Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Crisogono martire

Date rapide

Oggi: 24 novembre

Ieri: 23 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Natale Adesso! Prenota adesso il tuo panettone artigianale firmato Pansa, dal 1830 patrimonio della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeConnectivia Back To School, l'offerta dedicata alle famiglie e agli studentiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaGambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniAttualitàL'immigrazione che ha fatto grande l'America. Happy 4th of july

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i panettoni artigianali realizzati dal Maestro Pasticcere Sal De Riso. Da oggi a portata di Click

Attualità

L'immigrazione che ha fatto grande l'America. Happy 4th of july

Scritto da (Redazione), mercoledì 4 luglio 2018 11:19:15

Ultimo aggiornamento sabato 4 luglio 2020 10:21:30

Il 4 luglio è il giorno dell'Independence Day. Molto di una festa nazionale: è infatti una vera e propria celebrazione dell'essere americani, la volontà e, soprattutto, la consapevolezza di essere nazione che prosegue i nobili principi e i valori di quei padri fondatori.

E in questo tempo in cui a tenere banco è il fenomeno dell'emigrazione. Va ricordato che a fare grande l'America, a renderla la nazione più potente al mondo, sono state le diverse culture confluite nel nord del nuovo continente a partire da quel leggendario 12 ottobre del 1492.

Sono centinaia i nomi e i cognomi di artisti, politici, scienziati, inventori, letterati, sportivi, giuristi - e anche di criminali - che hanno contribuito a fare la storia degli Stati Uniti. Sì, perché gli Stati Uniti d'America, pur essendo il terzo paese al mondo per popolazione con 316 milioni di abitanti, di fatto sono la risultante di quel "melting pot" che ha visto, nel corso dei secoli, giungere nelle terre del Nuovo Mondo milioni di persone dagli altri continenti. Gli abitanti originari di quelle terre, gli amerindi, oggi sono soltanto l'1% della popolazione totale.

Circa 12 milioni di persone, nel corso della breve storia nazionale degli Stati Uniti, misero il primo piede sul suolo americano a Ellis Island, all'ombra della Statua della libertà, l'isolotto artificiale alla foce dell'Hudson che è stata la porta dei migranti, uomini, donne e bambini a caccia del sogno americano. Quasi la metà degli americani di oggi può rintracciare nella propria storia familiare almeno una persona passata per Ellis Island.

Sarà per questo motivo che quello americano è un popolo particolarmente nazionalista, l'immigrazione ha accomunato persone, usi, costumi e tradizioni in un calderone che, man mano, ha cercato identificazione in qualcosa di ben più grande ed ampio che non fosse soltanto il ricordo della Madre Patria. E mai come in un frangente estremamente delicato come quello attuale, tanto in Europa quanto negli States riguardo la questione migranti, l'idea di una nazione nata dall'unione di tanti popoli, che festeggia il sentirsi parte di un paese unito sotto una bandiera composta di valori e principi nei quali si riconoscono, non può essere che essere elemento aggregante e positivo.

Non tutti sanno che c'è anche un po' d'Italia in quel lontano 4 luglio 1776 che condusse le tredici colonie americane a dichiarare la propria indipendenza dall'Impero Britannico. Philipp Mazzei, nato Filippo a Poggio a Caiano, comune di 10mila anime in provincia di Prato il 25 dicembre 1730, è l'uomo che ha portato un poco d'Italia nella Rivoluzione Americana. Figlio cadetto di una nobile famiglia toscana, illuminista, approdò sull'altra sponda dell'Oceano per partecipare alla Guerra d'Indipendenza. Fu amico di Thomas Jefferson e di altri padri della Patria come George Washington, John Adams e James Madison.

Ma Mazzei non è stato l'unico italo-americano ad essere ascritto nella storia americana. Sono tante le personalità che, partite dal belpaese ed approdate sulle coste del Nuovo Mondo, vi hanno lasciato tracce indelebili. A cominciare dallo scopritore, Cristoforo Colombo il 12 ottobre del 1492, e dall'esploratore che diede il suo nome a queste terre, Amerigo Vespucci, sino ad arrivare ai giorni nostri, gli italiani che hanno legato in maniera indissolubile il loro nome e il fascino sempiterno dell'italian style alla storia americana, sono numerosissimi e spaziano in ogni campo delle arti, scienze, politica e spettacolo.

