Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 minuti fa S. Massimo confessore

Date rapide

Oggi: 25 giugno

Ieri: 24 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: RubricheCostume & SocietàAnche le bufale 'sanno volare'

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaCon il Cuore. Dona alle mense francescane e aiuta i poveri in questo periodo di grande difficoltà

Costume & Società

Fake news, come difendersi

Anche le bufale 'sanno volare'

Guida per riconoscere una notizia falsa diffusa sui social network: come non farsi fregare dagli imbonitori virtuali

Scritto da (admin), venerdì 6 marzo 2015 12:00:23

Ultimo aggiornamento venerdì 11 gennaio 2019 18:14:02

Sarà capitato a tutti voi di leggere negli ultimi tempi articoli inverosimili del tipo: "Dal 2016 ritorna il servizio militare", "Renzi: con 1000 euro al mese si vive benissimo", "E' morto Antonello Venditti", "Gli immigrati ricevono 100 euro al giorno senza lavorare". Bene, siete capitati in quelle che tecnicamente possiamo definire come bufale. Sebbene di enormi dimensioni, riescono soprattutto grazie a Facebook a spiccare il volo, talvolta ottenendo raffiche di condivisioni sui profili e nei gruppi di discussione.

Il fenomeno è una depravazione della satira avviata da Lercio, magnifico portale che ci fa divertire ogni giorno. Sulla scia dell'umorismo, sono sorti diversi siti il cui compito è essenzialmente quello di diffondere notizie false, creando allarmismi in alcuni casi fuori dal normale. Basta pensare che, in diverse occasioni, le bufale sono divenute così note che la stampa ha dovuto parlarne. Anche noi, nel nostro piccolo, abbiamo dovuto smentire una notizia falsa che si diffuse qualche mese fa riguardo ad un clown che si pensava catturasse i bambini.

Ma perché vengono messe in circolo false informazioni?

Gli ideatori di questi siti sfruttano sostanzialmente l'ignoranza digitale di molte persone. Internet negli ultimi tempi ha subito una rivoluzione clamorosa rispetto alle origini: chi "frequenta" abitualmente il web da anni ha notato come è divenuto ormai un fenomeno di massa. Tutti, o quasi, abbiamo un account Facebook e ci colleghiamo quotidianamente dal pc o dallo smartphone. Ciò, inevitabilmente, ha abbassato il livello medio dell'utenza. C'è da dire di più: in tanti hanno avuto accesso alla rete senza che gli fossero insegnati gli elementi basilari. Non è colpa loro: la tecnologia negli ultimi dieci anni ha fatto progressi enormi e non c'è stato il tempo di formarsi adeguatamente. E' come se tutti avessimo iniziato a guidare senza alcuna scuola guida!
In questa "falla" vanno ad incunearsi i produttori di non-notizie: molte persone sono abituate a credere qualsiasi cosa leggono - del resto in 60 anni e rotti di tv ci hanno fatto bere tutto, ma proprio tutto! - e in tanti casi addirittura a condividere senza nemmeno aprire l'articolo, soltanto sulla base del titolo. Ciò scatena il passaparola virtuale, con le informazioni che circolano velocemente sul web.

Come difendersi dalle bufale?

Proviamo ad indicare alcuni criteri generali per capire se una notizia può essere vera oppure è una menzogna.

  • Valutare attentamente il nome del sito: molti hanno un indirizzo che termina con estensioni facilmente individuabili (.blogspot.com, .altervista.org, etc). Anche quando acquistano un dominio senza questo tipo di estensione, presentano spesso nomi che in qualche modo somigliano ai principali quotidiani nazionali oppure evocano cause relativamente giuste ("informare per resistere", "l'onesto", "piove governo ladro", giusto per dirne alcune).
  • Molto spesso le bufale sono notizie che hanno del clamoroso: prima di condividerle, e quindi contribuire alla diffusione di balle, è bene accertarsi cercando riscontri sui principali quotidiani. Se muore un cantante famoso, possibile che non ne parli nessun giornale nazionale?
  • Controllare la data: alcuni imbonitori virtuali ciclicamente rilanciano falsità diffuse in passato. Tutti i siti web o quasi indicano la data di pubblicazione: se una notizia (o non notizia) è vecchia di anni, la sua attendibilità cala.
  • Fermarsi 10 secondi a riflettere: è il consiglio più scontato ma necessario ed essenziale. Può mai un politico dire pubblicamente roba del tipo "Gli italiani non vogliono lavorare" o "Con 1000 euro al mese si vive benissimo"? Anche il peggior comunicatore di questo mondo, decidendo di estinguersi definitivamente dalla scena, non cadrebbe così in basso da un punto di vista della strategia.

Un ultimo appunto, non meno importante: coloro i quali diffondono "non-notizie" guadagnano dagli accessi ai loro portali. L'informazione è una cosa seria e noi, tra mille sacrifici, cerchiamo di trasformarla in un lavoro. La vostra condivisione, un vostro click, può generare ricchezza per chi distrugge una professione seria e viene remunerato per non informarvi: pensate anche a questo prima di mettere le ali alle bufale.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Costume & Società

"Il Divin Codino", il film su Roberto Baggio da oggi disponibile su Netflix

Da oggi è disponibile su Netflix il film dedicato alla vita di Roberto Baggio: "Il Divin Codino". La pellicola ripercorre la carriera straordinaria dell'attaccante di Caldogno, tra i migliori calciatori di tutti i tempi e vincitore del Pallone d'oro 1993, tra successi, infortuni e la scoperta del buddismo....

Regata Antiche Repubbliche Marinare, rinviata edizione 2020 ad Amalfi

Il Comitato Generale del Palio delle Antiche Repubbliche Marinare d'Italia ha constatato che, ad oggi, non sussistono le condizioni normative e tecniche per preparare e tenere regolarmente l'edizione 2020 nel mese di settembre, programmata ad Amalfi. La decisione sul rinvio a settembre era stata assunta...

La Costiera tra le 26 mete da luna di miele più fotografate su Instagram

Nel 2020 scegliere la meta della luna di miele in base a Instagram, è qualcosa all'ordine del giorno. Sono infatti tante le coppie che, in procinto di organizzare il loro primo viaggio da sposati, sfogliano il noto social network per scegliere la destinazione migliore e più "instagrammabile". Per capire...

Costa d’Amalfi: riconvertire la silvicoltura per creare nuove convenienze

di Raffaele Ferraioli Gli eventi calamitosi che hanno interessato il territorio della Costa d'Amalfi nelle scorse settimane sono a dir poco preoccupanti e impongono una rinnovata attenzione al fenomeno del dissesto idrogeologico della nostra area. La fragilità dei versanti, soprattutto di quelli incombenti...

Dal 2000 ad oggi in due milioni hanno lasciato il Sud: per metà sono giovani

«Dall'inizio del nuovo secolo hanno lasciato il Mezzogiorno 2 milioni e 15 mila residenti, la metà giovani fino a 34 anni, quasi un quinto laureati». Così la Svimez, l'associazione per lo Sviluppo del Mezzogiorno, che attraverso il suo ultimo Rapporto lancia l'allarme sulla «trappola demografica». In...