Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 minuti fa S. Bernardo abate

Date rapide

Oggi: 20 agosto

Ieri: 19 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Ravello Festival 2018 #Ravello18 Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai La Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campana Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAttualitàUn viaggio alla scoperta del pensiero filosofico sul concetto di ‘Libertà’

Ravello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera Amalfitana Gusta Minori edizione 2018, Varietà il 24, 25 e 26 agosto a Minori in Costiera Amalfitana Marilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giorno Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Attualità

Un viaggio alla scoperta del pensiero filosofico sul concetto di ‘Libertà’

Scritto da (Redazione), domenica 5 marzo 2017 11:14:14

Ultimo aggiornamento domenica 5 marzo 2017 11:14:14

Comincia oggi, per i lettori de Il Vescovado, un nuovo e affascinante viaggio alla scoperta del pensiero filosofico, dall'Età Classica al Novecento sul multiforme concetto di Libertà.

A curare la rubrica, di esclusivo carattere divulgativo e quindi rivolto a chiunque (com'è nello stile di questo giornale) sarà Michele Citro, trentenne di Mercato San Severino, laureato in Filosofia Politica e della Comunicazione presso l'Università "La Sapienza" di Roma con il massimo dei voti. È autore di due volumi di filosofia politica:Riflettere storicamente la democrazia attraverso Marcel Gauchet (Aracne Editrice, 2014) e La libertà. Tra uomo e cittadino (Aracne Editrice, 2015).

Con cadenza quindicinale Michele Citro proporrà una serie di scritti nati da diverse ricerche in materia e dall'approfondita analisi di tre capisaldi del pensiero liberale: La libertà degli antichi, paragonata a quella dei moderni di Benjamin Constant, Due concetti di libertà di Isaiah Berlin e La libertà prima del liberalismo di Quentin Skinner. Nonostante la tematica sia la stessa, questi saggi, scritti in tempi diversi, presentano differenti interpretazioni della libertà; nessuna di esse, né per interesse né per importanza, è da ritenersi inferiore alle altre in quanto tutte sono utili nell'ardua operazione di "quasi" de-finirla. Buona lettura!

PILLOLE DI LIBERTA'

di Michele Citro*

Ringrazio il direttore Emiliano Amato per lo spazio di pensiero che mi è stato concesso su questo giornale e mi impegnerò a sfruttarlo al meglio delle mie possibilità e nel massimo rispetto delle sue lettrici e dei suoi lettori.

Il primo progetto che avrei il piacere di con-dividere prende il nome di "Pillole di Libertà". Invito a pensarlo come una piccola rubrica di storia critica delle idee morali e politiche che hanno contraddistinto il lungo e tortuoso percorso verso la realizzazione di una piena, o quasi, "umanità/civiltà" dell'essere vivente.

La mia esigenza di riflettere su un traguardo all'apparenza raggiunto, nasce da un senso di nostalgia e di mancanza per qualcosa che pur chiamandosi libertà, libertà non è più. L'eccesso di sensi e di significati che le sono stati attribuiti ne hanno scavato la sostanza fino ad annientarla. "Pensare" mi aiuta, e spero vi aiuti, a recuperare la nostra giusta libertà.

Nessun pensiero, tuttavia, può fare a meno di una storia, e questa storia vorrei raccontarla attraverso le parole di tre leggende del pensiero liberale: Benjamin Constant, autore di La libertà degli antichi, paragonata a quella dei moderni, Isaiah Berlin, autore di Due concetti di libertà, e Quentin Skinner, autore di La libertà prima del liberalismo. Nonostante la tematica sia la stessa, questi saggi, scritti in tempi diversi, presentano differenti interpretazioni di quella che Berlin definisce la "proteiforme" nozione di libertà. Nessuna di queste interpretazioni, né per interesse né per importanza, è da ritenersi inferiore alle altre: tutte, pertanto, si presentano come degne di essere analizzate e considerate con la medesima attenzione.

