Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 36 minuti fa S. M.Maddalena di Marsiglia

Date rapide

Oggi: 22 luglio

Ieri: 21 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Ravello Festival 2018 #Ravello18 laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniAttualitàAmalfi e Costiera seguire l'esempio dei padri: historia magistra vitae

Ravello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera Amalfitana Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Attualità

Amalfi e Costiera, seguire l'esempio dei padri: historia magistra vitae

Scritto da (Redazione), lunedì 2 novembre 2015 19:36:21

Ultimo aggiornamento lunedì 2 novembre 2015 19:36:21

di Giuseppe Liuccio

Gaio Clinio Mecenate fu uomo di grande potere e di profonda cultura. Ed è passato alla storia come autorevole ed influente consigliere di Ottaviano Augusto, ma anche e, forse, sopratutto come munifico protettore di artisti e poeti, Virgilio, Orazio e Properzio, tra gli altri. Ed è diventato, così, capostipite e simbolo della faccia colta del potere che da lui ha preso il nome di mecenatismo, appunto.

L'Italia dei Comuni e delle Signorie ne fu uno splendido esempio con i Medici a Firenze, i Gonzaga a Ferrara, i Montefeltro ad Urbino, tanto per citare i più autorevoli e rappresentativi. Ed oggi quelle città vantano ed espongono monumenti che testimoniano lo splendore del passato e ne fanno le fortune turistiche, e non solo, del presente.

L'Italia Meridionale non ha vissuto quella straordinaria stagione e questa è una delle cause dell'assenza di una borghesia del lavoro, dotata di spirito di intraprendenza e con la voglia del rischio di competere sui mercati. Qui da noi il periodo coevo fu caratterizzato dal feudalesimo e dal baronaggio, con rari esempi di governo illuminato e tanti di strapotere all'insegna dell'arroganza e dello sfruttamento rapace con una schiera di cortigiani incolti, quasi sempre, famelici e truffaldini, spesso.

Eppure intorno al Mille ci fu una eccezione, tanto rara quanto straordinaria: La Repubblica Marinara di Amalfi.Dal suo minuscolo porto partirono alla conquista dell'una e l'altra sponda del Mediterraneo schiere di mercanti coraggiosi ed intraprendenti ed animarono traffici e commerci, crearono fondaci ed istituzioni di solidarietà, si proposero come ponte di raccordo tra l'Occidente e l'Oriente, creando un ricco e fecondo meticciato di cultura, all'insegna della reciproca tolleranza. E la città crebbe nello splendore di monumenti, chiese e palazzi gentilizi e fu meta di viaggiatori incantati dal fasto e dalla bellezza come l'arabo Ibn Havqal che già nel 972 la definì "la più prospera cittàdella Longobardia".

Poi vennero i dogi e i duchi, Augustaricchio, i Mansone, i Piccolomini, i cardinali e i diplomatici, i monaci ed i conventi, le famiglie gentilizie e i palazzi storici, i mercanti danarosi, ed il tarì, le crociate ed il dominio sui mari, la resa sul mare e gli investimenti su terra: cartiere, ferriere e tutta la ricca e varia attività della proto industria. E poi i viaggiatori del Grand Tour e la grande pittura, il fascino della storia e del paesaggio e la grande letteratura.

E la città gonfiò di desiderio l'immaginario collettivo nazionale ed internazionale ed esplose il turismo dell'eleganza e del buongusto, della cultura, dell'arte e dei paesaggi di un lembo di paradiso dove c'è una straordinaria reciproca metamorfosi tra acqua e terra, tra mare che carezza gli scogli e qualche volta ingravida le grotte e lambisce le case e le case che sagomano colline e le colline che cercano il cielo con le cupole delle chiese ed il filo di croce dei campanili. Tutto frutto della intraprendenza dei padri, che si lasciarono guidare dal mecenatismo e lavorarono di sicuro per accrescere ricchezza e prestigio personale ma con un occhio attento all'interesse pubblico, esaltando l'etica della responsabilità, nella consapevolezza che una città cresce e conquista spazi di grande visibilità e di conseguente attrazione se si ha cura del bene pubblico prima ancora che del privato.

Ed ancora oggi chiese conventi, palazzi gentilizi e piazze, slarghi silenziosi e vicoli umbratili, ferite ardite nel costrutto compatto delle case in fuga a cercare sole nei giardini ariosi dei limoneti, trasudano storia e testimoniano la memoria antica della città e ne fanno ancora le fortune turistiche. Tutto questo c'è e resiste,. nonostante l'improvvisazione ed il pressapochismo, la vocazione malcelata del guadagno a tutti i costi a scapito,spesso, dell'offerta di qualità.

