Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Tecla vergine martire

Date rapide

Oggi: 23 settembre

Ieri: 22 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

San Francesco d'Assisi Patrono d'ItaliaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAttualitàLacrime napoletane

Sulle Onde del Mediterraneo - Amalfi - Piazza Municipio - Capodanno Bizantino - Valentina Stella 27 settembreLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pelletRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Attualità

Lacrime napoletane

Scritto da (Redazione), mercoledì 14 marzo 2012 12:19:46

Ultimo aggiornamento venerdì 16 marzo 2012 21:16:08

di Emiliano Amato - Toh chi si rivede, anzi, chi si risente! Sul finire della stagione fredda, come da un letargo, sembra essersi risvegliato il professore De Masi, che dalle colonne de "la Repubblica" (clicca qui per leggere l'articolo) torna ad alzare la voce su Ravello, facendo ripetere all'amico giornalista di turno la storiella della sua "inspiegabile" "cacciata dal paradiso".

Sarà l'esilio forzato da Ravello, sarà un po' l'età, ma il lamento dell'ex titolare della cattedra di sociologia a La Sapienza, a dire il vero, ci ha un po' stufati. Un lamento che sa tanto di Sud dell'Italia, che "non funziona e fa di tutto per non funzionare".

Quel modo di fare tipicamente meridionale sempre criticato dal professore di Rotello, convinto di aver lasciato un buon ricordo di se in nella Città della musica che ha dovuto abbandonare a causa di una politica che una volta entrata nella Fondazione Ravello ne avrebbe provocato la rovina. Già, la politica, quella che da sempre ha retto le sorti dell'ente che organizza il Ravello Festival.

Quella politica che oggi è cattiva, distruttiva, perché di centrodestra, e che in passato è stata buona, onesta, solo perché "gestibile". Chi lo sentisse parlare per la prima volta penserebbe che a Ravello siamo degli scellerati per aver mandato via un uomo dalle tante risorse, un filantropo, che tanto bene ha fatto a quel piccolo paese sulla collina. Ma il professore ha fatto il suo tempo, pagando scelte e modi dettati dal suo "caratterino".

Perché il Professore, nell'ultimo articolo a orologeria, non parla della situazione debitoria nella quale ha lasciato le casse della Fondazione Ravello (circa 500mila euro) e del suo rapporto con la cittadina? Lo ricordava bene nel principio dell'"l'incompatibilità ambientale" tra il professore e Ravello, l'ex sindaco Paolo Imperato per quattro anni e mezzo.

Sull'argomento, ci sarebbe da scrivere un libro, e perché no, una sceneggiatura. Sarebbe un successo assicurato!

Oggi il bersaglio è quel Secondo Amalfitano, passato da socio ad acerrimo nemico e autore della cacciata del Professore.

"Se la Fondazione ha ottenuto così innegabili successi, il merito principale va a te che l´hai ideata, creata, gestita nella sua fase più delicata". Così scriveva Domenico De Masi in una missiva indirizzata proprio ad Amalfitano il 21 febbraio del 2009.

"La tua generosa disponibilità ti fa onore ancora una volta - termina la lettera - ma, come vedi, non esiste nessuna ragione per cui tu debba dimetterti dalla Direzione di Villa Rufolo. La tua presenza in tale ruolo, non solo non danneggia la Fondazione, ma le rende un servizio prezioso".

Tutto a un tratto l'amico, il sindaco che gli conferì la cittadinanza onoraria di Ravello, coinvolgendolo da protagonista nel progetto "Fondazione Ravello" oggi è il nemico giurato. Si sa che la riconoscenza non è di questo mondo e che forse è comprensibile la rabbia che il professore serba per essere stato "allontanato" (per non dire cacciato) dalla sua creatura.

Che qualcosa fosse mutato rispetto alla sfrenata allegria del tempo migliore questo lo si era compreso, ma in pochi si aspettavano le bordate a mezzo stampa riservate al presidente di FormezItalia.

Ma la saga prosegue e il Professore, pur di rientrare con un piede a Ravello, il Professore si è ritagliato il ruolo di "tutore dell'auditorium" (per non dire di "guardiano" o "vigilantes"), carica affidatagli, pensate, da Niemeyer in persona!

Comprendiamo bene che per un uomo dinamico come l'ex sociologo la vita del pensionato sia angosciante, con i tempi belli di Ravello, di vacche grasse con Bassolino, delle battaglie contro l'ostico Salvatore Di Martino, che rimangono soltanto un lontano ricordo. Ma Ravello il 26 ottobre del 2010 ha deciso di voltare pagina, anche a causa del Professore, che qui in paese nessuno ha mai "ringraziato" pubblicamente per quanto "donato" all'indomani della fine della sua presidenza. Un motivo ci sarà, no?

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Fondi di investimento, rischi e opportunità

Il principale punto di forza dei fondi risiede nella diversificazione dell'investimento. Ci sono, tuttavia, i rovesci della medaglia, oltre a quelli insiti già nella natura dei mercati finanziari. Nel favoloso mondo della New Economy a tutti viene offerta l'opportunità di sbarcare il lunario. Ciò che...

“Basta incendi!”, prosegue impegno per un servizio antincendio sotto controllo pubblico

di Donato Bella Nei giorni scorsi è circolata, sui social, la notizia che quest'anno non ci sono stati incendi boschivi perché lo Stato avrebbe iniziato a gestire direttamente i mezzi aerei di spegnimento, cioè i canadair. La notizia è totalmente infondata e rischia di fare abbassare la guardia rispetto...

La Misericordia di Agerola fondamentale presidio per il supporto sanitario ai turisti

Riceviamo e pubblichiamo i dati divulgati dal Governatore della Misericordi di Agerola, Giuseppe Acampora, sull'attività dei volontari durante questa stagione estiva. La Misericordia di Agerola, al termine dell'estate 2018, e ben lieta di comunicare i dati degli interventi, dei servizi e dei soccorsi...

Sorrento: ministro dell'Ambiente Costa alla pulizia dei fondali di Marina Grande

Oltre cinquanta nasse, una barca di legno, servizi igienici in ceramica, sedie scale per un totale di quasi due tonnellate di rifiuti rimossi dai fondali del porticciolo di Marina Grande di Sorrento. E' lo sporco bottino della pulizia dei fondali e di tratti di scogliera del Porticciolo di Marina Grande...

Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna da Scala: «O si cambia o si chiude»

di Carolina Milite* «Siamo in una fase delicata in cui bisogna governare una grandissima trasformazione culturale: il rapporto tra l'opinione pubblica e la stampa. I giornalisti per troppo tempo sono stati abituati a detenere l'esclusiva della produzione d'informazione e oggi non è più così. Dobbiamo...