Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 19 minuti fa S. Margherita Alac.

Date rapide

Oggi: 16 ottobre

Ieri: 15 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

A Scala è tutto pronto per la Festa dedicata alla Castagna, Costiera Amalfitana, Sagre, Gusto GiustoGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAttualità"Sogno di una notte di mezza estate..." conversazioni (virtuali) con il prof. Brunetta

La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pellet euro 4,30 per 15KGRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Attualità

"Sogno di una notte di mezza estate..." conversazioni (virtuali) con il prof. Brunetta

Scritto da Alberto Quintiliani (Redazione), martedì 15 maggio 2012 13:55:28

Ultimo aggiornamento giovedì 17 maggio 2012 08:16:15

"Informiano i gentili lettori de Il Vescovado che le risposte alle domande non sono in alcun modo riconducibili al prof. Brunetta, ma solo ipotizzate dall'autore, sulla base della sua conoscenza del pensiero economico e politico del professore. Buona lettura. (ndr)"

di Alberto Quintiliani*- Una caratteristica che mi accomuna al Prof. Brunetta è l'innamoramento per la nostra splendida costiera amalfitana, che lui vede più in alto, dall'Olimpo di Ravello, io più in basso da Maiori.
Durante l'estate, in sella alla mia vespa, oriento molto spesso la bussola su Ravello, sia per godere la pace, la tranquillità, i dipinti della natura e l'armonia che si percepisce, anche fisicamente, in quell'angolo di paradiso e sia per la speranza di centrare un mio ambizioso obiettivo: incontrare appunto il Prof. Brunetta e con lui intrattenere una conversazione (o, più propriamente, ascoltare una Sua lezione), da pubblicare poi sul giornale "Il Vescovado di Ravello" e sul "magazine" del MPS, Banca della quale sono stato un dirigente centrale.
L'estate di due anni fa ero quasi riuscito nell'intento, in quanto ho avuto la fortuna di notare il Professore in un bar all'aperto della piazzetta di Ravello, ma, "discretamente" circondato dalla sua scorta, non ho avuto la possibilità - né il coraggio - di avvicinarmi per avanzare la richiesta.
Per non correre il rischio (concreto) di essere "licenziato" per scarso rendimento, sia dal "Vescovado" e sia dal "Magazine del MPS", ed entrare quindi, mio malgrado, nella poco invidiabile categoria dei "fannulloni" (da sempre, giustamente, nel mirino del Prof.Brunetta ) provo intanto ad immaginare una conversazione, assolutamente virtuale, con la speranza di tradurre presto il mio "...sogno di una notte di mezza estate..." - corrispondente al periodo nel quale il Professore verrà appunto in vacanza a Ravello - in realtà concreta.
Non me ne voglia il Professore se le risposte che, in sua vece, do io stesso alle mie domande, (praticamente me le canto e me le suono!) non dovessero corrispondere interamente, o non corrispondano affatto, al suo pensiero, come invece potrà senz'altro meglio e direttamente esplicitare nella conversazione reale che spero di riuscire ad ottenere, dopo questo "scoop virtuale".
Ma adesso entriamo in clima. Tutto è pronto: luci naturali accese sulla piazzetta di Ravello, scenografia scarna - che data la crisi economica in corso consiste in due semplici poltroncine in vimini, due caffè e due bicchieri d'acqua sul tavolino - il Professore in splendida forma, come sempre, ha inizio la conversazione-lezione-intervista:

d) Prof. Brunetta, La ringrazio innanzi tutto per la Sua squisita disponibilità a colloquiare con noi. Premetto che le domande che Le rivolgerò, dato il particolare momento difficile in cui versa il nostro Paese, ed il Suo "status" di politico-economista, saranno posizionate su temi economici, che rispecchiano altrettante necessità informative e di spiegazioni semplici, che provengono da larga parte della popolazione sugli attuali complessi temi economici, trattati quasi sempre in maniera "criptica" dai mezzi di informazione.
Del resto per una moltitudine di persone i termini economici attualmente in voga: "Spread", "Default", "PIL", "Bund", "Spending Review" hanno lo stesso significato degli ingredienti di un film tipo "Guerre Stellari" o "Avatar".
La prima "salva" di domande è quindi naturalmente posizionata sulla attuale crisi economica che attraversa il nostro ed altri Paesi europei: perché è esplosa così improvvisamente? quale è il suo livello di gravità? le conseguenze sulla "vita di tutti i giorni"? i rischi che corrono "i risparmi di una vita"? il possibile fallimento e le terapie possibili da attuare per venirne fuori? Poi una mia annotazione personale: la situazione economica italiana attuale, che si è andata consolidando nel tempo, mi riporta alla mente un commento del premio Nobel, Suo collega, l'economista Prof. Modigliani che, parlando dell'Italia, usava negli anni 70, questa definizione: "l'Italia è un Paese che produce come la Russia e consuma come l'America". Ritiene fondata questa affermazione, considerando dove siamo arrivati?
r) E' stato una mitragliatrice: riprenda fiato, che risponderò a tutto. Dal momento che queste domande contengono molti aspetti importanti da trattare, la risposta deve essere necessariamente articolata, anche se cercherò di essere il più semplice e comprensibile possibile.
Cominciamo a disegnare lo scenario con una metafora: la "lava della crisi" covava minacciosa già da molto tempo sotto la crosta del vulcano, mandava continui sinistri brontolii, fumate di avvertimento e poteva in qualsiasi momento trovare il varco giusto per uscire e ed esplodere con fragore, come è infatti avvenuto.
Le avvisaglie si erano purtroppo già viste nel 2008 con la crisi dei mutui "sub-prime" negli USA. Il contagio non ha tardato poi ad "infettare" a cascata larga parte dell'Europa, con il ruolo di apripista della Grecia e poi a seguire tutti i cosiddetti paesi PIGS (Portogallo-Irlanda-Grecia-Spagna, e, anche se non compresa nell'acronimo, l'Italia).
Quale il motivo di questa esplosione vulcanica? Occorre considerare innanzi tutto che larga parte delle maggiori economie mondiali - con in "primis" quelle "mature", come sono le "soporifere europee", che hanno un "passo economico" lento e faticoso da ippopotamo, rispetto a quello veloce da gazzella delle economie emergenti ( i cd. Paesi B.R.I.C.S -Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa) - sono strettamente dipendenti dalla finanza internazionale, che contribuisce a "foraggiarle" con l'acquisto dei loro titoli del debito pubblico: intervento necessario anche per l'Italia per coprire il "gap" uscite/entrate, effetto - come giustamente sosteneva il Prof. Modigliani - di un'abitudine consolidata nel tempo di vivere al di sopra dei propri mezzi.
La "Finanza" si comporta come una sorta di Banca che quando concede affidamenti ai clienti valuta le garanzie offerte e le capacità di rimborso. E' del tutto evidente che quando un Paese è largamente indebitato con i suoi titoli di stato ed, economicamente parlando, "balla lo slow", produce poco (se non nullo) reddito (il cd. PIL ), vengono conseguentemente lesinati i finanziamenti, attraverso l'acquisto dei titoli pubblici, ed a tassi sempre più elevati, per compensare il rischio di insolvenza (default).
In Europa l'andamento, lo stato di salute, le prospettive future ed il rischio di un Paese si misurano ormai "plasticamente" attraverso l'analisi dei differenziali di tasso (spread) tra i Titoli di Stato emessi (in Italia il BTP decennale) e quelli della Germania, considerato un Paese sicuro: in pratica è come fare un confronto tra "poveri e ricchi". Il livello di gravità della crisi è direttamente proporzionale agli argini che noi Italia e l'Europa tutta sarà in grado di frapporre all'avanzata della lava.
Certo anche l'Italia deve fare la sua parte in termini di sacrifici per uscire dalle difficoltà, anche se la nostra situazione (al di la delle definizioni catastrofiche) non era, e non è, certamente a livello di "codice rosso", come per altri nostri partners europei: la nostra caratteristica di formiche nel risparmio, bilancia e ridimensiona ampiamente i guasti provocati dalla "cicala" spendacciona che è il nostro Stato!.
Del resto anche il Governo Berlusconi - di cui ho avuto l'onore e l'onere di farne parte, precedente a questo Governo "cosiddetto tecnico", aveva "fiutato" per tempo - al di la delle "vuote chiacchiere" e degli altrettanti "vuoti dibattiti gionalistici" - che il vento gelido della speculazione stava cambiando direzione, per investire un bersaglio "fragile", l'Europa: prova ne sia la nostra determinazione nel tenere i "conti a posto" e ridisegnare - pur tra mille difficoltà e mine via via disseminate sul percorso - l'organizzazione, recuperare efficienza operativa (immane compito del sottoscritto) e razionalizzare i costi dello Stato, con un "occhio particolare" alla salute delle aziende, che, da economista, considero il volano insostituibile per la progressione del PIL.
Abbiamo fatto ne più ne meno di quello che, usando l'esempio precedente, le Banche chiedono ai loro clienti di realizzare per concedere gli affidamenti e analogamente a quello che la "Finanza" chiede ai Paesi come condizione per sottoscrivere i loro titoli del debito pubblico.
Riguardo infine alle terapie da utilizzare per uscire dalla crisi occorre assolutamente, su un piano generale, che l'Europa si ricompatti rapidamente, non lasci il "bastone del comando" in mano soltanto ad una Nazione, ma operi in maniera collegiale, coordinata e condivisa sui grandi temi e, soprattutto, non imponga autoritariamente immediati, terribili ed a volte letali sacrifici alle malcapitate popolazioni dei Paesi in difficoltà (molto spesso considerati una sorta di sudditi e non membri della stessa famiglia europea!), per tenere aperto il "rubinetto dell'ossigeno", ossia i fondi finanziari necessari per la sopravvivenza. I tragici avvenimenti di questi ultimi tempi in Italia - e parlo naturalmente dei molti suicidi che si sono purtroppo verificati in conseguenza "dell'apnea economico-finanziaria" in atto - rappresentano la "cartina di tornasole" di quanto sto affermando.

