Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 21 minuti fa S. Marco vescovo

Date rapide

Oggi: 22 ottobre

Ieri: 21 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

A Scala è tutto pronto per la Festa dedicata alla Castagna, Costiera Amalfitana, Sagre, Gusto GiustoGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniChiesaDon Angelo nuovo parroco di Ravello: «Non voglio collaboratori ma persone corresponsabili. Chiesa non è palcoscenico di Sanremo»

La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pellet euro 4,30 per 15KGRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Chiesa

Don Angelo nuovo parroco di Ravello: «Non voglio collaboratori ma persone corresponsabili. Chiesa non è palcoscenico di Sanremo»

Scritto da (Redazione), domenica 11 febbraio 2018 21:39:20

Ultimo aggiornamento domenica 11 febbraio 2018 22:24:37

«Accanto a me non voglio collaboratori, non mi servirà la collaborazione perché è qualcosa di transitorio. Non richiederò da voi la collaborazione perché è offensiva verso chi è chiamato a svolgere qualcosa solo se il parroco ne ha bisogno. Voglio, invece, accanto a me, persone corresponsabili». È senza dubbio questo il cuore del messaggio con cui Don Angelo Antonio Mansi stamani si è presentato alla sua comunità ecclesiale da guida della parrocchia di Santa Maria Assunta di Ravello.

In un Duomo gremito non soltanto di ravellesi ma di tanti amalfitani e minoresi legati da cari ricordi alle esperienze pregresse di Don Angelo, il sacerdote ravellese ha parlato in maniera chiara e decisa alla sua gente, alla sua nuova famiglia che in realtà è la stessa lasciata 37 anni fa subito dopo l'ordinazione sacerdotale.

«Persone corresponsabili - ha specificato - che sappiano sentirsi partecipi appieno alla vita della Chiesa per scegliere la logica dell'essenza a dispetto della logica dell'apparenza. Per nessuno la parrocchia deve essere il palcoscenico di Sanremo o del nostro auditorium. Su questi palcoscenici si cerca la fama, l'applauso, di mettere in mostra le proprie capacità. In parrocchia non si viene per questo: si viene per servire e non per essere applauditi. In parrocchia si viene per essere prossimi e non per cercare benemerenze». Don Angelo inizia il suo cammino senza troppi giri di parole, usando chiarezza per restituire fiducia nella Chiesa di Ravello, per un'apertura totale, sull'esperienza del suo predecessore Don Nello Russo, congedatosi tra gli attestati di stima dei presenti, con in testa il sindaco Salvatore Di Martino (video integrale in basso).

«Chi non sceglie la dialettica del servizio ma quella del plauso e dell'apparenza, mai potrà sentirsi tranquillo nella vita parrocchiale. Si sentirà invidioso del compito svolto da un altro. Soffrirà quando ci sono volti nuovi che si vogliono affiancare nella corresponsabilità» ha ribadito il neo parroco che ha aggiunto: «Non vengo nel mio nome ma, mandato dall'Arcivescovo, vengo nel nome del Signore: è il suo pensiero che voglio coniugare nella filialità di questa terra ravellese, è la sua verità che voglio stemperare nell'animo di chi ne è alla ricerca» questi i sentimenti che animano Don Angelo nella sua nuova missione che comincia, come ha detto l'arcivescovo Soricelli, nel pieno della sua maturità, a 62 anni. «È la sua misericordia (del Signore ndr) che voglio continuare a far fruire a chi si accosta ai Sacramenti per far comprendere a tutti che a Dio piace tenere il cuore appoggiato al cuore di chi confida in Lui. È la sua parola che mi urge donare a chi chiede luce per i suoi passi. È il colloquio con lui nella preghiera che intendo sempre più stabilire in voi sorelle e fratelli ravellesi da oggi vincolati a me nello zelo pastorale che mi riporta nella mia terra d'origine. Sono qua quasi a saldare un debito verso la mia comunità cristiana di origine. Da questa comunità sono stato educato nell'itinerario di iniziazione cristiana, in questa comunità ho imparato a sentirmi partecipe del cammino della Chiesa. Ritorno dopo 37 anni».

Rivolgendosi al primo cittadino, con orgoglio gli rivela: «Sappi che pur essendo stato 37 anni lontano da Ravello e potrai controllarlo ho conservato sulla carta d'identità la cittadinanza ravellese» guadagnando l'applauso dell'uditorio. Uomo di profonda cultura - svolge il ruolo di Vicario Episcopale per la Pastorale -, Don Angelo ha ceduto più volte alla commozione, come quando ha ricordato il suo percorso di fede proprio nel Duomo di Ravello, alla scuola rigorosa di Don Giuseppe Imperato senior, mentre il padre Vincenzo serviva la Chiesa Madre da sacrista. Il sacerdote cresciuto in via dell'Annunziata, a pochi passi dal bel campanile, ha ricordato le tappe fondamentali del suo cammino che oggi, per la volontà Divina, lo ha riportato a casa. Dopo il rito della consegna della chiave del Duomo, ha ringraziato davvero tutti: dai sui predecessori a Don Giuseppe Imperato junior a don Raffaele Ferrigno, alla famiglia francescana, alla sua famiglia. Presenti il fratello Pantaleone, con moglie e figlia e l'avvocato Salvatore Sammarco, padrino di battesimo di Don Angelo, giunto per l'occasione dal Cile.

