Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 36 minuti fa S. Beatrice vergine

Date rapide

Oggi: 18 gennaio

Ieri: 17 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: RubrichePersonaggiFabio Mancini, il modello di Giorgio Armani innamorato della Costiera Amalfitana si racconta

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Personaggi

Fabio Mancini, il modello di Giorgio Armani innamorato della Costiera Amalfitana si racconta

Scritto da (Redazione), domenica 12 agosto 2018 12:17:11

Ultimo aggiornamento domenica 12 agosto 2018 14:15:12

di Miriam Bella

È bello.

Questa è la prima, banalissima qualità che si nota di Fabio Mancini, trentuno anni e riesce addirittura a dimostrarne meno, uno dei modelli italiani di maggior successo internazionale.

Fabio, che da quando di anni ne ha ventidue, ha legato la propria immagine a Giorgio Armani, diventando l'icona di quello che l'Italia vanta fra i suoi più celebri stilisti al mondo ed entrando così nell'Olimpo dei modelli destinati a lasciare il segno.

Ciò detto, non viene difficile comprendere il motivo per cui Fabio non passi certo inosservato per le strade di Maiori, la cittadina Costiera in cui ha scelto di trascorrere qualche giorno di relax, dove concede a chiunque glielo chieda una foto e un sorriso.

Devo confessarlo: fa strano vederlo sorridere, abituati al suo volto d'ordinanza su social, poster e gigantografie, sempre e comunque accigliato.

Quel sorriso, invece, sorprende e al contempo trasporta di colpo Fabio giù da qualsivoglia passerella o piedistallo, facendocelo vedere per quello che è: un ragazzo normale, notevole senza dubbio, scultoreo, affascinante, ma normale.

Ed è una persona normale quella che si presenta all'appuntamento con le mie domande, con la voglia di raccontarsi e raccontare il suo mondo, senza però cadere nella trappola di chi si prende troppo sul serio.

Un uomo che non ha paura di uscire dal ruolo pubblico del tipo irraggiungibile e stereotipato che non deve chiedere mai, per entrare nei panni di quello della porta accanto - si, okay, avete ragione, paragonare Fabio al prototipo del vicino di casa forse è un tantino esagerato, ma è per rendere l'idea -, un individuo ricco della propria unicità e di una spiccata autoironia, prerogativa degli intelligenti. Un essere umano con la testa a un metro e ottantotto centimetri dal suolo e i piedi ben saldi per terra.

Fabio, il registratore è acceso, rompiamo il ghiaccio. Non è la prima volta che ti si vede a Maiori. Qual è l'angolo di Costa che preferisci?

La Costiera Amalfitana è splendida, ma se dovessi scegliere un luogo fra tutti, direi senza dubbio lo scorcio con la Torre Normanna di Maiori. Oltre ad essere un angolo bellissimo, mi affascina la storia che c'è dietro.

Per entrare ancora più in confidenza, ti va di svelarci un altro tuo posto del cuore?

I posti a cui sono particolarmente legato, in realtà sono due. Uno si trova in Campania ed è Acerno, in provincia di Salerno, nei Monti Picentini: lì ci sono i ricordi più cari della mia infanzia. L'altro è Castellaneta, in Puglia, città natale del celebre attore hollywoodiano Rodolfo Valentino e di mio padre.

Volendo collegarci al tuo mondo, quello della Moda, quanto credi che la bellezza di un territorio, appunto, possa influenzarla?

Tantissimo. Giorgio Armani con Pantelleria, D&G con la Sicilia e le sue tradizioni, Vivienne Westwood con Londra, solo per citare i primi che mi vengono in mente, ciascuno ha un luogo a cui è legato dall'infanzia, ciascuno ha un humus in cui cresce, che lo contamina. Restando su noi italiani, Gianni Versace è stato influenzato dalle sue origini calabresi.

Fai questo lavoro da dieci anni: come credi si sia evoluto il mondo della moda e in che direzione credi stia andando?

In realtà la moda è ciclica. Una collezione nuova esplode in un dato momento, viene dimenticata per un periodo anche lungo, anche quattro, cinque anni, per poi tornare in gioco in quelli successivi, attraverso la ripresa di piccoli dettagli. È come il ciclo della vita.

Volendo approfondire un po', ci sono brand come Armani che ha scelto di mantenere nel tempo uno stile pressoché invariato, andando a modificare di volta in volta solo dei particolari, e altri come D&G o Vivienne Westwood, famosi per proporre qualcosa di nuovo ogni anno. Dipende prevalentemente dalle linee guida del designer.

 

Da diciotto stagioni sei sulle passerelle di Giorgio Armani. Quando parli di lui si percepiscono un rispetto e una gratitudine che si fa fatica a trovare nella società moderna, in cui si tende a dare tutto per scontato. Ti va di parlarci del rapporto con lui?