Molti banalizzano o, addirittura, ignorano storia e passato ed arraffano tutto quello che possono incuranti delle ferite vistose che infliggono al buon nome della loro città, che è stata e resta ancora una città/mondo, una delle cartoline più prestigiose dell'Italia turistica. Ce n'è abbastanza per invertire la tendenza con uno scatto di orgoglio e riappropriandosi del mecenatismo dei padri e facendone uno stile di vita. E' un dovere ineludibile degli aministratori pubblici ma anche e, starei per dire, soprattutto degli imprenditori privati, promuovendo solo e sempre qualità.

Agli amministratori pubblici l'obbligo di tutelare storia, arte, monumenti e tradizioni dei padri conservando gelosamente l'esistente ed esaltandolo con iniziative opportune, senza inseguire l'effimero di manifestazioni/fiere di vanità, ma esponendo con decorosa semplicità il meglio della propria città, che da sola fa spettacolo e che spettacolo!!! Qualche sera fa ho avuto il piacere di incontrare la dottoressa Enza Cobalto, assessore alla cultura del Comune di Amalfi. Nel corso di una cena ho avuto modo di affrontare con lei questi temi e ne ho apprezzato la cultura. la sensibilità, la determinazione a spendere il meglio delle sue risorse fisiche ed intellettuali al servizio della città per consolidarne il ruolo di regina del Turismo sui mercati nazionali ed internazionali. Non la conoscevo.

Ne sono rimasto positivamente impressionato. Il discorso ha toccato anche il punto dolente della ristrettezza delle risorse finanziarie. Ed io mi sono permesso di suggerire all'assessore di chiamare in causa anche gli imprenditori privati e di responsabilizzarli, pubblicamente, ad emulare il mecenatismo dei padri, primo fra tutti Pantaleone Comite, (sue le porte di bronzo del duomo do Amalfi e Ravello), di cui sono eredi, con grande spirito di munificenza verso l'interesse pubblico nella radicata consapevolezza che o insieme si cresce o insieme si perisce. Naturalmente il discorso vale tutti i paesi della costiera (la regione amalfitana, come la definisce l'amico storico, Peppino Gargano), che può contare, tanto per fare uno degli esempi più significativi, sul grande lascito culturale di ben tre diocesi Ravello, Minori e Scala, coordinate da un arcidiocesi (Amalfi). Ritornerò sul tema, che merita un discorso a parte e molto più approfondito Per intanto buon lavoro e buona fortuna alla Costa nel suo insieme e ad ogni singolo abitante di questo straordinario lembo di paradiso.

liucciogiuseppe@gmail.com

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Gambling online: cos'è e come approcciarlo in modo protetto

Le piattaforme dedicate ai giochi di fortuna online, ovvero alla versione virtuale dei grandi classici da casinò come roulette, slot machine, poker e blackjack, vedono crescere in maniera ininterrotta il flusso di utenti che si collega ogni giorno, alla ricerca di qualche semplice momento di svago e,...

Climatizzazione: l'inverter che ti cambia l'estate

(MESSAGGIO PROMOZIONALE) Gli interventi di ordinaria manutenzione degli impianti termici domestici sono previsti per legge. Al di là della mera scadenza burocratica, bisogna prendersi cura dei propri impianti per assicurarne la massima efficienza. I condizionatori inverter permettono di ottimizzare i...

Operazione riuscita per Vincenzo. La madre: «Continuate a pregare»

È riuscito, all'Ospedale di Salerno, il delicato intervento chirurgico in Ortopedia a cui questa mattina è stato sottoposto Vincenzo, il 17enne di Ravello vittima, mercoledì scorso, del grave incidente di Amalfi. L'operazione è durata circa sei ore e ha interessato soltanto la parte ortopedica. Dopo...

Dai Mondiali di Russia ai colpi di mercato per un’intensa estate calcistica

La finale tra Francia e Croazia del 15 luglio ha decretato la fine della Coppa del Mondo 2018, con la vittoria dei transalpini. Questa edizione del Mondiale in Russia è stato il trionfo del calcio europeo e la consacrazione di nuove realtà come quella del Belgio di Martinez, a cui forse sta anche stretto...

Sito della Regina Giovanna a Sorrento: quasi 15mila visitatori in due settimane

Sono 14.897 i visitatori che, dal primo al 15 luglio, si sono recati presso il sito della Regina Giovanna. Questi i dati forniti dal servizio di hostess attivo da fine giugno presso il sito naturalistico ed archeologico del Capo di Sorrento, e che proseguirà fino a settembre. L'iniziativa, promossa dall'assessorato...