La prima parte di questa rubrica, sarà dedicata al celebre saggio di Constant e sarà intitolata "Dalla libertà di, alla libertà da", al fine di evidenziare la rivoluzione sia concettuale sia spirituale di cui il pensatore losannese si è fatto portavoce e teorico. L'intento che mi sono prefissato è quello di scomporre il celebre Discorso di Constant e di metterne in luce i punti essenziali. Tali punti sono: a) le ragioni per cui Constant tiene nel 1819 una conferenza sulla libertà all'Ateneo di Parigi; b) le caratteristiche che egli attribuisce alla libertà che definisce "degli antichi" e quelle che, invece, attribuisce alla libertà che definisce "dei moderni"; c) le cause sia impersonali (i fattori macrosociologici) sia psicologiche che, a suo parere, hanno portato i moderni a ripensare la nozione di libertà diversamente dai cittadini delle antiche repubbliche; d) i pro e i contro tanto dell'uno quanto dell'altro tipo di libertà; e) il ruolo fondamentale che il governo rappresentativo ha assunto presso le nazioni moderne; f) i pericoli che potrebbero derivare da una completa rinuncia alla libertà politica; g) la doppia funzione, politica (mezzo di tutela e di garanzia dei diritti individuali) ed etico-morale (mezzo di perfezionamento morale dell'uomo), che Constant attribuisce alla libertà politica; h) il ruolo paideutico che lo stesso filosofo, sulle orme di Sismondi, conferisce allo Stato ed alle sue istituzioni.

La seconda parte sarà dedicata al saggio di Berlin del 1958: Due concetti di libertà. In essa il mio intento è mostrare come Berlin, partendo da un'accurata analisi storico-critica delle libertà che egli definisce "negativa" e "positiva" - ossia di «appena due dei duecento e più sensi registrati dagli storici» del concetto-valore di libertà - giunga ad una soluzione politica pluralista. A differenza della prima parte, questa sarà articolata in sei uscite, più un brevissimo articolo di introduzione nel quale esporrò, a grandi linee, la genesi e la linea guida che Berlin segue nella stesura di questo suo lavoro. La prima uscita, dal titolo "La nozione di libertà negativa", presenterà l'interpretazione berliniana della libertà "negativa" quale semplice "non-interferenza" («Più ampia è l'area di non-interferenza -scrive Berlin- maggiore è la mia libertà»). Il secondo articolo, in antitesi al primo, esporrà la nozione di libertà "positiva". Tale libertà, come si può intuire dal nome che le è stato attribuito, non implica l'assenza di un qualcosa, ma si configura, innanzitutto, come affermazione della propria volontà, come autonomia ed autodeterminazione di un agente "razionale" pronto ad assumersi le responsabilità delle proprie scelte che è capace di spiegare facendo riferimento alle proprie idee e finalità. Nei successivi articoli/pillole mi dedicherò all'esposizione e alla spiegazione delle diverse forme assunte dalla libertà "positiva" nel corso dei secoli: a) libertà come autonomia dal mondo esterno tramite la "negazione di sé"; b) libertà come identificazione di sé con l'ideale razionale; c) libertà come l'essere riconosciuto quale individuo (ovvero come un «agente responsabile dotato di caratteristiche proprie identificabili e specificamente umane e scopi propri») da parte dei propri simili. Il sesto ed ultimo articolo, come già accennato in precedenza, sarà invece dedicato alla soluzione pluralista alla quale Berlin giunge in seguito alla sua analisi della nozione di libertà. Egli, partendo dal presupposto che «i fini degli uomini siano molteplici e non tutti siano in linea di principio compatibili l'un l'altro», vede il pluralismo, con la misura di libertà negativa che comporta, come un ideale più vero e più umano rispetto all'ideale metafisico razionalista.

Evidenzierò, inoltre, il fatto che Berlin, in fin dei conti, pur non trovando le risposte a quella serie di interrogativi («Perché dovrei - o qualcuno dovrebbe - ubbidire ad altri?»; «Perché non dovreivivere come voglio?»; «Devo ubbidire?»; «Se disubbidisco posso essere costretto. Da chi e in quale misura e in nome di che cosa e a che scopo?») che all'inizio della sua analisi si propone di risolvere, approda a qualcosa che vale molto più di una singola risposta: la presa di coscienza della realtà dei fatti, della vera natura dell'uomo come agente libero e della vera natura dei suoi fini.

