Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Giovanni della Croce

Date rapide

Oggi: 14 dicembre

Ieri: 13 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAttualitàFranco di Mare su Cormez: Ravello che ha tradito se stessa

Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Attualità

Franco di Mare su Cormez: Ravello che ha tradito se stessa

Altro che il «modello Bilbao»

Scritto da (Redazione), venerdì 4 dicembre 2015 12:27:29

Ultimo aggiornamento lunedì 7 dicembre 2015 00:28:02

Pubblichiamo il racconto che il giornalista Rai e conduttore del programma Uno Mattina, Franco Di Mare ha affidato alle pagine del Corriere del Mezzogiorno dal titolo: "Ravello, che ha tradito se stessa. Altro che il «modello Bilbao»" in cui si rammarica per le vicissitudini con cui Ravello e la sua Fondazione è costretta a fare i conti in questi ultimi mesi. Di seguito proponiamo testo integrale delle riflessioni di Di Mare.

--------------------------------

Ammettiamolo: chi di noi conosceva Bilbao venti anni fa? Voglio dire: quanti avrebbero saputo indicare la sua esatta posizione sulla cartina? Al netto degli appassionati geografi e dei grandi viaggiatori che albergano in ogni consorzio umano, la maggior parte di noi si sarebbe fatta cogliere da almeno un dubbio: sarà in Spagna o in Portogallo? Ma quand'anche avessimo vagamente saputo che Bilbao si trova nella penisola iberica, saremmo andati a cercarla direttamente dov'è collocata dal giorno della sua fondazione, oppure il nostro sguardo avrebbe vagato incerto su e giù lungo la cartina geografica?
Avanti: ma dove diavolo si trova Bilbao? Da diciotto anni possiamo affermare di saperlo con assoluta certezza. Bilbao è tutto quello che si trova intorno al museo Guggenheim di Frank Gehry. Prima che la celebrata archistar canadese desse vita e forma al progetto di quella formidabile astronave aliena atterrata sulle sponde del Nervion, lungo le coste settentrionali della Spagna, non erano in molti ad aver visitato la capitale dei paesi baschi. Anzi, erano davvero pochi i turisti che si spingevano fino al golfo di Biscaglia, sottraendo giorni alle ramblas di Barcellona, ai viali di Madrid, alle corride di Siviglia e alle spiagge all inclusive delle Baleari. A giocare contro Bilbao non era soltanto la distanza dalla capitale ma anche il sottile, ingiustificato — seppur comprensibile — timore di restare coinvolti in qualche violenta diatriba separazionista imbastita dall'Eta.

Dal 1997, però, tutto è cambiato. E l'indiscusso merito di questa rivoluzioneva al museo d'arte moderna di Gehry. È grazie a chi ha avuto la lungimiranza di puntare sulla cultura e sui suoi meccanismi di seduzione internazionale se oggi Bilbao conta oltre un milione di visitatori all'anno che si reca in quelle lontane sponde attratto come lemming dall'irresistibile richiamo che esercita lo spettacolare museo d'arte contemporanea della fondazione Guggenheim. Il fenomeno è stato di così straordinarie proporzioni che da anni viene studiato nelle facoltà di economia di mezzo mondo come incontrovertibile e lungimirante esempio di capacità imprenditoriale, di marketing e di visione strategica. La presenza del museo ha rivitalizzato l'economia dell'intera area e oggi il Guggenheim e il suo indotto valgono un punto e mezzo di Pil della regione basca. La ciclopica costruzione ricoperta di scaglie di titanio, come le squame della coda di una sirena distesa sulle rive del fiume, è diventata un'attrattiva internazionale il cui valore di brand è superiore a quello delle stesse opere che contiene. A differenza di quanto avviene con il Prado di Madrid, dove ci si reca come pellegrini laici a rendere omaggio alle tele di Goya e Velasquez, nessuno saprebbe dire quali sono le mostre permanenti contenute nelle monumentali cavità del ciclope. Il che, a ben riflettere, vuol dire che ci troviamo davanti a un caso di evidente prevalenza della forma sul suo contenuto, un fenomeno non inedito, intorno al quale strutturalisti e semiologi hanno riempito centinaia di tomi con ponderose riflessioni e robuste analisi.

È per questo che salutiamo l'arrivo del filosofo Sebastiano Maffettone alla guida della Fondazione Ravello con il cuore gonfio di speranze e aspettative. Perché forse occorre lo sguardo morbido e acuto del filosofo, una diversa visione del mondo, una inedita weltanschauung per dipanare la matassa aggroviglia e all'apparenza inestricabile di fronte alla quale si è arreso perfino un intellettuale raffinato e stimatissimo come Domenico De Masi - al quale va in ogni caso la nostra eterna riconoscenza per essere riuscito a realizzare l'auditorium Oscar Niemeyer di Ravello, a dispetto di un numero di difficoltà impressionanti, dai risvolti incredibili e non di rado grotteschi.

