Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 minuti fa S. Maria di Cleofa

Date rapide

Oggi: 9 aprile

Ieri: 8 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, pitture e porte per interni, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOS, BOEROLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: RubrichePersonaggiAmalfi, si è spento il professore Mangieri: una vita "libera", tra fortuna e sregolatezza

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Insieme a Voi - la Colomba di Sal De Riso è buona e sa di buono. Aiuta gli ospedali della Campania acquistando le colombe pasquali di Sal De Riso

Personaggi

Amalfi, si è spento il professore Mangieri: una vita "libera", tra fortuna e sregolatezza

Scritto da (Redazione), domenica 11 dicembre 2016 19:54:00

Ultimo aggiornamento giovedì 16 maggio 2019 09:50:50

di Emiliano Amato

Ho appreso solo stasera della morte del professor Pasquale Mangieri. Una notizia che davvero mi disarma in questa anonima domenica.

Persona colta e critica al tempo stesso, il "prof", a settant'anni suonati, nell'ultimo decennio ha dovuto fare più volte i conti con i suoi problemi di salute che alla fine lo hanno vinto tra una trasferta e l'altra in ospedale. Il decesso a causa di una polmonite trascurata. Domani, alle 11, i funerali nel Duomo di Amalfi.

Una vita di eccessi la sua, vissuta sempre al limite, che raccontarla farebbe la gioia - oltre che il successo - del più ambizioso dei registi o degli scrittori di talento.

Classe 1946 (era nato il 1° di gennaio) aveva frequentato il Liceo Classico "Matteo Camera" per diventarne docente di Italiano e Latino, a soli 22 anni quale vincitore di cattedra. Era il 1968, con i moti studenteschi destinati a cambiare quella società che egli stesso definì "classista". Ma il giovane Pasquale, ragazzo da sempre brillante, seppe affermarsi con le proprie forze, attraverso lo studio e l'amore per la cultura.

«Studiavo usando i libri della professoressa Carlucci sono emerso grazie alla volontà di conoscere» diceva, come:«Ai miei alunni ho insegnato la libertà che viene dalla cultura».

Era un giovane prestante Pasquale Mangieri, attraente, dal fascino latino. Uno che non passava inosservato e che godeva dei piaceri della vita.

La sua una storia che val la pena raccontare.

D'estate, il giovane professore si concedeva i suoi momenti di relax presso la magnifica piscina della scogliera dell'hotel Luna, quasi sul mare. Come un cliente abituale usufruiva di tutti i servizi dell'albergo: giornale quotidiano e drink a bordo piscina, all'ombra della torre angioina. Non perdeva occasione, sfruttando il fascino della cultura, per tentare l'approccio, specie con le belle clienti dell'hotel.

Inglesi, tedesche, americane, non facevano differenza: difficile resistere allo sguardo del giovane professore che con loro trascorreva anche piacevoli serate e nottate amalfitane tra fiumi di Martini ai tavoli dei bar del centro e camere d'hotel. Erano gli inizi degli anni Settanta, sulla Costiera resisteva forte il mito della Dolce Vita e una donna affascinante si innamorò perdutamente di lui. Era un'ereditiera francese.

Una femme fatale: alta, bionda, di circa quarant'anni, sposata e separata (o vedova di un facoltoso petroliere, non ricordo bene), era giunta da sola al Luna e con sé aveva un cane di grossa taglia. Quando, di sera, uscivano insieme (il professore e l'ereditiera, s'intende), l'animale veniva affidato a un parente del prof, con il compito di prendersi cura di lui per un paio d'ore, per 50 mila lire. Una bella mancia per l'epoca!

Al termine della vacanza, nel bel mezzo di quell'estate, quella donna chiese al professore di seguirlo in Francia. Lui accettò di buon grado e partì. Ad accoglierlo, nel suo sfarzoso palazzo immerso nella lussureggiante campagna provenzale, in stile liberty, il maggiordomo che, come in un film, subito lo condusse nella sua nuova camera. Letto a baldacchino e tutti i comfort dell'epoca, nel lusso più sfrenato. Un sarto venne incaricato di prendergli le misure per i suoi nuovi abiti. Un black tie, camicie con colletto rigorosamente alla francese et voilà, il nuovo guardaroba era servito. Vini francesi e cognac di prima qualità, champagne e caviale e tutti i desideri che, per il nuovo compagno della Signora, erano ordini.

