Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa SS. Angeli custodi

Date rapide

Oggi: 2 ottobre

Ieri: 1 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado

quotidiano di Ravello e della Costa d'Amalfi


Direttore responsabile: Emiliano Amato

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieGaetano l'affetto di una vita

Meteo: Protezione Civile, dalla mezzanotte allerta Gialla sulla Campania

Calcio, Costa d'Amalfi a caccia della seconda vittoria. Domenica trasferta ad Angri

Incontro di Ottobre sui Pilastri della Misericordia

A Vittorio Veneto la finale del Palio delle Botti. Furore unico borgo del Sud

NASpI, ecco i criteri per presentare domanda di disoccupazione

Metropolis: editore aggredisce giornalisti: la denuncia di OdG e Fnsi

Paestum-Ravello, domenica 2 ottobre riecco il Marathon Concert: 67 Km e concerto all’arrivo

'Viaggio inverso', stasera a Maiori la storia scritta da artisti e dive sulla Costa d’Amalfi

Ravello, Nicola Amato al Comune di Mugnano di Napoli

Ravello, la giornalista Emilia Filocamo nello staff del sindaco Di Martino

Incidente sulla 'Sorrentina', ferito centauro. STRADA RIAPERTA

Sorrento, una nuova mensa per la scuola Vittorio Veneto /FOTO

Nocera: 84enne tenta il suicidio col gas, la Polizia fa in tempo a salvarla

Ravello, dal 1° ottobre in vigore nuovi orari del servizio di trasporto pubblico interno

Conca de' Marini: escursionista ferito perde molto sangue, trasporto a Castiglione rallentato dal traffico /FOTO

Resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale: arrestato 60enne di Tramonti

Maiori: controlli antidroga all'Istituto Alberghiero negativi, attenzione dell'Arma a consumo tra giovanissimi

..incostieraamalfitana.it, al via l'11ª edizione

Scala, Festa della castagna il 15-16 e 22-23 ottobre

Il turismo religioso in Costa d'Amalfi: un viaggio unico tra paesaggi, Chiese e Conventi

Storia e Storie

Gaetano, l'affetto di una vita

Scritto da (Redazione), sabato 14 aprile 2012 07:40:46

Ultimo aggiornamento lunedì 16 aprile 2012 08:29:49

di Secondo Amalfitano - Prima di iniziare a scrivere mi sono chiesto: di chi scriverò? Del mio amico fraterno? Del mio collaboratore fidato? Del mio sostenitore? Del padrino di mio figlio? Del vigile urbano?

Ho provato a raccogliere le idee, i pensieri, i ricordi. Dopo poco ho realizzato che bastava parlare semplicemente dell'uomo Gaetano, senza correre il rischio che un ruolo prendesse il sopravvento sugli altri. Si! La grandezza di Gaetano era questa: saper tenere distinti i ruoli, ma senza mai doverne sacrificare qualcuno a favore di un altro. Lo faceva con estrema semplicità, con il sorriso, con l'ironia sempre pronta. Non è un caso che Gaetano riuscisse a colpire soprattutto i bambini e gli anziani, stabilendo con loro immediatamente un rapporto meraviglioso e riuscendo sempre a conquistarsi la loro fiducia e amicizia.

Ricordo quando l'allora Sindaco Salvatore Sorrentino mi confidò: "ho trovato la persona giusta per fare il vigile...... Gaetano"! Per me fu una sorpresa, però immediatamente realizzai che aveva ragione. Probabilmente Gaetano non avrebbe mai vinto un concorso per vigile urbano ai giorni nostri, ma quelli erano altri tempi. Erano tempi in cui le Amministrazioni potevano "scegliere" i collaboratori con procedure che oggi definiremmo "ad personam". Non esprimo giudizi sul metodo e sul merito, mi limito a constatare che, con quel metodo, Ravello riuscì a mettere su una squadra invidiata da tutta la costiera.

Una squadra che era una vera e propria famiglia, pronta a stringersi e a dare il meglio di sè nei momenti di bisogno: il colera, il terremoto, i nubifragi. In quella famiglia Gaetano aveva un posto di primo piano. La sua abnegazione, le sue capacità, il suo modo di fare erano virtù fondamentali per poter lavorare anche dodici ore di fila, in allegria e serenità. Riusciva a sorprenderti sempre con una trovata, una battuta.

Non ho dubbi! Gaetano era l'ultimo interprete di un modo diverso di servire lo Stato.
La malattia lo aveva immobilizzato, ma nulla poteva impedirgli di seguire ancora le vicende comunali. Era ansioso di sapere novità, di capire meglio un fatto, di avere un anteprima, ma spesso mi sorprendeva perché con il battito degli occhi mi faceva capire che già sapeva quella notizia e mi indicava il computer.

