Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 21 minuti fa S. Antonio abate

Date rapide

Oggi: 17 gennaio

Ieri: 16 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniAttualitàCostiera amalfitana senza agricoltura turismo in crisi

Porto di Salerno, conclusa la fase di sperimentazione: si all’uscita delle navi anche di notte

OneMorePack, al via il concorso di creative packaging design

Unisa, 18 gennaio convegno di studi "Cittadinanza, cittadinanze e nuovi status"

Al Turistico di Minori si rilascia la patente europea per computer. Corsi aperti anche ad esterni

A Tramonti la festa di San Sebastiano, protettore dei Vigili Urbani

Da Comune di Ravello contributi a sostegno dell'agricoltura, 27 gennaio incontro con operatori

Ravello-Costa d’Amalfi mancata capitale della cultura: cosa non ha funzionato?

Il mondo dell'arte dice addio a Cosimo Budetta

2018 Anno europeo del patrimonio culturale, Centro Universitario di Ravello ancora protagonista

Costa d'Amalfi, cercasi autista per NCC

Amalfi, struttura extralberghiera cerca addetta alle pulizie

Minori, 28 gennaio nuova replica del Proscenio con “Natale in Casa Cupiello”

“Non è tutto merito della cioccolata” di Pietro Ravallese e “Note di Cucina Salernitana” di Alfonso Sarno allo Yachting Club di Salerno

Disservizi segnale Rai, sindaco Andrea Reale incontra dirigenti Ministero Sviluppo Economico

Marina d’Arechi, cresce sui mercati internazionali l’interesse per il nuovo porto turistico di Salerno

Salerno, un nuovo indirizzo di studio all'Istituto Nautico: “Pesca Commerciale e Produzioni ittiche”

Causò incendio in cui morì la madre, condannato 53enne di Tramonti

Ambiente. Sorrento, consegnata una videocamera subacquea alla Guardia di Finanza

“Capitale della cultura” si diventa. Senza prevaricazioni né gelosie

Baby gang, l’allarme di Lembo: «Serial Tv non formano coscienza civile» [VIDEO]

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Attualità

Costiera amalfitana, senza agricoltura turismo in crisi

Scritto da (Redazione), martedì 12 novembre 2013 15:26:27

Ultimo aggiornamento martedì 12 novembre 2013 15:26:27

L'immagine identitaria di un territorio come la Costiera amalfitana, capace di innovarsi per il futuro, non può prescindere dal suo rapporto con l'agricoltura e con le sue tipicità. E il turismo non ne può fare a meno. Vi immaginate di non vedere più terrazzamenti coltivati a limoneti ma fitti boschi? Il contadino-custode è il vero protagonista del territorio riconosciuto Patrimonio dell'Umanità e che ora punta ad avere il riconoscimento di Riserva Mondiale della Biosfera.

L'incontro che si è tenuto a Tramonti il 10 novembre, dal tema "La Biodiversità agraria dei Monti Lattari", organizzato dal CRA-ORT, Centro di Ricerca per l'Orticoltura di Pontecagnano, in collaborazione con l'Associazione Costiera amalfitana Riserva Biosfera (Acarbio), il Comune di Tramonti e la Coldiretti di Salerno, è stato l'occasione per puntare l'attenzione sui prodotti tipici che rischiano l'estinzione e di valorizzare le storie che raccontano la passione e la tradizione che c'è dietro ad ogni singola produzione agricola, e il fondamentale ruolo che riveste chi si prende ancora cura dei terrazzamenti. "Il progetto Agrigenet -network per la salvaguardia e la gestione delle risorse genetiche agro-alimentari campane - ha spiegato Rosa Pepe del CRA-ORT di Pontecagnano - prevede la realizzazione di una rete di ricerca per la salvaguardia e la gestione delle risorse genetiche vegetali campane, prendendo in considerazione varietà ed ecotipi di specie ortive, frutticole e della vite. Il progetto mira al recupero della biodiversità vegetale minacciata da erosione genetica, e fondamentale sarebbe la legge sulla biodiversità con un'anagrafe territoriale".

Intorno a questo progetto sono coinvolte anche le istituzioni scientifiche che operano nella Regione Campania: il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura (CRA, nelle sedi operative campane CRA-ORT, CRA-FRC, e CRA-CAT), l'Ente Nazionale per Sementi Elette (ENSE), l'Università degli Studi di Salerno, la Seconda Università di Napoli, l'Università del Sannio.

