Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Antonio abate

Date rapide

Oggi: 17 gennaio

Ieri: 16 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniAttualitàDieta mediterranea come patrimonio culturale se ne discute ad Amalfi tra amministratori e imprenditori

Salerno: Caffè Trucillo riparte dall’Accademia

Porto di Salerno, conclusa la fase di sperimentazione: si all’uscita delle navi anche di notte

OneMorePack, al via il concorso di creative packaging design

Unisa, 18 gennaio convegno di studi "Cittadinanza, cittadinanze e nuovi status"

Al Turistico di Minori si rilascia la patente europea per computer. Corsi aperti anche ad esterni

A Tramonti la festa di San Sebastiano, protettore dei Vigili Urbani

Da Comune di Ravello contributi a sostegno dell'agricoltura, 27 gennaio incontro con operatori

Ravello-Costa d’Amalfi mancata capitale della cultura: cosa non ha funzionato?

Il mondo dell'arte dice addio a Cosimo Budetta

2018 Anno europeo del patrimonio culturale, Centro Universitario di Ravello ancora protagonista

Costa d'Amalfi, cercasi autista per NCC

Amalfi, struttura extralberghiera cerca addetta alle pulizie

Minori, 28 gennaio nuova replica del Proscenio con “Natale in Casa Cupiello”

“Non è tutto merito della cioccolata” di Pietro Ravallese e “Note di Cucina Salernitana” di Alfonso Sarno allo Yachting Club di Salerno

Disservizi segnale Rai, sindaco Andrea Reale incontra dirigenti Ministero Sviluppo Economico

Marina d’Arechi, cresce sui mercati internazionali l’interesse per il nuovo porto turistico di Salerno

Salerno, un nuovo indirizzo di studio all'Istituto Nautico: “Pesca Commerciale e Produzioni ittiche”

Causò incendio in cui morì la madre, condannato 53enne di Tramonti

Ambiente. Sorrento, consegnata una videocamera subacquea alla Guardia di Finanza

“Capitale della cultura” si diventa. Senza prevaricazioni né gelosie

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Attualità

Dieta mediterranea come patrimonio culturale, se ne discute ad Amalfi tra amministratori e imprenditori

Scritto da (Redazione), martedì 23 agosto 2011 10:05:01

Ultimo aggiornamento martedì 23 agosto 2011 16:22:20

di Giuseppe Liuccio - La Dieta Mediterranea sarà l'argomento centrale della prossima edizione del Premio di Letteratura Enogastronomica "Minori Costa di Amalfi" con la realizzazione di una serie di eventi spalmati su buona parte dei paesi della Costiera e con una trasmigrazione a Pollica, nell'altra costa, in una visione di sviluppo integrato che coinvolga l'intero territorio provinciale ugualmente toccato ed interessato da "Racconti,valori e tradizioni della Dieta Mediterranea", il progetto/format che l'apposita commissione della Regione Campania ha apprezzato e finanziato classificandolo al primo posto nella graduatoria di merito per la validità delle proposte e la loro ricaduta sul territorio per la promozione del turismo di qualità.

Partendo da queste considerazioni, nella speranza di far cosa gradita ai lettori, riporto integralmente un pezzo che scrissi nell'ottobre scorso, per festeggiare il riconoscimento da parte dell'Unesco di "patrimonio dell'umanità" di un bene immateriale, che esaltava il regime alimentare frutto della civiltà contadina del Cilento e dell'intera provincia di Salerno,la DIETA MEDITERRANEA, appunto, ritenendolo di grande attualità.

"Mi porto la civiltà contadina nel DNA. Ora che la stagione colora di viola le olive al fremito di brezza delle piantagioni sulle colline la gita domenicale fuori porta a fuga dallo smog di Roma è la Sabina per godermi lo spettacolo delle raccoglitrici.;.e la memoria d'amore mi popola di emozioni il transfert sui terrazzamenti cilentani che caracollano a mare nel trionfo delle "rotondelle" e delle "pisciottane".

