Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. M. Maddalena de' Pazzi

Date rapide

Oggi: 25 maggio

Ieri: 24 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado

quotidiano di Ravello e della Costa d'Amalfi


Direttore responsabile: Emiliano Amato

Tu sei qui: RubricheProtagonistiCultura: Cilento a Giuseppe Liuccio il premio "Josè Ortega"

Protagonisti

Cultura: Cilento, a Giuseppe Liuccio il premio "Josè Ortega"

Scritto da (Redazione), venerdì 20 aprile 2012 13:57:58

Ultimo aggiornamento domenica 22 aprile 2012 09:38:48

Al poeta, narratore e giornalista Giuseppe Liuccio il premio "Josè Ortega" del Rotary Club Golfo di Policastro, attribuito annualmente a coloro che onorano e promuovono, con la propria arte, il Cilento nel mondo.

Quest'anno il Premio, giunto alla terza edizione, viene assegnato al "professore" di origini cilentane ma amalfitano d'adozione, che grazie alla propria attività è considerato figura emblematica dell'intellettuale cilentano in Italia, in Europa e nel mondo.

«Nel corso della mia vita ho ricevuto molti e qualificati premi in giro per l'Italia e l'Europa, ma questo mi è particolarmente gradito - ha dichiarato Giuseppe Liuccio - perchè mi viene dato in nome di un Grande Pittore ed in un territorio "simbolo" della storia del mio Cilento.

Qui alita e si respira il vento della libertà: quella testimoniata da Josè Ortega, costretto all'esilio per la sua opposizione coraggiosa contro la dittatura fascista di Francisco Franco, quella dei contadini cilentani che imbracciarono le armi contro il governo borbonico sognando un'alba nuova, quella stessa a cui ho improntato tutta la mia vita di uomo e di poeta. Cosa che continuerò a fare, come messaggio/eredità di valori per le generazioni future».

La cerimonia di premiazione si terrà domenica 22 aprile 2012 nell'edifizio dell'ex scuola elementare di Bosco, noto ai cultori di storia risorgimentale per aver subito un attacco violento «a ferro e a fuoco», da parte del feroce Maresciallo Francesco Saverio Del Carretto, Alter Ego del Re Borbone, come punizione/repressione della rivolta del 1828, di cui fu eroe eponimo il Canonico De Luca, con inizio alle ore 10,30.

Il ricordo di quell'evento è narrato, con plasticità realista dal grande Josè Ortega nel mosaico policromo in ceramica murato sul frontale della "Fontana del Savuco" all'ingresso del paese.

Qui il pittore spagnolo, allievo ed amico di Picasso, passò molti anni. Qui comprò casa ed ebbe amici ed ha estimatori. La sua casa è stata traformata in museo, che conserva numerose e belle opere del Maestro, per iniziativa dell'Amministrazione Comunale, supportata dal Parco Nazionale del Cilento e Vallo del Diano e dalla Sovrintendenza ai Beni Culturali di Salerno.

Questo articolo è stato letto 1346 volte.

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Protagonisti

Per Donatella Criscuolo di Minori laurea da 110 e lode con tesi su donna, etica e società

"Donna, etica e società: uno studio sulla rappresentazione del suicidio femminile nella narrativa vernacolare del tardo periodo imperiale" è il titolo dell'interessante tesi con la quale Donatella Criscuolo ha conseguito la laurea magistrale in Lingua e Letteratura cinese ed inglese presso la Facoltà...

Italianavera, i sughi di pomodoro che diventano "fashion"

"Essere italiani è una cultura, uno stile di vita, è voglia di raccontare la semplicità di una tradizione fatta di cose buone , di sapore e soprattutto di fantasia. Fantasia di mangiare all'italiana". E' questa l'essenza di Italianavera, nuovo brand campano del settore del food, nato da un'idea della...

Gran Morane, la pizzeria dei fratelli Vuolo di Tramonti la più amata a Modena

Come da pronostico è la pizzeria "Gran Morane" di Modena ad aggiudicarsi il sondaggio sulla "Pizzeria più amata dai modenesi" indetto dal quotidiano "La Gazzetta di Modena". Come da pronostico il locale dei fratelli Antonio e Alfonso Vuolo di Tramonti sbaraglia l'agguerrita concorrenza di ben 66 locali...

Google+