Una Chiesa capace di dialogare con tutti.«Grazie a te, Chiesa di Ravello, che oggi mi accogli esultante. Con te desidero curare la passione per la cultura della prossimità e rifiutare la cultura dello scarto. La cultura della prossimità è l'humus proprio del vangelo di Gesù Cristo che deve fare di noi una Chiesa aperta, in cui ognuno si sente accolto, una Chiesa infinita, capace di raggiungere, come ammonisce papa Francesco, le periferie esistenziali, dove ci sono quelli che si sentono trascurati, quelli che non hanno il coraggio di denunciare i loro disagi e le loro difficoltà. Una Chiesa capace non solo di dialogare con coloro che frequentano il perimetro sacro del tempio, ma capace anche di affiancarsi a coloro che hanno smesso di credere e reclamano il dono della speranza. Gesù è la nostra speranza, da decantare alle coscienze di tutti, anche dei turisti che vengono da noi non solo per collezionare momenti di distensione e di ammirazione artistica, ma anche per rinvenire, nel sostrato della nostra cultura ravellese, quella marcia in più che è proprio la nostra fede».

I have a dream. Il nuovo parroco ripropone, facendolo proprio, il messaggio che nel 2000 l'arcivescovo Soricelli trasmise nel Duomo di Amalfi all'atto del suo insediamento: «Sogno una Chiesa viva in cammino, non un'azienda tecnicizzata, burocratizzata ed efficientista, sogno una Chiesa serva sull'esempio di Gesù servo. Una Chiesa attenta, aperta all'azione dello Spirito e all'azione dei tempi. Una comunità innamorata di Cristo, permeata di carità missionaria capace di volare in alto. Continueremo a mettere la famiglia al centro della pastorale e daremo spazio ai giovani, speranza della Chiesa e non trascureremo nessuna categoria di persone».

Tenero e commovente l'auspicio di Don Angelo per la sua Ravello, dedicandolo ai bambini, la speranza di questa Città. Chiede vicino a lui due fanciulli ravellesi, tiene le mani sulle loro piccole spalle e parafrasando alcune parole del brano trionfatore al festival di Sanremo "Non mi avete fatto niente" di Ermal Meta e Fabrizio Moro, dice: «Il sorriso dei bambini solleverà il mondo. Aiutatemi a dare ai bambini un esempio di testimonianza: se ci vedono grintosi (rivolgendosi a genitori, formatori e cateschisti) con Gesù, come i leoni e le leonesse del nostro ambone al vangelo, anche i bambini cresceranno forti, ravellesi forti, perché c'è Gesù Cristo».

Poi l'ultimo appello: «Chiesa di Ravello, rompi gli ormeggi, prendi il largo, spiega le vele al vento dello Spirito, con coraggio e ottimismo. Avventurati sul mare aperto, per una nuova primavera missionaria. Amen».

Al termine della celebrazione Don Angelo raccoglie l'abbraccio sincero della sua comunità emozionata, speranzosa ma anche fiduciosa in un nuovo cammino di Chiesa viva e aperta. Buon cammino Don Angelo, bentornato a casa.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Chiesa

Ravello ricorda Frà Antonio Mansi nel centenario della morte. Avviata causa di beatificazione [PROGRAMMA]

Il Convento dei Frati Minori Conventuali di Ravello celebra, il 30 e 31 ottobre prossimi, il centenario della morte di Frà Antonio Mansi attraverso alcuni momenti spirituali e culturali. Il giovane religioso ravellese, tra i fondatori con San Massimiliano Kolbe della Milizia dell'Immacolata, era nato...

Atrani festeggia il Patrocinio di Santa Maria Maddalena

Come da tradizione, nella terza domenica di ottobre Atrani festeggia il Patrocinio di Santa Maria Maddalena, a ricordo delle numerose grazie ottenute mediante l'intercessione della Sua venerata Protettrice. In effetti tra gli Atranesi e la Santa esiste un legame strettissimo e profondo, che ha attraversato...

Minori: 22 ottobre giornata di ringraziamento delle Forze armate, della società civile e del Volontariato

Una Santa Messa in onore del 225esimo anniversario del secondo ritrovamento delle Sacre Reliquie di Santa Trofimena. Si terrà il 22 ottobre prossimo, alle 10, nella Basilica dedicata alla Santa, occasione durante la quale si ringrazieranno anche le Forze armate, le autorità civili e i gruppi di Volontariato...

Santa Trofimena a San Pietro e l'abbraccio di Papa Francesco: per i Minoresi un'emozione indimenticabile [FOTO]

Mercoledì 10 ottobre 2018: un giorno speciale, da ascrivere alla storia della Città di Minori. Per la prima volta le reliquie di Santa Trofimena hanno raggiunto il centro della Cristianità, la Basilica di San Pietro in Roma. Storico l'abbraccio della delegazione minorese che, guidata dall'Arcivescovo...

Santa Trofimena in Vaticano, Papa Francesco riceve comunità religiosa di Minori

Le Sacre Reliquie di Santa Trofimena sulla tomba di San Pietro Apostolo, nel centro della cattolicità. Straordinaria giornata di fede per la comunità di minori, quella di domani, 10 ottobre, in pellegrinaggio a Roma. Guidati dal parroco don Ennio Paolillo, con l'arcivescovo di Amalfi Cava dei Tirreni...