Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Callisto I papa

Date rapide

Oggi: 14 ottobre

Ieri: 13 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Festa della Castagna a Scala in Costiera Amalfitana nei week end del 12 e 13 ottobre e del 19 e 20 ottobre

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàAeroporto Salerno-Costa d'Amalfi, storia di un decollo mai avvenuto

Pellet a euro 4,50 fino al 31 ottobre 2019Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Attualità

Aeroporto Salerno-Costa d'Amalfi, storia di un decollo mai avvenuto

Scritto da (Redazione), domenica 17 giugno 2018 10:20:40

Ultimo aggiornamento domenica 17 giugno 2018 10:20:40

Dopo molti anni di dibattiti, di contrasti, di investimenti miliardari (in lire) e milionari (in euro), per complessivi 23milioni di euro circa (s.e.), di contenziosi, di accuse e di perdite di Bilancio, l'aeroporto dovrà (ri)partire da zero.

Per la (ri)partenza, sono state indicate due condizioni: a) la gestione alla Gesac di Napoli, che dovrà dirottare parte del traffico di quella aerostazione, b) la pista da allungare dai 1650 metri attuali ai 2000 e, poi, ai 2200, per consentire l'atterraggio degli aerei di grandi dimensioni.

Per la prima condizione, il 15/01/2018, il CdA di Gesac ha dato mandato all'amministratore unico di "provare tutte le strade per portare a casa il risultato della fusione" (cit.). La parte amministrativa dovrebbe essere conclusa entro il 2018 proprio con la fusione societaria, mentre quella organizzativa e operativa dovrebbe chiudersi nel giro di almeno due-tre anni.

Il 04/04/2018 è stato poi firmato il protocollo d'intesa tra Regione, Gesac e Società Aeroporto per la predisposizione del Piano Industriale preliminare agli interventi di adeguamento e di ampliamento dello scalo. La spesa per gli investimenti è stata indicata in 120 milioni di euro a carico della parte pubblica, di cui 40 dallo Sblocca Italia e 80 da altre fonti, e 122 a carico della Gesac (fonte "GeT"). Il tutto per consentire all'Aeroporto di gestire dal 2022 al 2034 fino a3,5 milioni di passeggeri per arrivare a 5,5 entro il 2043 (!).

Per la seconda condizione, l'allungamento della pista a 2,2 chilometri, che dovrebbe partire entro il 2018 pena la perdita dei finanziamenti pubblici (s.e.), richiederà almeno un anno e mezzo di lavori dopo le procedure di esproprio di circa 50 ettari di terreno fertile, con produzioni della cosiddetta IV gamma e abitazioni rurali, che sembra sia diviso tra circa 90 proprietari. Solo per notizia, riferiamo che già risultano inoltrati i primi ricorsi al Tar anche con riferimento ai danni sulla salute pubblica.

Intanto, nell'Ottobre 2017 il Ministero delI'Ambiente ha approvato la VIA predisposta dall'ENAC. La procedura si è conclusa con la prescrizione di quattro monitoraggi: la qualità dell'aria, l'inquinamento acustico, la presenza di fauna a rischio, la verifica puntuale della progressione dei lavori. Una VIA condizionata, quindi, perché l'area dello scalo è sotto tutela paesistica e, in parte, archeologica.

Fatte le premesse, con salvezza di ogni possibile errore, osserviamo che oggi lo scalo funziona praticamente "a richiesta" e gli unici voli sono sostanzialmente quelli privati e di qualche aereo dell'aviazione generale. Ovviamente, nonostante i numeri ridottissimi, debbono essere assicurati i servizi di assistenza e sostenuti i relativi oneri che, da quanto appreso giorni addietro, hanno causato negli ultimi tre esercizi un passivo di 4,845milioni di euro da ripianare, crediamo, prima della fusione con Gesac (fonte "Il denaro").

Noi non riteniamo di poterci avventurare nella discussione dei "numeri futuri" dello scalo, anche perché siamo convinti che i business plan sono semplici costruzioni algoritmiche. Basti pensare alle favorevoli analisi della Bocconi di Milano per l'aeroporto di Foggia, oggi praticamente inattivo.

Non ci sfuggono, però, i numeri storici: lo scalo, pur dopo i dati ufficiali 2011 dell'ENAC che denunciava circa 25.000 passeggeri in transito con gli aerei "regional" di Alitalia e Air Dolomiti e la pista corta, ha registrato un successivo andamento "in picchiata" per l'abbandono da parte delle compagnie aeree a causa dell'insufficiente redditività delle linee.

Al punto che, negli ultimi anni di attività, non si è riusciti a riempire neppure un bimotore da 40 posti. Qualcuno, poi, ricorderà di un volo per Catania con un solo passeggero a bordo!

Cioè, non è stata la deficienza strutturale a causare il deludente andamento dello scalo ma la incapacità del territorio di assicurarne un funzionamento economicamente proficuo.

Ora spetta alla Gesac dimostrare il contrario. E metterci i soldi. Intanto, però, nulla si sa del previsto trasferimento dei primi aerei già con il corrente mese di Giugno (fonte "Il Mattino").

Per i voli in partenza, abbiamo letto che i viaggi per turismo coprirebbero circa il 90% sia con linee dirette, verso le destinazioni prescelte, che indirette, con trasbordo presso altri scali.