Noi, che l'America ce l'abbiamo nel cuore ma che siamo sempre convinti che l'America è qui da noi, abbiamo stilato una lista essenziale degli italoamericani che con le loro gesta hanno lasciato un'importante traccia negli ultimi 289 anni.

Il politico più famoso è sicuramente Fiorello La Guardia, sindaco di New York dal 1933 e per tre mandati consecutivi, durante il periodo della grande depressione. Subito dopo la Seconda Guerra Mondiale e poco prima della sua morte, gli venne intitolato l'aeroporto della città. Di origine italiane, di Montecatini, è un altro sindaco: Rudolph Giuliani, primo cittadino di New York dal 1994 al 2001, l'uomo della "Tolleranza Zero" contro il crimine e che si trovò a dover gestire, profondendo il massimo impegno, la tragedia del crollo delle Twin Towers l'11 settembre 2001. Mario Cuomo è stato, invece, il primo governatore italoamericano dello stato di New York, per ben 11 anni, dal 1983 al 1994. Padre di Nocera Inferiore, madre di Tramonti, nell'epoca post terremoto del 1980 Cuomo donò alla città di Nocera fondi per la costruzione della scuola americana, oggi istituto professionale. Il figlio Andrew Cuomo ha proseguito nel solco tracciato ed è l'attuale governatore dello stato di New York, al suo secondo mandato. Dalla Grande Mela è arrivata anche Nancy Pelosi, prima donna Speaker della Camera dei Rappresentanti, leader del partito di Barack Obama a Capitol Hill. Ha origini pugliesi Curtis Michael Scaparrotti, il generale a quattro stelle dell'esercito statunitense che dal 2016 è il nuovo Comandante supremo delle forze alleate Nato in Europa. Precisamente della provincia di Foggia visto che la sua famiglia partì da Orsara di Puglia.

Il più importante degli inventori italici approdati nel nuovo mondo è senza dubbio Antonio Meucci a cui il Congresso americano ha riconosciuto l'invenzione del telefono. Tra gli scienziati, Robert Gallo, che nel 1983 scoprì il virus dell'Hiv, responsabile della Sindrome da immunodeficienza acquisita, o Aids. Il nonno paterno, Domenico Gallo di Rivello, in provincia di Cuneo, era un proprietario terriero che ebbe forti dissapori con la famiglia a causa del matrimonio con una donna non nobile. Domenico, quindi, decise di iniziare una nuova vita ed emigrò in America.

Come non ricordare, poi, Joe Petrosino, il primo poliziotto che sfidò Cosa nostra. Emigrato da Padula, crebbe nel quartiere di Little Italy. Divenne, nel corso della sua carriera, autore di imprese che rimarranno leggendarie per il loro merito, guadagnandosi addirittura la stima del presidente Roosevelt, di cui Petrosino fu amico personale.

Di contro, l'America ha visto nascere crescere la fortuna del re del crimine: Alphonse Gabriel Capone, meglio conosciuto come Al Capone o anche "Scarface" (lo sfregiato). Il gangster americano più famoso del mondo, oltre che il più potente, era di origine italiana e precisamente di Angri. Sia Petrosino che Capone erano salernitani.

Non ebbero invece la stessa gloria Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, i due emigranti italiani che furono ingiustamente condannati e uccisi nel 1927 sulla sedia elettrica negli Usa.

Tra gli uomini d'affari italoamericani più conosciuti meritano una menzione i Jacuzzi, inventori della famosissima vasca da idromassaggio. I sette fratelli sbarcati in California, da Pordenone nel 1900, e diedero vita a un'industria che, nel corso dei decenni, si è sviluppata ed è diventata una multinazionale. Nel 1968, Candido Jacuzzi portò sul mercato il primo modello di quella vasca che sarebbe stata apprezzata in tutto il mondo.

Addentrandoci nel mondo dello spettacolo, la lista è lunghissima. Dal cinema al teatro, alla musica, sono moltissimi gli artisti di origine italiana. Da Frank Capra, il regista dei più popolari film degli anni' 30 e '40, a Quentin Tarantino, il regista che ha "reinventato" il modo di fare film a Hollywood; da Martin Scorzese a Francis Ford Coppola, da Brian De Palma a Michael Cimino sono numerosi gli italiamericani che hanno girato pellicole passate alla storia del cinema americano. Altrettanto lunga è la lista degli attori, a partire da Rodolfo Valentino, primo sex symbol, che contribuì alla nascita dell'industria degli studios. Tra i più grandi attori di sempre, Al Pacino (Alfredo James Pacino, papà di Messina e mamma di Corleone) e Robert De Niro (bisnonni di Campobasso); Nicolas Cage (in realtà, Coppola, il cognome del padre); John Travolta, la star di Grease e de La febbre del sabato sera, è di famiglia italoamericana da parte di nonno, originario di Godrano, in provincia di Palermo. Questo solo per citare solo alcuni nomi.

