Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Corinna

Date rapide

Oggi: 24 maggio

Ieri: 23 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado

quotidiano di Ravello e della Costa d'Amalfi


Direttore responsabile: Emiliano Amato

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieGaetano l'affetto di una vita

Meteo: da giovedì prima ondata caldo estivo in tutta Italia

Amalfi: guasto alla condotta, giovedì 26 maggio interruzione idrica

Alla Risacca di Atrani i quattro cocktail delle Repubbliche Marinare /FOTO

Minori, al via gioved' 24 la decima edizione di ..incostieraamalfitana.it

Agerola, lista esclusa riammessa dal Consiglio di Stato /LEGGI SENTENZA

Omicidio Ravello, Lima già condannato per violenza contro ex moglie

Amalfi vetrina del bel calcio: al via oggi Football Leader, alle 18,30 talk show in piazza /PROGRAMMA

Paura ad Amalfi: ombrellone da terrazzo piomba sul corso principale, nessun ferito

Amalfi: Consiglio Comunale approva Bilancio 2016, diminuisce pressione fiscale

Stroncata da infarto durante un matrimonio, tragedia a Sant'Egidio del Monte Albino

Ad Atrani acqua è 'bene di lusso': opposizione lamenta bollette troppo care

«Resteremo in piazza, tra la gente, senza paura di nulla», Ravello nel Cuore soddisfatta di partecipazione popolare

Tramonti: 28-29 maggio Memorial Franco Amato e Gianluca Signorini: tra ospiti Gigio Donnarumma e Careca

Football Leader: attesi ad Amalfi anche Careca e Crespo

Amalfi, su questione pontili Martingano replica a Falcone: «Nessuno avrebbe certificato il collaudo di quell’ammasso di ruggine»

Amalfi, Lega Navale non reinstallerà pontili. Falcone: «Colpa degli enti competenti su porto»

Rinascita Ravellese chiama tutti a raccolta all'Auditorium: martedì 24 dibattito pubblico

Elezioni, primo comizio di Ravello nel Cuore: «No a poltrone e potere, al centro i cittadini per voltare pagina» /VIDEO

Il silenzioso trasloco di Gaetano Caltagirone dalla villa di Minuta al Paradiso

Vietri sul Mare: messo in salvo esemplare di Barbagianni da Guardie Ambientali

Storia e Storie

Gaetano, l'affetto di una vita

Scritto da (Redazione), sabato 14 aprile 2012 07:40:46

Ultimo aggiornamento lunedì 16 aprile 2012 08:29:49

di Secondo Amalfitano - Prima di iniziare a scrivere mi sono chiesto: di chi scriverò? Del mio amico fraterno? Del mio collaboratore fidato? Del mio sostenitore? Del padrino di mio figlio? Del vigile urbano?

Ho provato a raccogliere le idee, i pensieri, i ricordi. Dopo poco ho realizzato che bastava parlare semplicemente dell'uomo Gaetano, senza correre il rischio che un ruolo prendesse il sopravvento sugli altri. Si! La grandezza di Gaetano era questa: saper tenere distinti i ruoli, ma senza mai doverne sacrificare qualcuno a favore di un altro. Lo faceva con estrema semplicità, con il sorriso, con l'ironia sempre pronta. Non è un caso che Gaetano riuscisse a colpire soprattutto i bambini e gli anziani, stabilendo con loro immediatamente un rapporto meraviglioso e riuscendo sempre a conquistarsi la loro fiducia e amicizia.

Ricordo quando l'allora Sindaco Salvatore Sorrentino mi confidò: "ho trovato la persona giusta per fare il vigile...... Gaetano"! Per me fu una sorpresa, però immediatamente realizzai che aveva ragione. Probabilmente Gaetano non avrebbe mai vinto un concorso per vigile urbano ai giorni nostri, ma quelli erano altri tempi. Erano tempi in cui le Amministrazioni potevano "scegliere" i collaboratori con procedure che oggi definiremmo "ad personam". Non esprimo giudizi sul metodo e sul merito, mi limito a constatare che, con quel metodo, Ravello riuscì a mettere su una squadra invidiata da tutta la costiera.

Una squadra che era una vera e propria famiglia, pronta a stringersi e a dare il meglio di sè nei momenti di bisogno: il colera, il terremoto, i nubifragi. In quella famiglia Gaetano aveva un posto di primo piano. La sua abnegazione, le sue capacità, il suo modo di fare erano virtù fondamentali per poter lavorare anche dodici ore di fila, in allegria e serenità. Riusciva a sorprenderti sempre con una trovata, una battuta.

Non ho dubbi! Gaetano era l'ultimo interprete di un modo diverso di servire lo Stato.
La malattia lo aveva immobilizzato, ma nulla poteva impedirgli di seguire ancora le vicende comunali. Era ansioso di sapere novità, di capire meglio un fatto, di avere un anteprima, ma spesso mi sorprendeva perché con il battito degli occhi mi faceva capire che già sapeva quella notizia e mi indicava il computer.