La terza ed ultima parte di questa rubrica, si comporrà di tre pillole che tratteranno della Libertà prima del liberalismo. Il saggio di Skinner viene affrontato per ultimo non solo perché è il più recente (1997) ma anche in quanto può essere considerato, con il suo ripensare la libertà prendendo a modello il repubblicanesimo neo-romano, soprattutto di matrice inglese, una sintesi fra le teorie della libertà analizzate negli articoli precedenti. Il bersaglio di Skinner è principalmente il liberalismo. Questa dottrina politica - considerando una certa quantità di diritti come "trumps", ovvero come carte vincenti, e dando a tali diritti la priorità su ogni dovere sociale - non fa altro, secondo Skinner, che trovare un escamotage per giustificare la natura corrotta dell'uomo quale essere completamente autointeressato. Egli, inoltre, è fortemente convinto che il «liberalismo contemporaneo, specialmente nella sua forma libertaria, rischia di eliminare dall'arena pubblica qualsiasi concetto, salvo quelli di interesse personale e di diritti individuali». Il repubblicanesimo neo-romano o classico sostenuto da Skinner, i cui concetti chiave affondano le proprie radici nel diritto romano, e che ha come esponenti oltre ad alcuni fra i più eminenti storici e moralisti romani (Sallustio, Tacito, Cicerone e Seneca), il Machiavelli dei Discorsi ed alcuni teorici politici inglesi del XVII sec. (John Milton, James Harrington, Algernon Sidney, Marchamont Nedham, John Hall e Francis Osborne), propone, invece, di considerare seriamente i doveri civici, anziché i diritti individuali, ed esorta a cercare di adempiere ai nostri impegni pubblici cercando di eccedere il meno possibile le esigenze minime della vita sociale. La terza parte di queste "Pillole di Libertà", pertanto, si proporrà, attraverso una minuziosa analisi del saggio di Skinner, di mostrare come quest'autore sia giunto a considerare il repubblicanesimo neo-romano una "terza via" tra un liberalismo eccessivamente individualista ed un repubblicanesimo, quello di matrice aristotelico-tomistica, che confonde l'individuo nella comunità presentandosi, così, come l'altro estremo della corda, e a mostrarlo come un contributo ad una teoria democratica all'altezza del presente.

*consegue la Laurea Magistrale in Filosofia Politica e della Comunicazione presso l'Università "La Sapienza" di Roma con il massimo dei voti e successivamente un Master in Marketing e Comunicazione con una specializzazione in Relazioni Pubbliche Internazionali presso "Ateneo Impresa". Durante gli anni della formazione, inoltre, effettua ricerche in materia di filosofia politica, linguistica, antropologia e sociologia presso l'"Université Paris-Sorbonne", l'"EHESS"di Parigi e l'Università di "Harvard"a Boston. Terminati gli studi, lavora dapprima come copywriter per la multinazionale americana di pubblicità"Young & Rubicam", poi come segretario del Consigliere per la Comunicazione dell'Ambasciata Italiana a Parigi. Attualmente è impegnato in progetti pubblicitari e organizzazione di eventi culturali ed artistici, è docente di Marketing e Comunicazione e Gestione delle Imprese presso IUDAV (Laurea in Animazione e Videogiochi, corso di laurea in Comunicazione Digitale L-20), nonché presidente dell'associazione culturale e casa editrice Edizioni Paguro (www.edizionipaguro.it ). È autore di due volumi di filosofia politica:Riflettere storicamente la democrazia attraverso Marcel Gauchet (Aracne Editrice, 2014) e La libertà. Tra uomo e cittadino (Aracne Editrice, 2015).

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Trasporto pubblico in Costiera Amalfitana tra caos e disorganizzazione

di Antonio Schiavo Faccio collezione di ciucciarielli. "E chi c...o se ne frega" diranno giustamente, usando un francesismo, i tanti lettori de il Vescovado. Abbiate pazienza, questo è soltanto il prologo di un'odissea annunciata. I ciucciarielli li compro di legno, terracotta ma soprattutto in ceramica:...

Quattro libri per andare in vacanza senza spostarsi dal divano

Photo by DariuszSankowski / CC0 Creative Commons Forse siete già stati in vacanza o forse le vacanze sono ancora di là da venire e il bisogno di evadere dalla routine quotidiana è così grande che... . I libri sono l'antidoto giusto, perfetto anzi, per la nostalgia e la voglia di viaggiare. Ecco allora...

L’Italia spezzata (e uccisa)

di Massimiliano D'Uva Genova è tagliata in due, l'Italia divisa tra governo e opposizioni; nel frattempo gli italiani, incerti e impauriti, stanno a chiedersi come sia potuto succedere e si interrogano sul perché non si siano fermati tutti i festeggiamenti del ferragosto, indecisi tra il credere o meno...

Sorrento: appaltati i lavori per il restauro di Sedil Dominova

Sono state espletate nei giorni scorsi le procedure della gara di appalto per il restauro di Sedil Dominova a Sorrento, uno dei più importanti monumenti della cittadina costiera, situato nel centro storico. La ditta vincitrice è stata la Veri Restauri srl di Favara, in provincia di Agrigento, per un...

Governo pensa al ritiro immediato della patente per chi viene trovato al cellulare mentre guida

Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli pensa al "ritiro immediato della patente" per chi viene sorpreso a utilizzare il cellulare mentre è alla guida. La misura si inserisce nel quadro di un "ragionamento sull'inasprimento delle sanzioni" per queste tipologie di violazione del codice della strada...