Ultimo aggiornamento 37 minuti fa S. Claudio martire

Date rapide

Oggi: 7 luglio

Ieri: 6 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado

quotidiano di Ravello e della Costa d'Amalfi


Direttore responsabile: Emiliano Amato

Tu sei qui: SezioniNecrologiRavello piange Gaetano Cioffi 'il Vigile'

Necrologi

Ravello piange Gaetano Cioffi 'il Vigile'

Scritto da (Redazione), venerdì 13 aprile 2012 08:59:06

Ultimo aggiornamento lunedì 16 aprile 2012 08:32:27

La notizia è di quelle che proprio non vorresti apprendere e né tantomeno pubblicare.

Il cuore di Gaetano Cioffi, storico maresciallo dei Vigili Urbani di Ravello, ha cessato di battere intorno alle 21 di ieri presso l'ospedale di cava de' Tireni dove era ricoverato, cedendo a quella malattia a cui ha sempre cercato di rispondere fino alla fine.

Per Gaetano, che avrebbe compiuto 68 anni il prossimo 5 maggio, i primi sintomi della SLA (sclerosi laterale amiotrofica) si erano manifestati verso la fine del 2008. Tante le visite presso gli ospedali e i centri più rinomati d'Italia. Ma nulla da fare.

"Di questa malattia ancora non se ne sa nulla" era la ricorrente risposta dei medici. Dopo trentacinque anni di onorata carriera nel corpo di Polizia Municipale di Ravello, nel maggio del 2009 aveva raggiunto la meritata pensione, con la malattia che si era quasi totalmente impadronita di lui (a lato vi riproponiamo gli scatti più significativi della sua carriera e della festa di congedo quando gli furono assegnati i galloni da maresciallo).

Gli ultimi tre anni Gaetano li ha trascorsi nella propria abitazione di via San Martino, assistito da macchinari di ultima generazione, ma soprattutto dalle cure e dalle attenzioni della moglie Immacolata che, a detta dei medici che di volta in volta gli prestavano visita, avrebbe messo in serio imbarazzo anche esperti infermieri.

Sempre presenti gli amici di una vita che non lo hanno lasciato mai solo: da Secondo Amalfitano a Nicola Amato, da Michelangiolo Mansi a Bruno Pagano, a Baldino Cioffi che lo hanno sempre rincuorato, incitandolo a combattere contro la sua malattia che, per cause ancora ignote, colpisce il sistema nervoso, a livello del tronco encefalico e del midollo spinale. Gaetano, infatti non muoveva alcun arto, ma comprendeva tutto.

Erano i suoi occhi a parlarti e a confidarti quanto ci si sentisse inermi imprigionati in quel corpo che era stato energico e produttivo. Il 7 agosto scorso, giorno del suo onomastico, i suoi migliori amici lo avevano portato in visita al Santuario dei Santi Cosma e Damiano e all'Auditorium "Oscar Niemeyer" che ancora non aveva avuto modo di visitare.

E' stato uno dei più attenti e costanti lettori del Vescovado dalla sua nascita, unico canale che virtualmente lo teneva in contatto con la sua Ravello, che domani gli tributerà l'estremo saluto.

La salma rientrerà questa sera dall'Ospedale di Cava dei Tirreni. Dalle 18 circa, presso la chiesa di Santa Maria del Lacco, sarà allestita la camera ardente così da consentire la visita da parte di tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato le doti.

Il rito funebre si svolgerà domani, sabato 14 aprile, alle 10, nel Duomo di Ravello.

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Necrologi

Maiori dice addio a Bartolo Mammato

Maiori a lutto per la morte di Bartolo Mammato. La notizia ha rattristato tutti nel centro della Divina dove l'uomo era conosciuto e apprezzato per la sua attività di macellaio Una vita, la sua, dedicata alla famiglia e al suo lavoro: chi ha avuto modo di conoscerlo, ne ha apprezzato le doti umane e...

Maiori dice addio a Claudio Ferrara, titolare hotel San Francesco

Maiori è ancora incredula alla notizia della prematura scomparsa di Claudio Ferrara. Il suo cuore generoso si è fermato la scorsa notte. L'8 luglio prossimo avrebbe compiuto 51 anni. Persona molto conosciuta e apprezzata a Maiori, con i fratelli Luigi e Roberto gestiva l'hotel San Francesco, nei pressi...

Tramonti e Maiori piangono Giulio Amato

Dopo una vita dedicata alla famiglia e al lavoro, si è spento ieri a Tramonti Giulio Amato. A darne il triste annunzio la moglie Elvira Amodio, i figli Salvatore, Vincenzo e Angelo e i parenti tutti. Originario di Maiori, i tanti che lo hanno conosciuto in tutta la Costiera Amalfitana ne hanno potuto...