Premetto una cosa: se vedessi un ragazzo lavorare da dieci anni con Armani, sarei il primo a chiedermi cosa ha fatto per arrivare fino a lì.

Ecco, lui da quando mi ha scoperto, quasi per caso, mi ha sempre rispettato. Ci legano stima reciproca e professionalità; se lui mi chiama a lavorare alle nove, io sono lì con almeno quindici minuti di anticipo.

Essere italiano, probabilmente anche questo mi ha aiutato. Forse ha trovato in me qualcosa che stava cercando. Lui è del segno del cancro (Fabio ha una passione per i segni zodiacali), come tale tende ad affezionarsi molto e, quando scopre qualcosa di positivo in qualcuno, diventa una sorta di padre. Tant'è che per molto tempo ho lavorato solo con lui, nonostante le tante richieste da parte di altri, e non perché fossi obbligato, ma per un discorso di lealtà. Per me sarebbe stato come girargli le spalle dopo tutto ciò che aveva fatto per me. Questo che sto dicendo a te lo racconto sempre, sai, perché è giusto che si sappia che persona è il signor Armani.

Hai cominciato questo lavoro quasi per caso, ma c'è qualche consiglio che ti senti di dare a coloro che sognano la tua carriera?

Non scendere mai a compromessi: questo è fondamentale. Perché il mondo è piccolo, le cose si vengono a sapere e i compromessi ti tagliano le gambe. Magari, in un primo momento riesci anche ad ottenere quello che desideri, ma è bene chiarire che si tratta solo di un successo apparente.

La cosa più difficile non è arrivare, ma rimanere.

Un altro aspetto importante per me è restare coi piedi per terra, anche e soprattutto nel momento in cui riesci a rivestire posizioni di rilievo.

La bellezza non è tutto nella vita, è la parte umana che fa la differenza. Umanità, carisma, queste sono le cose che rimangono alle persone. Purtroppo, però, viviamo in una società superficiale e siamo tutti attratti dalla bellezza. Fin qui niente di male, in fondo è molto semplice vedere quello che appare, ma è triste pensare che la gente non ha più voglia di conoscere la storia di un individuo, il suo vissuto.

In qualche modo ci si accontenta delle fronde, dimenticando l'importanza delle radici. Forse è per questo che io amo il Sud, dove sento le mie (radici n.d.r.). Perché facendo un lavoro dove spesso i rapporti che instauri sono superficiali, ho il bisogno di relazioni che siano autentiche, di quel calore che è tipico di questa parte dell'Italia.

 

Mestiere invidiatissimo il tuo ma, si sa, non è tutto oro quel che luccica. Quali e quanti sacrifici costa il tuo lavoro? C'è un'altra faccia della medaglia, un motivo per cui sconsiglieresti a un ragazzo di intraprendere la tua carriera?

La cosa più importante da considerare è che questo lavoro ti impone un ritmo che non ti permette di vivere normalmente le cose, come il rapporto con la persona che ami, perché devi avere sempre la valigia pronta. Una situazione tipo: io adesso sono in vacanza qui, mi arriva una chiamata da New York che non posso rifiutare, prendo, saluto tutti e vado. Avere accanto una persona disposta a capire tutto ciò è difficile.

Insomma, fai fatica ad avere una vita equilibrata, soprattutto quando sei agli inizi. Un giorno stai a mille e il giorno dopo zero. Dal punto di vista psicologico è complesso da gestire. Per farlo ho imparato a trovare dentro di me l'equilibrio necessario, diversamente mi avrebbe distrutto.

E non stiamo considerando l'aspetto economico. Un ragazzo esordiente deve corrispondere la metà di ciò che guadagna per un servizio fotografico all'agenzia che gliel'ha procurato, poi, man mano che si afferma ovviamente questa percentuale diminuisce. Ma affermarsi non è semplice.

Tu fai la prima, la seconda sfilata e ti senti un dio, poi vai a farti i conti in tasca e ti accorgi che non ci paghi le bollette. Oltre all'equilibrio mentale, è chiaro, serve anche quello fisico, che è un argomento più articolato di quel che sembra. Molti credono che serva essere allenati, grossi, tipo i tronisti per intenderci, che non fanno nulla di male, per carità, ma non hanno il fisico adatto a sfilare.

I tronisti, hai detto: che rapporto ha Fabio Mancini con la televisione?

Adoro Geo&Geo, lo considero un vero e proprio contenitore di cultura, starei ore a guardarlo. E Superquark, Superquark mi fa impazzire!

Per il resto, mi sento molto distante dal modo in cui, in generale, è impostata la televisione italiana oggi. Perciò, fra le tantissime proposte ricevute in questi dieci anni, ho concesso soltanto due interviste (in Rai), a patto che non si parlasse di gossip.