Perché a riflettere bene il punto è (e mi scuso se pongo la questione in manieracosì rozza e tranchant): ma che cos'ha Ravello meno di Bilbao? Per quale ragione quello che è riuscito a una città tagliata fuori dai circuiti del turismo internazionale, situata alla foce di un fiume che sbocca su un mare gelido, dal colore del ferro, non può riuscire a un gioiello storico e paesaggistico incastonato nei monti che sovrastano Amalfi? Per quale arcano motivo Ravello non può diventare polo di attrazione permanente e non stagionale per la raffinata e trasmigrante tribù del turismo culturale internazionale?
Certo, sono consapevole del pericolo che corro nel fare confronti tra realtà così distanti sul piano geografico, politico, strutturale ed economico. La contestazione più evidente alle domande che pongo è che si tratta di realtà non paragonabili fra loro. Troppe sono le differenze in termini di amministrazione e perfino di antropologia culturale che corrono tra le due comunità. Sono d'accordo, ma vi chiedo la possibilità di lasciarmi forzare un po' la mano e chiedere: per quale motivo non possiamo immaginare una storia diversa per Ravello e il suo festival della musica? In altre parole: cos'è che impedisce a una delle più belle cittadine italiane di competere in capacità attrattiva con altre città della musica come Bayreuth? Qualcuno obietterà che Bayreuth è la città che ha dato i natali a Richard Wagner. Va bene. Ma Ravello è cantata da Boccaccio. E la vocazione musicale del luogo è confermata dalla presenza di Arturo Toscanini, Leonard Bernstein, Mstilav Rostropovich, Bruno Walter. A Ravello sono passati Mirò, Escher, Turner, e scrittori come Forster, Virginia Wolf, Lawrence, Gide, Paul Valery, Graham Green, Tennessee Williams, Rafael Alberti. Gore Vidal, poi, aveva una villa spettacolare a Ravello. Per non parlare del fatto che Wagner immaginò che il giardino di Klingsor del Parsifal fosse come i giardini di villa Rufolo. Ma perché allora, con i quarti di nobiltà culturale di cui dispone, Ravello deve restare negli annali delle nostre cronache per aver fatto da sfondo al matrimonio dell'ex ministro Brunetta? Solo chi non ha mai assistito a un concerto di Brahms eseguito da un'orchestra di trentasei elementi disposti sulla pedana artificiale di giardini che sembrano sospesi nel vuoto, di fronte alla quinta naturale di uno dei panorami più suggestivi del mondo, può trovare questa domanda inadeguata o inopportuna. Perché francamente io ancora non ho capito per quale motivo Ravello non sia divenuta la città della musica mondiale per eccellenza. Davvero sono i ravellesi a non volerlo, a creare difficoltà?

Dal momento che non intendo cadere nella trappola antropologico culturale del genius loci - la maledizione biblica del «così vanno le cose da queste parti» — occorre fare uno sforzo e immaginare altro. E a guardare il panorama delle opere incompiute (o compiute male) di cui è disseminato il nostro paese ci si potrebbe consolare davanti all'evidenza che la questione non è meridionale, come potrebbe sembrare a uno sguardo frettoloso, poiché ci sono molti altri esempi di pigrizia politica e imprenditoriale sparsi un po' dovunque lungo tutta la Penisola, lacci e lacciuoli che hanno impedito a progetti vincenti sulla carta di diventarlo poi compiutamente anche nella realtà.

