Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Teresa Jornet Ibars

Date rapide

Oggi: 26 agosto

Ieri: 25 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado

quotidiano di Ravello e della Costa d'Amalfi


Direttore responsabile: Emiliano Amato

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieA TG1 Dialogo l'opera di Padre Bonaventura Mansi che salvò Assisi dai bombardamenti /GUARDA

Terremoto Centro Italia: da Ravello inviati ad Amatrice viveri e medicinali

Gusta Minori: ecco il programma degli eventi tra arte, teatro e gastronomia

Gagliano: «Costiera amalfitana paralizzata dal traffico, tre ore per raggiungere Salerno»

Carenze igienico-sanitarie, chiuso laboratorio di bar a Positano

Ruslaan Mumtaz in Costiera: l'attore di Bollywood in vacanza tra Positano e Capri

Cava de' Tirreni: passato da spacciatore, arrrestato 45enne per cumulo di pene

Con le moto sul Lungomare di Maiori, multati centauri belgi /FOTO

Vietri sul Mare: Lloyd’s Baia Hotel mette a disposizione stanze per sfollati terremoto

Maiori: automezzo in equilibrio precario, interviene carro gru dei Vigili del Fuoco /FOTO

#NoiScugnizzi: domenica 28 a Maiori il musical che vede protagonisti i bambini

Gusta Minori aderisce alla raccolta fondi Caritas per terremotati Centro Italia

Terremoto Centro Italia: con Ravello, Amalfi e Maiori si attiva anche Positano

Dove si va stasera? Ecco gli eventi di giovedì 25 agosto in Costa d'Amalfi

Maiori: stasera è 'Black Summer Party' al Solarium

Incidente in moto a Ravello, dopo 19 giorni muore l'ambasciatore Schioppa Narrante

Dalla Costa d’Amalfi ad Amatrice: anche volontari Millenium in aiuto a popolazioni terremotate

Terremoto nel Centro Italia: Amalfi e Maiori attivano punti di raccolta aiuti

La Costiera ostaggio dei piromani (e del vento): a Maiori rogo in località 'Cannaverde'

Natante imbarca acqua a Positano, Guardia Costiera soccorre professionista di Ottaviano

Capitignano: torna a bruciare il colle del cimitero di Tramonti. Canadair in azione /FOTO

Storia e Storie

A TG1 Dialogo l'opera di Padre Bonaventura Mansi che salvò Assisi dai bombardamenti /GUARDA

Scritto da (Redazione), sabato 21 aprile 2012 10:36:27

Ultimo aggiornamento lunedì 23 aprile 2012 17:03:17

A TG1 Dialogo, l'appuntamento condotto dal giornalista Roberto Olla, in onda ogni sabato alle 9 su Rai 1, questa settimana è dedicato al Sacro Convento di Assisi nei giorni della Liberazione, con rari filmati inediti.

Padre Enzo Fortunato, direttore della rivista "San Francesco Patrono d'Italia", parla dell'opera di Padre Bonaventura Mansi, frate originario di Ravello, custode del Sacro Convento di Assisi negli anni del secondo conflitto bellico, che salvò il Convento e la città dai bombardamenti, evitando così una seconda Montecassino (CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO).

Padre Mansi si rese conto che per salvare San Francesco bisognava salvare Assisi, capì che per salvare la città dalle distruzioni della guerra la si doveva trasformare in una città ospedaliera, così da allontanare le truppe belliche.

All'idea segui subito l'azione: sollecitò la Segreteria di Stato della Città del Vaticano perché si ottenesse dalle parti belligeranti il riconoscimento di Assisi come città ospedaliera; parlò con il governo fascista di Salò e poi con i tedeschi che occupavano Assisi. Ai primi di febbraio, il Colonnello tedesco Valentino Muller fece sgombrare la città dai reparti di polizia militare e dal gruppo di aviatori e aumentò il numero degli ospedali.

Ad Assisi non esistevano più obiettivi militari e inglesi e americani non la bombardarono. Padre Bonaventura Mansi nel nome di San Francesco era riuscito ad imporsi e salvare quei capolavori immortali.

Galleria Fotografica

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Storia e Storie

Pro Loco di Minori, mezzo secolo al servizio del territorio

di Alfonso Bottone Sapevate che la prima Pro Loco in Italia è nata nel 1881 a Pieve Tesino, in Trentino-Alto Adige, allora territorio dell'Impero austro-ungarico? Queste associazioni locali (Pro Loco dal latino è letteralmente "a favore di un luogo") sono nate con scopi di promozione e sviluppo del territorio....

Le conserve di pomodoro d’agosto, una tradizione sempre viva in Costiera Amalfitana

Solo al ricordo, l'olfatto fa la sua parte e consente di riavvolgere il nastro della memoria. Quell'odore di pomodoro fresco, passato sotto il sole d'agosto, con il sottofondo delle cicale, come fanno le formiche laboriose pensando al freddo inverno, resta evocatore di famiglia, semplicità, spensieratezza....

Jackie Kennedy, 54 anni fa il mito a Ravello /FOTO e VIDEO

di Emiliano Amato Era l'8 agosto del 1962 quando la First lady d'America, Jacqueline Kennedy, scelse Ravello per le sue vacanze italiane. Giunse a bordo di un aereo privato all'aeroporto di Pontecagnano per poi raggiungere, in auto la "Divina". Con i figlioletti John John e Caroline, la sorella, il cognato...

C’era una volta il calcio

di Antonio Schiavo C'era una volta il calcio che si giocava sempre e soltanto di domenica, un rito come la messa del vecchio parroco, il ragù della nonna e la "guantiera" di paste. Oggi, tra anticipi e posticipi, la domenica sei costretto a passarla tra i mobilacci dell' IKEA. C'era una volta il calcio...

Holly e Benji, il cartone animato più amato (e incredibile)

Al di là delle sollecitazioni provenienti dalla cronaca quotidiana o dalla politica, ovvio e fisiologico 'tributo' che la stampa deve pagare alla necessità di rendersi visibile ed appetibile al pubblico di tutti i giorni, un portale che si rispetti deve assecondare le esigenze dei propri lettori nel...

Quel giorno a Positano con Francesco Cossiga

di Sigismondo Nastri* Ho un ricordo caro, ricco di simpatia, di Francesco Cossiga. Egli venne a Positano il 15 luglio 1991 (mi accorgo ora, scrivendo, che son trascorsi venticinque anni) e vi si trattenne fino a pomeriggio inoltrato. Difficile che me ne possa dimenticare. Seguii la visita come cronista...