Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Ignazio d'Antiochia

Date rapide

Oggi: 17 ottobre

Ieri: 16 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Festa della Castagna 2017 a Scala in Costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Hotel Panorama Maiori - Roof Terrace - Ristorante vista mare - Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniChiesa26 ottobre: Ravello festeggia il Beato Bonaventura da Potenza

Praiano: 10 novembre la consegna dei Premi Amalfiguide Coast per l’Alto Impegno Culturale

Cetara: Forum dei Giovani organizza il Carnevale, si cercano volontari

“C’eravamo tanto amati”: all’Unisa convegno sulla società italiana degli anni '70 tra cinema, musica e televisione

Scala, giovedì 19 concerto a San Cataldo con artisti danesi

Enel, 20 ottobre interruzione fornitura elettrica a Praiano

Enel, 19 ottobre interruzione fornitura elettrica a Ravello

Ministra Fedeli a colloquio con studenti del Marini-Gioia: recepisce loro istanze seduta su scale Duomo [FOTO]

Locali d'Autore cerca sviluppatori e Web Designer

Positano, sindaco De Lucia striglia i suoi e conferma Giunta: «Ultima parte di mandato con rinnovato slancio e impegno»

Valeria Fedeli da Scala: «Scuola fondamentale nei piccoli centri, determina comunità». Poi colloquio con i ragazzi [FOTO e VIDEO]

Piano di Zona S2: 17 ottobre incontro per il Sostegno per l’Inclusione Attiva

Musica da Camera, il programma settimanale della Ravello Concert Society con Mozart, Chopin e Liszt

Tramonti, giovedì 19 l'apertura del micronido comunale

Custodia del Creato, da Scala la promessa d'amore dei ragazzi per l'ambiente [FOTO]

Dall'inferno al paradiso in 23': la Salernitana espugna il Partenio al 96°

Scivola sul sentiero dell’Avvocata, pellegrina soccorsa da Protezione Civile e Vigili del Fuoco

Il Ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli a Scala: visita alla chiesetta di Minuta e poi incontro con gli studenti

«Un metro sopra il cielo»: Italy Food Porn consiglia la pizza del Giardiniello di Minori

Gusto, tradizione ed eleganza in uno degli alberghi di charme più esclusivi in Costiera Amalfitana

Maiori, incidente stradale a Capo d’Orso: coinvolti scooter e moto

Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Chiesa

26 ottobre: Ravello festeggia il Beato Bonaventura da Potenza

Scritto da (Redazione), domenica 25 ottobre 2015 16:48:00

Ultimo aggiornamento domenica 25 ottobre 2015 16:48:00

di Emiliano Amato

Ottobre è il mese del Beato Bonaventura da Potenza. Lunedì 26 la comunità di Ravello si riunisce attorno alla mensa eucaristica per celebrare il "Martire dell'obbedienza", esempio di perfezione evangelica, di ascesi, di santità, testimone della fede che si è speso totalmente per annunciare la lieta novella ai poveri e per servire Cristo nei fratelli bisognosi.

Presso la chiesa di San Francesco, dove dal 1711 riposano le spoglie del Martire dell'Obbedienza, le messe comunitarie scandiranno la mattinata del giorno festivo (ore 8,00 e 11,30).

Alle 17.30 la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Angelo Comastri, arciprete della Basilica Papale di San Pietro e Vicario di Sua Santità per la Città del Vaticano.

Anche quest'anno la processione del simulacro del Beato per le vie del paese non si svolgerà perché rimandata, dallo scorso anno, all'ultimo sabato del mese di giugno a causa delle avverse condizioni meteo che spesso caratterizzano questi periodi.

Già nel 1780 - come si evince dai documenti dell'Archivio della Congregazione per le Cause dei Santi - i Frati Minori Conventuali della città di Ravello, il Capitolo e il Clero della medesima Città avvertirono l'esigenza di inoltrare una Supplica al Papa Pio VI, con la richiesta di poter trasferire la festa del Beato a giugno, date le avverse condizioni climatiche del mese di ottobre, che creavano (e creano) impedimento al flusso dei pellegrini e dei devoti del Martire dell'Obbedienza e allo stesso svolgimento della processione.

Il Beato Bonaventura da Potenza, al secolo Carlo Antonio Gerardo Lavanga, nacque a Potenza nel 1651; figlio di "povera gente ornata di singolare onestà di costumi e d´insigne cristiana pietà", lascò la città natale all'età di 15 anni (per non ritornarvi mai più da vivo), cominciando il novizio nei Minori Conventuali di Nocera Inferiore. Trascorso il periodo di preparazione tra Aversa, Maddaloni e l' Irpinia, nel 1675, ad Amalfi, sotto la guida di padre Domenico Girardelli, venne ordinato sacerdote.

