Ultimo aggiornamento 4 minuti fa S. Agostino v. di Canterbury

Date rapide

Oggi: 27 maggio

Ieri: 26 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado

quotidiano di Ravello e della Costa d'Amalfi


Direttore responsabile: Emiliano Amato

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieA TG1 Dialogo l'opera di Padre Bonaventura Mansi che salvò Assisi dai bombardamenti /GUARDA

Storia e Storie

A TG1 Dialogo l'opera di Padre Bonaventura Mansi che salvò Assisi dai bombardamenti /GUARDA

Scritto da (Redazione), sabato 21 aprile 2012 10:36:27

Ultimo aggiornamento lunedì 23 aprile 2012 17:03:17

A TG1 Dialogo, l'appuntamento condotto dal giornalista Roberto Olla, in onda ogni sabato alle 9 su Rai 1, questa settimana è dedicato al Sacro Convento di Assisi nei giorni della Liberazione, con rari filmati inediti.

Padre Enzo Fortunato, direttore della rivista "San Francesco Patrono d'Italia", parla dell'opera di Padre Bonaventura Mansi, frate originario di Ravello, custode del Sacro Convento di Assisi negli anni del secondo conflitto bellico, che salvò il Convento e la città dai bombardamenti, evitando così una seconda Montecassino (CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO).

Padre Mansi si rese conto che per salvare San Francesco bisognava salvare Assisi, capì che per salvare la città dalle distruzioni della guerra la si doveva trasformare in una città ospedaliera, così da allontanare le truppe belliche.

All'idea segui subito l'azione: sollecitò la Segreteria di Stato della Città del Vaticano perché si ottenesse dalle parti belligeranti il riconoscimento di Assisi come città ospedaliera; parlò con il governo fascista di Salò e poi con i tedeschi che occupavano Assisi. Ai primi di febbraio, il Colonnello tedesco Valentino Muller fece sgombrare la città dai reparti di polizia militare e dal gruppo di aviatori e aumentò il numero degli ospedali.

Ad Assisi non esistevano più obiettivi militari e inglesi e americani non la bombardarono. Padre Bonaventura Mansi nel nome di San Francesco era riuscito ad imporsi e salvare quei capolavori immortali.

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Storia e Storie

26 maggio 1880: a Villa Rufolo Wagner scopre il “Magico Giardino di Klingsor”

di Luigi Buonocore "Entrammo nella vecchia Ravello; nella solitudine di queste rocce ci trovammo improvvisamente di fronte ad una città moresca con torri e case ornate da fantastici arabeschi. Qui ci sono solo alberi, rocce e, più in basso, in una lontananza di sogno, il mare, talvolta rosso come porpora"....

L'Ascensione e la tradizione di lavare il viso con petali di rosa

Domani, domenica 17 maggio, la chiesa celebra l'Ascensione di Gesù al cielo, una solennità che cade quaranta giorni dopo la Pasqua e che riveste una notevole importanza nella liturgia Cattolica, segnando la fine del soggiorno terreno di Gesù. La tradizione vuole la che sera della vigilia dell'Ascensione...

Il Sangue di San Pantaleone, il dono più prezioso per Ravello

Domenica 17 maggio la comunità religiosa di Ravello festeggia la traslazione dell'ampolla contenente il sangue del nostro Santo Patrono, più comunemente riconosciuta come "San Pantaleone di maggio". Questa solennità ecclesiastica, che si celebra nella terza domenica di maggio, vuole ricordare il trasferimento...