Appena un mese fa mi aggiravo per i Monti Cimini, regno di nocciole e castagne esaltate nelle colorate sagre dei paesi ed il pensiero correva, anche allora, al "mio" Monte Vesole che digrada a sbalzi verso Roccadaspide nel sorriso dei marroni a fuoriuscita dall'oro umidiccio dei ricci, come pulcini pezzati dalla cova, o a Stio lungo la strada che avanza a comodi tornanti verso la Retara tra cupole di castagni che spiumano foglie ramate, dove gli ultimi cercatori trovano bottino per caldarroste croccanti, infornate/riserva per l'inverno e lesse pastose per zuppe con funghi e fagioli.
Nella civiltà urbana mi manca la campagna dell'infanzia con i rituali ciclici di lavoro paziente dei nonni contadini: la semina nel maggese arato di fresco, dove esplodeva il riso dei chicchi perlacei del frutto del melograno a sgocciolio d'argento della brina della notte, i grappoli bruniti del sorbo, i teneri broccoli a ricamo di fossato. Erano le ultime attività prima che l'inverno ruggisse nelle gole dei monti o scatenasse bufere di vento o aprisse le danze a grandine che batteva irata alle finestre per placarsi,poi, nella bianca tormenta di neve che infiocchettava il mandorlo dell'orto.

Tutto consigliava di rincantucciarsi in casa al tepore amico del ceppo, dove il tronco del leccio friggeva bava ed il piolo di creta sbuffava aromi a lenta cottura di ceci e sulla brace il pane appena sfornato catturava ed assorbiva olio rilucente fresco di molitura. La mamma, a colpi ritmati di forza e di esperienza "ammassava" farina a promessa di "fusilli" e "cavatielli" a condimento dell'immancabile sugo di castrato. Mio padre mesceva vino novello nel boccale d'argilla, ricamato a fregi, che spumava aromi. Io tenevo d'occhio due grosse patate ad ammollo di cottura sottocenere.. Mia sorella scanestrava mele pigmentate di rosso e dense di profumo come ragazze in fiore nella pubertà.

Questi ricordi mi tambureggiavano nel cuore in festa, quando l'Unesco ha ufficializzato "La Dieta Mediterranea" come patrimonio dell'umanità. E' stata una festa di famiglia e come tale l'ho vissuta con entusiasmo e passione, accomunandovi tutti i miei Padri Contadini in una sfrenata tarantella di giubilo,Ed ho reso omaggio alla loro eredità di valori. Allora l'agricoltura era ancora l'attività primaria. La crisi devastante era di là da venire con tutta la catena a cascata dei problemi attuali:la banalizzazione e la omologazione del paesaggio, la mortificazione del turismo perchè nessuno viene in Italia per ammirare una distesa di capannoni, ma se mai i filari dei vigneti e le colline degli uliveti, la mortificazione della biodiversità con la cancellazione di numerose specie, il venir meno di una alimentazione sana che è alla base della nostra salute.

Erano attenti alle campagne i nostri Padri e prevenivano le frane e combattevano l'nquinamento di aria ed acqua.C'era un rapporto di intesa e di empatia tra uomo e natura. E la terra era la Grande Madre, a cui si doveva rispetto e venerazione.E la Dieta Mediterranea era il regime alimentare povero ma sano dei contadini:: olio di oliva come condimento, ortaggi e frutta, legumi al posto di proteine animali, salvo le rarissime eccezioni di carne bianca (polli e conigli) dei giorni di festa, la pasta fatta in casa, pochissimi zuccheri. E la longevità era assicurata pur in una esistenza fatta di fatica dura e quotidiana.Poi dalle nostre parti capitò uno scienziato di livello mondiale, il dottor Ancel Keys, il più famoso nutrizionista del secolo scorso.

Si stabilì a Pioppi, una frazione di mare di Pollica, dove comprò casa in una località da lui battezzata Minnelea, che nella toponomastica creativa voleva essere un omaggio alla sua città natale Minneapolis e ad Elea, la città magnogreca del Cilento che avvistava quotidianamente dal terrazzo della sua casa spalancata sull'orizzonte dei miti e della Grande Storia.

