Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Agnese vergine

Date rapide

Oggi: 21 gennaio

Ieri: 20 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniChiesaRavello liquefazione Sangue San Pantaleone c'è ma non è limpida [FOTO]

Galleria d’Arte a Ravello cerca addetti vendite

La Campania martoriata dalle fiamme, da Minori criticità e proposte [VIDEO]

A Napoli la galleria d’arte di Thomas Dane

Nasce il paniere dei prodotti tipici di Costiera Amalfitana e Cilento. Parisi e Voria gli ambasciatori

Cetara: è nato Gilles Pappalardo, auguri all'assessore Angela Speranza!

Costa d'Amalfi, nuova sconfitta; al "San Martino" passa il Castel San Giorgio [FOTO]

Costa d'Amalfi, tesserato il difensore Gabriele Pommella

Amalfi, aperta consultazione per aggiornamento Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione

Truffe, il monito dei Carabinieri agli anziani: «Diffidare da richieste di danaro contante»

Truffe agli anziani, Carabinieri di Amalfi e Battipaglia arrestano due pregiudicati napoletani

Elezioni 4 marzo, "Potere al Popolo" incontra i cittadini della Costa d’Amalfi

Principato di Monaco e Costa d'Amalfi più vicini con un prestigioso progetto culturale

Food Network: Paul Hollywood con Gennaro Contaldo tra Napoli e la Costiera Amalfitana

Fondazione Ravello, sabato 20 nuovo Consiglio d'Indirizzo

Al "Ruggi" di Salerno la terapia per il trattamento della SLA

Il cellulare torna in classe: ecco le 10 regole della Fedeli

Da Ministero Salute nuovo richiamo colatura di alici. Ipotesi istamina

"Pompei per tutti": 10 febbraio accessibilità dei siti archeologici

Truffa a un’anziana di Maiori: fermato a Tramonti con 2mila euro imbroglione napoletano

Tramonti: al via i lavori di completamento della rete fognaria col miglioramento dell’impianto di depurazione

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Chiesa

Ravello, liquefazione Sangue San Pantaleone c'è ma non è limpida [FOTO]

Scritto da (Redazione), giovedì 27 luglio 2017 12:56:46

Ultimo aggiornamento giovedì 27 luglio 2017 17:48:07

Anche quest'anno l'atteso fenomeno del miracolo della liquefazione del sangue di San Pantaleone, patrono di Ravello si è manifestato, in una forma ben visibile, ma non limpidissima come in altre occasioni. Stamani, nel giorno che ne ricorda il martirio avvenuto nel 305 d.C. a Nicomedia, la reliquia si presentava con lo strato superficiale biancastro, tendente al giallognolo, mentre quello intermedio schiarito. Ma per poterlo ben ammirare è necessario non farsi ingannare dalla luce prodotta dalla lampada da alcuni anni mal posizionata sull'ampolla.

La liquefazione, infatti, si ammira in tutta la sua consistenza attraverso le grate che annullano il passaggio diretto della luce.

Il fenomeno è quasi sempre costante e in altre occasioni si è manifestato anche in maniera più chiara, con la materia di colore rosso rubino.

Il Sangue di San Pantaleone è custodito in un'ampolla in vetro dalla forma tonda e schiacciata, cinta da una doppia fasciatura in argento dorato, decorata con volute fogliacee e trafori esalobati, che si innesta su una piramide esagonale, probabilmente eseguita in una oreficeria napoletana durante il periodo aragonese. Nella parte superiore, invece, il lungo collo è sormontato da una statuina barocca raffigurante il santo medico con il Vangelo ed un ramo di palma unito alla corona imperiale, simbolo del martirio e della gloria. Dal 1661 è posta sull'altare della cappella della navata destra del Duomo e da più di tre secoli non può essere toccata o sfiorata perché protetta da due grate di ferro.

Il plasma occupa circa la metà dell'ampolla sulla superficie esterna del reliquiario: scuro e ben demarcato risulta essere lo strato inferiore dov'è depositato sangue commisto a terriccio e/o sabbia (la leggenda vuole che dopo il martirio alcuni fedeli presenti raccolsero il sangue del Santo da terra e lo riposero in un'ampolla).

In superficie il Sangue si presenta con alcune crepe e la comparsa di epifenomeni che anticipano e continuano con la liquefazione, l'ebollizione e la fluttuazione. Non è da escludere che entro stasera il plasma possa assumere un colore rosso rubino e liquefarsi totalmente. E dire che il Sangue di San Pantaleone per la maggior parte dell'anno permane ad uno stato denso scuro ed opaco, quasi solidificato.

Un fenomeno, quello della liquefazione, in contraddizione con dati fisici chimici e biologici e che per secoli ha messo a confronto religiosi e scienziati. Secondo la scienza medica è impossibile conservare la fluidità del sangue al di fuori dell'organismo umano: ciò in contrasto con quanto sappiamo scientificamente (coagulazione, putrefazione, essiccamento). E per alcuni studiosi non vi sono relazioni tra il "miracolo" e la temperatura esterna. Ma il processo di mutamento dello stato del Sangue di San Pantaleone pare si verificasse già a Costantinopoli, dove è documentato dal 1057.