Fu quindi inviato in diversi conventi, tra i quali quelli di Napoli, Ravello, Ischia, Sorrento e Nocera Inferiore, dove divenne responsabile dei novizi. Morì il 26 di ottobre del 1711, in una cella del convento di San Francesco a Ravello, per i postumi di un intervento resosi necessario per l'asportare un cancro alla gamba.

A lui si riconducono molti miracoli: si racconta che abbracciò un lebbroso che immediatamente guarì dalla sua malattia. Venne proclamato beato da papa Pio VI nel 1775. Oggi il Beato Bonaventura riposa nella meravigliosa urna posta sotto l'altare maggiore della chiesa di San Francesco.

ULTIMA DESTINAZIONE RAVELLO Si era nel cuore del rigido inverno quando, nel 1710, Padre Bonaventura, in qualità di Superiore, insieme ad altri confratelli raggiunse, percorrendo vie accidentate, una Ravello solitaria, che nelle Visite ad limina appariva "una città con edifici caduti o cadenti e in gran parte rasa al suolo".

Il Vescovo Giuseppe Maria Perrimezzi (1707-1714), dei Minimi di San Francesco di Paola, celebre predicatore e scrittore, aveva infatti richiesto espressamente al Commissario della Religiosa Provincia di Napoli la riapertura del convento francescano di Ravello già soppresso nel 1652.

Nella città costiera il frate potentino avrebbe terminato una lunga itineranza, spesa totalmente nel soccorso ai poveri e agli ammalati senza, tuttavia, far mancare una parola di conforto ai nobili che, con frequenza, si rivolgevano a lui. Amalfi, Napoli, Sorrento, Capri e Ischia, sono solo alcune tappe di un itinerario spirituale, prima che fisico, volto all'imitazione di Cristo sull'esempio del Serafico Padre San Francesco e costellato di eventi prodigiosi, prima di essere nominato Maestro dei Novizi nel Convento di Nocera Inferiore.

A Ravello il pensiero del Beato andava spesso alle parole del suo maestro spirituale, il Venerabile Domenico Girardelli da Muro Lucano, altro figlio esemplare della provincia francescana conventuale di Napoli, morto ad Amalfi nel 1683 e sepolto nella chiesa del convento di San Francesco.

Egli, tre anni prima della dipartita, nel momento del commiato aveva profetizzato a Padre Bonaventura la riapertura della casa conventuale della "Città di Ravello col favore di un vescovo amantissimo dei nostri" dove avrebbe trascorso gli ultimi anni prima del suo ritorno alla casa del Padre, "così i corpi sarebbero stati vicini dopo la morte, come gli animi erano stati in vita congiunti".

Nonostante il convento fosse desolato e privo di tutto, persino le suppellettili ecclesiastiche erano difatti indecorose, il Padre Superiore riteneva che non mancava "ciò ch'era necessario e che in convento aveva assai più di quello che si sarebbe meritato".

Il Vescovo lo nominò suo confessore e gli affidò la direzione spirituale dei due monasteri delle "Sacre Vergini nobili, principal coronamento dell'angusta sua Diocesi".

Ma gli altri confratelli abbandonarono la casa conventuale lasciando, per i primi mesi, il Beato in solitudine, fedele all'obbedienza verso il Padre Provinciale, alla carità verso le anime bisognose e all'amore per la povertà. L'instancabile impegno veniva profuso non solo a Ravello ma anche nelle vicine città di Scala, Amalfi, Atrani dove il frate si recava per lenire le sofferenze dei corpi e i tormenti dell'anima.

Il Beato era solito trattenersi per lunghe ore dinanzi al SS. Sacramento, tra gemiti e lacrime, sia di giorno che di notte, avendo grande cura della lampada ardente che, con la sua fiamma, segnalava la presenza reale del Signore del Mistero Eucaristico.

Questa profonda immersione nel Mistero Eucaristico gli era facilitata a Ravello, dove la sua stanzetta versava, con la finestra, proprio sull'altare maggiore. Sempre ilare e giocondo, malgrado le pessime condizioni di salute, Egli celebrava l'Eucaristia con grande emozione e partecipazione.