Si il computer che negli ultimi due anni lo teneva collegato con il mondo, gli permetteva di dialogare, esprimere un desiderio, fare una domanda. Quanta gioia vidi sul suo volto il primo giorno che mi accolse con un: ciao Secondo, pronunciato dalla voce metallica del pc che i suoi occhi avevano azionato. Una macchina che gli serviva per tutti tranne che per la moglie: Immacolata non aveva bisogno del pc, lo guardava negli occhi e gli leggeva il pensiero; e Gaetano le diceva grazie.

Un grazie che capivo pure io, i suoi occhi si illuminavano di una luce meravigliosa per ringraziare la sua compagna, il suo angelo custode, il suo tutto. Uno spettacolo unico, bellissimo!

Le prime volte che andavo a fare visita a Gaetano nei primi tempi della sua malattia, pensavo di poter io dare a lui; dopo poco realizzai che era lui a dare me. Cosa? Una carica interiore per affrontare le mie piccole difficoltà quotidiane, un ammonimento a ringraziare quotidianamente Iddio per poter normalmente camminare, parlare, muovere le mani. Così poco? Ecco il grande insegnamento di Gaetano: tutto quello che quotidianamente consideriamo "normale", sono invece doni meravigliosi che dovremmo apprezzare molto di più. Il destino ha voluto togliere a Gaetano questi doni lasciandogli però intatta la voglia di vivere fino alla fine dei suoi giorni.

Grazie Gaetano! Grazie per quanto hai dato a me durante la tua vita "normale", ma soprattutto grazie per quanto mi hai donato durante la tua malattia. Sono sicuro che ora, senza più sofferenza, qualcuno ti starà chiedendo di dargli una mano a dirigere il traffico degli angeli, a preparare una pizza o una grigliata per gli ospiti del paradiso, e, perchè no, a portare un po' di gioia anche ai tanti bambini che prima di te sono volati in cielo.

Galleria Fotografica

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Storia e Storie

Dieci cose da sapere sulla Regata delle Repubbliche Marinare

Dieci cose da sapere in vista della 61a edizione della Regata delle Antiche Repubbliche Marinare, la 16esima nel golfo di Salerno. Amalfi è l'unico Campo di Regata in mare aperto, presupposto che lo rende particolarmente avvincente e imprevedibile, essendo soggetto alla forza delle correnti e alle condizioni...

Il Sangue di San Pantaleone, il dono più prezioso per Ravello

Domenica 15 maggio la comunità religiosa di Ravello festeggia la traslazione dell'ampolla contenente il sangue del nostro Santo Patrono, più comunemente riconosciuta come "San Pantaleone di maggio". Questa solennità ecclesiastica, che si celebra nella terza domenica di maggio, vuole ricordare il trasferimento...

L’Abbazia di Sant’Eutizio a Valcastoriana (Preci) in Umbria, gioiello monastico benedettino: quale futuro?

Riceviamo e con piacere pubblichiamo una valida considerazione di Alberto Quintiliani, già collaboratore de Il Vescovado, sulle sorti dell'Abbazia di Sant'Eutizio, gioiello medievale nonché uno tra i più antichi complessi monastici in Italia. Come l'Umbria, anche il territorio della Costa d'Amalfi vanta...

38 anni fa il ritrovamento del cadavere di Aldo Moro. Credette nel rispetto reciproco

di Sigismondo Nastri Il cadavere di Aldo Moro, assassinato dalle Brigate Rosse, fu fatto trovare il 9 maggio 1978 nel vano bagagli di un'auto - una Renault 4 rossa - parcheggiata a Roma, in via Caetani, nei pressi delle sedi della Dc e del Pci. "Aldo Moro - ha scritto la figlia Agnese - non si stancò...

Il Sedile dei Nobili di Ravello: sabato 14 presentazione dei simboli di una Città opulenta

Erano venticinque le famiglie dell'aristocrazia ravellese iscritte al Sedile dei Nobili di Ravello sin dall'alto medioevo. Oltre ai Rufolo, i Della Marra, Confalone, Frezza, D'Afflitto, Muscettola, Fusco, De Curtis (gli antenati del principe della risata che vantava il suo casato proveniente da Ravello),...

Omaggio a un pioniere della vinificazione in Costa d'Amalfi: Pio Caruso

di Sigismondo Nastri Il mio archivio, l'ho già scritto in altra occasione, è un pozzo senza fine. Scavi, scavi e vengono fuori fuori le sorprese. Oggi ritrovo questo disco 33 giri, The soul of Naples, targato Galleria del Corso, con celebri melodie napoletane interpretate da autentici posteggiatori (cito...