Si il computer che negli ultimi due anni lo teneva collegato con il mondo, gli permetteva di dialogare, esprimere un desiderio, fare una domanda. Quanta gioia vidi sul suo volto il primo giorno che mi accolse con un: ciao Secondo, pronunciato dalla voce metallica del pc che i suoi occhi avevano azionato. Una macchina che gli serviva per tutti tranne che per la moglie: Immacolata non aveva bisogno del pc, lo guardava negli occhi e gli leggeva il pensiero; e Gaetano le diceva grazie.

Un grazie che capivo pure io, i suoi occhi si illuminavano di una luce meravigliosa per ringraziare la sua compagna, il suo angelo custode, il suo tutto. Uno spettacolo unico, bellissimo!

Le prime volte che andavo a fare visita a Gaetano nei primi tempi della sua malattia, pensavo di poter io dare a lui; dopo poco realizzai che era lui a dare me. Cosa? Una carica interiore per affrontare le mie piccole difficoltà quotidiane, un ammonimento a ringraziare quotidianamente Iddio per poter normalmente camminare, parlare, muovere le mani. Così poco? Ecco il grande insegnamento di Gaetano: tutto quello che quotidianamente consideriamo "normale", sono invece doni meravigliosi che dovremmo apprezzare molto di più. Il destino ha voluto togliere a Gaetano questi doni lasciandogli però intatta la voglia di vivere fino alla fine dei suoi giorni.

Grazie Gaetano! Grazie per quanto hai dato a me durante la tua vita "normale", ma soprattutto grazie per quanto mi hai donato durante la tua malattia. Sono sicuro che ora, senza più sofferenza, qualcuno ti starà chiedendo di dargli una mano a dirigere il traffico degli angeli, a preparare una pizza o una grigliata per gli ospiti del paradiso, e, perchè no, a portare un po' di gioia anche ai tanti bambini che prima di te sono volati in cielo.

Galleria Fotografica

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Storia e Storie

Il culto di San Gennaro a Ravello in età moderna

di Salvatore Amato Nella liturgia postridentina, San Gennaro fu riconosciuto a livello universale a seguito di un lungo iter che ebbe come suo momento iniziale l'assenza della festa (o, per meglio dire, delle feste) dal Calendario premesso al Breviarium Romanum del 1568, che ometteva di prescrivere il...

Quando Ciampi mi inviò il suo messaggio a ricordo dell'onorevole Amodio

di Sigismondo Nastri Ho appreso dal telegiornale, all'ora di pranzo, la notizia della morte di Carlo Azeglio Ciampi, avvenuta stamane a Roma alla veneranda età di novantacinque anni. Aveva ricoperto la carica di Presidente della Repubblica dal 1999 al 2006, eletto al primo scrutinio con una larga messe...

La saggezza di un Popolo (33)

di Antonio Schiavo Il periodo estivo di full immersion nella mia Ravello, mi consente di proporre una nuova puntata della nostra rubrica. Molti concittadini, infatti, mi hanno fermato per strada suggerendomi proverbi e soprattutto modi di dire che pure fanno parte del nostro linguaggio comune ma che...

Amalfi e la Russia nell'865esimo anniversario di Mosca

di Giuseppe Gargano* Un tradizionale detto popolare amalfitano afferma che "S. Andrea, 'a neva 'mborea", cioè nella ricorrenza del dies natalis del seguace del precursore Giovanni Battista e poi apostolo di Cristo ad Amalfi il freddo vento di Borea porta con la sua "aria 'a neva" tempeste di neve, capaci...

Sal De Riso Magister Civitatis Amalfie, le immagini dell'investitura /VIDEO

Le suggestive immagini della cerimonia di investitura del Magister di Civiltà Amalfitana Salvatore De Riso nell'ambito del Capodanno Bizantino 2016. Dalla scalea della cappella palatina del San Salvatore de Birecto di Atrani, alla presenza dell'arcivescovo Orazio Soricelli e dei sindaci di Amalfi e Atrani...

Le melanzane sott’olio, in un barattolo bontà e tradizione del Sud

Soltanto ai primi del 900 nelle case degli italiani più facoltosi arrivò il primo prototipo di quello che oggi è l'elettrodomestico più "scontato" in cucina, il frigorifero, divenuto ai giorni nostri oggetto di design, oltre che di praticità. Un apparecchio che rivoluzionò le tecniche di conservazione...