Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Damiano Martire

Date rapide

Oggi: 26 settembre

Ieri: 25 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

San Francesco d'Assisi Patrono d'ItaliaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAttualitàRavello, completata prima fase di valorizzazione del sito archeologico della Trinità

Sulle Onde del Mediterraneo - Amalfi - Piazza Municipio - Capodanno Bizantino - Valentina Stella 27 settembreLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pelletRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Attualità

Ravello, completata prima fase di valorizzazione del sito archeologico della Trinità

Scritto da (redazioneip), venerdì 14 ottobre 2016 19:25:38

Ultimo aggiornamento venerdì 14 ottobre 2016 19:31:19

Si sono svolti venerdì 30 settembre i due eventi conclusivi della ricca stagione che ha coinvolto il sito archeologico del monastero della Santissima Trinità a Ravello.

La giornata si è aperta con l'inaugurazione della mostra di Ugo Marano, curata da Pasquale Ruocco, che chiude il primo ciclo di appuntamenti legati all'arte contemporanea e ruota attorno ad una selezione di opere realizzate dall'artista nella seconda metà degli anni Sessanta ed esposte la prima volta nel 1968 nel centro storico di Amalfi. Si tratta di una serie di lastre di metallo arrugginito sulle quali l'artista è intervenuto semplicemente attraverso tagli e piegature, attraverso, cioè, un'azione liberatoria della materia inerte capace di dare origine ad una forma e, contestualmente, di definire uno spazio. La mostra sarà visitabile fino al 30 ottobre negli orari di apertura del sito dalle 11 alle 17.

A seguire si è svolta una visita guidata del sito, tenuta da Rosa Fiorillo e Alfredo Maria Santoro, docenti dell'Università degli Studi di Salerno, che hanno guidato la Summer School di archeologia e hanno illustrato in questa occasione i nuovi risultati raggiunti in sette settimane di studio. Ciò ha permesso di aprire la discussione, che si è tenuta a partire dalle 17 e 30 presso l'Auditorium di Villa Rufolo, sui risultati della prima fase di attività di valorizzazione e di recupero dell'area.

È stato Paolo Imperato, presidente dell'associazione Ravello Nostra, a dare inizio all'incontro portando i saluti del sindaco, Salvatore di Martino, ponendo l'attenzione sull'importanza che il recupero del sito, trasformato nei decenni precedenti in vera e propria discarica, e sulla possibilità di infondere in esso nuova vita grazie alle molteplici iniziative che vi sono state organizzate e che hanno rappresentato la possibilità di restituire una parte importante della memoria storica all'intero paese.

Maria Carla Sorrentino, coordinatrice dell'intero progetto, ha descritto con dovizia di particolari tutte le attività e i protagonisti che hanno permesso la rinascita delle antiche pietre del monastero. Dalle visite giornaliere, alle visite serali, a quelle dedicate ai bambini e a quelle serali dedicate in particolare agli ospiti delle strutture alberghiere, supportate da una brochure informativa in italiano e inglese, dalle mostre di arte contemporanea ai laboratori didattici di artigianato locale, dedicati alla ceramica e alla scultura della pietra e rivolti ad adulti e bambini il ventaglio di offerta culturale non ha difettato di eventi. Inoltre, la presentazione del libro "Mare d'amare donne" della scrittrice Franca Bellucci, le due occasioni per conoscere la pratica dello yoga hanno riscosso sicuramente grande successo. La Summer School di archeologia organizzata dall'Università degli Studi di Salerno ha fatto da corollario agli eventi estivi. Infine, a sostegno delle numerose attività svolte l'inserimento del sito nei circuiti dell'Artecard e del biglietto unico Ravello Sense, la creazione di un logo e di una pagina facebook e la realizzazione di numerosi manifesti informativi ha fatto sì che un numero sempre maggiore di persone interessate potessero essere raggiunte.

Pio Manzo, project manager del progetto, ha poi letto la relazione che l'archivista Salvatore Amato ha redatto sul complesso monastico nei secoli XVI - XIX attraverso fonti archivistiche in gran parte conservate presso l'Archivio Vescovile di Ravello. Il filo conduttore che ha permesso una ricostruzione, seppur parziale, dell'antico monastero è rappresentato dalle visite pastorali dei vescovi della Diocesi di Ravello - Scala che ci permettono di avere informazioni non solo sullo stato materiale ed economico del complesso, ma anche sulle prescrizioni imposte al fine di creare le condizioni più idonee al silenzio, al lavoro e alla preghiera. Nei documenti analizzati dall'Amato si imponeva la costruzione di alte mura o il taglio di alberi al fine di evitare agli abitanti del vicinato di osservare gli ambienti claustrali e le monache stesse. Con la soppressione della comunità religiosa, avvenuta agli inizi del XIX secolo, l'abbandono del sito provocò lentamente il suo degrado fino al completo smantellamento.

