Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 minuti fa S. M.Maddalena di Marsiglia

Date rapide

Oggi: 22 luglio

Ieri: 21 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Ravello Festival 2018 #Ravello18 laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniChiesaRavello festeggia Santa Barbara compatrona della Città /PROGRAMMA

Ravello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera Amalfitana Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Chiesa

Ravello festeggia Santa Barbara, compatrona della Città /PROGRAMMA

Scritto da (Redazione), venerdì 2 dicembre 2011 13:48:22

Ultimo aggiornamento domenica 4 dicembre 2011 19:43:03

Domenica 4 dicembre Ravello festeggia Santa Barbara Vergine e Martire, compatrona della Città. Già dalle 16.30 ciaramelle e zampogne allieteranno le vie del centro storico con le dolci melodie pastorali tipiche della tradizione natalizia.

Alle 18, nel Duomo di Ravello, la Santa Messa anticiperà il corteo processionale che accompagnerà la statua di Santa Barbara attraverso via Della Marra; come da tradizione, la delegazione dell'AMNI (Associazione Nazionale Marinai d'Italia) di Minori, prenderà parte alla celebrazione in onore della loro particolare protettrice.

Una festa, questa di Santa Barbara, "ripresa" solo da qualche anno a questa parte ma che durante il medioevo era assai sentita a Ravello, specie presso il Rione Ponticeto dove, all'interno delle grotte di Santa Barbara, era presente un vero e proprio insediamento ecclesiale che ne venerava le effigi. Oggi, in quelle grotte, rimangono soltanto i resti, ancora visibili, di quel luogo sacro (sabato 3 dicembre, con partenza alle 15 da piazza Vescovado, è il programma una visita al sito rupestre).

Nel 2006, l'Associazione Culturale Rebellum, attraverso la passione e l'impegno di Giuseppe Palumbo, Cinzia Maniglia, Giulia Proto e Salvatore Amato, ha dato alle stampe un interessante volume ricostruttivo dell'intera area.

E proprio dalla chiesa di Santa Barbara alle Grotte doveva provenire il particolare busto reliquiario raffigurante la Santa originari di Nicomedia (la stessa terra da cui proveniva il nostro patrono San Pantalone) con testa in argento cinta da una corona con gemme d'imitazione. Conservata nel museo del Duomo di Ravello, l' opera esprime un singolare contrasto tra la stilizzata e la severità della testa in argento e le tipiche forme della scultura in legno di un avanzato barocco.

Con una mano protegge la torre mentre con la sinistra teneva una foglia di palma mancante. L'espressione del volto, molto allungato, è segnata soprattutto dal naso oltremodo sottile, dagli archi orbitali accentuati, dagli occhi a mandorla ma con la pupilla intera e marcata. Sottile la bocca ed acuto il mento. Chioma accuratamente disegnata. Notevole la divisione del capo in due sezioni: frontale ed occipitale.

In questa sette fori circolari - chiusi da vetri ora mancanti- permettono di osservare la reliquia. La vita di Santa Barbara, come altri santi dei primi secoli cristiani, è avvolta nella leggenda. Secondo i racconti agiografici la fanciulla sarebbe stata rinchiusa in una torre dal padre Dioscoro, funzionario dell'Impero e fervente adoratore degli idoli pagani, che intendeva in tal modo sottrarre la splendida figlia allo sguardo dei numerosi pretendenti.

Il battesimo di Barbara e la sua consacrazione al Signore trasformarono, però, l'amore del padre in cieco furore. Sfuggita in un primo tempo alle intenzioni omicide del genitore, grazie ad una roccia che, fendendosi, le aveva offerto rifugio, la giovane venne poi catturata e portata innanzi al prefetto Marciano. Il magistrato cercò in tutti i modi di convincerla all'abiura, le lusinghe e le speranze si trasformarono ben presto in minacce e in crudeli supplizi fino alla decapitazione, eseguita dallo stesso Dioscoro che, dopo aver vibrato il colpo fatale, fu incenerito da una saetta discesa dal cielo.