In un romanzo dal titolo Il caffè dei miracoli ambientato in una immaginaria cittadina chiamata Bauci, in devoto ossequio alle città invisibili di Calvino (Bauci era quella su lunghi trampoli, i cui abitanti vivevano in alto, tra le nuvole e non si mescolavano con quelli di sotto) ho immaginato che a impedire la costruzione di un rifugio permanente per le opere dei grandi artisti di passaggio per quel paese immaginario fosse in realtà non solo l'amministrazione comunale, ma la resistenza al cambiamento che è propria di ogni comunità. In fondo siamo un po' tutti vittime di una zavorra psicologica che ci induce a pensare che cambiare sarà pure utile, a condizione però che siano gli altri a farlo, tranne noi. E se a questo si aggiungono i piccoli egoismi paesani, le gelosie e le invidie che si generano intorno alla costruzione del nuovo, forse cominciamo a delineare i profili di una storia che non è solo di Ravello, ma è la storia universale della riluttanza al cambiamento proprio di ogni comunità. Insomma, l'eterna battaglia fra tradizione e innovazione, fra assertori dello status quo e pionieri della trasformazione. Viene in mente - lo ricorderete di certo - un delizioso film interpretato da Juliette Binoche e Johnny Deep intitolato Chocolat, tratto dall'omonimo romanzo di Joanne Harris. Vi si narra la storia di una donna che, in una notte di tregenda, arriva in un paesino della Normandia con la balzana idea di aprire, in quel luogo sospeso nel nulla plumbeo dei mari del nord, un negozio di cioccolato. Ma non una qualunque cioccolateria, si badi bene. Quello che ha in mente la protagonista è un posto che produca cioccolatini ripieni di liquori esotici, pepe di Caienna, peperoncino delle Mauritius, mandorle, frutta esotica. La cioccolateria diventa un elemento di attrazione del per gli abitanti del paese, e d'incanto tutto sembra rivitalizzarsi. Ma i dubbi cominciano a serpeggiare. C'è troppa allegria in giro. Il sindaco comincia a insospettirsi. Cosa ci sarà in quei cioccolatini? In breve quel negozietto di dolciumi si tramuta nell'equivalente di un covo di sabotatori del sistema, un luogo dove si progettano attentati alla tradizione e alle rassicuranti certezze del paese. Occorre intervenire. E così il prete, istigato dal primo cittadino, inizia a lanciare anatemi contro le tentazioni del vizio e i peccati di gola. Insomma, un piccolo negozio di cioccolato si trasforma rapidamente in un casus belli.

E così la domanda resta la stessa, per la cioccolateria, per il museo del mio romanzo o per l'auditorium di Ravello: siamo davvero disposti ad accogliere il cambiamento? Siamo pronti a mettere in discussione le nostre abitudini, le confortevoli sicurezze della nostra vita in cambio di un benessere garantito solo dal progetto? Siamo veramente disposti a investire nel nuovo?

Il festival di Ravello, e l'intera rete di offerte culturali ad esso legate, potrebbero diventare quello che il museo Guggenheim è per Bilbao, quello che il festival della Musica è per Bayreuth, quello che il parco della Musica è diventato per Roma: una formidabile occasione di promozione per un intero territorio. Occorre volerlo davvero però. Quanto è pronta la Fondazione a puntare su questa scommessa? E Ravello ci crede? È intorno a queste domande che ruota questa storia infinita. E intorno alle stesse domande ruota anche il mio romanzo. Ma non vi dico come va a finire. Per scaramanzia.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Il cane che fiuta i tumori prima delle analisi mediche

I pazienti non sono abituati a incontrarla in corsia, ma la dottoressa a quattro zampe lavora per questo reparto ormai da cinque anni. Il medico più bravo dell'urologia, assicura il primario e confermano i colleghi, è proprio lei. Fiuto infallibile e diagnosi sempre precise, così Liù si è conquistata...

Vita indipendente e inclusione di persone con disabilità: pubblicato avviso del Piano di Zona

Il Piano di Zona Ambito S2, che comprende i comuni di Cava de' Tirreni e della Costiera Amalfitana, rende noto che per il secondo anno consecutivo è stato pubblicato l'Avviso per il finanziamento di Progetti Sperimentali di vita indipendente e inclusione nella società di persone adulte con disabilità....

Dopo riconoscimento Unesco arriva giornata mondiale del pizzaiolo

Dopo il riconoscimento Unesco per l'arte di fare la pizza arriva la "Giornata Mondiale del Pizzaiolo". Sarà il 17 gennaio, giorno che coincide con la celebrazione di Sant'Antonio Abate, protettore dei fornai e dei pizzaioli. «Anticamente - ricorda il presidente dell'Associazione verace pizza napoletana,...

Un nuovo stadio per Scala, il videoracconto della cerimonia inaugurale [VIDEO]

Riviviamo, attraverso le straordinarie immagini realizzate e montate da Giassi Video, i momenti salienti della cerimonia inaugurale dello stadio comunale "San Lorenzo" di Scala avvenuta lunedì 4 dicembre scorso. Nonostante le temperature da lupi (4,5 i gradi registrati) sono state circa 500 le persone...

Manuale d'istruzioni per l'albero di Natale

di Federica Buonocore Tanto quanto la zeppola è la regina della tavola delle feste, l’albero è il re indiscusso dell’ingombro in salotto durante questi Santi Giorni. Dopo l’Immacolata, in ogni casa, iniziano ad affacciarsi nuovamente questi grandi abeti. Il mio, da spoglio, sembra guardarmi divertito...