d) Prof. Brunetta ha delineato in breve un chiaro e comprensibile scenario, tuttavia a tinte abbastanza fosche, dell'attuale situazione. Da parte nostra (e parlo a nome dei cittadini) che viviamo sulla nostra pelle i sacrifici che ci vengono, e verranno ancora, imposti, vorremmo certamente vedere la luce in fondo al tunnel, ma non vorremmo altresì che la "cura da cavallo" che ci viene somministrata si riveli di gran lunga peggiore del male da curare e che l'incessante "bombardamento" di tasse e balzelli vari in corso, non ci facciano fare la fine del "ciuco di Melesecche" - di cui al racconto di Renato Fucini - che morì proprio dopo che si era abituato a stare...... senza mangiare. Un mio amico medico (proprio di Maiori) sostiene che " è molto meglio vivere da ammalati, che morire da... sani!". Che ne pensa Professore?
r) Penso che va rivista decisamente l'organizzazione europea, che non può consistere in via prioritaria soltanto nell'adozione, come "collante", del pur importantissimo euro, che tiene insieme 27 Stati sovrani, anche profondamente diversi tra loro. Va inoltre completamente rivisitata e modificata la sua "governance", come è necessità imperativa l'emissione degli "eurobond" e rivisto il ruolo della Banca Centrale Europea (BCE), che deve sempre più assumere il ruolo di "parafulmine" per fronteggiare con efficacia le continue turbolenze finanziarie.
Basta con gli interessi di parte, i veti immotivati, i distinguo, le arroganze, i diktat dei più forti (e non a caso ho utilizzato questo termine tedesco!): solo uniti e coesi (non formalmente) si affrontano, si combattono e si superano le difficoltà. Per il nostro Paese occorre inoltre riprendere rapidamente il cammino interrotto della "lubrificazione" della filiera organizzativa per rendere efficiente lo Stato, combattere gli sprechi, la burocrazia, la spesa improduttiva, per liberare risorse destinate allo sviluppo, e combattere infine - non certo per ordine di importanza - la piaga dell'evasione fiscale.

d) Prof.Brunetta, Lei è un noto economista, professore universitario ed un importante politico che ha ricoperto anche "scomodi" incarichi di governo, come quello di Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione, settore nel quale ha assunto numerose positive iniziative; cito fra tutte quella relativa ai "fannulloni", categoria di persone che può senz'altro essere assimilata agli evasori fiscali, con i quali hanno appunto in comune "il furto". Appartenendo anche Lei al mondo accademico - per Lei anche con il "plus" costituito dalla Sua importante esperienza politica - come giudica l'operato dei Suoi colleghi - definiti tecnici - che sono attualmente al Governo della Nazione? Saranno in grado di risolvere i problemi dell'Italia, che è poi la domanda "più gettonata" che proviene impetuosa dal basso?
r) I miei colleghi che attualmente gestiscono le "sorti dell'Italia" più che puri tecnici, li definirei senz'altro "tecnico-politici" in quanto nei loro atti di governo, come pure nelle interviste rilasciate, si dimostrano appunto in molti casi, oltre che tecnici, anche consumati politici. Questo governo - continuiamo pure a chiamarlo tecnico per semplicità - dispone di un grosso vantaggio competitivo, rispetto a tutti gli altri governi politici che si sono nel tempo succeduti: godono praticamente dell'assenza di una reale opposizione - opposizione che con i governi politici è in molti casi prevenuta e non costruttiva per puri fini elettorali e che, con i suoi "lacci e laccioli", frena, blocca, impedisce o comunque ritarda l'implementazione di importanti provvedimenti . Questa positiva particolarità gestionale può consentire (noti che ho affermato ".. può.." e non ".. ha consentito..") l'assunzione di decisioni rapide, ed anche impopolari, ma giuste, per togliere finalmente la miriade di "ragnatele" che avvolgono ancora parecchi apparati dello Stato.
Il periodo trascorso dal loro insediamento non è stato invece purtroppo caratterizzato da positive e palpabili iniziative "dirompenti". Finora - come ha riferito Lei all'inizio della nostra conversazione, a proposito dei timori della popolazione, delle tasse ecc. - il governo si è distinto maggiormente proprio sul versante della già elevata pressione fiscale, fra l'altro reintroducendo la tassa più iniqua e più odiata in assoluto: l'IMU sulla prima casa.
Altre iniziative introdotte sono sempre state orientate sull'obiettivo dell'ottenimento di un maggior gettito tributario, che apparentemente rappresenta una sorta di facile strada in discesa. La più impegnativa e produttiva strada in salita, che sarebbe necessario percorrere, data la notevole forza numerica della maggioranza, dovrebbe essere invece orientata sul versante delle uscite, cioè sui tagli alla elevatissima spesa pubblica e sui provvedimenti per il rilancio dell'economia.
Non usciremo certo rapidamente dalla crisi togliendo risorse al sistema produttivo, aumentando la tassazione e mettendo i "gendarmi" ai controlli, mentre, al contrario, il sistema ha necessità di risorse che devono essere immesse nelle "tasche" delle imprese - per facilitare gli investimenti - dei cittadini e comunque nel circuito produttivo. Sul primo aspetto occorre velocizzare il sistema dei pagamenti dei debiti della Pubblica amministrazione nei confronti delle imprese fornitrici o, perlomeno, consentire una loro compensazione con eventuali altrettanti debiti tributari. Per le famiglie poi - di cui un'aliquota importante si sta progressivamente collocando nella fascia di indigenza - occorre non rendere la vita ancora più difficile colpendo il loro bene più prezioso, l'abitazione, e riducendo, in molti casi, le già scarse entrate, penalizzando i consumi, circostanza questa che, effettivamente, potrebbe aprire uno scenario da "ciuco di Melesecche"..