Le crudeltà e i tormenti più spietati, sopportati dalla fanciulla con eroica dignità, legarono il culto e la devozione verso la santa di Nicomedia ai lavori più pericolosi e duri, connessi all'utilizzo della polvere nera e del fuoco. Le motivazioni possono essere ricercate anche nelle due circostanze ricordate in precedenza (l'apertura della roccia e il fulmine che incenerì Dioscoro) in quanto l'azione di fendere la roccia era una prerogativa del minatore, avvezzo all'utilizzo di esplosivi, mentre l'intervento del fulmine indusse a pensare che la santa ne avesse il dominio. Nel cinquecento, con l'introduzione sistematica della polvere da sparo nella pratica militare, Santa Barbara divenne la patrona degli archibugieri, degli artificieri, dei minatori e degli artiglieri.

Nella stiva delle navi, ove si conservavano le polveri, non mancava mai un ritratto della santa affinché il locale fosse protetto dai fulmini e dai colpi di cannone degli avversari, da cui il nome di "santabarbara" dato alla polveriera di bordo. Alla protezione della martire si sono sempre affidati anche i maestri pirotecnici, che nei secoli hanno animato, con esplosioni ed effetti incendiari, commedie dell'arte, naumachie e macchine da festa. Un teatro del fuoco meraviglioso ma anche assurdo, in grado di esaltare ma anche di uccidere attori e registi.

Questa festa ci riporta, quindi, ad un segno antico: il "fuoco", una delle quattro radici eterne o elementi naturali, un simbolo anche ambiguo, se vogliamo, in quanto forza creatrice, regolatrice dell'universo, ma anche fenomeno distruttore mai completamente asservito, da cui è nata una sfida con l'uomo mai definitivamente chiusa. Un "essere vivente", mutabile, che avrebbe accompagnato gli uomini non solo negli eventi più tumultuosi ma anche nei momenti di maggiore coralità e di tensione celebrativa sotto lo sguardo benevolo della splendida Barbara.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Chiesa

22 luglio, Atrani festeggia la Maddalena: fuochi alle 23,45 [PROGRAMMA]

Domenica 22 luglio Atrani festeggia Santa Maria Maddalena, patrona del borgo marinaro. Appuntamento immancabile nel novero delle feste religiose della Costiera Amalfitana, tra fede e tradizione. Alle solenne funzione delle 18 e 30, celebrata dall'Arcivescovo Orazio Soricelli, animata dal coro polifonico...

Ravello festeggia la Madonna del Carmine: storia di un culto secolare

di Salvatore Amato Anche quest'anno, il 16 luglio, presso il Duomo di Ravello, la Confraternita del SS. Nome di Gesù e della Beata Vergine del Monte Carmelo, fondata il 1° giugno del 2008, celebrerà, insieme alla comunità ravellese, la festa della Madonna del Carmine, uno dei culti più popolari dell'Europa...

Santa Trofimena, domenica 8 luglio la Santa Messa su Rai Uno in diretta da Minori

Domenica 8 luglio la Santa messa della 10 e 30 su Rai Uno sarà trasmessa dalla Basilica di Santa Trofimena a Minori. La celebrazione, nell'ambito del 225esimo anniversario del secondo ritrovamento delle Reliquie della Santa, sarà presieduta dall'arcivescovo Orazio Soricelli. Concelebreranno il parroco...

Le reliquie di Santa Trofimena a Maiori e Cetara

In occasione del 225esimo Anniversario del Secondo Ritrovamento delle Sacre Reliquie di S. Trofimena, procede - dopo la tappa a Ravello - la Peregrinatio della Statua e delle Venerate Reliquie della Santa Martire in tutte le Parrocchie dell'Arcidiocesi di Amalfi-Cava de' Tirreni. Anche la Città di Maiori...

Ravello, "Incontro" di luglio introduce alla festa patronale

È disponibile, in allegato, il numero di luglio 2018 di "Incontro per una Chiesa Viva", Periodico della Comunità Ecclesiale di Ravello. Questa edizione si apre con due articoli sul tema del martirio che preparano il nostro animo alla prossima celebrazione della Festa Patronale di San Pantaleone Medico...