C'è stata in questi anni un'avance che ti ha particolarmente infastidito? Di contro, invece, il complimento più bello che hai ricevuto?

Il complimento più bello l'ho ricevuto da mio nonno, quando sono stato a trovarlo pochi giorni fa.

Sai, mio nonno, è lui che mi ha sempre detto di non fermarmi alle apparenze. Lui che mi ha insegnato ad amare le donne, ad apprezzarne la bellezza andando al di là della superficie, e me lo ha insegnato raccontandomi il modo in cui lui ha amato mia nonna.

Il fatto che io ami le donne così tanto credo venga proprio da lui. E il complimento, sì, il complimento, è che mi ha detto che sono diventato un uomo: per me questo, detto da mio nonno, è quanto di più gratificante io possa ascoltare.

Passando invece alle avance o alle molestie, ti dirò, non credo di averne mai ricevute.

Certo, bisogna essere onesti, il mio ambiente di lavoro non è esente da rischi. La possibilità di essere invitati a cena con secondi fini c'è, ma io ho la fortuna di avere un manager, Max Festari, con cui ho un rapporto quasi filiale e un dialogo costante. Lui è nel mondo della Moda da trent'anni ed è in grado di evitarmi a priori situazioni incresciose.

Fabio, per concludere, mi piacerebbe che tu ci raccontassi di te, al di là del tuo lavoro e del bell'imbronciato che vediamo sui poster. Chi sei veramente? Che cosa per te è essenziale?

Per me è essenziale la consapevolezza di essere tutti sullo stesso piano. Un grande fotografo, una giornalista importante, un bambino, un anziano, un senzatetto, io non mi sono mai sentito superiore a nessuno.

C'è chi lavora trenta giorni al mese per meno di ottocento euro, beh, è capitato anche a me, per questo ne ho un rispetto estremo e non mi sento migliore di lui. Non mi sento migliore di nessuno. Anzi, io sono uno che è pieno, pieno di difetti, anche fisici.

 

Non so voi, ma per il momento io faccio fatica crederci, riservandomi però di approfondire l'argomento in una prossima intervista.

Il registratore è spento e stiamo per andare, quando Fabio ci tiene a dirmi un'ultima cosa, regalandomi una notizia in anteprima assoluta.

Il 29 di questo mese sarà sul Red Carpet per la Mostra del Cinema di Venezia, in un abito confezionato esclusivamente per lui da Giorgio Armani, che a questo punto tutti aspettiamo di vedere.

Peccato solo non aver registrato l'emozione della sua voce mentre me lo diceva.

È bello, Fabio, più dentro che fuori.

Credit picture: Anna Socci

 

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Personaggi

Scontri a Washington, Nuschese: «L’America è lacerata, democrazia umiliata»

di Emiliano Amato «Sono convinto che la nazione stia attraversando una delle più gravi crisi istituzionali e sociali della sua storia repubblicana. L'America è lacerata profondamente divisa in due. Conosco questo popolo oramai da quarant'anni e mai mi era capitato di scorgere una polarizzazione così...

Anche Ravello dice addio a Franco Ramella, lo storico che ha indagato i movimenti delle popolazioni e la vita operaia

Anche a Ravello si piange la scomparsa di Franco Ramella, tra i più innovativi storici contemporaneisti italiani ed europei. Nato a Biella nel 1939, era legatissimo alla città della musica dove trascorreva le vacanze estive nell'abitazione di Via Casa Pisani, ammirando il meraviglioso paesaggio sulla...

Ecco il backstage di "Golden", il videoclip di Harry Styles girato in Costa d'Amalfi [FOTO-VIDEO]

L'ex one Direction Harry Styles ha pubblicato su YouTube il backstage di "Golden", il suo ultimo videoclip girato in Costiera Amalfitana lo scorso settembre. Il video, dalla durata di circa tre minuti, ripercorre la lavorazione di "Golden", dalle riprese sulla Statale 163, una delle strade costiere più...

Quelle escursioni in barca nel mare della Costa d'Amalfi: Gagliano ricorda le sortite di Maradona a Praiano [FOTO]

Durante l'eèppea del grande Napoli, nella seconda metà degli anni Ottanta, Diego Armando Maradona non perdeva occasione per rifugiarsi nei luoghi più suggestivi della Campania. Per sfuggire alle pressioni della società e dei tifosi e godersi momenti di assoluto relax, il Pibe de Oro scelse più volte...

Ecco "Golden", il videoclip di Harry Styles girato in Costiera Amalfitana [FOTO-VIDEO]

A più di un mese di distanza dalle riprese in Costiera Amalfitana, l'ex One Direction Harry Styles ha finalmente pubblicato "Golden", ultimo singolo estratto dal suo secondo album "Fine Line". Il videoclip, diretto da Ben e Gabe Turner, è stata girato alla fine dello scorso settembre nella Divina, più...