E che anche per gli arrivi sarebbero prevalenti i viaggi per turismo. Su questo, concordiamo in pieno, a meno del lunedì e venerdì per il pendolarismo dei nostri giovani. Purtroppo.

Secondo gli studi, in entrata lo scalo sarebbe utilizzato dal turismo interessato alla Costiera Amalfitana dato che si arriverebbe a destinazione in meno dei 30/40 minuti, o anche più, previsti da Napoli.

Noi, che conosciamo i luoghi, esprimiamo qualche perplessità. Perché, mancando la rampa di accesso dalla strada "Aversana" alla tangenziale, gli autobus dovranno fare il "giro largo" per l'autostrada SA-RC fino ad incastrarsi tra i camion e i container del viadotto Gatto. Né potranno percorrere lo stretto tunnel alla fine dell'Aversana sotto la tangenziale, budello sporco, orrendo, degradato, devastato, immondo, che farebbe vergognare un paese del quinto mondo (se esistesse).

C'è, però, anche la Costa sud. Già. Proviamo ad immaginare di percorrere l'Aversana: come si può pensare che quella strada, che porta a perdersi nei campi, possa essere la via di transito per flussi turistici di qualità? Abbiamo 40 km di spiagge dove - per "fare turismo"(!) - qualcuno ritenne di realizzare la "pista ciclabile più lunga d'Italia", costata, pare, oltre 12miliardi di lire, sulla quale non si passa nemmeno con il triciclo. Una pista che parte dal nulla, a Magazzeno, e finisce nel nulla, a foce Sele, abbandonata ai rovi e alle sterpaglie, deturpata, vandalizzata, incendiata, sede di bivacchi e luogo di prostituzione.

Eppure quell'area potrebbe essere un volano per l'aeroporto.

Perché, con i tanti scali oggi presenti, non è più un aeroporto a fare da volano rispetto al territorio, ma esattamente il contrario.

Basterebbe superare egoismi e localismi e dare vita ad un unico, ambizioso, progetto di ridisegno della fascia costiera con la realizzazione di insediamenti residenziali, alberghieri, turistici, sportivi, aree verdi, parchi a tema e parchi archeologici. E' stato fatto in Emilia Romagna. Siamo inferiori? Eppure si muoverebbero ingentissimi capitali, si darebbe lavoro alle imprese per almeno quindici anni e si trasformerebbe l'intero litorale in fonte certa di occupazione e reddito per le giovani generazioni.

Diceva un vecchio saggio, "per antico pelo": non si può comprare lo "scuriazzo" (frustino per i cavalli) prima della carrozza.

E lo "scuriazzo" ci costerà fino a 240 milioni. Per far ripartire, forse per il 2043, il nostro scalo.

Chiediamo, da sempliciotti: ma, con quei soldi, non sarebbe meglio far crescere prima il territorio e le imprese e creare lavoro per i tanti giovani disoccupati? Fra 10/20 anni, non ci saranno più.

Intanto, facciamo funzionare bene lo scalo che c'è. E' stato fatto in passato, pur con la pista corta.

I nostri giovani hanno bisogno di amore.

e.mail: associazione.iosalerno@gmail.com

pagina fb: Associazione io Salerno

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Traffico in Costiera: il problema non è in risoluzione. Anzi

di Sigismondo Nastri Un incontro, a Maiori, nella sala congressi dell'Hotel Pietra di Luna, promosso dagli operatori del settore turistico, sul piede di guerra per le conseguenze negative che avrà - ne sono certi - sulla loro attività, e in generale sulla economia di Maiori e Minori, che ha il suo perno...

Ravello, al via potatura dei pini di Piazza Vescovado

Sono in corso da questa mattina a Ravello le operazioni di potatura dei pini marittimi di Piazza Vescovado. "Il Germoglio" di Luigi Di Lieto, ditta incaricata della cura del verde pubblico nel Comune di Ravello, sta provvedendo, mediante l'ausilio di un mezzo con braccio meccanico, al taglio di rami...

Connectivia cambia sede e continua ad estendere la sua rete in fibra

Connectivia, il provider che ha connesso in radio e fibra la Costiera Amalfitana e l'agro nocerino sarnese, continua a crescere e trova una nuova casa mettendo al centro il benessere dei propri dipendenti e collaboratori. "Non si può pensare un'architettura senza pensare alle persone", recita una massima...

Rischio idrogeologico: sulla Ravello-Tramonti grandi lavori quasi ultimati, bomba d'acqua buon banco di prova

Sono in fase di completamento i lavori di bonifica e messa in sicurezza del fronte montano della Strada Provinciale 1 Ravello-Tramonti sottoposta a continuo a rischio frane, il cui adiacente tratto stradale è ufficialmente chiuso al traffico da sette anni. E la bomba d'acqua abbattutasi sulla Costa Amalfitana...

Costiera Amalfitana, al via la rivoluzione ambientale: 7 ottobre consegna delle borracce in tritan agli studenti

Ha inizio la grande rivoluzione ambientale in Costiera Amalfitana. Ben 5mila borracce in tritan per gli studenti delle scuole primarie e 20 erogatori dell'acqua del sindaco. E poi colonnine per auto elettriche in ogni paese della costa. E' quanto si appresta a fornire la Rete per lo Sviluppo Sostenibile...