"Sul territorio di Tramonti - ha dichiarato il sindaco Antonio Giordano - abbiamo dato vita ad un censimento delle viti centenarie, così da conoscere il tipo di vitigno, le dimensioni, l'anno di nascita. Il tintore è il nostro vitigno centenario diffuso un po' su tutto il territorio e che caratterizza il paesaggio. Con cinque cantine, Tramonti ha sicuramente sia una grande tradizione che una grande potenzialità che va sfruttata".

"Quest'anno purtroppo il settore della castanicoltura solo in Costiera amalfitana ha avuto perdite per 3 milioni di euro - a dare questo dato è il neo presidente della Comunità Montana Monti Lattari, Luigi Mansi, sindaco di Scala - la lotta biologica al cinipide del castagno, con il lancio del torymus sinensis, richiede purtroppo tempo per poter vedere dei risultati, e occorre che la comunità scientifica metta a disposizione le proprie conoscenze, noi faremo la nostra parte, nonostante il ridimensionamento dell'ente Comunità Montana".

All'incontro è stato presente anche Alfonso Andria, già senatore della Repubblica, che ha toccato il tema della inscindibilità del patrimonio agricolo con il territorio e il turismo: "Il progetto Agrigenet, dove sono coinvolte ben tre Università campane - ha dichiarato Andria - dimostra lo studio che c'è alla base quando parliamo di tipicità agricole e l'importanza della cooperazione tra istituzioni scientifiche ed attori locali per un unico fine che è quello di preservare le risorse genetiche vegetali locali. Inimmaginabile è vedere abbandonato un territorio come la Costiera amalfitana. Il turismo richiede sinergia di tutti: e il ruolo del contadino-custode è fondamentalmente vitale nel nostro contesto".

"L'importanza di questi incontri - ha sottolineato invece Adriano Bellacosa, assessore all'ambiente della Provincia di Salerno - dove si confrontano studiosi e agricoltori è particolarmente significativo in un territorio come il nostro con una straordinaria ricchezza culturale di varietà ed ecotipi locali. Ed è fondamentale anche dimostrare la biodiversità agricola nel lavoro che la Provincia di Salerno sta portando avanti grazie all'associazione Acarbio: la candidatura della Costiera amalfitana a Riserva della Biosfera, e quest'anno sarà determinante di tutto un percorso".

Ed è proprio la candidatura della Costiera amalfitana come luogo che l'Unesco potrà definire meritorio di essere riconosciuto come "Riserva Mab", l'azione principale che vede in prima linea l'Associazione Acarbio sin dalla sua fondazione. "Stiamo già lavorando come già fossimo Riserva Mab - ha spiegato Vincenzo Sannino, presidente Acarbio - perché stiamo portando avanti progetti che mirano alla salvaguardia delle tipicità agricole, con un campo sperimentale che abbiamo creato a Tramonti. Qui abbiamo coltivato varietà che rischiano l'estinzione e con l'aiuto del CRA di Pontecagnano, con cui abbiamo sottoscritto una convenzione, possiamo allargare le varietà e diffonderle tra i contadini. Ma non ci siamo fermati qua: da due anni abbiamo dato vita ad un progetto sperimentale che vede collegare i produttori locali ai gruppi di Acquisto Solidale. Siamo già incamminati verso il riconoscimento con fatti concreti che sicuramente l'Unesco apprezzerà in fase di decisione del riconoscimento".

Presente anche la Coldiretti, che con il presidente provinciale Giovani Impresa, Rosita Stoia, ha messo in luce il rapporto dei giovani con il mestiere del contadino: "Questo settore rappresenta il futuro per molti giovani - ha affermato Stoia, che insieme alla sua famiglia gestisce un agriturismo a Tramonti - e non è un mestiere di cui bisogna vergognarsi, anzi bisogna andarne fieri, perché rappresenta la tutela dell'ambiente e delle nostre tradizioni. E nel periodo di crisi che stiamo vivendo oggi è un lavoro che apre molte possibilità. Dobbiamo guardare con fiducia il futuro".

E di lavoro che ce n'è sempre poco, c'è chi come Sabatino Abagnale ha creduto nel settore agricolo puntando sulle eccellenze e ottenendo ottimi risultati imprenditoriali. Referente dei presidi Slow Food dei Monti Lattari, produce e commercializza il carciofo violetto di Castellammare e l'antico pomodoro di Napoli. "Bisogna principalmente credere in quel che si fa - ha detto Abagnale che ha recuperato semi e tecniche di coltivazione con sacrificio e passione - poi le soddisfazioni un po' alla volta arriveranno".

