Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Massimo confessore

Date rapide

Oggi: 25 giugno

Ieri: 24 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Hotel Panorama Maiori - Roof Terrace - Ristorante vista mare - Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Giardiniello a Minori è uno dei simboli della storia gastronomica in Costiera Amalfitana, gestito dai fratelli Di Bianco è una delle indiscusse eccellenze in Costa d'Amalfi Ceramiche Casola Positano - Fratelli Casola nuova Factory a Ravello e Scala - Casola Ravello - Casola Scala Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeMobilità in Costa d’Amalfi: la ricetta è collaudata

L’estate torna sempre, proprio come tanti anni fa

Dimenticare le cose studiate è normale: una ricerca pubblicata su "Neuron" spiega il perché

Ad Amalfi le eccellenze campane per una notte di “Fashion e Food” [FOTO]

Il Panorama Roof Terrace: a Maiori la magia di un ambiente elegante ed esclusivo

Sport Club Tramonti: mister Apicella miglior allenatore del campionato di Prima Categoria

Emergenza idrica in Costiera Amalfitana: soffrono Scala e Ravello. Invito a limitare consumi

Maiori: società alberghiera ricerca personale, da receptionist a barman

“Piccoli Passi Insieme”: 26-28 giugno a Maiori un evento che fa danzare la vita

Ginnastica ritmica, 24 giugno e 2 luglio il primo saggio della scuola "Angels"

Francesco Clemente al Ravello Festival, arte e danza contro i muri

Emergenza idrica a Ravello, senz'acqua zone Monte Brusara, Sambuco e Toro

San Giovanni Battista tra riti e tradizioni in Costa d'Amalfi: dal trave di fuoco al bianco d’uovo

Tragedia ad Erchie, comitato cittadino chiede istituzione di una Guardia Medica

Positano 2017 Mare, Sole e Cultura: Aldo Cazzullo inaugura la 25esima edizione

Emily Ratajkowsky "housewife" che stende i panni a Positano: riecco la modella americana in Costiera Amalfitana

Agerola: dal 24 giugno al via la mostra di Fabio Giocondo

Un regolamento su interventi “paesaggisticamente irrilevanti”, da Scala nuove occasioni di sviluppo territoriale

A Sorrento un seminario di informazione sul Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020

I sentimenti e gli insegnamenti de "Il Piccolo Principe" attraverso la voce degli alunni di Tramonti

Stampa on line: nasce l’osservatorio nazionale e locale delle testate digitali

Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Il ristorante Giardiniello di Minori è una delle eccellenze della Costa d'Amalfi a Minori gestito dai fratelli Antonio e Giovanni Di Bianco I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Bar Pineta, ristorante, pizzeria con forno a legna, lounge lemon garden a Maiori in Costiera Amalfitana Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

L'Editoriale

Mobilità in Costa d’Amalfi: la ricetta è collaudata

Scritto da (Redazione), lunedì 19 giugno 2017 07:44:22

Ultimo aggiornamento lunedì 19 giugno 2017 07:44:22

di Raffaele Ferraioli*

Erano i mitici anni Sessanta, quelli della cosiddetta "programmazione economica", che vedeva Giorgio Ruffolo e Ugo la Malfa protagonisti assoluti del dibattito politico nazionale ed io, giovane assessore al Comune di Furore, muovevo i primi passi in politica.

Avevo poco più che vent'anni e mi lasciai affascinare subito dalla discussione intorno ai temi della pianificazione come base essenziale per una corretta azione di governo del territorio. Ricordo le animate riunioni in giro per la Costiera alle quali partecipavo con grande entusiasmo per discutere, proporre, controdedurre, confrontarmii su delle tesi troppo spesso "pensate altrove".

Il dibattitoverteva su quei "primi piani" di cui al mio pamphlet edito qualche anno fa. Devo dire che, al netto del tentativo di scippo della dignità di pensiero locale, come giustamente lamentato da Franco Cassano nel suo "Pensiero Meridiano", questi studi sono serviti moltissimo a formare una consapevolezza ed una coscienza civica piuttosto rara nelle giovani generazioni. Resta un solo rammarico: le ricette approntate grazie a quelle lunghe ed approfondite riflessioni sono alla fine rimaste, tutte o quasi, inattuate.

A distanza di oltre mezzo secolo da allora devo rilevare che molte di quelle "diagnosi"sono state trascurate e altrettanto numerose "terapie"non sono state praticate, con il conseguente, inevitabile aggravamento dei mali di questo nostro territorio.

