Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 minuti fa S. Atanasio vescovo

Date rapide

Oggi: 2 maggio

Ieri: 1 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado

quotidiano di Ravello e della Costa d'Amalfi


Direttore responsabile: Emiliano Amato

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieA TG1 Dialogo l'opera di Padre Bonaventura Mansi che salvò Assisi dai bombardamenti /GUARDA

Tramonti: il 7 maggio a Capitignano torna ‘Un dolce per la mamma’

Anche a Ravello la raccolta firme per istituzione categoria lavoratori stagionali non agricoli

Caso Palmina, Giordano (M5S): «Accertare responsabilità etiche e mediche». E annuncia interrogazione

Karate, la Tsunami Dojo di Conca dei Marini tra le migliori società a Campionato Italiano di Osimo

Ravello, sequestrati i 3 vasche trattamento acque reflue. Vuilleumier: «Ambiente nostra priorità da sempre»

Carabinieri NOE tornano in Costiera: sequestrati impianti acque reflue anche a Ravello, Atrani e Cetara

Ravello 1996: le Idi di giugno

«Sei stato menzionato in un commento»: attenzione al nuovo Virus su Facebook

2-10 maggio: in Costa d'Amalfi le iniziative dei volontari della Croce Rossa

Maiori: 80enne cade in casa. A Castiglione scoprono emorragia cerebrale, operata a Salerno

Calcio femminile: Il Sant'Egidio chiude in goleada contro il Napoli Dream Team

Turismo in Costa d'Amalfi: più qualità che quantità

Incontro per una Chiesa viva dedicato al mese di Maria

I Minoresi nel Mondo si ritrovano a Valdobbiadene e Belluno /FOTO

Ravello, Secondo Amalfitano rivela: «Riavvicinamento con Di Martino avvenuto un anno fa»

Per Luigi di Maio (M5S) Primo maggio ad Amalfi /FOTO

Al Comune di Minori raccolta firme pro lavoratori stagionali

Agerola: inaugurato Palazzetto dello Sport, accoglienza da stadio per ministro Boschi /FOTO e VIDEO

Serretiello registra in Consiglio: lite a Vietri sul Mare

Amalfi: è festa per il Futsal Coast promosso in serie C1

Storia e Storie

A TG1 Dialogo l'opera di Padre Bonaventura Mansi che salvò Assisi dai bombardamenti /GUARDA

Scritto da (Redazione), sabato 21 aprile 2012 10:36:27

Ultimo aggiornamento lunedì 23 aprile 2012 17:03:17

A TG1 Dialogo, l'appuntamento condotto dal giornalista Roberto Olla, in onda ogni sabato alle 9 su Rai 1, questa settimana è dedicato al Sacro Convento di Assisi nei giorni della Liberazione, con rari filmati inediti.

Padre Enzo Fortunato, direttore della rivista "San Francesco Patrono d'Italia", parla dell'opera di Padre Bonaventura Mansi, frate originario di Ravello, custode del Sacro Convento di Assisi negli anni del secondo conflitto bellico, che salvò il Convento e la città dai bombardamenti, evitando così una seconda Montecassino (CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO).

Padre Mansi si rese conto che per salvare San Francesco bisognava salvare Assisi, capì che per salvare la città dalle distruzioni della guerra la si doveva trasformare in una città ospedaliera, così da allontanare le truppe belliche.

All'idea segui subito l'azione: sollecitò la Segreteria di Stato della Città del Vaticano perché si ottenesse dalle parti belligeranti il riconoscimento di Assisi come città ospedaliera; parlò con il governo fascista di Salò e poi con i tedeschi che occupavano Assisi. Ai primi di febbraio, il Colonnello tedesco Valentino Muller fece sgombrare la città dai reparti di polizia militare e dal gruppo di aviatori e aumentò il numero degli ospedali.

Ad Assisi non esistevano più obiettivi militari e inglesi e americani non la bombardarono. Padre Bonaventura Mansi nel nome di San Francesco era riuscito ad imporsi e salvare quei capolavori immortali.

Galleria Fotografica

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Storia e Storie

Ravello 1996: le Idi di giugno

La notizia del riavvicinamento di Salvatore Di Martino e Secondo Amalfitano ufficializzata ieri ha destato meraviglia a Ravello (e non solo) nonostante l'indiscrezione circolasse da oltre un anno. Ormai nella Città della Musica non c'è più nulla di cui meravigliarsi: nemmeno se dopo 24 anni di battaglie...

'Tirà o carro p’ ‘a scesa': la saggezza di un Popolo (31)

di Antonio Schiavo Chi l'avrebbe mai detto! Questa rubrica, ha scavallato la ragguardevole soglia delle 30 puntate e vanta anche , come direbbe una vecchia pubblicità della Settimana Enigmistica, "innumerevoli tentativi di imitazione" (anche quotidiana sui social). Non possiamo che esserne lieti: vuol...

Scala: pellegrinaggio d’amore e di cultura alle radici della storia della Costa d’Amalfi

di Giuseppe Liuccio L'avevo promesso ai nipotini, che ho contagiato d'amore per la Costa di Amalfi, ed ho mantenuto l'impegno. Ho fatto con loro un viaggio di amore e di cultura alle radici della storia della Prima Repubblica Marinara. Il giorno di Pasqua sono stato a Scala, che si preannunzia, come...

Ravello e la pia devozione dei Battenti /VIDEO

di Luigi Buonocore «E' primavera e laggiù, sui monti degli Alburni, già si sono sciolte le nevi! Da quei rosei contrafforti degradanti sulla piana del Cilento - traslucenti, meravigliose "quinte" al Golfo di Salerno - giunge a noi, sulla costa d'Amalfi, un sole novello sotto il quale svaporano, in leggera...

Festa del Papà, origini e tradizioni

19 marzo, festa del Papà. Celebrata dal 1968, in concomitanza con la festività di San Giuseppe, il padre putativo di Gesù, modello del padre e del marito devoto che nella tradizione popolare, oltre a proteggere i poveri, gli orfani e le ragazze nubili, in virtù della sua professione è anche il protettore...

La tavola di Pasqua: le tradizioni gastronomiche della Costa d'Amalfi

di Sigismondo Nastri Pasqua ha rappresentato sempre un grande appuntamento conviviale. Tanto più che s'usava benedire la mensa. Avviene ancora in molte case. Ci si reca in chiesa, la mattina, a prelevare l'acqua santa. E con questa, intingendovi un rametto d'ulivo, dopo un momento di preghiera, il capo...