Ultimo aggiornamento 14 minuti fa S. Egidio abate

Date rapide

Oggi: 1 settembre

Ieri: 31 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado

quotidiano di Ravello e della Costa d'Amalfi


Direttore responsabile: Emiliano Amato

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieVoci che non si dimenticano facilmente

Storia e Storie

Voci che non si dimenticano facilmente

Scritto da Enzo Del Pizzo (Redazione), giovedì 28 marzo 2013 09:15:51

Ultimo aggiornamento giovedì 28 marzo 2013 09:16:05

di Enzo Del Pizzo - Con l'arrivo delle festività pasquali la nostra mente vola alla ricerca di momenti di grande commozione; tra questi momenti spiccano, sicuramente, i "Battenti", rappresentati da uomini incappucciati che eseguono canti (tutte quartine attribuite al Metastasio) che narrano la passione e morte di N.S. Gesù Cristo.

Da secoli essi vengono interpretati dalle più belle voci che hanno scritto (e scrivono tuttora) la storia delle tradizioni musicali e religiose della Costa d'Amalfi. In particolare, sono due i centri costieri (Minori e Ravello) che hanno sempre avuto i migliori gruppi, all'interno dei quali vi sono sempre state le più belle voci soliste. I Battenti di Minori si sono formati nelle due Confraternite (tuttora attive) nate nel 500: la prima, del SS. Sacramento, presso la Congrega posta alle spalle della Basilica di Santa Trofimena, identificata come la Congrega dei Battenti che, il Giovedì e Venerdì Santo, cantano a Tono 'e vascio.

L'altra, della Madonna del Rosario, in Villamena all'origine e, successivamente, in Santa Lucia, i cui Battenti cantano (ma solo nella mattinata del Venerdì Santo) a Tono 'e coppe. In entrambi i cori esistevano (ed esistono tuttora) grandi interpreti (voci tenorili) che mettono in risalto l'assolo, meglio conosciuto come "Voce solista terzaiola". Lo sviluppo dell'andamento melodico del canto permette al solista di esprimersi al meglio, magnificando il contenuto della quartina al terzo verso, e dell'intera quartina del "Già trafitto".

E allora ricordiamo volentieri quelli che si sono distinti, nel tempo, per la loro voce angelica, quasi celestiale, capace di strappare la commozione e le lacrime anche al più freddo e distaccato spettatore. Pasquale Lepre (falegname) - Pasquale Savastano (costruttore di tetti tradizionali) - Rolando Dumas (contadino, da Ravello, originario di Romagnano al Monte, noto col soprannome di Tummasino 'e Parlachiano) - Gerardo Antonio Buonocore (detto Totonno 'o sarto) - Vincenzo Esposito (contadino) - Vincenzo Farace (barbiere, detto 'o cavaliere) - Luigi Infante (muratore) - Pasquale Ardito (contadino) - Alfonso Apicella sr (panettiere detto Alfonso 'Arasme) - Antonio Pappalardo (pastaio, detto Tonino 'o guarraguarro) - Raffaele del Pizzo (maestro elem.) - Enzo Lembo (cantante..., la voce che piaceva a Jaqueline Kennedy, detto Cardalano) - Giuseppe Testasecca (ebanista) - Gennaro Infante (cartaio, detto Tetillo) - Teodoro Buonocore (sarto) - Salvatore Criscuolo (barbiere, detto 'o Negus) - Carmine Galibardi (muratore, detto Cardarella) - Gennaro D'Amato (commerciante, detto Gennarone) - Giuseppe Proto (insegnante, detto 'o cantatore).

E' ancora vivo il ricordo dell'omaggio reso dai Battenti di Minori alla memoria del compianto Rolando Dumas, la mattina del 16 Aprile 1976, Venerdì Santo: il buon cittadino ravellese, deceduto il 1° Aprile di quell'anno, aveva deliziato per lunghi anni l'esigente popolo minorese con la sua splendida voce, nel gruppo di quei Battenti. E allora quella mattina, sotto le finestre della sua casa posta sulla stradina di Torello, all'incrocio con la pedonale "Santa Croce" che conduce a Villamena di Minori, i Battenti ricordarono ai più giovani del Gruppo chi era Tummasino 'e Parlachiano e, dopo aver pregato per la sua anima eletta, cantarono divinamente.