In prossimità della Consacrazione il volto si trasformava mentre lacrime e sudore bagnavano il frate in estasi. I sui giorni trascorrevano all'insegna della preghiera, della confessione e della predicazione, "si macerava colle discipline, coi cilizi, e con altre penitenze" mentre, pur di sovvenire alle necessità degli ultimi, si privava anche del pane quotidiano, unico mezzo di sostentamento.

L'incontro con "sorella morte" si avvicinava: "Io già vedo che le mie infermità si vanno troppo avanzando; è necessario che io muti stanza tra poco", diceva sei mesi prima della dipartita.

Nell'ottobre 1711, assalito dalla febbre, trascorse gli ultimi giorni nella sua cella in compagnia del Cristo Crocifisso che pendeva dalla parete. "Ave Maria, Ave Maria, Ave Maria", furono le ultime parole, i suoi occhi si chiudevano privando il popolo ravellese, che lo pianse con devozione filiale, di un tesoro inestimabile. Verso la sera del terzo giorno dopo la morte, il corpo del Beato fu trasportato dall'Oratorio in chiesa per essere sotterrato alla presenza del Vescovo e di altri qualificati testimoni.

Durante il trasporto, alla vista del Tabernacolo, la salma aprì gli occhi, rimasti sempre chiusi dal momento in cui egli era spirato, e quasi chinò la testa di fronte al SS. Sacramento. Il fenomeno, alla luce delle candele, fu osservato da tutti gli astanti e fu interpretato come un segno con il quale il Signore aveva voluto premiare la grande devozione eucaristica del suo Servo.

Ancora oggi, in special modo per la nostra città, che ha il privilegio di custodirne il corpo, il Beato Bonaventura si pone come modello offrendo tre proposte: la santa messa quotidiana come partecipazione al Mistero di Cristo; la "Visita" al SS. Sacramento come ricerca dell'intimità con Cristo; l'adorazione estatica come contemplazione del Mistero di Cristo. Questa è la consegna del nostro Beato, questo il suo prezioso messaggio per i sacerdoti, i laici, per l'intera chiesa.

Con il conforto e la testimonianza del Beato Bonaventura cerchiamo di vivere in comunità per essere autentici missionari, autentici evangelizzatori, autentici profeti della fede cristiana, dell'amore, della giustizia, della speranza, di quella speranza di cui ha bisogno soprattutto il mondo di oggi.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Chiesa

A Scala la Giornata Diocesana del Creato

A Scala la dodicesima edizione della Giornata Diocesana del Creato. Appuntamento a questo pomeriggio (sabato 14 ottobre), dalle 16 alle 18, nella meravigliosa chiesa della SS. Annunziata di Minuta. Qui l'intera Diocesi di Amalfi-Cava de' Tirreni si ritroverà a riflettere sul messaggio di Papa Francesco...

San Francesco d'Assisi e la sua presenza in Costa d'Amalfi

Oggi, 4 ottobre, la Chiesa cattolica celebra la memoria liturgica di San Francesco d'Assisi, Patrono d'Italia. Nel XIII secolo San Francesco fondò in Costa d'Amalfi ben due conventi: quello di Capo di Croce in Amalfi (oggi hotel Luna), e il Convento di Ravello. Quest'ultimo viene attribuito da pia tradizione...

Ottobre, mese della missione e di San Francesco d'Assisi nel nuovo numero di Incontro

È disponibile (scaricabile in allegato) il numero di ottobre di "Incontro per una Chiesa Viva", periodico della Comunità ecclesiale di Ravello, diretto con solerzia, da 14 anni, da Mons. Giuseppe Imperato, parroco emerito del Duomo di Ravello. Il tema di questo numero riguarda la Missione, cuore della...

Ravello, un nuovo fonte battesimale per il Santuario dei Santi Cosma e Damiano [FOTO]

È stata benedetta questa sera la nuova cappella battesimale del Santuario dei Santi Cosma e Damiano di Ravello. La cerimonia presieduta dal parroco don Raffaele Ferrigno e dal novello presbitero don Andrea Pacella, è avvenuta a preludio della celebrazione eucaristica della vigilia dei festeggiamenti...

26 settembre, Ravello festeggia i Santi Cosma e Damiano [PROGRAMMA]

Settembre è il mese dei Santi Cosma e Damiano. Ed ecco, puntuale, il ritorno a Ravello delle migliaia di pellegrini provenienti da ogni dove che, con generosità e devozione, continuano imperterriti a ricalcare le orme dei loro padri, raggiungendo il Santuario arroccato sotto la rupe del Cimbrone, per...