Questa amara realtà è facilmente riscontrabile nella "carrellata storica" sotto riportata, che fa riferimento, in particolare, al problema del riassetto della mobilità, tuttora irrisolto e che è letteralmente esploso in questi mesi mandando in tilt il traffico lungo la borbonica strada costiera. Un'arteria che corre lungo la "dilettevole" Costa d'Amalfi, da Vietri sul Mare a Positano e che è rimasta per i suoi due terzi così come è stata costruita circa due secoli fa. Essa fu, infatti, ideata all'inizio dell'Ottocento da Giuseppe Bonaparte in visita al nostro territorio, iniziata nel 1816 da Gioacchino Murat e inaugurata nel 1854 da Federico II.

Già nel 1910 i sindaci dell'area, rivolgendosi al governo nazionale, così si esprimevano: "Il problema della viabilità., non mai risoluto, si ripresenta aggravato nella sua interezza.

La via che da Vietri mena ad Amalfi tortuosa, fatta di erte salite e ripide discese, ha bisogno non solo di essere interamente riattata per la strettezza del transito, ma più di essere rettificata coi mezzi che oggi la tecnica suggerisce per renderla più agevole e più breve..."

Nei decenni successivi vengono realizzate le tre "trasversali": la Castiglione-Scala-Ravello, la Maiori-Chiunzi e l'Amalfi-Agerola, inaugurata nel 1935. Queste strade, fondamentali per la mobilità territoriale, vanno ad accrescere la pressione sulla carrozzabile costiera che resta immodificata nel suo tracciato originario.

Nel 1970 lo I.A.S.M. (Istituto Autonomo per lo Sviluppo del Mezzogiorno) elabora il suo Studio per l'Organizzazione del Territorio. Nello stesso periodo la Cassa per il Mezzogiorno incarica l'agenzia NOVA SUD di produrre analoga indagine e altrettanto decide di fare la Regione Campania (Assessore all'Urbanistica Silvio Pavia). Siamo alla proliferazione dei programmi di sviluppo, le cui conclusioni in ordine al nostro comprensorio concordano perfettamente:

"Il sistema delle comunicazioni deve essere basato su un'articolazione territoriale del sistema delle infrastrutture di trasporto che risponda ai seguenti requisiti:

  • Fornisca soluzioni che non obblighino ad attraversare le diverse mete per raggiungere quelle prescelte;
  • Restituisca la strada costiera alla funzione di collegamento turistico a breve raggio."

Nel 1987 la Regione Campania, che nel frattempo aveva affidato ad un gruppo di studiosi, presieduto da Roberto Pane, l'incarico della redazione di un Piano Urbanistico-Territoriale dell'Area Sorrentino-Amalfitana, approva, inopinatamente con legge (!) il PUT (L.R. 35/87), il cui allegato-Parte V - "Riassetto del Sistema di Mobilità e Comunicazioni", così puntualizza a proposito di riordino della viabilità:

"Affrancare la statale costiera dalla funzione di asse unico portante di tutto il traffico attraverso la realizzazione di una "dorsale" che by-passerebbe l'intera area con un tratto da Agerola a Ravello, andandosi a congiungersi alla Tramonti-Chiunzi".

Nel 1994, la Comunità Montana Penisola Amalfitana redige il suo Piano di Sviluppo Socio-Economico, previsto dalla legge, incaricando Corrado Beguinot, che a proposito di mobilità territoriale in Costa d'Amalfi così si esprime:

"La razionalizzazione del sistema viabilistico comprensoriale deve essere perseguita attraverso due tipi di provvedimenti: la riorganizzazione delle percorrenze litoranee e il trasferimento dei flussi di traffico in attraversamento verso le aree interne."

Ma niente accade. Passano altri cinque anni e la Comunità Montana(ancora lei!), in collaborazione con la Provincia e con la supervisione della Soprintendenza ai BB.AA.AA.SS. di Salerno, affida a Dante Rabitti, docente di Architettura del Paesaggio presso l'UNINA, l'incarico di verificare la fattibilità dell' adeguamento della statale costiera. Ne scaturisce una pubblicazione,peraltro esposta in mostra a Villa Rufolo per circa una settimana, dalla quale si rileva che correggere il tracciato è possibile:

"Restaurando i suoi elementi costitutivi e ponendo particolare attenzione agli aspetti paesaggistici".

