Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Tecla vergine martire

Date rapide

Oggi: 23 settembre

Ieri: 22 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

San Francesco d'Assisi Patrono d'ItaliaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAttualitàLa Costiera Amalfitana: divina o infernale?

Sulle Onde del Mediterraneo - Amalfi - Piazza Municipio - Capodanno Bizantino - Valentina Stella 27 settembreLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pelletRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Attualità

La Costiera deve essere amata

La Costiera Amalfitana: divina o infernale?

Scritto da (Redazione), domenica 15 aprile 2018 10:32:27

Ultimo aggiornamento domenica 15 aprile 2018 10:32:27

L'arrivo della bella stagione era causa di grande entusiasmo, quando vestivamo i pantaloncini corti e riempivamo i quadernetti con i "puntini" e le "asticelle".

Perché, dopo i mesi invernali passati in fredde aulette con, addosso, sciarpetta e cappottino, finalmente ci era consentito di uscire nel grande giardino della scuola per giocare, prendere il sole e per vedere le prime rondini. Ci dicevano: "vedete le rondini? Portano la primavera". E noi felici a seguirle nel cielo più azzurro.

Così, per anni, siamo rimasti convinti che senza rondini non avremmo mai avuto la bella stagione e, per anni, abbiamo fatto a gara con i compagni a chi le scorgesse per primo.

Oggi, nessuno pensa più alle rondini, che forse frequentano altri luoghi, e l'arrivo della "bella" stagione trova nuovi riferimenti che si presentano con la stessa puntualità e, magari, con maggiore regolarità.

Infatti, per capire che è davvero iniziata la "bella" stagione basta aprire un giornale e leggere le notizie degli ingorghi infernali sulla costiera amalfitana con, a collaterale, le solite interviste a politici, economisti, tecnici, imprenditori e tuttologi sulle soluzioni da adottare per evitare il ripetersi del fenomeno.

Il rituale ha trovato conferma anche quest'anno e, anche quest'anno, abbiamo letto le proposte di allargamenti, di qua e di là, di trapanazioni, di sotto e di sopra, di tagli, a destra e a sinistra, con l'unico obbiettivo di consentire il flusso ed il deflusso di autovetture, autobus, pullmini, camion, motociclette, biciclette, carretti, carrettini e tricicli.

Purtroppo, anche quest'anno, le illustri personalità hanno mancato di riflettere sul fatto che il problema della Costiera non è solo quello di assicurare l'entrata e l'uscita dei visitatori, ma anche quello, forse ancora più importante, di offrire loro un parcheggio, una volta arrivati a destinazione.

E l'unico parcheggio in Costiera, degno di questo nome, è il Luna Rossa di Amalfi.

Stupisce, ancor più, la disattenzione perché riteniamo sia ormai noto a tutti che i peggiori ingorghi sono causati proprio dalle soste indisciplinate delle auto lungo le strade, in prossimità delle curve o delle strettoie. Dappertutto.

In tale situazione, ormai storica, suggerire soluzioni per facilitare gli accessi con i mezzi privati equivale ad indirizzare i turisti verso l'inferno.

Ci viene di pensare, come esempio, a quanto accade in mare con le tonnare "di andata", nelle quali le prede corrono veloci lungo i larghi corridoi delle reti per finire nella camera della "mattanza" ed essere arpionate dai tonnaroti sotto le direttive del capo-pesca, il Rais.

Che, in terraferma, è rappresentato dal vigile, che irroga le multe, dai parcheggiatori privati, che praticano esose tariffe, e, talora, da altri viaggiatori con i quali si ingaggiano duelli, auspicabilmente verbali, per presunti o effettivi diritti di precedenza.

Se crudele, cinica, sanguinaria e orribile è la pratica della mattanza, egualmente crudele, cinica, sanguinaria e orribile è la proposta di chi affronta il problema offrendo soluzioni micidiali.

Noi abbiamo un debole per la Costiera.

Abbiamo avuto la buona sorte di frequentarla quando si andava con la 500, scoprendola in ogni suo angolo, ogni anfratto, ogni cala, ogni fiordo, ogni spiaggia, ogni stradina, ogni scalinatella, ogni giardino, muovendoci lentamente e fermandoci, di tanto in tanto, ad ammirare dall'alto il fine lavoro di scalpello e martello di Chi (chiunque sia stato) ha voluto consegnarci un ambiente fantastico, dove perderci nell'infinito del mare, nell'azzurro del cielo, nei tramonti di fuoco.

La Costiera è bella perché è così, perché è tortuosa, sinuosa, imprevedibile, incredibile, difficile e anche ostile, perché chiede impegno, sacrificio, pazienza, passione.

Noi ci sentiamo fortunati perché chi ci ha preceduto ne ha preservato i caratteri distintivi e l'ha resa ancor più fantastica con insediamenti da fiaba, con i terrazzamenti impossibili, con l'architettura da presepe, con i colori del sole e del mare, con le stradine ripide e strette.

Noi pensiamo, perciò, che sia nostro fermo dovere rispettare il vincolo generazionale e trasferire il territorio alle future generazioni apportando solo quei ritocchi e quegli adeguamenti resi necessari dalle mutate condizioni di vita.

Senza stravolgere, senza distruggere, senza demolire, senza deformare, senza alterare.