La mancanza di altri documenti, però, non ci consente di stabilire con esattezza come la reliquia sia pervenuta a Ravello. La leggenda vuole che l'ampolla contenente il Sangue di San Pantaleone giunse nella città della musica tra l' XI ed il XIII secolo, quando i Ravellesi, con Amalfitani e Scalesi, intrattenevano relazioni commerciali straordinariamente intense con l'Oriente e particolarmente con Costantinopoli, capitale dell'Impero e, con Antiochia, capitale della Siria.

Ma a Ravello, del processo della liquefazione questo processo, si apprende solo nel 1577."Il sangue miracolosamente si scioglie dai primi vespri della festa che si celebra solennemente ogni anno (27 luglio ndr) e rimane così per tutta l'ottava fino al tramonto di alcuni giorni dopo".

Così scriveva il Vescovo Paolo Fusco in una visita pastorale nel settembre di quello stesso anno. La costruzione della nuova cappella cominciò sotto l'episcopato di mons. Michele Bonsi (1617-1623), mentre la definitiva traslazione della reliquia, che in origine era custodita a sinistra dell'altare maggiore, avvenne il 16 maggio 1661 con una solenne cerimonia presiduta dal Visitatore Apostolico Onofrio De Ponte, vescovo di Lettere. Nel 1695, monsignor Luigi Capuano, patrizio napoletano di origini amalfitane, ordinò che fosse celebrata nella terza domenica di maggio la festa della traslazione con rito doppio. Il sangue, dopo essere stato esposto alla venerazione con le altre reliquie, fu portato in processione per la Città, col suono continuo delle campane, per poi essere riposto nel nuovo reliquiario, costruito appositamente ed ornato.

Il miracolo della liquefazione è avvenuto eccezionalmente anche in occasione della festa della traslazione nel 1718.

Nel 1759 il canonico Lorenzo Risi, tesoriere della cattedrale, avvicinò incautamente la verga con il cero provocando la frattura dell'ampolla. Allora, temendo che il sangue potesse fuoriuscire, il sacerdote fece voto della realizzazione a sue spese di una statua a devozione del santo, eseguita in quello stesso anno da Nicola Schisano, proveniente da una celebre famiglia napoletana di argentieri e intagliatori. Simulacro che ancora oggi viene portato in processione per le vie del centro storico.

Nelle ore pomeridiane del 21 maggio 1922 si verificò la liquefazione "a metà" del prezioso sangue, e il popolo colse in quel segno straordinario, una visibile approvazione data dal patrono, all'arrivo della luce elettrica presso la Basilica, inaugurata proprio in quel giorno.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Chiesa

Chiesa Costa d'Amalfi, sacerdoti verso trasferimento: Don Nello Russo va a Positano, a Ravello Don Angelo Mansi

E' nuovamente tempo di tempo cambiamenti per la chiesa amalfitana. Dopo l’ordinazione episcopale di Don Michele Fusco, vescovo della Diocesi di Sulmona-Valva, resta scoperta la parrocchia di Santa Maria Assunta di Positano. La "città romantica", che annovera tra i suoi figli ben sei sacerdoti e due vescovi...

Morte Fabio Borgese: annullato lo spettacolo pirotecnico a Santa Maria del Bando

Il Responsabile ed i Componenti del comitato del Santuario di Santa Maria del Bando hanno deciso di annullare lo spettacolo pirotecnico per rispetto di Fabio Borgese, il 34enne sportivo amalfitano stroncato da un improvviso e inspiegato malore martedì scorso. Lo spettacolo era previsto nella serata di...

Atrani, sabato 13 reposizione del Bambinello a Santa Maria del Bando con estrazione presepi

La reposizione del Bambinello al Santuario di Santa Maria del Bando di Atrani è sempre capace di assumere un fascino esclusivo e richiamare Sabato 13 gennaio i Re Magi con gli zampognari si incammineranno, alle 16 e 30 da Piazza Umberto I per la "Grotta di Masaniello", si potrà ammirare lo splendido...

Monsignor Michele Fusco, 4 gennaio ordinazione episcopale in Duomo Amalfi. Da Molise e Abruzzo 130 fedeli

C'è grande attesa ad Amalfi per l'ordinazione episcopale di Don Michele Fusco, chiamato alla guida della Diocesi di Sulmona-Valva. Domani, giovedì 4 gennaio, alle 16 e 30, la Cattedrale di Amalfi sarà gremita in ogni ordine di posto dai fedeli di tutta la Diocesi di Amalfi-Cava de' Tirreni che vorranno...

Incontro per una Chiesa Viva, il primo numero del 2018

E' pubblicato il primo numero del 2018 (nel 14esimo anno) di "Incontro per una Chiesa Viva", il periodico diretto da Mons. Giuseppe Imperato, che dedica ampio spazio al mistero del Natale. Per approfondire il senso autentico dell' Incarnazione e della umanizzazione di Gesù, figlio di Dio e Salvatore...