Una sferzata al mondo della politica è arrivata da Chiara Gambardella, responsabile del settore amministrativo del Consorzio di Tutela limone IGP Costa d'Amalfi: "E' ora che gli amministratori di questo territorio guardino con maggiore attenzione a chi coltiva ancora i terrazzamenti - ha affermato Gambardella che svolge attività di avvocato - perché senza di loro non c'è futuro per questo territorio, e anche chi gestisce un'attività alberghiera lo dovrebbe sapere. La nostra attenzione come Consorzio è che il limone della Costiera amalfitana venga tutelato dalle imitazioni, e che chi lo produce abbia un maggiore guadagno. La nostra speranza è che anche i Consorzi di Tutela abbiamo un maggior peso e importanza, e speriamo che la nuova legge in discussione (di cui si è parlato durante un convegno tenutosi a Minori il 9 novembre, ndr) ci dia maggiori poteri: solo così potremmo aver un cambiamento in questo settore".

Gli esperti e il lavoro per la salvaguardia e le gestione delle risorse genetiche agro-alimentari campane presentato durante l'incontro a Tramonti:

Massimo Zaccardelli, ricercatore c/o del CRA-ORT di Pontecagnano si occupa della messa a punto di sistemi di lotta ecocompatibili basati sull'impiego di sostanze naturali e microrganismi antagonisti, di compostaggio aziendale e dell'impiego di compost e derivati (tè di compost) nella nutrizione, biostimolazione e protezione delle colture orticole. Nell'ambito della biodiversità orticola, si occupa da diversi anni di caratterizzazione agronomica e molecolare di leguminose da granella (cece, cicerchia, lenticchia e fagiolo) e della loro valorizzazione attraverso l'introduzione di tecniche colturali innovative (es. miglioramento dell'efficienza azotofissatrice mediante l'inoculazione di rizobi più efficienti). Ha trattato di leguminose da granella, ovvero cece, cicerchia, lenticchia e fagiolo, con particolare riferimento alle varietà locali (ecotipi) coltivati in Campania, fagioli coltivati sui Monti Lattari, rappresentanti ad esempio dal Mustaccello di Pimonte, dal Fagiolo Regina di Pimonte e dal Canario.

Mario Parisi, ricercatore presso il CRA-Centro di Ricerca per l'Orticoltura. Le sue ricerche riguardano principalmente gli aspetti agronomici per il miglioramento della resa e della qualità (con particolare riferimento agli aspetti nutrizionali e salutistici) di colture ortive per il consumo fresco e per l'industria (patata, pomodoro, legumi da granella). Si interessa ampiamente di caratterizzazione e utilizzazione di risorse genetiche (varietà locali e specie selvatiche) di Solanacee (pomodoro, patata e peperone). E' membro della Società Italiana di Genetica Agraria e della Società Italiana di Orticoltura. E' autore di circa 50 lavori scientifici in extenso su riviste e libri con Comitato di redazione nazionale ed internazionale. Si è occupato del pomodorino di Corbara: prodotto prevalentemente sulle colline dei Monti Lattari, nell'agro Nocerino-Sarnese, il pomodorino di Corbara rappresenta una delle più significative testimonianze della tradizione rurale locale. Le prime trasformazioni industriali del pomodorino sono state realizzate proprio in questo areale, utilizzando esclusivamente pomodorini appartenenti alla tipologia Corbarino. In tal senso questa produzione tipica ha rappresentato di fatto lo start-up di una delle più importanti innovazioni del comparto industriale del pomodoro degli ultimi 15 anni. Sin da i primi anni '90 Il CRA-ORT conduce ricerche volte alla tipizzazione e alla valorizzazione di questa importante risorsa genetica.

Giuseppe Capriolo, risiede a Maiori, appartiene all'Unità di Ricerca per la Frutticoltura di Caserta presso la quale svolge attività di ricerca e miglioramento genetico per fragola, piccoli frutti e kiwi, la sua relazioni si è soffermata sulla biodiversità frutticola, in particolare del versante meridionale dei Monti Lattari, quindi la Costa d' Amalfi. Produce il limone sfusato amalfitano. Ha presentato gli studi svolti sul marrone di Scala, la mela martina, la limoncella, il persechiello, della pera Amalfi elencandone caratteristiche e quant' altro contribuisca alla valorizzazione della tipicità delle accessioni frutticole tradizionali.