Il problema della "invasione" dei turisti è presente in molte altre parti della nostra Italia, come a Venezia, nelle Cinque Terre o a Portofino, eppure non ci sembra che qualcuno abbia proposto di "asfaltare" il Canal Grande o di trapanare le montagne per far parcheggiare a Riomaggiore.

Perché mai, da noi, si riesce solo a formulare le solite proposte stantie, invasive e, per di più, sempre molto costose?

Siamo in grado di adottare soluzioni che, al pari delle foto della Costiera, facciano il giro del mondo?

Se la Costiera è di tutta l'umanità, e lo è, ognuno ha il diritto di accedervi, ma non necessariamente con il proprio mezzo privato.

Allora:

- si organizzi un trasporto via mare veloce ed efficiente che, da inizio marzo a fine ottobre, con cadenza oraria nei periodi di punta, unisca ogni Centro partendo dalla nostra Città ove il parcheggio delle auto potrebbe essere incentivato con tariffe ridotte (come a Napoli per chi va a Ischia),

- si individui la dimensione ideale degli autobus per altezza, lunghezza e larghezza, e si imponga il loro uso, con motori ibridi o elettrici, individuando aree di interscambio a Vietri, da un lato, e a Sorrento, dall'altro, ove far sostare gli autobus ordinari ed effettuare il trasbordo dei passeggeri,

- si consenta il noleggio di auto o mini-auto ibride o elettriche in tutti i Centri per favorire l'autonomia dei movimenti a chi soggiorna in uno di essi e vuole visitare gli altri,

- si organizzino navette "circolari", continue ed a basso costo, utilizzando mini-autobus e vetture, magari col tendalino (come a Capri), rigorosamente con motori ibridi o elettrici, per collegare i diversi Centri,

- si realizzino trenini a cremagliera, rampe o scale mobili per i collegamenti in verticale ed evitare l'uso dell'auto per scendere al mare o salire in collina,

- si rivitalizzi, con queste finalità, la cava di Erchie, sventando ogni scellerato progetto edilizio.

- si concedano incentivi ai residenti per la sostituzione dei macchinari inquinanti, comprese le auto, con nuovi macchinari ibridi o elettrici,

- si costruiscano, comunque, parcheggi pubblici interrati, ove possibile, per accrescere la disponibilità dei posti auto.

Di possibili soluzioni potremmo parlare ancora.

Tutte inderogabilmente "verdi", non invasive, non distruttive e di costo estremamente più contenuto rispetto ai progetti faraonici immaginati.

Ma, soprattutto, che non compromettono gli equilibri così faticosamente raggiunti, espressione della "profonda" cultura di coloro che, pur privi di ogni attuale nostra conoscenza, avevano tuttavia le coscienze ed i sentimenti per capire che quel territorio, così forte, arduo e difficile, doveva essere abitato rispettandone le forme, le pieghe, le curvature ed adeguando ad esse i propri insediamenti urbani.

Che, oggi, lasciano intatto il fascino dei luoghi ai viaggiatori che vengono per collegarsi con l'Universo.

La Costiera non è una spiaggia per un bagno di mare, è un angolo di Paradiso per un bagno di "cultura".

Chi ama la Costiera per ciò che è, ne è perfettamente consapevole.

Facciamolo capire a chi la ritiene un luna park.

Legambiente, Italia Nostra e altre Associazioni: battete un colpo!

La Costiera deve essere amata.

Associazione "IO SALERNO" - Officina di Pensiero

associazione.iosalerno@gmail.com

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Fondi di investimento, rischi e opportunità

Il principale punto di forza dei fondi risiede nella diversificazione dell'investimento. Ci sono, tuttavia, i rovesci della medaglia, oltre a quelli insiti già nella natura dei mercati finanziari. Nel favoloso mondo della New Economy a tutti viene offerta l'opportunità di sbarcare il lunario. Ciò che...

“Basta incendi!”, prosegue impegno per un servizio antincendio sotto controllo pubblico

di Donato Bella Nei giorni scorsi è circolata, sui social, la notizia che quest'anno non ci sono stati incendi boschivi perché lo Stato avrebbe iniziato a gestire direttamente i mezzi aerei di spegnimento, cioè i canadair. La notizia è totalmente infondata e rischia di fare abbassare la guardia rispetto...

La Misericordia di Agerola fondamentale presidio per il supporto sanitario ai turisti

Riceviamo e pubblichiamo i dati divulgati dal Governatore della Misericordi di Agerola, Giuseppe Acampora, sull'attività dei volontari durante questa stagione estiva. La Misericordia di Agerola, al termine dell'estate 2018, e ben lieta di comunicare i dati degli interventi, dei servizi e dei soccorsi...

Sorrento: ministro dell'Ambiente Costa alla pulizia dei fondali di Marina Grande

Oltre cinquanta nasse, una barca di legno, servizi igienici in ceramica, sedie scale per un totale di quasi due tonnellate di rifiuti rimossi dai fondali del porticciolo di Marina Grande di Sorrento. E' lo sporco bottino della pulizia dei fondali e di tratti di scogliera del Porticciolo di Marina Grande...

Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna da Scala: «O si cambia o si chiude»

di Carolina Milite* «Siamo in una fase delicata in cui bisogna governare una grandissima trasformazione culturale: il rapporto tra l'opinione pubblica e la stampa. I giornalisti per troppo tempo sono stati abituati a detenere l'esclusiva della produzione d'informazione e oggi non è più così. Dobbiamo...