E così novelle Cassandre, maestri del nulla e fautori della mummificazione vengono clamorosamente smentiti. Non è vero che questa strada sia da considerare intoccabile. Del resto in due tratti (da Positano a Praiano e da Lone al Vallone Cieco di Amalfi) questi interventi di ammodernamento sono stati già da tempo eseguiti e dimostrano da soli la loro indispensabilità.

Nel 1999 è ancora una volta la Comunità Montana, da me presieduta, a commissionare ad un'azienda specializzata di Perugia, diretta da Tito Berti Nulli, l'incarico di programmare il Riassetto del Sistema di Mobilità Sostenibile del nostro comprensorio. Nasce così il Piano Sintagma, che diventa presto il riferimento fisso di qualsiasi discorso in materia di viabilità e di trasporti in Costa d'Amalfi. Le valutazioni in esso contenute ribadiscono e rilanciano le strategie fin li poste in essere, che a loro volta risultano in sintonia con lo.studio prodotto in contemporanea per conto della Provincia di Napoli dal gruppo di esperti coordinato da Fabio Maria Ciuffini.

Il Piano Sintagma viene posto a base sia del PRUSST che dell'ADR, che però non vengono finanziati. Alla base della progettazione vengono posti altri due studi:

  • Progetto S.T.R.I.D.E, redatto dal prof. Francesco Citarella dell'UNISA;
  • Documento Langella- Trillo.

Entrambi finiscono col prevedere:

  • Una "dorsale" viaria interna, funzionale ad alleggerire il traffico di attraversamento, sulla quale spostare il traffico, in modo da decongestionare l'anello costiero a cui rimarrebbe affidata esclusivamente la funzione di collegamento turistico a breve raggio.

Le conclusioni alle quali pervengono tutti questi piani non lasciano spazio ulteriore alla fantasia: i problemi in atto si risolvono o ammodernando la strada borbonica esistente, con la realizzazione contestuale delle circumvallazioni dei centri abitatii oppure puntando alla "dorsale montana" con dorsaledorsale montana" con gli ulteriori vantaggi che questo comporta, così riassumibili: minore spesa, miglioramento dell'accesso alla zona montana, valorizzazione delle risorse naturali, arricchimento dell'offerta turistica complessiva dell'area.

Senza considerare che i tanti studi prodotti sull'argomento portano firme di grande prestigio e hanno comportato l'impiego di cospicue risorse finanziarie. Cestinarli non è un'operazione fra le più sagge.

Meditate, gente!...Meditate e, soprattutto "aggiate pacienza!".

*sindaco di Furore, memoria politica della Costiera Amalfitana

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in L'Editoriale

Turismo in Costa d’Amalfi: si ragiona nell’ottica locale del “friggi e mangia”

di Sigismondo Nastri (per Fermento) "Friggi e mangia": mi sembra di poter condensare in queste due parole, oggi, l'immagine di Amalfi. Attrezzata, nemmeno tanto, a un turismo estraneo alla sua vocazione. Perché la città appartiene a un comprensorio - ne rappresenta il fulcro, con la sua storia, le sue...

Liberi dal chiasso, dall’individualismo, dal superfluo

di Padre Enzo Fortunato* La scena è drammatica. Piazza del Vescovado. Da una parte il giovane Francesco, dall'altra il padre e la sua corte. Intorno la gente di Assisi. Al centro del "conflitto", quando ormai la tensione è alle stelle, i giudici che dovevano processarlo vengono spiazzati da poche parole...

Un "Sistema Policentrico Integrato" per la mobilità in Costa d’Amalfi

di Alberto White* L'allarme lanciato da Paolo Russo, "Salvare la Costa d'Amalfi dal traffico: il progresso non è fatto di automobili", pienamente condivisibile, ha finalmente avuto degli effetti, ma gli esiti del primo incontro dei rappresentanti della Conferenza dei Sindaci con il Prefetto, a parte...

La Costiera Amalfitana che soffre nel disinteresse collettivo

Di Antonio Schiavo "Libertà è partecipazione", così cantava qualche anno fa Giorgio Gaber in un brano che, soprattutto a sinistra, è stato spesso (talvolta a sproposito) usato come fiore all'occhiello in tante manifestazioni o campagne elettorali. E' vero che uno dei segnali più forti della capacità...

Salvare la Costa d'Amalfi: il progresso non è fatto di automobili

di Paolo Russo* Non sono un passatista, non rimpiango i "bei tempi antichi", apprezzo anzi i progressi della scienza e della tecnica quando servono a migliorare la vita delle persone. Di fronte però a quello che stiamo vivendo in Costiera in questi giorni, mi rendo conto che occorre fermarsi a riflettere....