Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 minuti fa S. Girolamo Emiliani

Date rapide

Oggi: 8 febbraio

Ieri: 7 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado

quotidiano di Ravello e della Costa d'Amalfi


Direttore responsabile: Emiliano Amato

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieA TG1 Dialogo l'opera di Padre Bonaventura Mansi che salvò Assisi dai bombardamenti /GUARDA

Calcio a 5: Reghinna Minor cade in casa contro Montella

Gran Carnevale di Maiori: trionfo di passione e cooperazione

Piazza Fontana e “movimenti”, la linea di Ravello nel Cuore

Riecco il maltempo, settimana con calo temperature, piogge e venti forti

Ravello, Via Crucis: nuovo comitato organizzatore dovrà chiedere attrezzature a Ribalta

Canottieri Amalfi 'padroni' a Campionati regionali indoor /FOTO

Al via il Gran Carnevale Maiorese: sfilano i carri allegorici /PROGRAMMA e FOTO

Affidamento Villa Rufolo a Fondazione prorogato di un altro anno in attesa del ‘Progetto Ravello’

Dieci anni di ..incostieraamalfitana e ancora tante altre sorprese, l'intervista ad Alfonso Bottone

Cade in casa, di notte non c'è radiologo a Castiglione: odissea per anziana di Ravello

Fiat Tipo, in Costiera Amalfitana continuano i test di affidabilità della nuova berlina di casa Fiat

Carnevale Maiori, viabilità: in vigore piano alternativo /ORARI

“Ragazzi in Gamba”: domenica 7 Cetara premia studenti meritevoli

Maiori, domenica 7 emissione annullo filatelico del Gran Carnevale

Green economy: a Cava de' Tirreni corso di formazione gratuito per esperto in progettazione e management ambientale

'Una notte speciale con Gesù', 8-9 febbraio adorazione nel Duomo di Ravello

Caos parcheggia Minori, parla Cioffi: «Problema snobbato in passato, ora bisogna risolverlo»

Processo Termovalorizzatore: assolto De Luca, ancora salva presidenza Regione

Furore, lavori a costone roccioso: fino a 8 marzo senso unico alternato su 163 'Amalfitana'

Sorrento: Carnevale in piazza con circo da strada, parate e animazione

Storia e Storie

A TG1 Dialogo l'opera di Padre Bonaventura Mansi che salvò Assisi dai bombardamenti /GUARDA

Scritto da (Redazione), sabato 21 aprile 2012 10:36:27

Ultimo aggiornamento lunedì 23 aprile 2012 17:03:17

A TG1 Dialogo, l'appuntamento condotto dal giornalista Roberto Olla, in onda ogni sabato alle 9 su Rai 1, questa settimana è dedicato al Sacro Convento di Assisi nei giorni della Liberazione, con rari filmati inediti.

Padre Enzo Fortunato, direttore della rivista "San Francesco Patrono d'Italia", parla dell'opera di Padre Bonaventura Mansi, frate originario di Ravello, custode del Sacro Convento di Assisi negli anni del secondo conflitto bellico, che salvò il Convento e la città dai bombardamenti, evitando così una seconda Montecassino (CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO).

Padre Mansi si rese conto che per salvare San Francesco bisognava salvare Assisi, capì che per salvare la città dalle distruzioni della guerra la si doveva trasformare in una città ospedaliera, così da allontanare le truppe belliche.

All'idea segui subito l'azione: sollecitò la Segreteria di Stato della Città del Vaticano perché si ottenesse dalle parti belligeranti il riconoscimento di Assisi come città ospedaliera; parlò con il governo fascista di Salò e poi con i tedeschi che occupavano Assisi. Ai primi di febbraio, il Colonnello tedesco Valentino Muller fece sgombrare la città dai reparti di polizia militare e dal gruppo di aviatori e aumentò il numero degli ospedali.

Ad Assisi non esistevano più obiettivi militari e inglesi e americani non la bombardarono. Padre Bonaventura Mansi nel nome di San Francesco era riuscito ad imporsi e salvare quei capolavori immortali.

Galleria Fotografica

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Storia e Storie

Agerola, 5 febbraio presentazione de “Le frontiere di Amalfi”

Anche quest'anno Agerola diventa frontiera di Amalfi: con la presentazione di venerdì 5 febbraio (ore 10,30 - Centro Polifunzionale Mons. Andrea Gallo) parte il progetto promosso dall'assessorato alla cultura del Comune di Lettere che vede il coinvolgimento di alcuni alunni delle Scuole Medie e dell'istituto...

Il culto di San Biagio a Ravello

di Salvatore Amato Nel ducato medievale di Amalfi la presenza di edifici di culto intitolati al vescovo e martire Biagio è attestata fin dall'Altomedioevo. Proprio ad Amalfi, precisamente nella località Vallenula, oggi Vagliendola, esisteva ed esiste tutt'oggi una chiesa dedicata a San Biagio, nel 1082...

Orrore Shoah, il mondo ricorda 71 anni dopo

Oggi, 27 gennaio, è il Giorno della Memoria. Sono trascorsi settantuno anni da quando nel 1945 vennero aperti i cancelli del lager di Auschwitz rivelando al mondo i crimini compiuti dai nazisti contro il popolo ebraico. Tante le iniziative per celebrare la memoria delle vittime e non spezzare il filo...

Il mito da Saturno ad Attis e Adone

di Giuseppe Liuccio Con questa domenica, 10 gennaio, si chiudono di fatto le festività natalizie ed entriamo nel cuore dell'inverno. Questo mi consente di fare qualche considerazione su questa stagione, così come si evince dall'osservazione della natura e dai miti che la caratterizzano. E' un tema avvincente,...

Racconto della Vigilia di Natale

di Mimmo Della Monica E' proprio vero. Me lo dicevano anni fa: quando arrivano le feste, e sei vecchio, la malinconia aumenta. Sarà perchè d'inverno le giornate qui dentro sono più lunghe, ci si trascina su e giù per i corridoi, ciabattando fino alla sala della televisione. E l'animazione che sentiamo...

Sweet Christmas

di Antonio Schiavo "E questa, secondo te non è un'opera d'arte?". Tutti gli anni, puntuale come la stella cometa o come la fuga del capitone dalle mani del nonno tagliagole, era la solita storia: davanti ad una porzione di struffoli, ad una zeppola, ad un mostacciolo, Alfonso mi poneva questa domanda....