Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Matteo apostolo

Date rapide

Oggi: 21 settembre

Ieri: 20 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaTerra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAnnunciGiorno del Ricordo: Ravello rende omaggio a Pasquale Mansi

Sulle Onde del Mediterraneo - Amalfi - Piazza Municipio - Capodanno Bizantino - Valentina Stella 27 settembreLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pelletRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Annunci

Giorno del Ricordo: Ravello rende omaggio a Pasquale Mansi

Scritto da (Redazione), mercoledì 5 febbraio 2014 17:54:11

Ultimo aggiornamento domenica 9 febbraio 2014 14:31:05

Ravello celebra il Giorno del Ricordo in onore del suo figlio illuste, musicista e direttore d'orchestra, Pasquale Mansi.

Non è un caso che per ricordare il maestro Pasquale Mansi l'Amministrazione comunale guidata da Paolo Vuilleumier abbia scelto il 10 febbraio, giorno in cui si ricorda l'eccidio delle Foibe e il triste esodo dalmata-giuliano mai studiato dai libri di storia.

Il maestro Mansi, classe 1903, si trasferì a Zara per dirigere la banda delle truppe di stanza in Dalmazia, fino al fatidico 8 settembre 1943, quando fu costretto a lasciare il capoluogo dalmata per trasferirsi a Trieste. Qui diede vita alla banda del corpo della polizia civile, composta da oltre cento elementi, facendo eseguire in più occasioni anche rapsodie di celebri canzoni napoletane, omaggio alle sue origini campane.

Lunedì 10 febbraio si comincerà alle 15,45 con lìintitolazione dei giardini comunali di via San Francesco al maestro Mansi.

Alle 18,00 concerto all'Auditorium Oscar Niemeyer a cura degli allievi dell'Istituto Scolastico Comprensivo Ravello - Scala che reinterpreteranno musiche di Pasquale Mansi e Mario Schiavo.

Seguirà, alle 19.00, la proiezione del film "Il Cuore nel Pozzo".

NOTE BIOGRAFICHE

Pasquale Mansi nacque a Ravello il 12 aprile 1903. La famiglia - modesta - si sobbarcò a sacrifici per mantenerlo agli studi musicali in Salerno e Napoli.

Giovane si diplomò in violino presso il Conservatorio San Pietro a Maiella di Napoli e. successivamente, in direzione, composizione e strumentazione per banda.

Nei primi anni '30 conseguì l'abilitazione all'insegnamento della musica e del canto corale nelle scuole statali di istruzione secondaria ed insegnò negli istituti magistrali di Catania ed Acireale. In quest'ultimo comune fu anche direttore della banda municipale che diresse con grande maestria, riscuotendo popolarità ed unanimi consensi.

Vincitore del concorso per Maestro direttore della Banda presidiaria delle truppe di stanza in Dalmazia, a Zara, si trasferì ivi, prima dello scoppio del 2° conflitto mondiale, assolvendovi egregiamente l'incarico sino al fatidico 8 settembre 1943.

Perduto ogni avere nei bombardamenti del novembre-dicembre di quell'anno, esodò dal capoluogo dalmata con la moglie - oramai segnata da un male incurabile- e con il figlio appena decenne e, raggiungendo in circostanze drammatiche la città di Trieste, vi si stabilì definitivamente.

Lì ebbe modo di tornare all'attività musicale soltanto al termine della guerra, allorché il Governo Militare Alleato, venuto a conoscenza del suo non comune talento direttoriale, gli conferì per chiamata diretta - e preferendolo a molti altri aspiranti - l'incarico di creare in seno al neocostituito Corpo della Polizia Civile della zona anglo-americana del Territorio Libero di Trieste, una sezione "banda" e di assumerne la direzione. Ottenuto dal Ministero della Difesa il distacco presso la nuova Amministrazione, il Maestro si dedicò con straordinario entusiasmo all'opera affidatagli, e, costituito un complesso molto valido con il selezionato apporto di esperti professionisti, si impose, in breve, all'attenzione del pubblico che, sempre più numeroso, lo applaudì, non solo nelle piazze, ma anche nelle sale di audizione ed in particolare nell'Auditorium di Via del Teatro Romano, che divenne abituale ritrovo dei suoi affezionati estimatori.

La banda, arricchitasi di qualificati elementi, superò nei periodi più fortunati le cento unità e i crescenti successi la portarono ad esibirsi anche in località oltre confine, nonché negli studi di Radio Trieste che le riservò, tra i suoi programmi, uno spazio settimanale. Fu anche eseguita l'incisione di dischi, divenuti purtroppo rari e pressoché introvabili.

Il Maestro Mansi divenne una figura popolare non soltanto per le indiscusse capacità di direttore, ma anche per la raffinatezza del suo repertorio.