E le donne? Come non menzionare Luis Veronica Ciccone, in arte Madonna? Il padre di Madonna, Silvio Ciccone detto Tony, era originario di Pacentro, in Abruzzo. Teresa Augello invece ha origini siciliane ed è la mamma di Alicia Keys. Note anche le origini italiane di Lady Gaga: il padre Joseph è originario di Naso, in provincia di Messina. Di famiglia italiana è anche Jane Fonda, il cui bisnonno paterno era emigrato da Genova e si era stabilito in una cittadina del Nord America attualmente chiamata proprio Fonda. Altra grande attrice premio Oscar di origine italiane è Susan Sarandon, il cui nonno Vincenzo Criscione era di Ragusa, mentre sua nonna, Anita Rigali, di Coreglia in provincia di Lucca.

Facciamo un breve salto nel mondo della musica per ricordare che Giovanni Bongiovanni di Sciacca, in provincia di Agrigento, era il nonno della rockstar del New Jersey, Jon Bon Jovi. In una puntata del famoso talk "David Letterman Show" il front man dei Bon Jovi ha palesato il suo desiderio di conoscere i parenti siculi. Da una star del rock a un'altra il passo è breve: l'ex chitarrista dei Red Hot Chili Peppers, John Frusciante, vanta tra i suoi avi un nonno di Apice, piccolo un comune in provincia di Benevento.

Terminiamo questa lunga, ma potrebbe esserlo ancora di più, carrellata di personaggi che hanno portato il nome dell'Italia negli Stati Uniti d'America con Bruce Springsteen. La sua "Born in the U.S.A" un inno all'orgoglio americano. La madre di "The boss", Adele Zirilli, è originaria di Vico Equense, in provincia di Napoli di cui Springsteen è da qualche anno cittadino onorario.

Quindi oggi anche noi festeggiamo l'Independance day, con una bandiera a stelle e strisce che ha anche un po' di tricolore.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Emergenza Covid, a Maiori montate le tende dell'Esercito al Porto turistico [VIDEO]

Sono quasi ultimate le operazioni di montaggio delle tre tende militari allestite al porto turistico di Maiori dove da domani, martedì 24 novembre, si insedierà l'Unità Speciale di Continuità Assistenziale (USCA) dell'Esercito Italiano. «Da domani sarà attiva l'USCA dell'Esercito Italiano con tre medici...

Emergenza Covid: il realismo e la speranza

di Antonio Schiavo Ho letto con attenzione l'articolo di Antonio Scurati su Il Corriere della Sera. Come al solito il suo scrivere è netto, puntuale, accattivante e sa cogliere l'essenza delle questioni incardinandole in descrizioni di paesaggio e contesto che lasciano il lettore senza parole. Non sono...

Antonio Scurati su CorSera: «Restiamo lucidi nel nostro inverno più difficile»

Riprendiamo la riflessione dello scrittore Antonio Scurati, cittadino onorario di Ravello, pubblicata sul Corriere della Sera di oggi, venerdì 20 novembre. «Ci attende un secondo inverno di resistenza. Affrontiamolo con fermezza, serietà, senza malanimo. Proprio ora che i vaccini ci offrono una ragionevole...

Le continue scorrettezze di Positano News: quel copia e incolla disgustoso che non fa bene al giornalismo

di Emiliano Amato È da tempo che lamentiamo continue scorrettezze da parte di Positano News che non esita ad appropriarsi dei contenuti pubblicati dal Vescovado. Tante volte abbiamo preferito soprassedere, abbiamo fatto passare la notizia scopiazzata, ma stavolta la misura è colma e lesiva del nostro...

Dieci anni fa l’iscrizione della Dieta Mediterranea nella Lista UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale

di Alfonso Andria* Oggi, 16 novembre 2020, ricorre il decennale dell'iscrizione della Dieta Mediterranea nella Lista UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità. Il riconoscimento fu attribuito durante la seduta del Comitato Mondiale UNESCO a Nairobi (Kenya) il 16 novembre 2010.Durante il...