunge i 70 metri. La nave potrebbe dunque finire interamente sommersa. Non e' una corsa, invece, quella della procura di Grosseto, che vuole avere ben chiaro cosa e' accaduto.

Al centro degli accertamenti c'e' sempre il comandante Francesco Schettino, ora smentito anche dai dati della scatola nera. Ma non solo: l'uomo avrebbe dato l'allarme un'ora dopo l'impatto e quando gli uomini della Guardia Costiera, nelle concitate fasi del soccorso, gli avrebbero detto di risalire sulla nave, lui si sarebbe rifiutato. L'indagine dovra' poi chiarire se e' vero, come sostengono tutti al Giglio, che quella di fare l' 'inchino' all'isola suonando le sirene e' un'usanza che tutti i comandanti, e dunque anche Schettino, rispettano. Tanto che il sindaco ad agosto, scrisse una mail di ringraziamento ad un vecchio comandante della Costa, che era passato vicino all'isola. Mail imbarazzante e quantomeno fuoriluogo, pensando alle vittime della Concordia, ormai piegata su un fianco.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Atrani, stabilimenti danneggiati da alluvione chiesero risarcimenti al Comune: prima condannati poi assolti

Erano stati accusati di tentata truffa ai danni del Comune di Atrani con l'aggravante di erogazioni pubbliche i due gestori degli stabilimenti balneari che in quanto in seguito al triste evento dell'alluvione del 9 settembre 2010 avevano presentato un'istanza al Comune finalizzata ad ottenere il risarcimento...

Brutto incidente a Ravello: scooter contro Ape Car, 17enne in ospedale

Brutto incidente questa mattina a Ravello. Intorno alle 8 scontro in località Civita tra uno scooter e un Piaggio Ape Car sula strada provinciale 75 che conduce a Castiglione. Non si conoscono le responsabilità ma a d avere la peggio è stato il 17enne alla guida del mezzo a due ruote, diretto a scuola,...

Trovati ad Amalfi con la coca sotto marmitta auto, processati due giovani

I Carabinieri li avevano sorpresi di ritorno da Furore con la cocaina nascosta sotto la marmitta dell'auto e per questo erano stati tratti in arresto. Per due amalfitani di 22 e 25 anni il 18 febbraio scorso erano scattate le manette per detenzione di sostanza stupefacente (cinque grammi di cocaina custodita...

Incidente in bici sulle montagne di Scala, soccorso in eliambulanza [FOTO]

Intervento dell'eliambulanza questo pomeriggio al campo sportivo di Scala per il trasferimento di un uomo feritosi sulle alture della città del castagno. Stando alle prime notizie giunte in redazione, intorno alle 16, un biker di 34 anni, in escursione in sella alla sua mountain bike sul Monte Cerreto,...

Consiglio di Stato respinge ricorso del tassista "aggressore" ad Amalfi: sospensione attuata

Messa la parola "fine" alla vicenda del tassista di Amalfi accusato di aver aggredito, il 5 agosto scorso, due turisti in Piazza Flavio Gioia e per il quale erano stati previsti dieci giorni di sospensione dall'attività. Il Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale (Sezione Quinta, presidente Giuseppe...