I professori Rosa Fiorillo e Alfredo Maria Santoro hanno tecnicamente illustrato i risultati dello scavo condotto insieme agli studenti durante la Summer School. Partendo dalla pulizia dello scavo si è passati alla vera e propria indagine archeologica che ha portato alla luce il livello più antico ancora esistente e risalente al Cinquecento. Ciò ha messo in evidenza la grandezza del complesso e il suo essere un monastero fortificato ubicato sulla via pubblica. Ad avallare ulteriormente questa tesi è la presenza, attestata dalle fonti, di una torre a scopo sicuramente difensivo. Tutto ciò induce a credere che la costruzione del monastero sia precedente all'insediamento a Ravello delle numerose famiglie patrizie a cui si deve lo splendore della città nei secoli successivi. Il professore Santoro ha spiegato la metodologia dell'indagine archeologica applicata con la suddivisione del sito in settori e ha illustrato i materiali rinvenuti (oltre ad una colonnina numerosi frammenti ceramici di notevole fattura, di origine bizantina, dell'Italia meridionale e del nord Africa). Si tratta delle stesse ceramiche rinvenute durante lo scavo di Villa Rufolo e ciò mette in evidenza l'agiatezza economica delle monache che provenivano sicuramente da famiglie nobili. In ultimo il ritrovamento di una moneta coerente con la cronologia degli strati scavati ha rappresentato l'elemento di grande interesse considerata la poca frequenza di tali rinvenimenti a Ravello.

Ultimo intervento quello del presidente del Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, Alfonso Andria, che complimentandosi per il numero di presenze di visitatori, ha sottolineato il ruolo di supporto e vicinanza che l'Università di Salerno ha da sempre ricoperto nei progetti che il Centro ha inteso portare avanti. La riscoperta del Monastero della SS. Trinità, considerato come parte di un patrimonio cosiddetto minore ma non per questo meno significativo, dona a Ravello e all'intera comunità costiera un ulteriore pezzo di identità del proprio territorio.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Fondi di investimento, rischi e opportunità

Il principale punto di forza dei fondi risiede nella diversificazione dell'investimento. Ci sono, tuttavia, i rovesci della medaglia, oltre a quelli insiti già nella natura dei mercati finanziari. Nel favoloso mondo della New Economy a tutti viene offerta l'opportunità di sbarcare il lunario. Ciò che...

“Basta incendi!”, prosegue impegno per un servizio antincendio sotto controllo pubblico

di Donato Bella Nei giorni scorsi è circolata, sui social, la notizia che quest'anno non ci sono stati incendi boschivi perché lo Stato avrebbe iniziato a gestire direttamente i mezzi aerei di spegnimento, cioè i canadair. La notizia è totalmente infondata e rischia di fare abbassare la guardia rispetto...

La Misericordia di Agerola fondamentale presidio per il supporto sanitario ai turisti

Riceviamo e pubblichiamo i dati divulgati dal Governatore della Misericordi di Agerola, Giuseppe Acampora, sull'attività dei volontari durante questa stagione estiva. La Misericordia di Agerola, al termine dell'estate 2018, e ben lieta di comunicare i dati degli interventi, dei servizi e dei soccorsi...

Sorrento: ministro dell'Ambiente Costa alla pulizia dei fondali di Marina Grande

Oltre cinquanta nasse, una barca di legno, servizi igienici in ceramica, sedie scale per un totale di quasi due tonnellate di rifiuti rimossi dai fondali del porticciolo di Marina Grande di Sorrento. E' lo sporco bottino della pulizia dei fondali e di tratti di scogliera del Porticciolo di Marina Grande...

Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna da Scala: «O si cambia o si chiude»

di Carolina Milite* «Siamo in una fase delicata in cui bisogna governare una grandissima trasformazione culturale: il rapporto tra l'opinione pubblica e la stampa. I giornalisti per troppo tempo sono stati abituati a detenere l'esclusiva della produzione d'informazione e oggi non è più così. Dobbiamo...