Vi restò per circa 30 anni e studiò con rigore scientifico e passione emotiva il regime alimentare delle popolazioni locali, pervenendo alla conclusione che la "dieta mediterranea" apportava evidenti e notevoli benefici alla salute, eliminando o quasi le malattie cardiocircolatorie. Ancel aveva dato rigore e dignità scientifica ai codici alimentari dei contadini cilentani. Oggi l'Unesco li esalta ufficializzandoli come "patrimonio dell'umanità".

Ci sarebbe di che essere orgogliosi ma.... da noi non siamo abituati ad esaltarci per l'orgoglio di identità e di appartenenza. E così il Museo della Dieta Mediterranea, nato con fedele intuizione qualche decennio fa proprio a Pioppi, oggi è poco più che una sigla, mentre poteva e doveva essere un laboratorio di idee e di ricerca per studiosi e nutrizionisti di tutto il mondo. Ed il Cilento che è lanciato con legittime ambizioni nello scenario dei mercati turistici nazionali ed internazionali potrebbe e dovrebbe qualificarsi per una offerta enogastronomica che faccia leva su queste tradizioni.

Avessimo una classe dirigente più responsabile, sia politica che imprenditoriale, cureremmo con scrupolosa professionalità la qualità della nostra gastronomia nel rispetto dei codici alimentari della tradizione, senza inseguire i "maestri" (!) della nouvelle cuisine e baderemmo a valorizzare al meglio le risorse del nostro territorio attrezzandoci con ristoranti, trattorie, agriturismi all'insegna del decoro e della calda accoglienza, curando i particolari nell'arredo, il rigoroso rispetto dell'igiene, la professionalità del personale di cucina e di sala. Forse i responsabili degli Enti Pubblici potrebbero e dovrebbero investire in "formazione", preparando gli operatori turistici di oggi e soprattutto di domani
Di questo e d'altro si parlerà martedì sera ad Amalfi, in Piazza Municipio in un incontro dibattito con amministratori ed imprenditori per riscoprire ed esaltare la DIETA MEDITERRANEA, appunto con la prospettiva di creare l'ACCADEMIA DI LUNGA VITA per onorare la memoria di Ancel Keys ma anche d Angelo VASSALLO, il sindaco eroe, che ha sacrificato la vita per difendere storia, tradizioni e valori della medeterraneità del nostro territorio salernitano.


g.liuccio@alice.it

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

2018 Anno europeo del patrimonio culturale, Centro Universitario di Ravello ancora protagonista

Il 2018 è stato dichiarato "Anno europeo del patrimonio culturale". Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali di Ravello, istituzione sovranazionale dalla forte ispirazione europeista nato 35 anni fa per iniziativa del Consiglio d’Europa, da tempo guarda a questo appuntamento con particolare...

«Le vere capitali non concorrono», Vittorio Sgarbi commenta l'esclusione di Ravello-Costa d'Amalfi

«Le vere capitali non concorrono; si distinguono per quello che sono e per quello che fanno». A ribadire il concetto, suo personale, è Vittorio Sgarbi alla notizia della mancata inclusione di Ravello tra le dieci città candidate al titolo di capitale italiana della Cultura 2020. «Ho sempre risparmiato...

«Debito elevato e fatture non pagate entro scadenze», Ausino spiega perchè ha chiuso i rubinetti a Villa Cimbrone

L'Ausino spa, società che gestisce i servizi idrici integrati di Ravello, rappresenta le proprie ragioni in relazione al distacco forzato delle fornitura idrica operato al complesso di Villa Cimbrone lo scorso 12 gennaio. Per la società presieduta da Mariano Agrusta si tratta di una questione di morosità...

Ravello-Costa d'Amalfi esclusa, non sarà Capitale Italiana Cultura 2020

Svanisce il sogno di Ravello-Costa d'Amalfi Capitale italiana della Cultura 2020. Questo pomeriggio il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha annunciato le dieci città che si contenderanno l'ambito titolo. Si tratta di Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro,...

Ravello, ritorna il deserto dei Tartari: un solo ristorante aperto

Benvenuti a Ravello, o meglio nel deserto dei Tartari. Bella ma senz'anima la Città della Musica post festività natalizie, nel periodo più "buio" dell'anno (turisticamente parlando). Da domani, martedì 16 gennaio, resteranno aperti soltanto i due bar Calce, il Klingsor, ‘A Funtanella e la tavola calda...