Professor Brunetta siamo purtroppo arrivati alla fine della nostra, più che conversazione, interessante lezione: dati i complessi temi trattati sono state poche le domande/risposte, ma dense di contenuti, che hanno abbracciato una moltitudine di argomenti. La ringrazio sentitamente per la Sua cortese disponibilità ad incontrarci e delle spiegazioni esaurienti e comprensibili con cui ha fatto capire le complesse problematiche connesse alla crisi in atto. Naturalmente spero vivamente che questa conversazione rappresenti soltanto una sorta di antipasto, in quanto avrei ancora numerose domande da rivolgerLe, che toccano altrettanti interessanti e variegati argomenti e che non Le posso rivolgere adesso, sia per non abusare della Sua pazienza, sia per problemi di spazio del giornale e sia infine per tenere alta la "suspense" dei nostri lettori, in attesa della nuova puntata estiva.
Di nuovo tanti ringraziamenti, con i nostri migliori auguri per la sua vita familiare, accademica e politica.


*Dirigente Centrale Monte dei Paschi di Siena attualmente in pensione

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

La grande bellezza della Costiera Amalfitana raccontata da Luca Sardella a "Parola di pollice verde" [VIDEO]

di Miriam Bella Le bellezze naturalistiche e la fine gastronomia della Costiera Amalfitana protagoniste, sabato scorso, alla prima della nuova stagione di "Parola di pollice verde", il programma condotto da Luca Sardella, andato in onda su Rete 4. Armato della consueta verve e con la passione per le...

Salute: Sorrento sempre più "Città Cardioprotetta"

Si è svolto stamani un nuovo appuntamento con la formazione per il soccorso BLSD. Circa 50 nuovi i nuovi volontari che seguiranno il corso tenuto dal Giec, il Gruppo Italiano Emergenze Cardiologiche, guidato dall'aritmologo Maurizio Santomauro. Per l'occasione sono state presentate le piantine della...

Mister e Miss Svizzera ambasciatori della ceramica vietrese nel mondo

«Ancora una volta rafforziamo la sinergia fra Vietri sul Mare la Costiera Amalfitana e la Svizzera». Così Luca Lamberti di Direction Capri che, anche per questo anno, ha ospitato Miss e Mister Svizzera. A indossare la fascia di Miss e Mister Suisse Francophone, Amelia Giannarelli, di origine italiana,...

Maturità 2019, ecco come cambia l’esame

Due prove scritte invece di tre, più l'orale. Più attenzione al percorso svolto dai ragazzi nell'ultimo triennio, con un punteggio maggiore assegnato al credito scolastico. Griglie di valutazione nazionali per la correzione delle prove scritte. Sono alcune delle novità dell'Esame di Stato conclusivo...

Grand Hotel Convento di Amalfi fiore all'occhiello del nuovo spot NH Collection [VIDEO]

di Miriam Bella Di origine spagnola, oggi fra le catene alberghiere più prestigiose al mondo, NH Hotel Group spopola sulle principali reti televisive nazionali, con uno spot accattivante che focalizza l'attenzione sulle strutture della "Collection", che uniscono servizi all'avanguardia con ambienti dal...