Egli, infatti, rivolgendosi ad un pubblico esigente, pur senza abbandonare il tradizionale melodramma, privilegiò la musica sinfonica, sfruttando, a tal fine, fino in fondo, le possibilità tecniche del complesso da lui diretto, cui fece eseguire, in speciali strumentazioni, da se stesso curate, materiale fino ad allora considerato appannaggio esclusivo delle orchestre d'archi.

Inoltre sperimentò con successo nuovi effetti musicali, inserendo nel contesto bandistico strumenti a corda e ad arco.

Egli fu amato dal pubblico triestino anche per il suo patriottismo. Infatti, incurante del malcelato disappunto degli alleati e degli elementi filo-slavi od indipendentisti, introdusse quasi sistematicamente, nei programmi della Banda, brani musicali costituenti eloquenti messaggi di italianità.

Inoltre, mai dimentico delle sue origini campane, si accattivò la simpatia della gente, facendo eseguire gustose e vivaci rapsodie di celebri canzoni napoletane.

La fine della prestigiosa attività della banda coincise con la restituzione di Trieste alla madrepatria: l'unica sezione della polizia civile ad essere "inopinatamente" colpita dallo scioglimento fu, infatti, la "sezione musica".

Il Maestro Mansi, profondamente amareggiato dall'impopolare provvedimento, depose per sempre la bacchetta direttoriale e rientrò nei ranghi dell'amministrazione di provenienza.

In riconoscimento dell'attività svolta gli fu concessa l'onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana.

Nel 1951 lasciò l'amministrazione della Difesa per passare a quella della Pubblica Istruzione.

Aggravato dagli anni e da un'inguaribile malattia di cuore, riprese l'insegnamento della musica nella Scuola Media, circondato dalla stima degli altri professori e dall'affetto degli allievi, molti dei quali lo ricordano ancora come un docente capace, umano e dal temperamento amabile.

Contemporaneamente si dedicò alla formazione di giovani strumentisti che si rivolgevano a lui privatamente.

Notevole è anche il contributo dato al Comune di Trieste ne settore dell'educazione ed istruzione per la gioventù.

Si spense il 4 giugno 1981 lasciando un'abbondante messe di manoscritti musicali costituita, oltre che da speciali elaborazioni e strumentazioni, anche da molte composizioni, non solo per banda, ma anche per piccoli complessi da camera e per solo piano.

Non numerose le pubblicazioni.

Fra quelle discografiche si segnalano le seguenti (più volte trasmesse da emittenti RAI):

Messaggerie Musicali:

- Notturno (eseguito al piano da Arnaldo Graziosi)

- Barcarola (trascrizione per quartetto d'archi di Ennio Morricone)

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Annunci

Enel, 24 settembre interruzione fornitura elettrica a Scala

L'Enel comunica che lunedì 24 settembre, dalle 9:30 alle 16:30, verrà interrotta la fornitura di energia elettrica in alcune zone del Comune di Scala per lavori di manutenzione degli impianti (strade e numeri civici sono riportati nell'immagine di seguito). Durante lo svolgimento dei lavori potrebbe...

Ravello, Rifiuti: da Comune stop al conferimento del vetro

Attraverso uno scarno avviso affidato alla propria pagina Facebook, il Comune di Ravello comunica che «a causa del protrarsi della fase di blocco degli impianti di destino della frazione vetro e della fase di saturazione riscontrata presso il sito di stoccaggio, la raccolta della suddetta tipologia di...

Ravello, riaperto passaggio pedonale a Via Della Marra. Montate impalcature [FOTO]

Riaperto a Ravello il passaggio pedonale d'accesso a Vescovado, chiuso giovedì scorso per ragioni di sicurezza in seguito al distacco di alcune pietre dalle pareti dei ruderi dell'antico Palazzo della Marra. A garanzia della pubblica incolumità è stata montata una struttura in pali di ferro coperta da...

Valico di Chiunzi, bonifica costone non ancora conclusa. Lunedì ripresa dei lavori

Si è conclusa oggi la prima estenuante settimana di lavoro per i rocciatori dell'impresa "Cardine" di Salerno, impegnati nelle operazioni di bonifica e messa in sicurezza del fronte roccioso della strada Provinciale al Valico di Chiunzi. Se per gli automobilisti, pendolari e turisti, la settimana è stata...

Faro di Capo d’Orso a Maiori ospiterà una casa ecosostenibile del WWF

Per i prossimi venticinque anni il Faro di Capo d'Orso a Maiori ospiterà una casa del WWF per praticare whalewatching e birdwatching, dove accostarsi alle pratiche della ecosostenibilità e acquisire la cultura della difesa dell'ambiente. Il progetto di sviluppo del turismo ambientale verrà avviato dalla...