I Battenti di Ravello si esprimevano, e si esprimono ancora oggi, in una sola linea melodica che si accosta, in buona parte, al Tono 'e coppe di Minori, ma si distacca da esso nell'andamento armonico, in conseguenza dell'innesto di polifonia (non esistente all'origine) avvenuto negli anni '60. In ogni caso, anche nei Battenti di Ravello si ricordano le voci classiche soliste che hanno messo in risalto il famoso terzo verso delle varie quartine e del "Già trafitto" di cui è fatto cenno sopra.

Le migliori voci di Ravello sono: Ferdinando Amato (contadino, detto Ferdinando 'e Masullo) - Pantaleone Palumbo (muratore, detto Mastu Giggino) - Mario Amato (muratore, detto 'o capubanda) - Salvatore Palumbo (maitre d'hotel) - Pasquale Palumbo fu Salvatore (insegnante di musica) - Pantaleone Sammarco (flautista e maestro orologiaio) - Pantaleone Gambardella (ebanista) - Antonio Amato (imprenditore edile e scultore, detto Antonio 'e Mastu Ciccio) - Aldo Serretiello (parrucchiere) - Mario Schiavo fu Giulio (bancario) - Giuseppe Palumbo (geometra).

Nonostante il mutar dei tempi, che inesorabilmente indirizzano i giovani verso altri interessi, i Battenti di Minori e Ravello continuano a registrare adesioni per la celebrazione delle funzioni sacre della Settimana Santa, contribuendo ad arricchire il patrimonio delle nostre tradizioni canore, con le voci che di certo non si dimenticheranno facilmente.

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Storia e Storie

Capodanno Bizantino, l'evento in cui rivive l'opulenza medievale di Amalfi

L'evento storico-culturale del Capodanno Bizantino è stato ideato dal medievalista amalfitano Giuseppe Gargano agli inizi degli anni '80 del secolo scorso. Il progetto originario prevedeva la rievocazione dell'inizio dell'anno fiscale e giuridico nei territori dell'impero d'Oriente, quelli direttamente...

La saggezza di un Popolo (26)

di Antonio Schiavo Stavolta non ho scusanti: mi sono totalmente lasciato impigrire. Cullato dall'aria di casa, approfittando biecamente di un impedimento fisico che ha costretto mia moglie a rinunciare ai tanti agognati bagni a Castiglione, ho bighellonato senza meta per le nostre stradine, cogliendo...

Quarant’anni fa con Giorgio Amendola a Ravello

di Bruno Mansi* Ho tra le mani la foto dell'incontro con Giorgio Amendola di quarant'anni fa (circa) a Ravello. Non avevo più rivisto questa foto da allora. Da quando Bonaventura Vuilleumier, segretario della sezione PC di Ravello, l'aveva fatta stampare, incorniciare (un piccolo ristello bianco con...

Ravello: trova cane abbandonato per strada, giovane fiorentina lo adotta

«La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali» (Mahatma Gandhi). È una storia di straordinaria umanità e sensibilità quella che raccontiamo da Ravello. Maria Vittoria, una giovane fiorentina di rientro dalle sue vacanze in Costiera con un'amica, sulla strada provinciale 1 Ravello-Chiunzi...

24 agosto 1135: Ravellesi sconfiggono i Pisani, ma cadono due anni dopo

di Emiliano Amato Il giorno di Natale del 1130, nel Duomo di Palermo, Ruggero II, fratello di Roberto il Guiscardo, si fece proclamare re di Sicilia «Rex Italiae et Siciliae» dall'antipapa Anacleto. I 'bellicosi' Amalfitani riconobbero da subito la sua autorità ma pretesero di mantenere una certa autonomia,...

San Massimiliano Kolbe a Ravello nell'estate del 1919

di Salvatore Amato - Oggi la Chiesa fa memoria di San Massimiliano Kolbe, un grande martire del XX secolo, ucciso dalla violenza nazista nel Lager di Auschwitz il 14 agosto 1941, che ha frequentato Ravello nell'estate del 1919. Una presenza breve, ma intensa, che lo portò, dal 4 giugno all'8 luglio,...