Angelo Raffaele Caputo del CRA-UTV (Consiglio per la Ricerca e sperimentazione in Agricoltura, Unità di ricerca per l'Uva da Tavola e la Vitivinicoltura in ambiente mediterraneo di Turi (Bari). Nell'ambito di lavori finalizzati alla salvaguardia della biodiversità e del miglioramento genetico della vite, a partire dal 2005, questa Unità di ricerca CRA-UTV (già Sezione operativa dell'ex Istituto sperimentale per la viticoltura), ha avviato un progetto di ricerca e sperimentazione denominato "Vitivin-valut: miglioramento qualitativo delle produzioni vitivinicole nel Mezzogiorno d'Italia". Fra le sue linee di ricerca, il progetto prevedeva il recupero e la valorizzazione delle principali varietà locali e dei vitigni autoctoni minori; lo studio è stato finalizzato, anche, all'individuazione dei migliori biotipi di vitigni locali più importanti o in grado di assicurare un rilevante miglioramento della produzione enologica tipica locale. Nel primo quinquennio di attività, 2005-2010, anche la Regione Campania è stata interessata dalle attività sperimentali. Il territorio regionale, grazie anche al contributo delle Comunità Montane "Calore salernitano" e "Tanagro - Alto e Medio Sele" è stato esplorato nelle province e zone storicamente vocate alla coltivazione della vite e sono state individuate diverse accessioni relative a vitigni presumibilmente autoctoni. L'applicazione sul territorio delle ricerche condotte con tecniche tradizionali (indagini ampelografiche) e con tecniche di recente introduzione (indagini biomolecolari: studio del DNA) ha consentito di realizzare l'ampliamento della conoscenza delle diversità genetiche nelle popolazioni dei vitigni coltivati mediante azioni d'identificazione, descrizione e salvaguardia della detta variabilità genetica delle popolazioni e conservazione del patrimonio genetico della stessa regione Campania e di altre regioni meridionali. Queste ricerche consentiranno di migliorare la qualità e la tipicità delle produzioni enologiche delle regioni meridionali. Durante l'incontro ha presentato "I vitigni autoctoni e loro valorizzazione" e irisultati relativi all'attività di recupero e delle possibilità in futuro di utilizzare i ritrovati vegetali. Tutto il germoplasma viticolo recuperato attualmente è conservato presso l'azienda sperimentale del CRA-UTV; su di esso sono ancora in corso indagini agronomiche per la caratterizzazione varietale o di presunti biotipi e lavori per la valutazione delle potenzialità enologiche.

A chiudere l'incontro è stato un buffet con degustazione di prodotti tipici, offerto da alcuni produttori. La preparazione dei piatti è stato preparato dall'Istituto Statale d'Istruzione Superiore "Pantaleone Comite" di Maiori, il primo piatto dalla Trattoria San Francesco di Tramonti.

fonte: www.ecostiera.it

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

2018 Anno europeo del patrimonio culturale, Centro Universitario di Ravello ancora protagonista

Il 2018 è stato dichiarato "Anno europeo del patrimonio culturale". Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali di Ravello, istituzione sovranazionale dalla forte ispirazione europeista nato 35 anni fa per iniziativa del Consiglio d’Europa, da tempo guarda a questo appuntamento con particolare...

«Le vere capitali non concorrono», Vittorio Sgarbi commenta l'esclusione di Ravello-Costa d'Amalfi

«Le vere capitali non concorrono; si distinguono per quello che sono e per quello che fanno». A ribadire il concetto, suo personale, è Vittorio Sgarbi alla notizia della mancata inclusione di Ravello tra le dieci città candidate al titolo di capitale italiana della Cultura 2020. «Ho sempre risparmiato...

«Debito elevato e fatture non pagate entro scadenze», Ausino spiega perchè ha chiuso i rubinetti a Villa Cimbrone

L'Ausino spa, società che gestisce i servizi idrici integrati di Ravello, rappresenta le proprie ragioni in relazione al distacco forzato delle fornitura idrica operato al complesso di Villa Cimbrone lo scorso 12 gennaio. Per la società presieduta da Mariano Agrusta si tratta di una questione di morosità...

Ravello-Costa d'Amalfi esclusa, non sarà Capitale Italiana Cultura 2020

Svanisce il sogno di Ravello-Costa d'Amalfi Capitale italiana della Cultura 2020. Questo pomeriggio il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha annunciato le dieci città che si contenderanno l'ambito titolo. Si tratta di Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro,...

Ravello, ritorna il deserto dei Tartari: un solo ristorante aperto

Benvenuti a Ravello, o meglio nel deserto dei Tartari. Bella ma senz'anima la Città della Musica post festività natalizie, nel periodo più "buio" dell'anno (turisticamente parlando). Da domani, martedì 16 gennaio, resteranno aperti soltanto i due bar Calce, il Klingsor, ‘A Funtanella e la tavola calda...