Furono, quelli d'agosto, caldi giorni e di grande idillio per Pasquale, uomo che proprio lì scoprì molti dei sui vizi e virtù, e che seppe ben ricambiare tante attenzioni, regalando alla sua amante momenti di passione estrema.

Ma settembre era alle porte e per il giovane professore "saraceno", emerso grazie alle sue uniche forze, era giunto il momento di rientrare ad Amalfi e risalire in cattedra.

La Signora, innamorata, più volte gli chiese di restare: di sicuro lì avrebbe vissuto da nababbo. Ma l'amore per il suo lavoro e soprattutto per la libertà, lo indussero a lasciare quel mondo incantato. Quella donna, ricca e generosa non soltanto per le sue forme, soddisfatta per "i piaceri" ricevuti nonostante le fosse stato spezzato il cuore, volle ringraziarlo a modo suo, offrendogli un cospicuo omaggio: un miliardo di vecchie lire. Danaro contante stipato in due valigie, con il quale Pasquale avrebbe potuto desistere ma anche vivere una vita più che dignitosa.

Ci avrebbe pensato il maggiordomo a condurlo fino ad Amalfi ma lui chiese di passare dalla Svizzera per una giocata al casinò. Non ricordo con precisione quale città elvetica scelse: sta di fatto che impiegò una sola notte il caro professore per perdere l'intera somma. Tutto vero!

Tornò ad Amalfi e riprese a insegnare e godersi la vita. Una vita di eccessi la sua, con fumo e alcool e un' instabilità sentimentale ed economica, che hanno fatto il resto, condizionandone l'esistenza.

L'ultimo decennio, il più travagliato della sua vita, con il fisico debilitato che ha ceduto man mano. Credeva molto nel nostro modo di fare informazione, mi telefonava spesso e voleva che questa storia fosse, prima o poi, raccontata.

«Ho considerato la ricchezza un mezzo, la bellezza un respiro di vita. Ho vissuto intensamente». Queste le ultime parole del "genio e sregolatezza". Riposa in pace vecchio mio.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Personaggi

Il vibrafono di Pasquale Mirra alla Maratona del Jazz di Bologna. Stasera concerto "a domicilio"

La cultura non si ferma ed è solidale. Anche il "nostro" Pasquale Mirra, noto musicista, maestro del vibrafono originario di Ravello, tra i protagonisti, stasera (6 aprile), alla Maratona del Jazz promossa dal Comune di Bologna, dal Bologna Jazz Festival e da Camera - jazz & music club. Alle 19.30 tutti...

Scala-Ravello, il dottor Gabriele Mansi va in pensione: quarant'anni per la cura della comunità

Termina oggi, martedì 31 marzo, l'attività del dottor Gabriele Mansi. Dopo oltre quarant'anni di onorato servizio, il medico di base di Scala e Ravello, raggiunti i limiti d'età, saluta i suoi assistiti. A sostituirlo, come già annunciato, il dottor Vincenzo Calvanese di Nocera Inferiore, a partire da...

Attore Sebastian Maniscalco (The Irishman) rivela: «Mio figlio Caruso, omaggio a Ravello»

di Giovanni Bovino Negli ultimi due anni ha riscosso una certa fama, lavorando per film del calibro di "Green Book" (vincitore dell'Oscar al miglior film nel 2019) e "The Irishiman" (ultima fatica del regista Martin Scorsese con attori del calibro di Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci). Stiamo parlando...

Addio a Pino Grimaldi, designer per Fondazione Ravello ispiratosi ai fregi del Duomo

di Lucia Serino* Si è spento a Napoli, portato via dal coronavirus, Pino Grimaldi, uno dei più quotati designer grafici della scena creativa salernitana e non solo. Grimaldi era stato consulente prezioso della Fondazione Ravello e aveva lavorato a stretto contatto con l'ex commissario Mauro Felicori...

Da Maria Sharapova l'incoraggiamento all’Italia decantando la Costiera Amalfitana

La tennista russa Maria Sharapova, che ha da poco annunciato il suo ritiro, ha recentemente mandato un accorato messaggio all'Italia ed in particolar modo a tutti coloro che stanno vivendo una situazione difficile a causa del coronavirus. La campionessa, considerata una delle più forti tenniste dell'epoca...